Via l'#AssessoreFuorilegge dalla giunta di Milano

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Gianluca Corrado, Patrizia Bedori, Simone Sollazzo - consiglieri MoVimento 5 Stelle Milano

Le dichiarazioni di Sala sulla vicenda dell'assessora Cocco sembrano un invito a non rispettare la legge: "Non credo che questa legge (sulla trasparenza) sia così corretta e che un amministratore pubblico debba pubblicare i suoi redditi prima di diventare amministratore" . Il sindaco dimostra di non avere rispetto alcuno per i milanesi, ma anche di non comprendere la legge. Se un assessore non rispetta la legge è fuorilegge e allora se ne deve andare.

L'obbligo per gli amministratori di rendere pubblici i propri redditi e la propria situazione patrimoniale è un importante strumento anticorruzione e consente di evidenziare eventuali conflitti di interesse. Chi non comprende ciò, non è degno di amministrare Milano. Sala dovrebbe imporre alla sua assessora di pubblicare immediatamente quanto previsto dalla legge o, in alternativa, revocarle le deleghe e sostituirla.

Roberta Cocco da manager di Microsoft ne è diventata cliente come Assessore del Comune di Milano: una situazione assurda e a farne le spese saranno i milanesi. Sala dovrebbe iniziare a pensare agli interessi dei cittadini, non delle banche e delle multinazionali. Un buon inizio potrebbe essere riportare la legalità nella sua giunta. Quando leggeremo le vicende dell'assessora Cocco sulle prime pagine dei giornali nazionali, allora smetteremo di pensare che i media di questo Paese sono asserviti a interessi diversi rispetto a quello di informare le persone. Cocco: o rispetti la legge o via dalla Giunta! Cos'hai da nascondere ai milanesi?

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus