Olio contraffatto: Martina sapeva e non ha difeso il Made in Italy

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

martina_olio.jpg

"La vicenda dell’olio d’oliva, spacciato come extravergine ma in realtà di qualità inferiore, ha finora mobilitato Agenzia delle Dogane, magistratura e, pochi giorni fa, anche l’Antitrust. Manca però all’appello il Governo, a cominciare dal suo ministro alle Politiche Agricole, Martina.
Martina non ha fatto nulla, eppure sapeva.

Tant’è vero che una delle fonti utilizzate dal procuratore di Torino è l’Agenzia delle Dogane che, in un’audizione secretata presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sulla Contraffazione alla Camera dei deputati, ha rilasciato un dossier sull’olio extravergine d’oliva taroccato da cui emergevano le dinamiche evidenziate poi dall’inchiesta giudiziaria.
Le informazioni rilasciate dall’Agenzia delle Dogane in Commissione sono state trasmesse anche al ministero delle Politiche agricole in diverse informative in cui si parla chiaramente di una concentrazione di acquisti di olio spagnolo in aziende toscane e umbre (quelle al centro dell’indagine aperta dalla Procura di Torino) legate tra loro da forti relazioni statutarie. Importavano olio a basso costo dalla Spagna in Italia e qui lo imbottigliavano come olio extravergine utilizzando l'etichetta di marchi italiani.

VIDEO Proteggiamo il Made in Italy!

Un vero e proprio cartello italo-spagnolo con l’obiettivo di tenere basso il prezzo d’acquisto dell’olio importato e aumentare i ricavi. Lo sappiamo perché in quella Commissione c’è anche il MoVimento 5 Stelle, l’unica forza politica ad aver denunciato queste anomalie.
Perché invece il ministro Martina, che già all’epoca era informato dei fatti, non è intervenuto? In Italia infatti non è mai partito il ‘Piano Olivicolo Nazionale’, strumento fondamentale per una politica industriale che consentirebbe di tracciare i flussi di domanda e offerta, oltre che di import ed export.
Se la contraffazione ha gioco facile è anche per l’assenza di una pianificazione. Inoltre se l'Esecutivo non farà partire il PON entro la fine dell’anno, il nostro olio perderà i 4 dei 32 milioni di euro previsti. Il nostro made in Italy è sotto attacco e il Governo resta a guardare. Quali altri interessi vuole difendere?" M5S Camera

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Lenin Nicolaj (che fare) Utente certificato 2 anni fa
    su fb leggo spesso una frase : " un Parlamento di coglioni che ha creduto a Ruby come nipote di Mubarak potrebbe credere anche all'olio di oliva extravergine fatto in casa " aggiungo : basta mettere la giusta etichetta ^_^
  • luigi gerardo di lorenzo 2 anni fa
    se chi governa e fuori da ogni credibilità perché disonesto....le conseguenze sono queste!!!!
  • mario c. Utente certificato 2 anni fa
    Quello che diro' sembra assurdo anche a me, ma cio' che succede conferma l'ipotesi. C'e' in atto una sistematica distruzione di tutta la piccola eccellenza italiana. L'Italia puo' dare grandi dispiaceri economici ai grandi con la sua miriade di eccellenze. Hanno distrutto grandi settori dell'economia, or tocca all'agricoltura non appena si presenta l'occasione. Cio' che succede si accomuna con la richiesta "incredibile" di distruggere gli oliveti quando si puo' trovare una cura cosi' come per le palme, ecc. Ma e' veramente una richiesta "incredibile" dettata solo dalla miopia o continua un percorso ben deciso a tavolino? Fino ad un po' di tempo fa avrei pensato alle solite teorie della cospirazione del menga. Ora penso che siano i fatti che parlano, segui il denaro dicevano i romani. I nostri politici sono orchestrati da chi detiene il vero potere, quelli che li fanno eleggere, quelli che finanziano le campagne elettorali, quelli che li foraggiano direttamente con il denaro. Loro sono delle meretrici, lo hanno sempre dimostrato, che si vendono anche per poco. I potenti italiani? Beh, i veri potenti sono sovrannazionali. Hanno gia' portato il grosso delle loro proprieta' in giro per il mondo, la singola nazione conta poco. Che poi in Italia ci sia un M5S in continua ascesa che potrebbe cambiare le regole aumenta ancor piu' la necessita' di fare in fretta a distruggere l'economia. Per chiunque, anche capaci ed onesti, ripartire dalle macerie e' molto piu' difficile e lungo. Mario
  • antonio ferrari 2 anni fa
    Dimostrazione della qualità di uno dei molti Ministri dell'attuale Governo Renzi Un'indecenza per la loro capacità , competenza e applicazione Buni esempi di scelta tra gli ( esperti ?) politici PD usati
  • Michele L. Utente certificato 2 anni fa
    Martina prende la stecca e si fa gli affari suoi come tutti gli altri ministri
  • Paolo . Utente certificato 2 anni fa
    L'italia deve staccarsi dalla nato e andare con Putin! Grandi i Russi! Via l'embargo alla Russia! Basta menzogne! Costruire la democrazia sulle menzogne e sulla più completa presa per il culo del popolo chiama solo la vendetta! Occorre fermare tutti i politici corrotti e nominati da sovranità straniere come l'attuale governo! E' incostituzionale l'attuale parlamento. E tutte le istituzioni che ne derivano sono un abominio! L'attuale presidente della repubblica è stato votato da falsi parlamentari insediatisi con leggi non valide. Si nascondono dietro le leggi e poi quando li inchiodi alla legge fanno finta di niente! Gentaglia solo gentaglia che non è capace di rispettare le regole ma vuole che gli altri le rispettino!
  • pietro denisi Utente certificato 2 anni fa
    Bisogna fare una radiografia delle aziende che hanno compiuto questa truffa a danno dei cittadini e dell'immagine del made in italy. Essendo aziende toscane il palo, probabilmente, sarà anche questo toscano. Vista la composizione di questo GOVERNICCHIO, non mi stupirei se si scoprisse che ci siano SOCI di FATTO in questa combine che screditare i prodotti italiani.
  • jazz00 2 anni fa
    faccia da culo
  • Clesippo Geganio Utente certificato 2 anni fa
    a questo punto non capisco perchè Matteuccio dopo la Boschi e Madia non abbia scelto come ministro Martina Colombari!
  • Rosa 2 anni fa
    Cosa vi aspettavate dal partito di governo? Questa è la sua linea. Che ha detto Carbone a Di Battista, da Vespa, l'altra sera? Più o meno "stai a parlare di ulivi malati" come per dire chi se ne frega del problema dell'olio italiano. Ora se consideriamo che tutti i paesi normali difendono l'agroalimentare locale con barriere molto alte da paesi che potrebbero importare prodotti a prezzo più basso, questo l'Italia non lo fa. Il nostro paese produttore di eccellenze alimentari non viene difeso dal proprio governo. Questa è cosa gravissima, questo settore dovrebbe protestare aspramente. Ci dica il Sig. Martina, qual'è la politica che sta portando avanti, che cosa sta facendo per il suo mandato. E' importante che il Movimento 5 Stella diffonda il più possibile le anomalie di questo governo. Queste notizie non si leggono da nessuna parte. Nelle trasmissioni televisive parlate più che potete di ciò che dovete costantemente fronteggiare a difesa dei cittadini, delle economie ecc. Questo è molto importante. La gente deve capire che il nemico è proprio chi ci governa. Quindi rifiutate le trasmissioni dove si fa spettacolo, dove il politico non va per parlare della politica ma solo a raccontare balle.
  • Clesippo Geganio Utente certificato 2 anni fa
    a breve l'olio d'oliva verrà sostituito da quello di ricino!
  • Daniele C. Utente certificato 2 anni fa
    Ho paura che l'italia rischia la scomparsa,c'era rimasto il cibo,tra un po' perderemo pure quello.
  • Paolo . Utente certificato 2 anni fa
    Assomiglia a gasparri!! Stessa levatura intellettuale!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus