Regalopoli RAI: 500.000 euro di regali agli amici

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
gubitosi_a_casa.jpg

Gubitosi a casa!

"È scandaloso che i soldi del canone Rai siano serviti per distribuire in giro regali. 500 mila euro in quattro anni. Gioielli, orologi, oggetti di argenteria che vertici e dirigenti dell'azienda pubblica hanno regalato, tra il 2008 e il 2012, a diversi personaggi, un movimento di cui non c'è traccia. La Rai riceve 1 miliardo e 750 milioni all'anno di canone pagato dai cittadini che devono sapere dove vanno questi soldi. Il dato sconcertante di questa regalopoli riguarda i destinatari dei doni: ci sono anche parlamentari e rappresentanti politici. Se mi regalassero anche solo una scatola di cetriolini, rispedirei il pacco al mittente. Voglio sapere chi ha ricevuto questi regali, alcuni del valore di 16 mila euro.
La Rai dà in esterno, in appalti, un miliardo e 300 milioni di euro. Dobbiamo avere maggiori informazioni su come vengono gestiti e assegnati. La Rai deve diventare quella casa di vetro sede di cultura e libera informazione lontana e distante da qualsiasi potere a partire da quello politico." Roberto Fico

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • brus bruscate Utente certificato 4 anni fa mostra
    giustissimo che la Rai debba diventare totalmente trasparente, ma il nodo in realta e la cultura della corruzione che c e in italia , una riforma generale della pubblica amministrazione, un cambiamento radicale nell amministrare cio che e pubblico e l unica cura necessaria , non singoli interventi, altrimenti non si ottiene nulla. La Rai e l esempio che il vero problema non sono i politici , ma i funzionari, l apparato.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus