Lo spettro del populismo

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

spettro_populismo.jpg

di Paolo Becchi

"Uno spettro si aggira per l’ Europa. No, non è lo spettro del comunismo di cui parlava Marx nel Manifesto del Partito Comunista. Lo spettro, oggi, è un altro: quello del populismo. Ecco la grande paura dei poteri forti, invisibili (anch’essi, dunque, in un certo modo spettrali), che controllano quella che Ida Magli definisce la Dittatura Europea: la paura che nel Parlamento europeo, alle prossime elezioni, si insinuino – a fianco alle forze dei partiti “tradizionali” – movimenti di aperta e reale opposizione a questa idea d’Europa, a questa oligarchia economico-finanziaria che è stata chiamata Unione Europea. E allora ecco che, una volta individuato il nemico, bisogna dargli un nome e combatterlo: il nome è populismo, e la sua versione italiana è il M5S. Cominciamo a fare un poco di chiarezza. Il “populismo” non esiste. Esistono i populisti, che tra loro non hanno, talvolta, nulla in comune, e che possono esprimere, di volta in volta, movimenti radicali di protesta, forme politiche reazionarie. Cos’hanno a che vedere i populisti russi, i narodniki slavofili, con i populisti della guardia del ferro rumena? Come definire sotto un’unica categoria, il populismo gandhiano, la Jacksonian democracy ed il peronismo? Questa "caccia al populismo" esiste almeno da vent’anni in Europa. Come ricorda Jean-Claude Guillebaud, nell’articolo Populismo scritto nel 1996, il termine ha conosciuto nel corso degli anni novanta "uno straordinario destino mediatico", designando in modo vago "ogni pensiero che si allontanasse dall’ortodossia monetaristica liberale". In questo modo, populismo diventa un’arma retorica da utilizzare contro i gruppi più vari e diversi: dai trozkisti agli ecologisti, dalle destre reazionarie e neo-fasciste ai movimenti di critica sociale e di protesta. Troppo facile e riduttivo pensare, come fa Eco (*), il populismo come "una forma di regime che […] tende a stabilire un rapporto plebiscitario immediato tra il leader carismatico e le folle". In questo modo il termine “populismo” diventa essenzialmente polemico, una marca per stigmatizzare fenomeni ed esperienze del tutto eterogenee (il tatcherismo diventa una forma di "populismo ibrido" comparabile al nazional-populismo dell’estrema destra francese, al telepopulismo berlusconiano al populismo agrario polacco, al socialismo populista di Lumumba, e così via (**). Cosa significa tutto ciò? Che non c’è alcuna dottrina, alcuna teoria politica che possa definire il populismo. Il populismo non è una teoria politica: è, piuttosto, una sindrome – una serie di sintomi, di segni indicativi di una malattia. È ciò che esprime un malessere che cova all’interno della società, che lo porta di volta in volta in forme diverse alla luce. Il “populismo” non è che il nome retorico del malessere di un’Europa malata, l’ Europa dei banchieri della speculazione finanziaria, del partito unico dell’ Euro che sta riducendo alla fame milioni di cittadini europei. Il punto non è, allora, che cosa sia il populismo (il populismo non è niente, non esiste). È, piuttosto, quale Europa vogliamo. È questo il vero tema di discussione, il vero punto critico, la questione reale che forze come il M5S rappresentano sulla scena nazionale ed europea. In Europa il M5S, la sua presenza nel Parlamento Europea, imporrà una ridiscussione dell’idea di Europa che si è costruita, imporrà l’esigenza di un’Europa che deve tornare ad essere quella dei popoli e non delle grandi elites finanziarie. Il “populismo” non c’entra nulla. È di questo che hanno paura i poteri forti. E se in Italia non si avranno elezioni politiche a breve termine, è perché si teme che alla presidenza di turno dell’Italia si presenti una forza a 5 stelle. La rivoluzione cominciata in Italia si estenderebbe allora immediatamente in Europa: è questa la vera ragione perché non ci saranno elezioni politiche in Italia. Ci saranno, però, quelle europee, ed è lì che il M5S potrà e dovrà ripetere il successo delle precedenti politiche. Da cosa cominciare, dunque, per una nuova idea di Europa? Che cosa vogliamo? Che cosa non vogliamo? La discussione deve cominciare, finalmente. Ci piacerebbe che essa fosse ispirata da una riflessione di uno dei più grandi filosofi della seconda metà del novecento, John Rawls, il quale scriveva (***): "Un punto sul quale gli europei dovrebbero interrogarsi riguarda, se mi si concede di azzardare un suggerimento, quanto lontano vogliono che si proceda con la loro unificazione. Mi sembra che molto sarebbe perduto se l’Unione europea diventasse un’unione federale come quella degli Stati Uniti. In quest’ultimo caso, infatti, esiste un linguaggio condiviso del discorso politico e una completa disponibilità a passare da una all’altra forma di Stato. Inoltre, non sussiste un conflitto tra un ampio e libero mercato comprendente tutta l’Europa, da una parte, e dall’altra i singoli Stati-nazione, ciascuno con le proprie istituzioni, memorie storiche, e forme e tradizioni di politica sociale. Sicuramente questi elementi sono di grande valore per i cittadini di tali paesi, poiché danno senso alle loro vite. Un ampio mercato aperto che includa tutta Europa rappresenta l’obiettivo delle grandi banche e della classe capitalista, il cui principale obiettivo è semplicemente quello di realizzare il più alto profitto. L’idea di crescita economica progressiva e indeterminata caratterizza perfettamente questa classe. Quando parlano di redistribuzione, lo fanno di solito in termini di redistribuzione a gocciolamento. Il risultato a lungo termine di questa politica economica — già in atto negli Stati Uniti — conduce ad una società civile travolta da un consumismo senza senso. Non posso credere che ciò è quanto desiderate" Paolo Becchi

(*) U. Eco, Ammazza l’uccellino, in Id., A passo di gambero
(**) Si vedano, a questo proposito, le classificazioni analizzate da P.-A. Taguieff, L’illusione populista
(***) Lettera scritta da Rawls a P. Van Parijs nel 1998, pubblicata in J. Rawls - P Van Parijs, Three Letters on The Law of Peoples and the European Union, in «Revue de philosophie économique», 8, 2003, pp. 7-20; trad. it. Dialogo sull’Europa, in «MicroMega», 2, 2012, pp. 197-220).

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    Vale piu' il culo di un parlamentare , che 1000 attivisti che non sono ggnente! sapevatelo.... ++++ MI MERAVIGLIO DI LEI, TINAZZI .... ALLA SUA ETA' GIA' NON LO SAPEVA CHE ANDAVA A FINIRE COSI'?
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    QUESTA E' FORTE! Roma, 13 nov. (Adnkronos) - Taglio alle pensioni d'oro, ma solo per gli ex dipendenti pubblici, nessuna 'sforbiciata' dunque per le pensioni dei privati. E' quanto prevede l'emendamento M5S alla legge di stabilità. A precisarlo, durante la riunione dei senatori grillini in corso a Palazzo Madama, la senatrice toscana Alessandra Bencini. "Per quanto riguarda il taglio alle pensioni d'oro - puntualizza - volevo spiegare che si tratta comunque di pensioni in gestione previdenziale pubblica, cioè dipendenti pubblici che hanno delle pensioni esorbitanti che vanno riviste"."
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    On. Roberta LOMBARDI Decreto Istruzione - Assente Decreto Salva Pubblica Amministrazione - Assente Norme in materia di Diffamazione - Assente Abolizione del finanziamento pubblico diretto ai partiti - Assente Decreti Imu - Assente Decreto Anti-Femminicidio - Assente Decreto Cultura - Assente Fiducia al Governo Letta - Assente Assestamento Bilancio 2013 - Assente Delega Fiscale al Governo - Assente Contrasto Omofobia e Transfobia - Astenuto Comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali - Contrario Decreto del Fare - Assente Dimissioni deputata Marta Leonori - Assente Decreto Lavoro - Assente Decreto Svuota-Carceri - Contrario Modifica 416-ter, scambio elettorale politico-mafioso - Assente Decreto ILVA - Contrario Delega al Governo per pene detentive non cerarie - Contrario Decreto Emergenze - In missione Sospensione IMU e Rifinanziamento CIG - In missione Convenzione Internazionale contro la violenza nei confronti delle donne - Assente Pagamento debiti Pubblica Amministrazione - Astenuto Fiducia al Governo Letta - Contrario QUESTA VOSTRA ON. E' PIU' ASSEMNTE CHE PRESENTE PER CASO, APPENA SCOPERTO DI ASPETTARE UN FIGLIO, E' SPUNTATO UN CERTIFICATO MEDICO DI GRAVIDANZA A RISCHIO? AH AH AH AH AH AH
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    DELLA SERIE "IL PIU' SCEMO E' LAUREATO" VI HA PRESENTATO: MANUELA CORDA E SARA PAGLINI.
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    Driiiin driiiin! "Pronto ? Chet Pino ?" "No..." "E la Creamyria?"
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    BERBARA BERLUSCONI BECCATA IN AUTO AH AH AH AH AH AH ++++++ QUANDO HANNO BECCATO LA FIGLIA DI PEPPE IN AUTO AVEVA UN PASS O ALTRA ROBBBBBBBBBA? AH AH AH AH AH
  • giovanna Marty 4 anni fa mostra
    il populismo è quello che hanno fatto i 4 grillini in commissione a fronte della proposta di legge elettorale a doppio turno, essi vogliono il proporzionale per ricattare tutti a non governare. populismo è il grillismo anarcoide e distruttivo. Non costruisce, non conta nulla, non fa nulla di positivio per la democrazia, la giustizia, la burocrazia, non agisce pro, ma solo contro
    • antonella b. Utente certificato 4 anni fa mostra
      Bravo Luca!!! Come gliel'hai detta bene! Condivido!
    • Luca M. Utente certificato 4 anni fa mostra
      poverina.....poveretta......vota ancora letta.mi fai pena.
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    MI DICONO CHE I GRUPPI PARLAMENTARI 5 STELLE PARTECIPERANNO AL PROSSIMO ZELIG! NON MI PERDERO' UNA SOLA PUNTATA AH AH AH AH
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    SARA PAGLINI, UNA DI VOI AH AH AH Sara Paglini ECCO IL DITTATORE PINO CHET Grottesco scivolone della grillina
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    Marrazzo torna in Tv con un programma tutto suo. Vedrete la trasmissione? NO, MA NON GLI SI DOVEVA NEMMENO DARE LAVORO IN UNA TV PUBBLICA, A MIO AVVISO!
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    LA CORDA HA LETTO COSE CONDIVISE DAI 5 STELLE PER ME NON E' ROBA SUA PERSONALE NON SOTTOPOSTA ALLA PREVENTIVA LETTURA DEL GRUPPO!
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    Se domani arrivi alla riunione del m5s locale proponendo qualunque sciempiaggine complottista, xenofoba, antistorica (purche' chiaramente non illegale) la si mette ai voti e se c'e' maggioranza la si passa in consiglio. Se domani arrivi con una petizione con le firme richieste per qualunque sciempiaggine complottista, xenofoba, antistorica (purche' chiaramente non illegale) la si passa agli enti preposti. Se arriva un'anziano che dice di avere visto un cantiere non a norma, si fa un sopralluogo con un tecnico (volontario) e se ci sono irregolarita' si fa' un esposto all'ASL. Il consigliere dei 5 stelle E' UN PASSACARTE. E ne andiamo fieri. La pericolosità del M5S non è mai sufficientemente sottolineata. Qua l'articolo: http://www.ilpost.it/gianlucabriguglia/2013/11/13/grillini-linguaggio-complottismo/
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    TINAZZI .... UN GRANDE ... ANCHE SE ALLA FINE SI PIEGA! Comunicato gruppo 878 Siamo stati contattati dall’onorevole Emanuela Corda per rimuovere una nostra foto ironica da questo spazio. IRONICA e non DIFFAMATORIA Invece è stata presa al contrario e velatamente ci è stato richiesto di rimuoverla pena la denuncia alla polizia postale con il sostegno del gruppo comunicazione, comunque coinvolto nel suo comunicato, intervento in aula, insieme pare alla commissione difesa dell'M5S. Ci è stato anche detto che danneggiamo il movimento, nonchè comunque ampia disponibilità e apertura a chiarire. L'abbiamo rimossa non perchè temiamo una denuncia/querela, ma perchè riteniamo che il panico, la mancata lucidità ed un po' di arroganza possa danneggiare ulteriormente l'M5S. Abbiamo fondati motivi per ritenere che il testo letto in aula sia concordato e scritto insieme appunto al responsabile del gruppo di comunicazione e commissione difesa M5S. Questo riduce le responsabilità della senatrice e la allarga su altri che hanno condiviso l'intervento. Per quanto riguarda Emanuela attendiamo le sue scuse. Evidentemente è compiuto: SIAMO UN PARTITO. ABBIAMO FATTO 1000 battaglie contro i PARTITI, nessuno mai si era posto in questo modo con la rete M5S. STAFF 878 PS: se agli onorevoli non piace neanche questa foto querelino pure
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    il nipote che parla di nuovo di ripresa.... Luca M., Rho ++++++ CHE SE NE FA UNO COME TE DELLA RIPRESA? NON NE HAI ABBASTANZA DI 18 ORE AL GIORNO FRA BLOG DI GRILLO, FATTO QUOTIDIANO ECC......?
    • Luca M. Utente certificato 4 anni fa mostra
      ciao pirla quotidiano.sei ricco e stai bene ,lo sappiamo tutti e poi ti danno i 2 euro per scrivere qui...ma resterai indietro,perchè quelli come te fanno quella fine.soli.ma son s solo affari tuoi!!ed è giusto così.io ne son felice!!
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    PROVIAMO L'INTELLIGENZA DI MAX STIRNER, QUELLO CHE PUBBLICIZZA I COBAS. CHE NE PENSA DEI COBAS DEL LATTE NELLA QUESTIONE QUOTE LATTE E MULTE UE? GRAZIE PER LA SUA DISPONIBILITA'!
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    SARA PAGLINI, UNA DONNA DI KULTURA https://pbs.twimg.com/media/BY8tRtiCcAAbsCv.png Una vecchia conoscenza. Scriveva sul blog della luce quando cercava consensi per occupare una poltrona da parlamentare, sponsorizzatissima e votatissima dagli influencer colonnelli talebani del Sacro Blog. La famosa Sara Paglini, bionda, tacco 12. Ora non scrive più nel blog del Capo, sta facendo sfoggio di cultura, come si può notare da questo commento.
  • Salvatore Schiavone 4 anni fa mostra
    DELLA SERIE "IL PIU' SCEMO E' LAUREATO" VI HA PRESENTATO EMANUELA CORDA. NON VORREI PARLARE DELLE SUE "DISCUTIBILI" AFFERMAZIONI SUL MAROCCHINO ATTENTATORE. GLI SAREBBE BASTATO CHIEDERSI COSA CAZZO CENTRAVA UN MAROCCHINO CON LO STATO IRACHENO E I PROBLEMI DELLO STESSO. MA VENIAMO AL FATTO! CHE I GRILLINI IN TUTTA ITALIA SI FACCIANO GUERRE INTESTINE, CREDO SIA NOTO A TUTTI, MA VI CONSIGLIO DI ENTRARE NEL FACEBOOK DI ERNESTO LEONE TINAZZI PER VEDERE L'ARROGANZA ACQUISITA DA UNA CITTADINA QUALUNQUE (LA CORDA) DOPO ESSERE STATA INVESTITA DELLA CARICA DI DEPUTATA. CHE SCHIFO CHE MI FATE! https://it-it.facebook.com/M5S878
  • claudio ruffini 4 anni fa mostra
    Ho avuto ieri due conferme: 1) Ti avevo già scritto che con questa legge elettorale il rischio era di spedire a Roma un'armata Brancaleone e così è stato. Hai sbagliato a far esprimere in internet le preferenze per fare i listini, avresti dovuto scrivere tu le liste e mandare dei fedelissimi almeno un po' più preparati. Credo che le dichiarazioni sull'attentatore costino un 10% di elettorato ma soprattutto un 100% di credibilità. Le dichiarazioni fatte e che ho purtroppo ascoltato meriterebbero una grande autocritica. 2) Troppe persone schierate si sono "infiltrate" nel movimento. Forse sarebbe l'ora di fare delle scelte altrimenti il rischio è di avere una fuoriserie che schizza in parlamento ma senza un volante. salutoni
  • G. 4 anni fa mostra
    OT . . . . NASSIRYA ??? http://pinoz6700.blogspot.it/2013/11/nassirya.html
  • Paglini S. 4 anni fa mostra
    La vera dittatura è quella cilena di Pinot Chardonnay....me lo ha detto Di Battista che lui di cannoni, Pinot Bianco e Pinot Chardonnay se ne intende.
  • Nicola Occhibove Utente certificato 4 anni fa mostra
    Amici, fidanzate e trombati Ecco la parentopoli grillina 16mila curricula per aspiranti "assistenti parlamentari". Ma deputati e senatori grillini hanno chiamato figli o fidanzati di parenti. E i candidati trombati sono stati ripescati come portaborse Il nuovo che avanza! Anarchici in piazza arraffoni mafiosi davanti alla grana tutto normale, con l'aggravante di essere grillini e più affamati dei politici di mestiere Illuso chi credeva che dei poveracci straccioni disoccupati arrivati in parlamento, senza avere altri mestieri remunerativi o avendoli ma molto meno remunerativi, si privassero dei privilegi acquisiti : mancano solo nani e ballerine e poi diventano come tutti gli altri partiti Sarebbe da ridere ma purtroppo è da piangere solo da pensare la quantità di illusi che diedero il voto a questi "cittadini trasparenti" che più furbi non si può...
  • Pierluigi C. Utente certificato 4 anni fa mostra
    Redazione, come mai il mio post sulla deputata Corda è scomparso nel nulla??? Forse sono stato troppo severo? O forse il M5S approva la corbelleria detta dalla Corda sul kamikaze di Nassirya??? Non ho ancora visto nessuna presa di posizione su questo tema, mi aspettavo una presa di distanza chiara e decisa da parte del Movimento e di Beppe Grillo. Forse non è chiaro che interventi come quello della Corda di ieri sono un boomerang devastante per il movimento e la sua credibilità? Quanti italiani pensate di attirare sparando boiate del genere???? La Corda deve essere radiata, al limite può uscire dal M5S e confluire in PD/SEL, lì forse troverà molti che la pensano come lei. Comunque, ribadisco, una presa di posizione ufficiale, sarebbe doverosa!
  • Nicola Occhibove Utente certificato 4 anni fa mostra
    i nostri nuovi padroni che tanto piaccioni ai grillaroli una delle più apprezzate conduttrici di Nrk, la TV pubblica norvegese. Il suo errore? Indossare una catenina con la croce durante la diretta del telegiornale. Qualche occhiuto telespettatore è arrivato a scovare quel simbolo religioso sul collo della giornalista. Ci dev'essere voluto un certo impegno perché il crocefisso in questione misura la bellezza di 14 millimetri. Ma tanto è bastato a mandare alcuni utenti di fede musulmana su tutte le furie: «Quella catenina con la croce offende l'islam», hanno sentenziato. I dirigenti dell'emittente di Stato norvegese non se la sono sentita di difendere la loro anchorwoman, magari ingaggiando una polemica con l'assai influente comunità islamica. Il risultato è stato un richiamo alla conduttrice che dovrà riporre nel cassetto la sua catenina con l'«offensivo» crocefisso. Altrimenti, niente più video. «Quel simbolo non garantisce l'imparzialità del canale», hanno protestato gli islamici. nordafricani e musulmani stanno islamizzando L'Italia e la Europa intera, questo è il loro modo di combattere una guerra, altro che missili e portaerei siamo nel 2013 non nel 1940. cosa dicono le ministre pro-muezzin, kyenge , sinistre varie, buonisti, pacifisti, fumati e i somari grulli ? per non dimenticare : Grazie alle vostre leggi democratiche vi invaderemo; grazie alle nostre leggi religiose vi domineremo SI AVVICINA IL NATALE, QUANTI CALA BRACHE DI PRETI E DI MAESTRE ROSSE GRILLAROLE RIVOLUZIONARIE VIETERANNO IL NATALE AI NOSTRI PER AMORE DEI LORO FRATELLI MUSULMANI E NON URTARE LA LORO SENSIBILITA ?. vuoi vedere che quel ragazzone di Breivik non aveva tutti i torti quando ha affermato che il motivo che lo ha spinto a compiere l'attentato è stato quello di mandare un messaggio forte al popolo, per fermare i danni dei partiti di sinistra e per fermare "una decostruzione della cultura norvegese per via dell'immigrazione in massa dei musulmani".
  • Sara Sensini (lupa kattiva ) Utente certificato 4 anni fa mostra
    vabbè... è stato un "piacere" rileggervi... mi raccomando non vaccinatevi e rimanete come siete, tanto il danno lo avete fatto e alle prossime elezioni vi estinguerete. voi, le sirene, i microchip, i GomBlotti alla Lotito, i Sahib dei miei stivali e, spero il guru e associati... peccato per il Popolo Bue che vi ha stravotato cadendo nell'inganno di estirpare il Male della Casta, i superVitalizi, la MalaPolitica, Equitalia, l'Euroinganno... per poi ritrovarsi un esercito di babbei con lo scolapasta in testa che inneggiano a ottuagenari dirigenti di partiti-servi del vecchio blocco Sovietico da 3 vitalizi al mese e asini che volano... il mio pensiero va a l'omino appostato fuori dalla villa di SantIlario che poi si è suicidato... alle sue speranze, e al momento che ha capito tutto.
  • Lalla M. Utente certificato 4 anni fa
    Fonte: di: La nostra ignoranza è la LORO forza. European Table Round (ERT). Il Club è nato nel 1982 e fortemente voluto, allora, da Ronald Reagan che ne affidò l’iniziale cura a Licio Gelli; costituisce lo zoccolo duro delle persone che prendono ogni decisione in Europa. Complessivamente è stato calcolato che hanno a disposizione un budget intorno a 1,28 miliardi di euro, utili per pagare (e soprattutto coloro) che si dimostra necessario mettere nella lista della spesa per far varare leggi, dispositivi, spostare capitali, lanciare leader politici, ecc. Il club si chiama ERT EUROPE. Su http://en.wikipedia.org/wiki/European_Round_Table_of_Industrialists si legge che: Le radici della tavola rotonda europea degli industriali risalgono ai primi anni 1980. Su iniziativa del Pehr G. Gyllenhammar , l’amministratore delegato di Volvo , 17 imprenditori europei si sono incontrati nella Parigi sala del consiglio di Volvo, il 6 e 7 aprile 1983. Hanno immaginato di creare un’organizzazione, che sarebbe in grado di trasmettere il suo messaggio sullo stato dell’economia ai leader politici europei. Il messaggio fondamentale è che l’Europa ha bisogno di modernizzare la propria base industriale, al fine di riconquistare la sua competitività. L’industria percepito la mancanza di una politica comune europea di sviluppo industriale, in contrasto con la politica agricola europea. PRESIDENTE: Leif Johansson Ericsson Sweden ( ospite Bilderberg) VICE-PRESIDENTI: Peter Löscher Siemens Germany (ospite Bilderberg), Benoît Potier Air Liquide France (membro Trilateral Commission http://www.trilateral.org/download/file/EU_list_1-12(1).pdf ) TRA GLI ITALIANI FIGURANO COME MEMBRI: Rodolfo De Benedetti (figlio di Carlo, il faccendiere dei Rothschild in Italia http://archiviostorico.corriere.it/2008/settembre/17/Benedetti_tappa_Parigi_Nel_consiglio_co_9_080917128.shtml), Franco Bernabè (altro Bilderberger nostrano e personaggio che figura nel libro paga dei Rothschild), John Elkann (Trilateral, Aspen,
  • Pierluigi C. Utente certificato 4 anni fa mostra
    Complimenti a quella subnormale della deputata Corda. Il suo intervento a favore del kamikaze di Nassirya è un regalo a tutti i detrattori del M5S. Personaggi come lei andrebbero radiati dal movimento. Si porge il fianco alla casta, che non aspetta altro per screditare il M5S. E comunque, mi sarei aspettato una chiara presa di distanza da parte del M5S e di Beppe Grillo.
    • Sara Sensini (lupa kattiva ) Utente certificato 4 anni fa mostra
      buffonata della carta a parte... guarda che il "movimento" si è screditato da quando stanno con i piedi sotto al tavolo della bouvette e si spartiscono il bottino con la casta.... la gente non è tutta presa dalle balle sulle sirene!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus