L’Uruguay non userà mai più il petrolio per generare elettricità

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

urug.jpg

"L’Uruguay è un paese di 3.2 milioni di abitanti che non ha riserve petrolifere. E’ anche un paese dove, nonostante ciò, siamo vicini all’indipendenza energetica. Fino a dieci anni fa il paese importava petrolio dal Venezuela, dall’Iran, dal Brasile, dall’Ecuador. Poi, hanno deciso di diventare green. Un mix di orgoglio nazionale, di economia traballante se lasciata allo status quo, e di investimenti intelligenti. Nel giro di dieci anni sono arrivati all’84% di energia rinnovabile nel 2014 secondo dati ufficiali del Ministero dell’Industria, Energia e Miniere del paese. Uno strabiliante 84% in dieci anni. Da dove arriva questa energia? Dal solare, dall’idroelettrico, dalle biomasse agricole e dal vento. Tutto fatto in casa. Alla base di tutto una parola sconosciuta a tutti i governanti italiani degli scorsi trent’anni: la programmazione. Nei primi anni 2000, il paese ha messo su la cosiddetta “Politica Energetica per il 2005-2030″ approvata dal Presidente Tabaré Vasquez e appoggiata da tutte le formazioni politiche del paese. Tutte". (fonte)

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • antonello c. Utente certificato 2 anni fa
    25285
  • claudio grillo 2 anni fa
    Ragazzi sono sicuro che voi in parlamento riuscirete a portare solo cose giuste e utile per il bene di tutti! Abbiamo soluzioni migliori della lega e soprattutto del parassitario pd!La vera saggezza é nell'animo 5stelle!RAGAZZI VI VOGLIO VEDERE IN TV A DIFENDERE LE VOSTRE ANZI LE NOSTRE OPINIONI SIA NAZIONALI CHE INTERNAZIONALI!
  • antonello c. Utente certificato 2 anni fa
    Il mini-post sta avendo migliaia di condivisioni sui social .. appare indubbiamente un'argomento molto sentito e condiviso tra gli utenti della rete in MoVimento .. Ed è uno degli obbiettivi del M5s dalla sua nascita .
  • Francesco L. Utente certificato 2 anni fa
    Caro Cittadino PortaVoce, Le scrivo perché voglio esporle la mia idea su come portare a conoscenza degli italiani, la vostra “mozione” e le proposte del Movimento 5 Stelle sull’immigrazione, e per poter fermare la pericolosa avanzata, su questo tema, di Matteo Salvini, del suo partito e di tutto il centro-destra. In vista degli ottimi risultati ottenuti alle elezioni regionali e amministrative dal vostro Movimento, è aumentata la credibilità politica della vostra offerta di Governo, e proprio per questo motivo, adesso sareste benissimo legittimati ad avanzare una pretesa di un “tavolo di confronto” - in streaming naturalmente - con il Presidente Matteo Renzi, sui temi dell’immigrazione, per presentare all’Italia quali sono le vostre soluzioni su questo tema, ma soprattutto, per non lasciare tutto il campo di azione (ovvero l’offerta politica) nelle mani del centro-destra e di Matteo Salvini. Un incontro di questo tipo, come quello sulla legge elettorale, dovrà per forza essere accettato dal Premier, perché non è nelle condizioni politiche di “fare tutto da solo”, e soprattutto su questo tema in cui si trova in grande difficoltà, ed inoltre, anch’egli, avrebbe interesse ad escludere Matteo Salvini , ad emarginarlo, cioè a renderlo ininfluente e solo “voto” di protesta. Questo “confronto” avrebbe tre importantissime conseguenze sull’opinione pubblica, soprattutto sui c.d. moderati: 1) dimostrerebbe che il Movimento 5 Stelle non è il partito del “no”, ma che è diventato forza capace di fornire soluzioni e di Governare le emergenze; 2) farebbe conoscere agli italiani quale è il programma sull’immigrazione del vostro Movimento, quali sono le soluzioni che intendete portare avanti, tra le quali dovrebbe spiccare il superamento del trattato di Dublino più conseguente sostegno in Europa dei vostri europarlamentari in tal senso; 3) emarginerebbe Matteo Salvini su questo tema.
  • Andrea Zanella Utente certificato 2 anni fa
    Non ci vuole tanto ad essere più avanti degli italioti!
    • Paolo Z. Utente certificato 2 anni fa
      Forse non hai girato il mondo. Ci sono pochi stati nel cento-sud america che siano appetibili a un italiano che ha voglia di lavorare e progredire. (io so solo del Cile...) Paolo TV
  • Paolo Z. Utente certificato 2 anni fa
    Tutto bello, però questo stato è grande metà d'Italia, e ha la popolazione di metà, o poco più, del Lazio... Non ha problemi d'acqua (anzi) Non ha un reddito alto pro capite ( 14 767 $ contro 33 915 $ dell'Italia ) ma ci si adegua. Quello che non possiamo permetterci è scopiazzare l'economia; se il popolo dell' Uruguay ha una percentuale di contadini che sono il 10% della forza lavoro, se l'Italia facesse altrettanto, ovvero 2.500.000 contadini, dove troviamo i campi, che per un contadino devono essere 10/15 ettari di pianura, e se fa culture, tipo mais, bisogna aumentare altrimenti soffre la fame.... Ovvero tra 250.000 a 375.000 CHILOMETRI QUADRATI. L'Italia, compreso i ghiacciai e le città, ha solamente 300.000 km2 Questo articolo penso che l'abbia fatto un figlio dei fiori, un hippy, o uno fuori dalla realtà. Paolo TV
    • giorgio l. Utente certificato 2 anni fa
      X Salvatore Bravo Salvatore hai pienamente ragione, ma se così si facesse...chi poi potrebbe - magiarci sopra - ????
    • Angelo P. Utente certificato 2 anni fa
      Vorrei aggiungere che in Italia, esistono e sono pronti per installare pannelli solari, ben 15.000 Kmq (chilometri quadrati) di tetti adatti. Solo utilizzandone il 10% si potrebbe ottenere energia pulita, lì dove serve, pari a poco meno del 10% del fabbisogno nazionale. Quindi tutto dipende dalla volontà politica e non dal rapporto territorio popolazione.
    • Salvatore Messina 2 anni fa
      Credo che il nostro paese potrebbe tranquillamente fare a meno dell'energia elettrica prodotta dal petrolio in quanto vista la nostra posizione geografica e la presenza sui nostri confini del mar mediterraneo potremmo organizzare la produzione delle nostre riserve d'energia basandoci esclusivamente sul solare e sul Pelamis ovvero i generatori di corrente a partire dalle onde del mare (si stima che ognuno di questi serpentoni lungo all incirca 180 metri possa generare oltre 750 Kwatt). Inoltre se proprio volessimo tecnologicamente esagerare il nostro bel paese presenta una trinità di vulcani non sommersi (Vesuvio - Etna - Vulcano) che potrebbero essere sfruttati per produrre energia geotermica. Concludo, perchè non voglio annoiare nessuno, le soluzioni ci sono, solo chi è cieco o ha gli occhi offuscati da interessi personali non le vedrà mai.
  • alex 2 anni fa
    bello ok ok... ma tutta la plastica che usano da dove arriva? le autovetture a cosa vanno? tutto il ferro ed acciaio da dove arriva? i telai delle loro biciclette dove e come è realizzato? le gomme di tutti i mezzi di trasporto? mmmmmhh ... mi sa tanto che fanno i frocetti con il deretano altrui ...
    • byRSM 2 anni fa
      Mi pare che l'articolo parli di produzione di elettricità, non di petrolio per autotrazione o altri utilizzi. E chiaro che tale modello non e al momento utilizzabile per una societa fortemente industrializzata.
  • alvise fossa 2 anni fa
    L'URUGUAY E' PIU' AVANTI DI NOI
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus