Immigrati, non vogliono toccare il trattato di Dublino

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Europa

Il regolamento di Dublino non verrà cambiato neanche nei prossimi sei mesi. Robert Fico, premier socialista slovacco, che oggi prende in mano le redini dell'Unione europea lo ha detto chiaro e tondo. La Slovacchia da oggi diventa presidente di turno dell'Unione europea e nel suo programma semestrale scrive di NON voler modificare il regolamento di Dublino, firmato dal governo Lega-Berlusconi. Il regolamento di Dublino è un odioso patto fra Paesi europei che assegna al primo Paese di approdo le responsabilità legate all'accoglienza e impedisce ai migranti di raggiungere direttamente il Paese europeo desiderato. Dal 1 gennaio 2016 a oggi in Italia sono arrivati via mare 64.056 migranti: tutti bloccati nel nostro Paese.

Quando i migranti arrivano nelle coste italiane è un problema italiano, quando arrivano via terra in Germania, attraverso la cosiddetta rotta balcanica, allora diventa un problema europeo da affrontare con urgenza mettendo sul tavolo (con la Turchia) miliardi di euro. Questo doppio peso e doppia misura mortifica l'Italia ed è la dimostrazione che Renzi in Europa non conta nulla. Non riesce nemmeno a farsi rispettare dai suoi alleati: Robert Fico è socialista, i suoi cinque deputati al Parlamento europeo siedono assieme al Pd nelle file del gruppo S&D.

Il regolamento di Dublino è ingiusto, va immediatamente cambiato sia per rispettare i diritti dei migranti che per condividere con tutti i Paesi europei la responsabilità dell'integrazione. Il Movimento 5 Stelle si sta battendo per superarlo in maniera forte e senza compromessi. La pseudo riforma presentata dalla Commissione europea non è che un modo per colpire ulteriormente i Paesi di primo ingresso: l'Italia diventerebbe il campo profughi d'Europa.

Al Parlamento europeo i portavoce hanno votato a favore di due provvedimenti che prevedono il ricollocamento di 160.000 migranti da Italia, Grecia e Ungheria verso tutti i Paesi membri. Ad oggi però è tutto carta straccia: i moniti e le bacchettate di Bruxelles arrivano solo quando si deve applicare l'austerity. Hanno lasciato il nostro Paese appena 789 migranti su 39.600, appena il 2%. Volevate sapere quanto conta Renzi in Europa? Adesso lo sapete!

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus