8 milioni a Barbareschi, 0 alle vittime del terrorismo #vergognaPd

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Laura Castelli

Pd e Fi hanno dato otto milioni di euro al teatro di Barbareschi e li hanno negati alle vittime del terrorismo. Infatti, quest’ennesimo ‘capolavoro’ della Casta, è stato architettato dall’esponente di Forza Italia, Giorgetti, insieme al piddino Boccadutri, sì lo stesso che porta il nome della legge sul finanziamento pubblico ai partiti, approvata in due settimane. Questi due deputati hanno presentato un emendamento alla manovrina, che portava i fondi previsti per salvare il teatro da 2 ad 8 milioni di euro, per il biennio 2017-2018.

La vergona di questo schiaffo alle famiglie che hanno perso i loro congiunti a causa del terrorismo, e che si sono visti negare 5 milioni di euro, perché non ci sarebbe stata la necessaria copertura economica, è ancora più grande, se si pensa che il teatro Eliseo, gestito dal direttore artistico, Luca Barbareschi, è un ente privato. E allora, perché questi soldi sono stati stanziati per Barbareschi, e non per gli altri teatri? Perché il criterio del merito e di equità si è andato a farsi benedire?

Forse perché Barbareschi è il genero di Andrea Monorchio, ex ragioniere dello Stato? L’attore nega di aver avuto una corsia preferenziale, ma non si capisce come mai Fi e Pd abbiano approvato fondi per otto milioni di euro, per salvare questo teatro privato, negandoli a chi ne avrebbe avuto maggiore bisogno, e cioè alle associazioni dei parenti delle vittime di strage e terrorismo. E’ ignobile, inoltre, anche il silenzio del ministro Franceschini che, se avesse veramente avuto a cuore l’incremento della cultura e della produzione artistica teatrale, avrebbe dovuto pretendere fondi non solo per gli amici degli amici, ma per tutti coloro che producono cultura a certi livelli. Il silenzio di tutto il Governo è complice e l’indegna pantomima del viceministro Morando che, in commissione Bilancio, ha fatto finta di essere contro l’emendamento vergogna, completa il quadro e ci fa comprendere che i soldi vanno sempre e solo in una certa direzione, e mai a chi ne ha veramente bisogno. Naturalmente, noi del MoVimento 5 Stelle in commissione Bilancio alla Camera, abbiamo votato contro questa schifezza.


Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • polina garcio Utente certificato 7 mesi fa mostra
    Ciao gente Non ingannare più das la truffa, se avete bisogno di finanziamento contatto direttamente la banca di investimento di credito. Questa banca mio facendo bene con un prestito di 300.000 euro. Avete il vostro trasferimento in un periodo di 72 ore con tutte le prove. È possibile contattare il seguente indirizzo: infos@cibanque.cominfos@cibanque.com Numero whatsap: + 330644146852
  • Alberto O. Utente certificato 7 mesi fa mostra
    Tutto in puro stile PD. Ad una persona normale basterebbe ciò per non votare mai più 'sta gente, ma si sa, a tanti nostri connazionali l'andazzo piddino/pidiellino (è la stessa cosa) va benissimo. Piuttosto c'è da chiedersi se i leccachiappe di regime cinquantadueini, ovvero quei leccachiappe che Ballist Sans Frontieres ha pensato bene di promuovere facendo scalare loro la classifica internazionale sulla libertà di stampa, regalandogli 25 posizioni in un solo anno, che ancora non abbiamo smesso di ridere, c'è da chiedersi dicevo se i nostri cari leccacchiappe daranno il giusto risalto all'ennesimo scandalo di mala gestione delle risorse pubbliche. Leccachiappe ci siete? Raddrizzare la schiena ogni tanto no eh? Ah leccachiappe leccachiappe, quanto mi fate pena! Mandate un fax a quelli di Ballist Sans Frontieres, che magari l'anno prossimo vi regalano altre 25 posizioni, PER COLPA DI GRILLO! :-)))
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus