Sui diritti dei lavoratori Tim non è raggiungibile

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Roberta Lombardi, M5s Camera

Sui diritti dei lavoratori Tim non risponde. Anzi, non è raggiungibile quando si tratta di proteggere le prerogative dei dipendenti.

Nel frattempo i giornali sono distratti da altro e mentre tutti parlano tanto di sicurezza nazionale, nessuno sembra preoccuparsi di un operatore telefonico così importante, un ex “incumbent”, come si dice, o ex monopolista di un settore strategico, la cui rete è finita in mani straniere. Con tutte le incognite e i rischi del caso.

Il bretone Vincent Bolloré, con la sua Vivendi, ha scalato Telecom e si è assestato intorno al 24%. Ora la Procura di Milano lo indaga, assieme all’amministratore delegato Arnaud De Puyfontaine, per aggiotaggio nel tentativo di assalto a Mediaset. Una partita aperta e ad alta intensità politica, oltre che finanziaria. Un dossier nel quale Telecom potrebbe diventare merce di scambio (con un rischio “spezzatino”) e finire nelle mani di un altro francese: quello Xavier Niel, patron di Iliad, che dopo essere uscito di scena (aveva un 15% potenziale nell’operatore Tlc italiano) potrebbe clamorosamente rientrare grazie a una cessione da parte di Vivendi in chiave antitrust.

A nessuno interessano le sorti di una infrastruttura strategica in mani private (almeno finora)? E per giunta straniere? Senza dimenticare che sullo sfondo si staglia addirittura la sagoma dello stato francese attraverso il colosso delle Tlc Orange.
Solo il M5S si è posto il problema, partendo dalle condizioni dei lavoratori. Abbiamo chiesto conto al ministero del Lavoro prima in commissione e poi in aula, alla Camera. Il governo fa sempre spallucce e ci dice che “tutto va bene, madama la marchesa”.

Peccato che siamo di fronte al solito caso in cui il grande capitale scarica sul lavoro i rischi di impresa. Tim ha circa 50mila addetti diretti in Italia e altri 50mila dipendenti delle consociate. Il piano industriale dell’azienda potrebbe addirittura comportare fino a 17mila esuberi. Uno sproposito. Mentre, dall’altra parte, bonus e benefit fino a 55 milioni alla dirigenza, Flavio Cattaneo in testa, sembrano sempre intoccabili.

Il 6 ottobre scorso il management dell’operatore telefonico ha comunicato ai sindacati che a partire da quest’anno avrebbe disdettato gli accordi collettivi integrativi e si sarebbe avvalso di un contratto aziendale con cui avrebbe torchiato i dipendenti attraverso, tra gli altri, i seguenti strumenti: controllo a distanza; riduzione delle ferie; demansionamenti fino a due livelli; sospensione degli scatti d’anzianità; superamento del salario accessorio ai tecnici.
Intanto, è stata pure tagliata, già da giugno 2016, la tranche dei premi di risultato ai dipendenti. Peraltro, mentre i premi a questi ultimi sono parametrati sul margine incerto della singola azienda, quelli ai dirigenti, regolarmente erogati, vengono rapportati a tutto il gruppo.

Il pretesto per torchiare i lavoratori? Il 7 febbraio scorso, in un incontro al ministero del Lavoro, il management Tim riportava una serie di indicatori economici a sostegno del presunto andamento negativo della redditività e della produttività aziendale, tra i quali: ricavi in calo; costo del lavoro stabile malgrado il ricorso alla solidarietà; contrattazione di secondo livello antistorica o comunque inadeguata a sostenere il rilancio. A quanto risulta dallo stesso nuovo piano industriale, i dati sarebbero in realtà diversi. Negli ultimi cinque anni, infatti, i ricavi hanno conosciuto un incremento pari a circa l’1% annuo. Il costo del lavoro è stato nel frattempo ridotto di circa 41 milioni di euro per anno e la contrattazione integrativa ha già dato buoni risultati. In soli due anni, inoltre, la copertura del Paese in banda ultralarga da parte di Tim è passata dal 24% al 60%. E nel prossimo biennio saranno investiti complessivamente 11 miliardi di euro per giungere al 95% dell’Italia coperta dalla fibra ottica.

E’ stata quindi una scusa quella che ha condotto Tim a disdettare gli accordi sindacali del 14 e 15 maggio 2008 e a emanare il regolamento aziendale che peggiora le condizioni dei dipendenti. E’ la solita storia di una privatizzazione andata male: un management che non sa fare il suo mestiere, colpisce i lavoratori per ridurre i costi. La parola magica è proprio quella: privatizzare.

L’anno della dismissione di Telecom da parte dello Stato è il 1997, siamo di fronte alla “madre di tutte le privatizzazioni”, si disse allora. Due anni dopo ecco l’Opa a debito di Colaninno e soci. La “razza padana” spolpa l’azienda con tecnica da fondo locusta e lascia macerie dietro di sé. Quindi arriva Tronchetti Provera che prende Telecom Italia senza Opa e la spoglia del suo patrimonio immobiliare, facendo schizzare l’indebitamento finanziario netto dai 22 miliardi del 2001 ai 37 miliardi del 2006. Dopo ancora ecco il controllo da parte di Telco, scatola costituita da banche italiane e da Telefonica, una volta di più con tanti saluti all’Opa e alle garanzie per i soci minori.
Contro il massacro di Telecom Beppe Grillo ha fatto una delle sue storiche battaglie più importanti, ma ora c’è da difendere i dipendenti colpiti anche per colpa di un Jobs act che mette il datore in una posizione di forza.

Cattaneo ci dice adesso che Tim sta pure pensando a un marchio “low cost”
per la clientela che vuole servizi semplici e tariffe all’osso. Il M5S però farà di tutto affinché a diventare low cost non siano, ancora una volta, gli incolpevoli lavoratori.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • matines guissipi Utente certificato 13 ore fa
    Ciao Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è le offerte di Lady Josina gomez di diverso pronto per vostri progetti prima fino a 70.000 euro con un tasso del 2% di contattare il servizio di posta elettronica prestitobancario2017@gmail.com
  • philippe darus rinaudo Utente certificato ieri
    CIAO A TUTTI Dio alla fine mi ha mostrato la sua esistenza e il suo amore per noi che bisogno del suo aiuto. . E 'incredibile ma vero caro parente e amico. Se si potesse conoscere il grande servizio che Dio mi ha fatto attraverso quella donna, la signora ANISSA Kherallah che mi ha concesso un sostegno finanziario di ieri, vi assicuro tutto sarai molto, molto gioiosa come sono oggi . E 'finita per i suoi falsi istituti di credito che hanno abusato nostra debolezza. Non cercate oltre i miei amici, è il vero e proprio con questa donna nel timore di Dio e che aiuta veramente. Il suo indirizzo è lo sviluppo. aide@gmail.com! Posso dirvi solo ciò che può essere giusto per voi e muovo di grazie Roberto per me l'invio alla persona giusta. Piacevole giornata a tutti voi
  • matines guissipi Utente certificato 4 giorni fa
    acheCiao signore/signora, Sto cercando il prestito di denaro per diversi mesi che ho avuto debiti e bollette da pagare. Pensavo che fosse finita per me. Ma per fortuna ho visto la testimonianza fatta da molte persone su Mm Josina gomez, che è come ho contattato mio mutuante per pagare i miei debiti e il mio progetto. e signora Josina mio concesse un prestito di 60,000 euro sul mio conto, posso assicurarvi che tutti questi carta suo governarlo mio aiuto per pagare fuori il mio contatto di debito la e sarebbe la verità Se avete bisogno di finanziamenti; prendere in prestito denaro o qualsiasi progetto ti rendi cont questo vi aiuterà a raggiungere e sostenere finanziariamente sua e-mail prestitobancario2017@gmail.com
  • undefined 4 giorni fa
    Faccio praticamente il copia-incolla di un mio recente commento su un post che riguardava l'Alitalia. Prima che cominceranno i soliti italioti a vomitare tutto il possibile contro la Tim (ex Telecom) e tutti i suoi dipendenti, vorrei ricordare a tutti che queste ex grosse realtà industriali italiane create con soldi nostri hanno subito tutte la medesima sorte seguendo lo stesso copione. Quando erano pubbliche vi sono stati messi alla loro guida dirigenti che ad arte hanno affossato l'azienda moltiplicando sempre ad arte le sue inefficienze e sprechi fino a portare negli anni queste società al collasso con il risultato che le stesse alla fine sono state regalate a stranieri o agli amici degli amici. Il bello che il tutto è avvenuto con il consenso dei media e addirittura degli stessi italiani che invece di PRETENDERE che un bene pubblico in quanto tale funzionasse a dovere hanno invece lasciato che tutto questo accadesse spesso anche compiacendosi. Dulcis in fundo gli stessi dirigenti responsabili sono stati liquidati con buonuscite milionarie. Ormai è chiaro che questo è un disegno che parte da lontano e che relega l'Italia tra quelle nazioni che non hanno il diritto di possedere infrastrutture degne di un paese come il nostro, trasformandoci di fatto in una colonia da sfruttare sia come manodopera a basso costo che per le poche risorse che ancora aveva. L'unica alternativa è che le infrastrutture ed i servizi chiave di un paese (comunicazioni, istruzione, sanità, trasporti ecc. ) devono rimanere in mano pubblica, solo così manterremo la nostra indipendenza come nazione, ed utilizzare queste infrastrutture come volano per tutta l'economia.
  • puzza di mmm 4 giorni fa
    l'itaglia è nella merda più totale. se volete sapere la salute economica di un paese non fidatevi delle statistiche tanto meno dell istat italiota. per vedere se un paese va male bisogna vedere se le puttane trombano e se gli spacciatori spacciano. l'inghilterra va meglio dell'italGlia perché le puttane trombano parecchio e gli spacciatori spacciano parecchio l'itaGlia va male perché le puttane e gli spacciatori fanno la fame perciò va più che male anzi malissimo. il vizio è sintomo di benessere perché i viziosi se hanno soldi spendono ma se non ne hanno ...... se non spendono non è che le politihe sociali del Partito Dimmerda ha ridotto il vizio ma qualcosa di diverso.
  • Antonino Ottanà 4 giorni fa
    Il caso CONSIP. - Come tutti sanno la Consip svolge attività di consulenza, assistenza e supporto nell'ambito degli acquisti di beni e servizi delle Pubbliche Amm/ni in qualità di centrale di committenza nazionale. Amm/ne Pubbliche: Statali (Ministero delle Finanze,Tesoro, Difesa, ecc) Parastato: Inps.. Enti Locali... Tutti sapevano,o quasi, che gli acquisti e qualt'altro, non erano convenienti alla Consip, pero erano obbligati. Esmpio: acquisto di 10 computer Lire 30.000.000 alla Consip, sul mercato, gli stessi Computer con le stesse caratteristiche, stessa marca, Lire 10.000.000.- Adesso, come si dice dalle mie parti, hanno scoperto l'America dentro un secchio d'acqua. Mi rimetto a che legge le conclusioni di questo mio appunto.
  • Emilio M. Utente certificato 4 giorni fa
    ma cosa ci guadagnano a delocalizzare le aziende all'estero? non ci rimettiamo tutti?
    • enzo calderini 3 giorni fa
      Si riempiono le tasche e gli idioti (NOI)che vadano affan.......
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus