Il Giornalista (con la G maiuscola) del giorno: Paolo Borrometi

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
giarrusso_borrometti.jpg

"Paolo Borrometi è un giovane giornalista che opera nella Provincia di Ragusa. A causa dei suoi articoli di denuncia precisi, circostanziati e coraggiosi è da tempo oggetto di continui e ripetuti atti di intimidazione e minacce, culminate il 16 Aprile scorso in una violenta aggressione, compiuta da più persone incappucciate che lo hanno ferocemente pestato, causandogli una triplice frattura della spalla. Malgrado questa incredibile ed assurda violenza, Paolo Borrometi non ha mai smesso di fare il suo mestiere e cioè informare i cittadini della sua provincia delle malefatte dei politici e dei mafiosi, spesso in combutta tra di loro.
Le forze dell’ordine, visto il crescendo di minacce, violenze ed intimidazioni, ha sottoposto a tutela "dinamica" il giornalista (si tratta di una tutela che si attua tenendo gli organi di polizia informati sugli spostamenti del soggetto protetto e poco più). Questo livello di tutela però, non è stato sino ad ora sufficiente a costituire un valido deterrente. Nell’arco di poco tempo, prima qualcuno si è introdotto nello stabile dove abita per scrivere nel muro di fronte al suo appartamento "BORROMETI SEI MORTO", poi una settimana fa, è stato inseguito da una autovettura sconosciuta che ha cercato di speronarlo ed infine ieri notte è stato versato molto liquido infiammabile sullo zerbino della porta di casa cercando di dar fuoco alla porta dell’appartamento. Il MoVimento 5 Stelle considera questi fatti dei gravissimi ed inammissibili attentati alla libertà di stampa e di informazione. Attivisti locali, portavoce nazionali e regionali ed il sindaco di Ragusa si sono recati presso l’abitazione di Paolo Borrometi per manifestare solidarietà e vicinanza al giornalista ed alla sua famiglia e per dire forte e chiaro che Paolo Borrometi non si tocca! Paolo Borrometi è una voce libera ed indipendente che non deve essere messa a tacere.
Il Movimento 5 Stelle, attivisti e portavoce tutti, è con Paolo Borrometi e chiede che l’attuale livello di tutela del giornalista venga adeguato alla gravità della situazione e alla tracotanza delle cosche locali." Cittadino portavoce in Senato Mario Michele Giarrusso

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Enzo Altieri Utente certificato 3 anni fa
    Ma la cosa più schifosa è che nessuno fa niente. Ionon credo che la polizia o i carabinieri non sanno chi possano essere i delinquenti. Basta vedere cosa scrive e sai chi sono!!!!
  • Andrea Zanella Utente certificato 3 anni fa
    Che gente sti mafiosi, quasi peggio dei piddini e di renzusconi!
  • Salvatore Martorana 3 anni fa
    Mi rivolgo a Beppe Grillo, perchè non fondare un giornale veramente libero con dei veri professionisti,magari con una parte dei finanziamenti pubblici, in modo da avere una testata giornalistica veramente libera dove giornalisti liberi e seri possano lavorare e rischiare così meno per la loro incolumità?
  • Jan Niedzielski Utente certificato 3 anni fa
    BRUTTO POPOLO INFAME E CODARDO, VOLETE RENDERVI CONTO CHE NON SIETE IN DEMOCRAZIA, SE FOSSE COSÌ, I PRIMI A VOLERLA DIFENDERE SAREBBERO I POLITICASTRI! SE FOSSIMO IN DEMOCRAZIA, NON SENTIREMMO QUESTO STILLICIDIO DI TOTALE ABBANDONO DEI CITTADINI E GIORNALISTI, LASCIATI SOLI, CONTRO UN MOSTRO GIGANTESCO COME LE MAFIE ITALIOTE! NON BASTANO LE IPOCRITE ASSEMBLEE PUBBLICHE, DI SOLIDARIETÀ, DOVE MAGARI SI CELANO FRA LA FOLLA I MANDANTI DEI PESTAGGI E DELLE INTIMIDAZIONI! NON SI PUÒ PIÙ STARE A SENTIRE E SCOPRIRE, COME ORAMAI TANTI ONESTI GIORNALISTI, MA PUR SEMPRE E SOLO UNA MICRAGNOSA, NUMERICAMENTE, REALTÀ, RISPETTO AL NUMERO DI GIORNALAI ITALIOTI, CHE VENGANO LASCIATI SOLI? DOVRESTE RIFLETTERE UNA VOLTA PER TUTTE CHE LE PAROLE SONO INUTILI SE NON CORRISPONDONO COERENTEMENTE A DEI FATTI, DOVE SONO LE SCORTE PER QUESTI SIGNORI, BE LA MAFIA SEDUTA IN PARLAMENTO, VOLETE APRIRE GLI OCCHI, LE MAFIE SEDUTE IN PARLAMENTO, IGNORANDO E NON PROTEGGENDO LA LIBERTA DI PAROLA, NON VI RENDETE CONTO CHE CIALTRONAMENTE, SI AUTODENUNCINO? IL SILLOGISMO È DA "TERZA ALIMENTARE", SE NON PROTEGGO LE LIBERTÀ E MI DISINTERESSO AI PRINCIPI DELLA CARTA COSTITUZIONALE ED AI PILASTRI SU CUI SI BASEREBBE LA DEMOCRAZIA, DI FATTO SOSTENGO UNA DITTATURA DEL PIU FORTE, E VISTO CHE LE MAFIE SONO I PIÙ RICCHI IM"PRENDITORI", OSTACOLANDOLA SOLO A PAROLE, NE SONO COLLUSO O PURE PEGGIO NE SONO PARTE INTEGRANTE, IN QUANTO SE APPENA APPENA NON LO FOSSI, FAREI I SALTI MORTALI ALMENO PER CONTENERLA, O NO? LA INSOPPORTABILE PERSEVERANZA IN QUEST'ATTITUDINE DI REALE INDIFFERENZA, AUTOPROCLAMA LA CASTA POLITICA PARTE INTEGRANTE DELLE MAFIE, PERCHÈ SCRIVERE DI UN'INDIFFERENZA INCONSAPEVOLE, PER QUANTO, IDIOTI, CIALTRONI ED IMPREPARATI, SE AL PROPRIO DERETANO RIESCE A PENSARCI UNO COME RAZZI, NON SE NE ESCE, QUESTI IN PARLAMENTO SONO I PRIMI VERI MAFIOSI! SVEGLIATEVI BAMBINE, CHE NOI M5S VORREMMO UNA PRIMAVERA PER QUESTA CLOACA ESONDANTE, MA CI DOVETE VOTARE, CAZZO, CAZZO...
  • Omar Verderame 3 anni fa
    La storia è verissima ma la foto è sbagliata. Nel cerchio vi sono Giarrusso e Zito e non il giornalista.
  • Jan Niedzielski Utente certificato 3 anni fa
    SE AVESSIMO ANCORA PERTINI PdR Italiana, SAREBBE STATO IL PRIMO AD OFFRIRGLI UNA SCORTA, SE L'AVESSE AVUTA, LUI! MENTRE SUCCEDONO QUESTE COSE, ED APRILE È APPENA IERI, E RIPENSIAMO ALL'IMMONDA FINOCCHIARO ALL'IKEA, IL PUTTANIERE DI ARCORE E LA SGUALDRINA BOLDRACCA, APPENA, ED A BUON ORA, "RICHIAMATA" DAL SINDACATO DELLA STESSA POLIZIA, AD UNA "PARCA" PARSIMONIA, E AD UN USO "MENO PRIVATISTICO" DELLA SCORTA CHE "JE DORME IN CASA"? BE MI SGORGA UN GRIDO DI RABBIA, SE PENSO CHE SE L"ESUBERO" DELLA SCORTA DELLA BOLDRACCA, AVREBBE POTUTO EVITARE LA VIOLENZA ED AVERLO PROTETTO, COME SI "CONVERREBBE" IN UNA "NAZIONE CHE SI FÀ INUTILMENTE ED IPOCRITAMENTE VANTO DI ESSERE CIVILE", A QUESTO GIORNALISTA? SIAMO SOMMERSI DAL DISGUSTO IMMENSO CHE PROVIAMO PER QUESTA CLASSE DI POLITICASTRI, ARROGANTI, INCAPACI E PURE DONNETTE PRETENZIOSE, DI E DA QUALE CULTURA DE SINISTRA È SGORGATA LA BOLDRACCA, DITEMELO VOI, COME LA FINOCCHIA, QUALE CULTURA DELLA SOLIDARIETÀ, E COMPASSIONE VERSO GLI ULTIMI, PORTANO AD ESEMPIO, DITEMELO VOI? LA RESPONSABILITÀ DI PERMETTERGLIELO, COME SEMPRE NON È SOLO LORO, STE MERDE FINTIE RADICAL CHIC, CON NON SOLO IL PORTAFOGLIO A DESTRA, MA DELLA MASSA BOVINA E BEOTA DEGLI ITALIOTI AL 40% ANALFABETI, IDIOTI, IRRESPONSABILI, INCAPACI DI FRONTE A QUESTO SPURGO CONTINUO DA CLOACA MAXIMA, DEI GESTI, DEI COMPORTAMENTI, DELLA PIU IMMONDA CASTA POLITICA D'EUROPA! PUÒ L'ALIBI DI UN 40% DI ITALIOTI CERTIFICATI INCAPACI DI ESEGUIRE UNA SEMPLICE "SINTESI" REALISTICA DI QUELLO CHE ACCADE ATTORNO A LORO? MA IL RESTO QUELL'IPOTETICO 60% COSA FA? PERCHE GLI ITALIOTI NON VOGLIONO PROPRIO VIVERE IN UNA NAZIONE APPENA APPENA DECENTE, DOVE, PATRIA DELLE MAFIE, NON SI DEBBA ASSISTERE ANCORA A QUESTO CHIARISSIMO MESSAGGIO DI PROFONDA COLLUSIONE, SPACCIATA PER "INDIFFERENZA" A QUESTE REALTA NAZIONALI! IL MESSAGGIO È CHIARO, LAPALISSIANO, ED È CHE SIAMO I LORO SERVI E SOLO SE GLI "AGGRADA A LORO" SEI DEGNO DI PROTEZIONE, VI STUFERETE DI VOMITARE GUARDANDOVI ALLO SPECCHIO SI O NO?
  • Pietro T. Utente certificato 3 anni fa
    Queste cose non si possono derogare. L'informazione "pulita" è l'arma più importante che abbiamo a disposizione per far "svegliare" i cittadini dall'intorpidimento mediatico a cui sono sottoposti quotidianamente . Chi trova il coraggio di praticare , finalmente, questo tipo di informazione va sostenuto e difeso anche fisicamente se siamo in condizioni di farlo.
  • emanuele gnani 3 anni fa
    UN grandissimo abbraccio di solidarietà dalla Norvegia , paese in cui vivo .....Paolo non mollare, w movimento 5stelle , w la liberta ...
  • nico barta 3 anni fa
    avere un giornalista vero in Italia è uno scoop. Coraggio tieni duro. Non mollare e noi non molleremo.
  • Rocco D'Errico 3 anni fa
    Per difendere il coraggioso giornalista basterebbe spostare l'uomo di scorta da quel politico del PD accusato (dovremmo dire accusata) di impiegare il militare addetto alla protezione per trasportare i pacchi della spesa di una nota azienda svedese che vende mobili componibili. Un ringraziamento a Giarrusso per la solidarietà offerta al carissimo Paolo Borrometi. Il gesto di sostegno del senatore pentastellato deve certamente essere inteso anche a nome di tutti i cittadini del MoVimento e del resto della parte sana del Paese Italia.
  • Terry E. () Utente certificato 3 anni fa
    Le istituzioni hanno l'obbligo e il dovere di proteggere questo Giornalista con la G maiuscola. Politici di Ragusa....Paolo non si tocca!se farete del male a lui e alla sua famiglia ,sappiate che non riuscirete a far tacere la verità.
  • Andrea D. Utente certificato 3 anni fa
    Portare immediatamente la questione davanti alla presidente BOLDRINI, lei che va in giro con una scorta di 27 poliziotti, e lasciamo che i cittadini vedano l'effetto che fa. SOLIDARIETÀ A BORROMITI.
  • Carlo B. Utente certificato 3 anni fa
    Paolo, ho avuto occasione di lavorare nel ragusano e, con mio grande rammarico, devo dire che molta gente ha un modo di pensare orribilmente mafioso. Un tipo di pachino, è arrivato a dirmi questa frase: " noi qui tagliamo cannarozzi", che tradotto significa "ti sgozzo". La mia colpa fu quella che stavo ritardando, mio malgrado, a consegnare un lavoro. Questo episodio racconta bene che gente sia. Ti offro tutta la mia solidarietà e ti incoraggio a non mollare. Il tuo coraggio dà senso a sentirci ancora degli essere umani.
    • salvo intelisano 3 anni fa
      nn cambia molto però pachino è in provincia di siracusa
  • Notizie informatiche Utente certificato 3 anni fa
    Grazie M5S
  • deu seu (gundar) Utente certificato 3 anni fa
    IO STO' CON PAOLO BORROMETTI !!!VOGLIO VEDERE QUANTI GIORNALI SCRIVERANNO E DARANNO SOLIDARIETA'A UNA PERSONA LIBERA CHE RIPORTA LA REALTA....
  • Paolo A. Utente certificato 3 anni fa
    Io sto con Borrometi!!! Finalmente un giornalista Grazie
  • cesare 3 anni fa
    Un paese senza più democrazia,come al solito in tv su queste notizie si tace
  • giovanni d. Utente certificato 3 anni fa
    mentre scrivevo "....ED INTANTO 27 POLIZIOTTI RESTANO SEMPRE IMPEGNATI H24 A PROTEGGERE QUEL 3° GIOIELLO DI STATO TARGATO SEL" mi è venuto in mente che una delle cose da fare assolutamente non appena avremo rovesciato questo sistema E' DI ANNULLARE IN MANIERA RETROATTIVA TUTTE LE PROMOZIONI E GLI ALTRI VANTAGGI DI CUI ABBIANO BENEFICIATO I TUTOLI DELL'ORDINE IN CONCOMITANZA O VVERO SUCCESSIVAMENTE AD UN QUALSIASI INCARICO DI ADDETTO ALLA SICUREZZA DI QUALSIASI PERSONAGGIO POLITICO.
  • giovanni d. Utente certificato 3 anni fa
    .....ED INTANTO 27 POLIZIOTTI RESTANO SEMPRE IMPEGNATI H24 A PROTEGGERE QUEL 3° GIOIELLO DI STATO TARGATO SEL
  • enrico caserza Utente certificato 3 anni fa
    Forza Paolo ammiro il tuo coraggio Sono farabutti che agiscono nell'ombra e si presentano di fronte al pubblico come brava gente.
  • Lucio P. Utente certificato 3 anni fa mostra
    La cosa più incredibile e intollerabile e che personaggi come Paolo Borrometi vengono considerati molto spesso dalle forze dell’ordine solo dei provocatori e dei rompiscatole che non si fanno i fatti propri, solo per il fatto che sono dei liberi battitori poco noti e senza conoscenze nell’establishment politico, economico e giudiziario. In Italia (e non solo) purtroppo funziona così: più sei corrotto, recidivo e più le fai grosse, più ottieni comprensione stima e protezione. Al contrario chi denuncia questi farabutti non solo non riceve alcuna protezione ma spesso viene distrutto a livello personale e viene incastrato per piccole questioni legali, con il risultato di diventare lui oggetto di pubblico ludibrio.
  • oltre 3 anni fa
    Il m5s deve proporre in parlamento l'inasprimento del 41bis. Questi animali non devono incontrare familiari mentre sono dentro. E' lì, l'anello di congiunzione col mondo esterno
  • Renato B. Utente certificato 3 anni fa
    QUESTO E UNO STATO MAFIOSO . l'ho dimostra il fatto ke danno una scorta a uno come ferrara ed a tutti y politici x difenderli dai cittadini onesti invece ad un giornalista ke dice delle verita' viene lasciato solo , state sereni nessun mafioso andra a pestare e minacciare nessun político ne' tantomeno ferrara grande amico dei mafiosi ............
    • juri armani 3 anni fa
      quando in una nazione un premier va a parlare con un condannato che aveva uno stalliere condannato, a sua volta, per collusione con la Mafia pensi che chi va contro alla mafia ed ai delinquenti venga salvato?
  • emanuele guglioelmo efata 3 anni fa
    paolo non è dimostrazione di coraggio l'uso la forza per negare ad un operatore dell'informazione la libertà di cronaca di idee di opinione,anzi al contrario è segno evidente di paura che il tuo comportamento può conquistare altre menti. A tal proposito è opportuno ricordare il caso Pecorelli-Andreotti per non dimenticare e per ricordare a quella stampa e all'informazione tutta il coraggio è l'affermare la verità a tutti i costi invece di prestarsi facilmente ai giochi del potere rinunciando alla indipendenza.
    • Ada Martinelli Utente certificato 3 anni fa
      Pecorelli è stato assassinato; sarebbe bene evitare vittime innocenti. Io consiglierei a Paolo di andarsene e pensare alla sua vita, prima di tutto.
  • antonella g. Utente certificato 3 anni fa
    Tutta la mia solidarietà a questo Giornalista. Auspico che qualche suo collega trovi il tempo per un articolo o un servizio televisivo che sollecitino i provvedimenti necessari per proteggerlo seriamente. Non bisogna lasciare soli coloro che hanno coraggio
  • alan guidi 3 anni fa
    I miei complimenti, tieni duro. A volte ci si chiede se ne vale la pena, io dico di si. I cambiamenti arrivano sempre con piccoli passi. Spero tanto che le forze dell'ordine, tra una scorta e l'altra (magari proprio ai mandatari), trovino il tempo per garantirti la sicurezza.
  • frank pit Utente certificato 3 anni fa
    Complimenti al vostro coraggio e alla "fame" di verita' , che gli italiani ne siano informati e tutti prenderemo esempio da voi
  • massimo meliani 3 anni fa
    TUTTA LA MIA SOLIDARIETA
  • FABRIZIO P. Utente certificato 3 anni fa
    solidarieta totale al giornalista con la G !!!!!
  • umberto 3 anni fa
    ferrara ha la scorta? qualcuno ci fa sapere a che titolo questo pluridecorato ha necessità di protezione Borrometi una buona parola fa sempre piacere riceverla vedrai che adesso Saviano si spenderà anche per te io posso solo dirti che e dura e adesso la polizia dovrà anche indagare sulle malefatte che stai denunciando almeno questi schifosi escono allo scoperto ti mando la mia simpatia e vicinanza dicendoti che passerà e che non hanno bisogno dei martiri se no altrimenti lo stato deve reagire e i loro traffici si fermano ci provano solo ad intimidirti ma vedo che hai le palle tienile ferme e tira avanti nel mondo dei grillini non si e soli
  • Alberto Sanapo 3 anni fa
    Le minacce non vanno sottovalutate al paese dove io vivo per avere sottovalutate le intimidazioni rivolte al consigliere provinciale Peppino Basile fu assassinato anche per l 'indifferenza della popolazione che aveva involontariamente isolato il soggetto condizionata dalla politica locale.
  • alvise fossa 3 anni fa
    PAOLO BORROMETTI NON MOLLARE SIAMO TUTTI CON TE',I 5 STELLE E L'INTERO MOVIMENTO E' CON TE'
  • VINCENZO SCALIA 3 anni fa
    da siciliano: capisco come lavori e le tue difficoltà. Sono di Palermo e 30 anni fa con Città per l'Uomo e Padre Pintacuda vivevamo lo stesso clima. Un abbraccio affettuoso e un incoraggiamento. AMUNI'!
  • paoletta a. Utente certificato 3 anni fa
    Voglio esprimere con tanto affetto la mia solidarietà e la mia gratitudine a Paolo Borrometi. Voglio anche esprimere tutta la mia indignazione nei confronti dei mafiosi che vogliono mettergli il bavaglio, gentaglia senza scrupoli e senza anima. Io sto con Paolo Borrometi.
  • Ezio Bigliazzi Utente certificato 3 anni fa
    SEMPLICE SOLUZIONE, TOGLIERE LA SCORTA A GIULIANO FERRARA E DESTINARLA PAOLO BORROMETI. SEMPLICE SOLUZIONE SE FOSSIMO UN PAESE CIVILE.
  • demetrio barozzi 3 anni fa
    Mai la "G" maiuscola fu più opportuna
  • luigi i. Utente certificato 3 anni fa
    sarebbe opportuno allontanare dei poliziotti dalla tutela di noti pregiuducati e utilizzarli per cause più importanti come questa.
  • Mirach Fanni Utente certificato 3 anni fa
    Tutta la mia solidarietà ad un giornalista coraggioso. Che amarezza vivere in questo paese..
  • alfonsina p. Utente certificato 3 anni fa
    Ma vi pare che la "boldracca"debba avere la scorta(pagata da noi)per sé e famiglia, quell'altra(che dice dei cittadini italiani:chi sono questi?) va a fare la spesa con la scorta, il buffone di Firenze gira con la scorta e questo GIORNALISTA LIBERO, che rischia la vita, gli offrono un servizio part-time. Ma pezzi di mer*a, politicanti da strapazzo, non vi fate schifo?. Potete essere sicuri, che più che alla mafia, questo signore dà fastidio ai politici. Come sempre, d'altronde.
  • antonio de vittorio 3 anni fa
    Curioso come TUTTI gli altri "giornalusti" non abbiano nessub problema.......bha!!!
  • luisa desiato 3 anni fa
    Persone oneste come quest'uomo ce ne sono davvero pochi! Va tutta la mia solidarietà più sincera.
  • Alekos Firenze Utente certificato 3 anni fa
    Porta a conoscenza in Parlamento questo fatto e fai in modo che alla Camera venga denunciato il fatto e soprattutto far conoscere alla Boldrini chi è che ha veramente bisogno di essere protettoche non è certamente ne lei ne i suoi famigliari che non se li c... nessuno
  • giovanni.puntin 3 anni fa
    Di un fatto così grave avrebbero dovuto parlare tutti i telegiornali nazionali.Che schifo!
  • Tania M. Utente certificato 3 anni fa
    Grande Uomo oltre che Grande Giornalista.Non c'è altro da dire!
    • Ciccio Palmieri 3 anni fa
      Anche un grande giornalista, io direi coraggioso giornalista, ha bisogno in casi come questi, della solidarietà di tutti noi che lottiamo per un'Italia più giusta, più onesta, più civile e, soprattutto, per uno Stato che sappia, quando occorre, difendere e preservare i propri cittadini da ogni violenza e tracotanza.
  • Gaetano Boccone 3 anni fa
    Via le scorte dai succhiasangue, diamole a chi veramente ne ha bisogno.
  • Silvano G. Utente certificato 3 anni fa
    Questo è un giornalista, ma sopratutto un Uomo. Bravo e grazie per il coraggio e l'onestà.
  • Marcello G. Utente certificato 3 anni fa
    Questo si che è un Vero uomo. Anche io al Suo confronto sono una merda. Grazie Paolo Borrometi di quello che fai. Tutti dovrebbero ringraziare ed aiutare persone come te. Mi stai dando una ragione in più per cercare di fare qualcosa. Grazie Paolo, grazie.
  • Michele B. Utente certificato 3 anni fa
    Togliamo i 27 poliziotti che "proteggono" la presidente dalla camera dai cittadini onesti, e diamoli a chi invece deve essere protetto dalla delinquenza.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus