Il Natale a Rozzano

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

natale_milano.jpg

Il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Garofani di Rozzano Marco Parma ha deciso di cancellare il concerto di Natale che si tiene ogni anno grazie al lavoro dei bambini con i maestri dell’Associazione 11 Note. L'evento è stato fatto slittare al 21 gennaio e ribattezzato "Festa d’Inverno". Una decisione stupida e ipocrita, fatta più per comparire sui giornali che per l'educazione dei bambini, che ha fatto giustamente infuriare i genitori e ha portato il preside alle dimissioni. Marco Parma è stato candidato sindaco a Rozzano nella lista civica Aria Pulita appoggiata da una lista civica 5 stelle alle elezioni del 2009, ma il preside dimissionario non è riconducibile al M5S tant'è che il gruppo di Rozzano si è subito schierato contro la decisione del dirigente. Cancellare le feste e impedire ai bambini di intonare i canti natalizi equivale a cancellare un pezzo della nostra cultura e delle nostre tradizioni ed è inaccettabile. Buon Natale Rozzano!

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Giulio I. Utente certificato 2 anni fa
    "Leggo con gran dispiacere questo messaggio sulla vicenda di Rozzano. Ho riposto grandi aspettative in questo Movimento ma devo purtroppo notare che - almeno in questa occasione - rivela preoccupanti carenze in tema di "laicità". Non si fa molta strada senza di essa.. Se vogliamo davvero migliorare questo Paese, non possiamo permetterci posizioni superficiali e populiste su temi così delicati. Alla base di tutto non può che esserci lo "Stato laico", ovvero la neutralità e il rispetto delle posizioni di tutti (minoranze comprese!) nell'ambito delle norme di convivenza. La civiltà non si misura a colpi di maggioranza.. né possiamo accettare lezioni di etica da chi non riconosce "diritti universali" all'umanità.. Auspico quindi un rapido approfondimento di questi temi e un convinto cambio di rotta nel Movimento. Nell'interesse di noi tutti. Desidero esprimere, infine, la mia solidarietà al Preside, Prof. Marco Parma, per lo sconcertante isolamento istituzionale in cui si è ritrovato. Mi permetto di suggerire, per il futuro, a tutti i Dirigenti Scolastici di acconsentire a simili richieste "tradizionaliste", cercando magari di allargare i temi (es. confronto delle tradizioni dei vari popoli su un dato tema), a patto di organizzare qualsiasi manifestazione (anche di stampo religioso) ben al di fuori dell'orario didattico.."
  • Elena 2 anni fa
    leggete un pò qui... grossolano errore di omonimia. E adesso chi paga? Per coerenza chi ha sbagliato se ne vada. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10207999369092360&set=gm.842964982489168&type=3&theater
  • valeria tasselli 2 anni fa
    Dissento col post. Come la mettiamo con i concetti di: scuola pubblica laica e "libertà d'insegnamento"? Tutto questo polverone solo perché il nome del preside compariva tra i candidati 5 stelle (tra l'altro solo un caso di omonimia...)? Ora si spiega! Solidarietà al preside che ha "osato" andare contro corrente in nome dell'autonomia scolastica (che a quanto pare vale solo quando fa comodo...) Al solito tanto clamore solo per cavalcare il malumore del momento e per puntare il dito contro chi è diverso. Ricordo a tutti che tra quelli che NON festeggiano il Natale ci sono sempre stati anche i testimoni di Geova, che non mi risulta siano islamici. Ricordiamoci quali sono i veri significati che stanno dietro il Natale e quale è stato il messaggio di Gesù... non riducete tutto solo a una bandiera... per favore perché così facendo si fa il gioco dei fondamentalisti (che non stanno solo da una parte) Buon Natale a tutti.
  • Alessandro B. Utente certificato 2 anni fa
    Scusate ma.. si è voluto anticipare il primo di aprile di quattro mesi?! https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10206631172732142&set=gm.882091325237863&type=3&theater https://www.facebook.com/186334521702355/videos/194831760852631/ quel che mi pare oggi è che hanno pensato che il preside fosse legato al Movimento e si sono fiondati sulla notizia per sputtanarci senza nemmeno considerare la realtà dei fatti: sono andati a cercare il preside nei nostri archivi tra "i candidati cinque stelle" ed è saltato fuori il suo stesso nome (peccato che era di un suo omonimo vicino nato tempo più tardi rispetto a lui) ...e poi han seguitato con imbarazzo con la solita tiritera benché han cominciato una cosa senza senso.. ma pur di non far la figura di m... farsi vedere e straparlare, tutto fa brodo.
  • michelangelo di tefano 2 anni fa
    Ma perché almeno non si controllano le notizie. Semplicemente è tutto falso!! Niente concerto cancellato, nulla di nulla, che brutta figura, in pessima compagnia, peraltro. Anche Faraone e Salvini potevano risparmiarsi i commenti sul niente!
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      Anche tu potevi risparmiare il tuo di commento... Ma chi sei?
  • Truth .. Utente certificato 2 anni fa
    Firmato?
  • Stefano Malorgio 2 anni fa
    Questo post è veramente disgustoso, sono un elettore del M5S e penso che bisognerebbe esprimere solidarietà al Preside Parma per il linciaggio mediatico che ha subìto. Linciaggio architettato da politicanti buoni solo a cavalcare l'onda dello sdegno popolare, mentendo (coscienziosamente) sui fatti accaduti per pura propaganda elettorale. Leggendo i giornali sembra che sia stata vietata la festa di Natale, NON è vero niente, è stato impedito a due mamme di entrare a scuola durante l'orario della mensa per insegnare ai bambini dei canti religiosi ai bambini cristiani. Mi sembra del tutto giusto e legittimo, i canti religiosi lasciamoli in chiesa e soprattutto lasciamo agli insegnanti il compito di gestire i bambini nel loro istituto. Dovreste scusarvi col Preside Parma per questo post e non cavalcate più l'onda emotiva e populista della pancia ignorante degli elettori. Piuttosto dovreste limitarvi a smascherare questo scempio di mala-informazione. Saluti
  • Nicola Licci 2 anni fa
    Ma perchè scrivete falsità? Il preside non può far nulla senza una delibera del consiglio di istituto che l'autorizza Il presidente del Consiglio di Istituto è sempre un genitore . Lui è un dirigente che realizza quanto deciso dal consiglio di amministrazione
  • Angelo Ferrari 2 anni fa
    Tolgo il " mi piace " alla pagina fb di beppegrillo.it perché non è possibile che insistiate con questo articolo bigotto sulla cultura e tradizione del natale stile leganord, vergognatevi, la scuola statale italiana deve essere laica.
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      Oooohhh, quanto ci dispiace!!!
  • quinto c. Utente certificato 2 anni fa
    Sono Cattolico e praticante e penso che la scuola deve essere laica. Ci sono altri luoghi dove la Cultura Cristiana e Cattolica puó vivere come per esempio la famiglia e le parrocchie. Molto spesso ci ricordiamo delle nostre origini Cristiane solo per cavalcare un confronto culturale inutile. Per un Credente il Natale non é il coro intonato dai ragazzini in una scuola o l'apertura dei pacchi regalo la mattina del 25 dicembre ma é un annuncio ed un incontro con DIO.
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      Bigotto e ignorante
  • Cristina Conetti 2 anni fa
    Il CASO DEL PRESIDE CHE CANCELLA IL NATALE Perché questa montatura gigantesca? Veniamo a sapere che i bambini sono al freddo, e un intero quartiere di quel di Rozzano sta al freddo perché il "TELERISCALDAMENTO" (fornito dall'inceneritore) NON FUNZIONA DALL'INIZIO DELL'INVERNO! che la società che lo gestisce è praticamente fallita con MPS come prestatore strozzino. che il "conguaglio" su 10 anni che i cittadini riceveranno in fattura è UNA MAZZATA con tariffa doppia rispetto a un comune riscaldamento di una palazzina privata. Che in quella stessa scuola, non ci sono porte ai bagni, non ci sono nemmeno veri bagni a dirla tutta. Una non notizia costruita ad arte su "tu scendi dalle stelle" per distrarre dalle gravissime mancanza dell'amministrazione su servizi igienici ai bambini e riscaldamenti ai cittadini. https://www.facebook.com/186334521702355/videos/194831760852631/
  • paolo romanello 2 anni fa
    La solita maniera di voler dimostrare una saggezza che non può esistere, si cerca di farla esistere manipolando i bambini,come se non fossero già manipolati abbastanza da noi adulti privi proprio di quella saggezza che vogliamo dimostrare a tutti i costi di avere.Lasciamoli godere queste feste in santa pace , cantando e facendo alberi di Natale e presepi!Il presepio altro non è che un diorama che rappresenta un evento accaduto in altri tempi, tutto li. Lasciamo ai soliti saggi le spiegazioni riguardo alla tolleranza e al rispetto degli altri. I primi da rispettare sono i bambini che non devono essere plagiati e costretti a soggiogare a regole idiote che adulti hanno stabilito e modificato nei secoli.Bambini con fucili in mano ,costretti a combattere per ideali finti che nascondono la volontà di potere a tutti i costi, bambini privati delle medicine per embarghi imposti dai Paesi così detti "civili",schifosamente civili e venditori di armi a dei pazzi criminali plagiati a loro volta per trarne potere!Che schifosa società Mondiale, distruttrice di pace e di infanzia felice!Sono disgustato,orrendamente disgustato non dai Popoli detti incivili ma disgustato dalla società che si dice civile, corrotta,guerrafondaia,inquinatrice che vuole il progresso uccidendo le libertà!Questa è una società prigioniera delle menzogne, non c'è verità , tutto manipolato per interessi di pochi! Bah! Auguri a tutti gli onesti. Paolo buon.
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      Prova a riformulare per favore... Cosi come lo hai scritto non ci vedo ne capo ne coda.
  • ***** Stefano Pedrollo Utente certificato 2 anni fa
    non sono d'accordo. la scuola deve essere laica. i canti natalizi si fanno in chiesa.
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      "Scuola Laica" non significa "Scuola Atea". Attualmente gli insegnanti della scuola pubblica non sono certo preti... e fino a prova contraria la materia religione si sceglie, non è obbligatoria. Ma andiamo ancora oltre, proviamo a chiederlo ai bambini se vogliono fare i canti natalizi.
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      certo, ma di questi tempi chiedere un tanto mi sembra sbagliato. Forse c'è qualche altra priorità.
  • Laura Rocci Utente certificato 2 anni fa
    Questo articolo è pieno di inesattezze: 1) nessun concerto di Natale è stato cancellato, semplicemente non è mai stato organizzato. 2) il gruppo consiliare di Rozzano è schierato pubblicamente con il Preside Parma. 3) nessuno ha impedito ai bambini di intonare i canti natalizi. ELIMINATE QUESTA BUFALA VERGOGNOSA DAL BLOG!!!
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      sei addentro alla cosa? Leggi le dichiarazioni del tizio e giudica da quelle.
  • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
    Chi avrebbe detto queste parole? «Le beghe degli adulti non devono ricadere sui bimbi e a me interessa solo che a scuola ogni momento sia condivisibile per tutti e che nulla possa creare imbarazzo o disagio a qualcuno - aveva detto mentre infuriavano le polemiche - Credo sia un passo avanti verso l'integrazione e non indietro rispettare la sensibilità di chi la pensa diversamente, ha altre culture o religioni - ribatte il preside - Questa è una scuola multietnica, sarebbe stato giusto se nelle feste di classe una parte dei bambini avessero cantato della canzoni dalle quali erano esclusi altri? e poi dopo quello che è successo a Parigi qualcuno lo avrebbe considerato una provocazione». Dico io: questa è una scuola italiana e se altre confessioni volessero festeggiare altre ricorrenze, che lo facciano quando credono.
  • undefined 2 anni fa
    Nn riesco a credere a quello che leggo. Qui nn si tratta di cancellare una cultura o delle consuetudini tutte italiane. Si tratta di riconoscere il ruolo della scuola e delle direzioni che irrimediabilmente da nel corso formativo e di crescita di un bambino o ragazzo. Nn si tratta di dare ragione o torto a chi professa altre religioni, si tratta di eliminare stereotipi obbligati dagli istituti scolastici e permettere ai ragazzi di prendere decisioni proprie sulla base di quanto imparato o capito nel corso dei primi 10 anni di vita. I SIMBOLI RELIGIOSI, COSI COME ALTRI SIMBOLI COMMERCIALI O PARTITICI O COME VOLETE NN DOVREBBERO ESISTERE ALL'INTERNO DELLE SCUOLE. Se uno vuole cantare il natale puo farlo quando vuole ma nn crescitagli va imposto e nemmeno indicato dalla scuola. Io sto col preside, ce ne fossero come lui.
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      Certo!! Togliamogli anche i loghi da sopra le scarpe, e tutti gli zainetti uguali. Togliamo tutte le immagini dei cartoni dalle copertine dei quaderni. Buttiamo via la foto del Presidente e con lui anche il libro di storia, di letteratura, di geografia, di musica e anche di storia dell'arte. Lasciamo decidere ai bambini cosa vogliono studiare, a 10 anni sono abbastanza maturi per poter decidere della loro formazione. Ma soprattutto lasciamogli scegliere se iscriversi o no a scuola.
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      quel traguardo lo devono raggiungere gli italiani senza alcuna spinta di religioni straniere. Lo vorrei anch'io ma ora non è il momento. Un mussulmano fu il primo straniero che io ricordi a voler far togliere il crocifisso nelle aule, anni fa. Bene ma allora nessun simbolo religioso deve essere ostentato in nessun luogo. Dev'essere una lotta italiana per suggellare la laicità dello Stato. Ora troppi equivoci possono sorgere ed è meglio soprassedere in attesa di tempi più tranquilli.
  • Giuspensiero 2 anni fa
    Si parla da anni di laicità nelle scuole, nelle istituzioni perchè si sostiene che la laicità sia un valore aggiunto. Fanno ridere se non piangere che è peggio. Il rispetto verso le religioni non è tanto limitare la nostra libertà per far piacere, o meglio per non dispiacere i musulmani perchè di loro si sta parlando, non certo dei buddisti o degli ortodossi o degli ebrei , ma il vero rispetto è concedere agli altri la loro libertà e non limitare la nostra. Parlo da persona laica, non cattolica, ma mi fa rabbia che si parli tanto di laicità quando poi siamo " costretti" a rispettare una cultura che di laico non ha nemmeno una microscopica parte della loro mentalità.. Ogni cosa, ogni legge, ogni gesto nella cultura musulmana è intriso di religione. Anche il fatto di portare il velo è come sbatterti in faccia ogni giorno il loro credo. E' come se io portassi un crocifisso gigante appeso al collo tutti i giorni. TI accorgi da chilometri che quella persona è musulmana solo per il fatto che porta il velo. la religione è la sessualità dovrebbero essere fatti privati. Questa è la laicità e il rispetto a mio avviso. Allorà perchè noi dobbiamo enfatizzare la laicità, così tanto esaltato, quando per loro non ha nessun valore? la vera libertà non è questa. Non è sottomettere i valori forse adesso ormai di pochi, ma che sono stati della maggior parte di noi è fanno parte della nostra cultura. Quanti di noi si sono sposati in chiesa? Quanti hanno battezzato i propri figli in chiesa ? Il 90 % pur non essendo proprio praticanti. Perchè? Perchè siamo liberi di farlo.perchè anche se lo neghiamo qualcosa inconsciamente o meno significa. Loro vogliono integrarsi o fanno solo finta perchè se davvero lo volessero dovrebbero essere i primi a rispettare certe nostre tradizioni, per dimostrare che hanno rispetto di tutte le culture religiose, ma non lo fanno e sappiamo bene il perchè, senza ovviamente voler generalizzare. Il presepe è una cosa che fa parte nella nostra cultura e il natale
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      Infatti... Credo ci siano più Italiani che Stranieri a cui va stretto Gesù. Ma poi pensa alla nostra stupidità in questo tipo di discussione... quando parliamo di noi ci autoidentifichiamo con un concetto politico(ITALIANI), quando parliamo dei mediorientali o dei nord-africani li identifichiamo automaticamente con un concetto religioso (MUSSULMANI).
  • Massimo Trento (orbo e semisordo) Utente certificato 2 anni fa
    ...stavo dicendo...che gli australiani andrebbero mandati via a calci in culo dal continente che li ospita, visto che han fatto fuori 5.000.000 di aborigeni, cacciandoli come conigli e rapendo -legalmente s'intende- i bimbi dei medesimi fino al 1975, per farli crescere secondo i dettami britannici sotto la custodia di istituzioni del Common Wealth. Auguri!
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      Io sono ateo. Vorrei che tutto ciò che sia riconducibile alla Chiesa sparisse. Non per questo espatrio o non festeggio Natale e Pasqua. Una festa è una festa e io festeggio, me ne sbatto di come si chiami. Australiani, inglesi, francesi, spagnoli e noi stessi assieme ad altri. Colonialisti del cavolo che fanno monumenti a Cortez e simili. Però è passato. Sarebbe sufficiente farsi i cavoli propri da ora in poi.
  • Massimo Trento (orbo e semisordo) Utente certificato 2 anni fa
    Io sono agnostico, forse pure ateo...e non ho mai partecipato alle feste natalizie da ragazzino e men che meno lo faccio ora. Ma mi stanno poderosamente sui coglioni tutti quelli, secondo i quali bisognerebbe laicizzare le scuole, trasformare il natale o pasqua nelle feste dell'amicizia o dell'amore universale. Non perdo neppure un secondo in considerazioni storiche o filologiche...perche' m'incazzerei ancora di piu'. Chi non vuole il natale, la pasqua, la cresima, il prete, il matrimonio ecclesiastico, le chiese e il vaticano, faccia un piacere a tutti e espatri...Da qualche parte in Europa, America o Australia trovera' il suo paradiso. A proposito di quelli che l'Australia sa far rispettare le sue tradizioni: gli australiani andrebbero mandati via dal continente australiano a calci in culo...spa
  • Laura Rocci Utente certificato 2 anni fa
    Mi dispiace ma non sono d'accordo. Come insegnante e come madre, #ioStoConMarcoParma. Pare che la festa non sia stata rimandata, ma fosse programmata per il 21gennaio già da settembre, ma anche fosse stata rimandata non ci vedo nulla di scandaloso, se supportato dalle giuste motivazioni. L'unica cosa che vedo qui è l'integralismo di chi si ostina a giocare dei derby religiosi. PS: io canto tutte le canzoni, ma non porto bandiere! #peace please
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      io sta con chi fa io proprio mestiere e non va sui giornali.
  • Cristina Conetti 2 anni fa
    Io spero vogliate essere i primi a fare le vostre scuse al Preside Parma. Sarebbe un gesto di onestà dopo la cantonata presa dai giornali e cattiva informazione. http://www.nextquotidiano.it/marco-parma-le-ridicole-dimissioni-del-preside-di-rozzano/
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      Direzione UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Abbiamo valutato la Sua richiesta di dimissioni. Vista la sua inadeguatezza nel ruolo di dirigente scolastico e vista altresì la sua bontà d'animo quasi strappalacrime, le COMUNICHIAMO che entro il giorno 24 c.m. le sarà assegnato un nuovo incarico. Stiamo valutando l'idea di assegnarle il ruolo di "angioletto". Le sarà comunicato quanto prima su quale presepe presentarsi. Certi di farle cosa gradita le auguriamo BUON NATALE. p.s. ma fatemi il piacere.....
  • Andrea Baroncelli 2 anni fa
    Se questa è la lettura che il M5S dà di una vicenda ispirata ai principi della laicità e chiaramente deformata da certa stampa (e politica) d'accatto, il M5S è destinato a fare la stessa fine dei vari partiti.
  • silvio t. monza 2 anni fa
    DISCORSO DEL PRIMO MINISTRO AUSTRALIANO ABBOT: "GLI IMMIGRATI NON AUSTRALIANI DEVONO ADATTARSI! Prendere o lasciare, sono stanco che questa nazione debba preoccuparsi di sapere se offendiamo alcuni individui o la loro cultura. La nostra cultura occidentale si è sviluppata attraverso lotte, vittorie, conquiste portate avanti da milioni di uomini e donne che hanno ricercato la libertà. La nostra lingua ufficiale è l’INGLESE, non lo spagnolo, il libanese, l’arabo, il cinese, il giapponese, o qualsiasi altra lingua. Di conseguenza, se desiderate far parte della nostra società, imparatene la lingua! La maggior parte degli Australiani crede in Dio. Non si tratta di obbligo di cristianesimo, d’influenza della destra o di pressione politica, ma è un fatto, perché degli uomini e delle donne hanno fondato questa nazione su dei principi cristiani e questo è ufficialmente insegnato. E’ quindi appropriato che questo si veda nei simboli sui muri delle nostre scuole. Se Dio vi offende, vi suggerisco allora di prendere in considerazione un’altra parte del mondo come vostro paese di accoglienza ed andarci, perché Dio fa parte delle nostra cultura. Non Allah. Noi accetteremo le vostre credenze senza fare domande. Tutto ciò che vi domandiamo è di accettare le nostre, così come le accettiamo noi e di vivere in armonia pacificamente con noi. Questo è il NOSTRO PAESE; la NOSTRA TERRA, il NOSTRO STILE DI VITA, LA NOSTRA CIVILTÀ, LA NOSTRA CULTURA, LA NOSTRA RELIGIONE, i NOSTRI COSTUMI, le NOSTRE TRADIZIONI, e vi offriamo la possibilità di approfittare di tutto questo. Ma se non fate altro che lamentarvi, prendervela con la nostra bandiera, il nostro impegno, la nostra politica, i nostri costumi, le nostre credenze cristiane, i nostri simboli o il nostro stile di vita, allora vi incoraggio fortemente ad approfittare di un’altra grande libertà australiana: IL DIRITTO AD ANDARVENE VIA DALL'AUSTRALIA e noi siamo pronti ad aiutarvi in questo"
    • Aldo 2 anni fa
      L'Australia ha dei primi ministri con il cervello a posto mentre noi, purtroppo, solo tanta mediocrità servile. Una Europa che vuole crescere senza mantenere le proprie radici non ha più futuro!
  • Savio1 2 anni fa
    Faccio fatica a capire come un gruppo di maomettani possono cancellare un modo di fare e di vivere da 2015 anni. Ma vi siete rincitrulliti?
  • Giovanni pani 2 anni fa
    Sono stato sfortunato da bambino e da ragazzo non sono mai stato in scuole in cui si festeggiava il natale. Queste cose si facevano in parrocchia. Ricordo con precisione che mentre facevo il liceo cominciarono a spuntare come funghi queste iniziative. Mentre il mondo cambiava e riprova la libertà di pensiero e quella sessuale nelle scuole si cominciarono a fare presepi recite etc etc. .
  • Silena Toma 2 anni fa
    La scelta del Preside, seppur presa in una ottica di integrazione, ha sollevato molte polemiche dato il contesto storico "caldo" che stiamo vivendo. Pur comprendendo le ragioni che hanno indotto il docente a considerare questa eventualità, l'esperienza insegna che l'integrazione avviene attraverso la conoscenza e in nessun altro modo. Auspico che presto venga attuato un programma nelle scuole in cui si insegni ai ragazzi le radici e le fondamenta delle maggiori religioni per dar loro gli strumenti con cui trovare i punti in comune fra esse e quindi fra i popoli. Insegnare ai ragazzi a vivere e conoscere anche i rituali e i costumi non sarebbe male...vendesi lo Chanad per gli ebrei come la Al-Id Al-Kabir per gli islamici, ecc...ecc.. Ma forse non siamo pronti per questo.
  • Francesco Bincoletto 2 anni fa
    Per il dirigente scolastico dimissionario... La butto lì!!!: perché non smettiamo di parlare italiano , e ci dedichiamo all'unisono alla lingua araba????? Così da poterli accogliere nel migliore dei modi , e di dimostrare al mondo , la laicità italiana , e la scemenza di chi non ha ancora trovato il suo spazio in mezzo ad una società.
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      si si !!! Abbandoniamo anche la nostra cucina, la nostra musica e il "made in italy", se no qualche extra-comunitario potrebbe sentirsi emarginato. Radiamo al suolo ogni palazzo storico, tutte la chiese e poi "VIA" con la ricostruzione. p.s. poveri figli miei
  • Aldo 2 anni fa
    Vorrei ribadire a quei presidi e professori ignoranti, che la Bibbia, come il Corano, non accusano la nascita di Gesù come offesa, anzi, i musulmani essendo loro, come noi, discendenti del patriarca Abramo accettano Gesù come profeta, anche se non è il loro. Vedere qui: https://it.wikipedia.org/wiki/Ges%C3%B9_nell%27islam Vedere anche genealogia di Gesù edizioni CEI, qui : http://www.maranatha.it/Bibbia/5-VangeliAtti/47-MatteoPage.htm Inoltre il Presepe è una tradizione che evoca un fatto storico ben preciso e documentato ( anzi,a mio parere, il presepe per essere completo dovrebbe contenere addirittura i soldati di Roma antica che occupavano all'epoca la Giudea) e riguarda la natività del profeta Gesù a Betlemme di Giudea e i Magi venivano da Oriente, erano Caldei. Credo che questi presidi e professori sono solo una povera associazione culturale a delinquere di stampo oscurantista! Dei poveretti nella mente. Questi "intellettuali" sono degli integralisti della nuova moda o dottrina: " Il Big-Bang è Dio e Darwin il suo profeta" E' paradossale che questi seguaci dell'intellighenzia umana piuttosto che sentirsi figli di una Mente Superiore preferiscono sentirsi figli di una grande scoreggia universale: il Big-Bang, appunto. Io credo che sto Marco Parma è solo geloso di Gesù bambino perché Gesù è stato partorito dal buco giusto mentre lui,il preside da quello sbagliato
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      Poveri figli nostri
    • Giuseppe fariella 2 anni fa
      Anche Grillo si è fatto fregare da questa campagna stampa basata su falsità... Ni è più quello di una volta!
    • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
      Tipico esempio di fondamentalismo vetero-cristiano creazionista. Nemmeno mia nonna diceva simili amenità. Persino comico che questo personaggio abbia il coraggio di definire "ignoranti e oscurantisti" e addirittura "associazione a delinquere" chi non la pensa come lui: quando si dice il mondo alla rovescia. Complimenti soprattutto per l’eleganza e la “profondità” degli ultimi due paragrafi: se tu sei figlio di una Mente superiore preferisco essere orfano e quanto ai buchi giusti non so proprio quali siano visto che la presunta madre di Gesù per la Chiesa è rimasta vergine anche dopo il parto…
  • Ileana B Utente certificato 2 anni fa
    Sono costernata del fatto che chi ha redatto questo post non ha chiamato nè i Parlamentari di zona, nè i consiglieri regionali o gli attivisti che da 9 anni sono li e conoscono direttamente i fatti per redarre questo post. Mi spiace, risponderò con le parole di una insegnante della scuola di Rozzano - non un attivista del 5 stelle: Ornella Godi 14 ore fa · Modificato · Tutti uniti per il Preside Marco Parma. Mi aspetto solidarietà da parte di tutti i docenti, i genitori e il personale ATA di tutto l'Istituto Comprensivo Garofani contro la guerra mediatica scatenata verso il nostro dirigente scolastico. Il Preside NON ha MAI cancellato nessuna festa né proibito di farla. NON ha spostato alcun concerto perché era già programmato da settembre per il 21 gennaio. La festa i Natale ci sarà il 21 dicembre, come c'è sempre stata tutti gli anni e TUTTI e dico TUTTI lo sanno benissimo. I crocifissi NON li ha mai rimossi perché mancano da ben 14 anni... menzogne, cattiverie, insulti... abbiamo assistito a di tutto!!! NON staremo a guardare, lotteremo affinché si conosca la verità. Caro Preside, Lei ha la stima e la riconoscenza di tutti noi per il lavoro svolto per la nostra scuola e i nostri bambini. IO STO CON MARCO PARMA.
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      tutto inventato dunque? Lui non ha mai parlato?
    • Raffaella L. Utente certificato 2 anni fa
      Ciao Ileana, quello che hai scritto è bello e ti dirò che sia io che mio marito, ci siam chiesti se c'era qualche cosa sotto...e infatti ecco che esce la verità! Spero che il docente, cambi idea, perchè se lui non ha mai fatto o detto nulla di quanto è stato riportato, deve andare avanti e a testa alta, non mollare mai!!! Per quanto riguarda il resto e mi riferisco a chi vule togliere crocifissi, canti ecc, che fanno parte delle nostre usanze,per alcuni del proprio credo, dico che è vergognoso e ipocrita, ogni persona potrebbe portare il suo credo e parlarne insieme in classe, questa è conoscenza, rispetto e segno di civiltà, chi invece non crede in niente, può essere esentato. Possibile che in Italia non esistano mai le vie di mezzo?
  • Vincenzo Lepori 2 anni fa
    Questi commenti non dovrebbero esserci perché il post scritto non riporta nella prima parte la corretta informazione. Lo scrivo a malincuore ma il compito di un attivista prima di parlare, soprattutto se ricopre cariche elettive di qualsiasi tipo o di diffusione di notizie, è quello di verificare le notizie e di riportarle sempre correttamente, magari corredate dalle fonti, ma nella massima trasparenza e semplicità per essere più chiaro possibile. Soprattutto quando qualcuno, l'amministrazione del Comune di Rozzano, mette ad arte una persona, servitore dello Stato ed integerrima persona, alla gogna mediatica nazionale SOLO perché fa il suo lavoro senza scendere a compromessi!
    • Vincenzo Lepori 2 anni fa
      Questa la risposta del Preside Parma pubblicata stasera come circolare ai docenti e personale della scuola. https://www.facebook.com/vincenzo.lepori/posts/10201038940972874?notif_t=like
  • Aldo 2 anni fa
    Vorrei dire a quei presidi e professori ignoranti, che la Bibbia, come il Corano, non accusano la nascita di Gesù come offesa, anzi, i musulmani essendo loro, come noi, discendenti del patriarca Abramo accettano Gesù come profeta, anche se non è il loro. Vedere qui: https://it.wikipedia.org/wiki/Ges%C3%B9_nell%27islam Vedere anche genealogia di Gesù edizioni CEI, qui : http://www.maranatha.it/Bibbia/5-VangeliAtti/47-MatteoPage.htm Inoltre il Presepe è una tradizione che evoca un fatto storico ben preciso e documentato ( anzi,a mio parere, il presepe per essere completo dovrebbe contenere addirittura i soldati di Roma antica che occupavano all'epoca la Giudea) e riguarda la natività del profeta Gesù a Betlemme di Giudea e i Magi venivano da Oriente, erano Caldei. Credo che questi presidi e professori sono solo una povera associazione culturale a delinquere di stampo oscurantista! Dei poveretti nella mente. Questi "intellettuali" sono degli integralisti della nuova moda o dottrina: " Il Big-Bang è Dio e Darwin il suo profeta" E' paradossale che questi seguaci dell'intellighenzia umana piuttosto che sentirsi figli di una Mente Superiore preferiscono sentirsi figli di una grande scoreggia universale: il Big-Bang, appunto. Io credo che sto Marco Parma è solo geloso di Gesù bambino perché Gesù è stato partorito dal buco giusto mentre il preside da quello sbagliato
  • clyde 2 anni fa
    ho letto con piacere la presa di distanza da parte del blog, nei confronti delle decisioni di questo signore, malato di protagonismo. Leggendo i vari commenti, mi sono poi incupito, perché al solito, mentre il gruppo dirigente dei 5S dimostra onestà intellettuale e preparazione, tra i simpatizzanti abbondano gli estremisti di sinistra che, urlando più degli altri, finiscono per prendere il sopravvento e condurre il movimento in una palude ideologica abominevole: svuotare le pareti dai crocifissi, o rinnegare le origini cristiane, che stanno alla base della nostra democrazia, non la miglioreranno, anzi, consentiranno a chi della democrazia non se ne fa nulla, anzi la considera una forma sbagliata di organizzazione sociale (come ad esempio gli islamici, o i marxisti, o i nazisti) di prendere il sopravvento e imporci il loro modo di vivere. Proviamo a pensare a cosa succederà quando gli islamici saranno percentualmente un po' più forti nelle nostre società, se già oggi riescono a influenzare così la nostra vita e , consentitemelo, e rovinarci secoli di progresso ed evoluzione sociale. E cosa credono atei e laici, che gli islamici avranno forse più riguardi , per loro? Un corno. Gli taglieranno la gola, come prescritto per tutti coloro che non obbediscono al volere del profeta. Quindi meno discorsi campati per aria e più concretezza: meglio una democrazia, per quanto imperfetta, che il medioevo. Se non lo volete fare per voi, fatelo per i vostri figli, le vostre sorelle, madri, mogli. Non chiniamo la testa davanti a questi nuovi barbari, ricordiamoci che il Libano era un paese a maggioranza cristiana, fino a 30 anni fa, e oggi è una specie di sultanato. Ovunque gli islamici stanno perseguitando e massacrando TUTTI i diversi. Cosa devono fare ancora, perché tutti noi si decida di reagire come si deve, almeno a casa nostra?
    • Gio R. Utente certificato 2 anni fa
      io non vorrei mai chinare la testa per delle credenze altrui qualsiasi esse siano nè vorrei mai che qualcuno lo facesse. Questo è da augurarci. Ognuno si tenga le proprie credenze sempre che non limitino i diritti altrui.
  • Enrico Villata 2 anni fa
    Einstein disse: "Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi" Abbiamo l'ennesima conferma della validità dell' affermazione di Einstein. E.Villata
  • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
    L'albero di Natale nelle piazze lo aboliamo? E la Venere di Botticelli, la mettiamo in brache?
  • Lunia Ales Utente certificato 2 anni fa
    Falsità! Beppe mi delude la faciloneria con cui giungi a queste conclusioni...
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      certo, anche sul quadro di Chagall vietato agli scolari se parlasse farebbe male, vero? E perché non aboliamo le chiese? Non le moschee, ovvio.
  • Aldo Masotti Utente certificato 2 anni fa
    "Dopo quello che e' successo a Parigi......una provocazione" ? Si rispetta chi ci rispetta. L'Islam non rispetta gli altri (tantomeno i laici), qualcuno legge le notizie internazionali su come l'ISIS a ucciso centinaia di Yazidi in particolare donne fra 40 e 80 in quanto non utili ad essere rese schiave ? Si noti che gli occidentali sono una minoranza in questi genocidi. Kurdi, Yazidi ed altre popolazioni locali vengono sterminate e qui per rispetto a questa ideologia criminale mascherata da religione non vogliamo cantare "tu scendi dalle stelle" ? Vedi: http://news.yahoo.com/bombs-found-around-iraq-mass-grave-victims-163215409.html http://news.yahoo.com/executes-3-500-syria-since-declaring-caliphate-monitor-140645197.html Ma da che parte stiamo ?
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      Non occorre leggere nessuno in merito. E' semplicemente ragionevole abolire i simboli religiosi dalle istituzioni pubbliche e, secondo me, la loro ostentazioni in pubblico ma questo è forse troppo. Dobbiamo farlo noi, italiani e non sull'onda del "buonismo" becero. Per il momento è il caso di soprassedere e mantenere proprio quelle usanze e tradizioni che io stesso vorrei abolire. Ti dirò che a me il Natale va bene per la riunione di famiglia ma se si chiamasse festa della Famiglia sarei più contento. Pasqua festa dell'Amicizia e così via. Ma non si potrà per tanto tempo, forse mai.
    • Aldo Masotti Utente certificato 2 anni fa
      Cero: e' per questo che bisogna discriminare fra Cristianesimo ed Islam. Caro Laico puoi esserlo solo in una societa' cristiana. Quando i Musulmani diventeranno maggioranza toglieranno tutte le leggi "laiche" che potranno. Non perche' oggi sono stati discriminati ma perche' cosi' la pensano . L'Islam va discriminato come il Nazismo , il fascismo , il comunismo in quanto ideologia contraria ai diritti dell'uomo ecc ecc .
    • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
      Non c'entra nulla il rispetto e il preside ha fatto bene ma ha sbagliato le motivazioni. Non si devono togliere i crocifissi o i canti religiosi o il presepe, per fare un favore oggi agli islamici, domani ai Sikh o dopodomani agli adoratori del Prodigioso Spaghetto Volante. E’ necessario togliere qualsiasi simbolo religioso dalle scuole e da qualsiasi struttura pubblica per il motivo esattamente opposto ovvero per affermare con forza che lo Stato è laico e aconfessionale e non ammette ingerenze nella propria sfera. Compiono un fatale errore coloro che sostengono la legittimità dei crocifissi e dei riti religiosi nelle strutture pubbliche perché parte della cultura e delle tradizioni della maggioranza degli italiani: domani, quando gli islamici saranno maggioranza (e questo avverrà nel giro di pochi decenni) useranno lo stesso argomento dei cristiani per imporre la Mezzaluna, la Sharia e il Ramadan come “tradizioni culturali” della nuova maggioranza. E quando ce ne accorgeremo sarà già troppo tardi. Leggere a questo proposito il romanzo “Sottomissione” di Houellebecq
  • tarcisio f. Utente certificato 2 anni fa
    ma non è possibile! Ma hanno paura del Natale? ma quanta ignoranza... perchè rinunciare alla nostra tradizione, storia, cultura?
    • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
      Eh si, quanta ignoranza Tarcisio...
  • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
    Queste parole sono inventate? «Le beghe degli adulti non devono ricadere sui bimbi e a me interessa solo che a scuola ogni momento sia condivisibile per tutti e che nulla possa creare imbarazzo o disagio a qualcuno - aveva detto mentre infuriavano le polemiche - Credo sia un passo avanti verso l'integrazione e non indietro rispettare la sensibilità di chi la pensa diversamente, ha altre culture o religioni - ribatte il preside - Questa è una scuola multietnica, sarebbe stato giusto se nelle feste di classe una parte dei bambini avessero cantato della canzoni dalle quali erano esclusi altri? e poi dopo quello che è successo a Parigi qualcuno lo avrebbe considerato una provocazione».
  • antonello c. Utente certificato 2 anni fa
    tant'è che il gruppo di Rozzano si è subito schierato contro la decisione del dirigente. https://www.facebook.com/MoVimento5Stelle.Rozzano/posts/1645875465676614 pagina chiusa
    • antonello c. Utente certificato 2 anni fa
      grazie ad entrambi , ciao Paolo
    • Paolo Cicerone Utente certificato 2 anni fa
      ci sono cascati come tonni pure alcuni consiglieri di Rozzano, il primo comunicato è stato cancellato dopo che si sono chiarite le cose e la verità è cominciata a trapelare.
    • antonello c. Utente certificato 2 anni fa
      mi copi il testo scritto in questa pagina Davide ?
    • davide lak (davlak) Utente certificato 2 anni fa
      https://www.facebook.com/MoVimento5Stelle.Rozzano/posts/1646364938961000
    • antonello c. Utente certificato 2 anni fa
      Da quand'è che faccia libro è la piattaforma dei gruppi poi .. qualcuno ce lo spiegherà
  • Aldo Masotti Utente certificato 2 anni fa
    Il laico (cioe' colui che non crede in un dio) puo' esserlo perche' nella parola di Gesu' si ammette la legittimita' del "diverso da se' " (Legittimita' del tributo a Cesare) . Per questo l'Islam (che non contempla la LEGITTIMITA' ma solo la MISERICORDIA ) non puo' essere posto sullo stesso piano. Se il cristianesimo e' una religione l'islam e' una ideologia, e come tale va considerata a tutti gli effetti giuridici . Pertanto non vanno poste (dal laico come io sono ) sullo stesso piano. Derubricare dal rango di religione a quello di "ideologia" (alla pari di Nazismo , Fascismo , Comunismo ecc ecc ) dovrebbe essere una delle battaglie del M5S .
    • Aldo Masotti Utente certificato 2 anni fa
      @Lucio: infatti: "tenere separata la sfera...." Se hai una fede solo se sei cristiano puoi essere laico. Se non hai una fede puoi essere laico solo se condividi l'idea (Cristiana) di dare legittimita' al "diverso da te" . I comunisti dei tempi di Stalin non erano laici ma inducevano l'ateismo anche con azioni violente.
    • Aldo Masotti Utente certificato 2 anni fa
      E' difficile da mandare giu' ma la "laicita' dello stato" puo' esistere solo se la religione dello stato e' Cristiana (Buddismo e Thao non possiamo considerarli al nostro fine in quanto non hanno un dio monoteista) . Nel caso dell'islam (sottomissione) lo stato e le sue leggi non possono trarre legittimita' da qualcosa di diverso da Dio e pertanto dal Profeta. Di fatto solo il Cristianesimo e' giuridicamente compatibile con la laicita' dello stato.
    • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
      'Scusa, ma hai detto una sciocchezza: il laico non è affatto colui che non crede in dio, ma colui che, anche se credente, vuole mantenere separata la sfera pubblica da quella religiosa. E’ incredibile come in questo blog non ce nessuno che ha il coraggio di dirsi ateo (ovvero un normale essere umano), parola che sembra terrorizzare più del termine “terrorista”…! Inoltre non è che l’ateo può essere tale per gentile concessione di una frase di Gesù, ma per il semplice fatto che non trae la propria legittimazione da nessuno, se non dalla realtà delle cose. Le peggiori ideologie sono sempre meno dannose delle migliori religioni. E le migliori religioni sono sempre più dannose delle peggiori ideologie, perché oltre a motivi umani per fare del male ad altri essere umani aggiunge anche quello di farlo in nome di Dio. Le ideologie avranno sempre un motivo in meno per farlo rispetto alle religioni.'
    • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
      .
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      d'accordo nel principio ma non nella definizione. I laici osservano e praticano staccati da qualsiasi carica anche pseudo religiosa. Uno Stato dovrebbe esse ateo in quanto un ente non può credere in nulla. Anzi, nemmeno ateo. Dovrebbe essere Stato e basta. In God We Trust. Ben riposte le speranze.
  • davide lak (davlak) Utente certificato 2 anni fa
    questo post è completamente sbagliato. il preside non ha abolito un bel niente. ma informarsi meglio, prima, no eh?
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      scuole materne e scuole elementari devono essere lasciate fuori da ogni tipo di polemica. Non avrà proibito nulla (anche lui si lascia interpretare come tutto in Italia) ma se se ne fosse stato zitto sarebbe stato meglio.
  • Paolo Cicerone Utente certificato 2 anni fa
    https://www.facebook.com/marcoaufhebungmasini/videos/10201214296236389/?pnref=story
  • Nello Squillante Utente certificato 2 anni fa
    che cazzo scrivi, Grillo?
  • Paolo Cicerone Utente certificato 2 anni fa
    Chi ha scritto ste cazzate? Il preside Marco Parma, uomo con la schiena dritta e con le palle quadrate e che oltretutto è di una signorilità cortesia ed educazione d'altri tempi, per non parlare della sua immensa cultura... E' stato crocifisso in piazza da Lega e Pd che si sono messi d'accordo (guardacaso domattina viene Salvini a Rozzano) per fargli una trappola. In questo modo nascondono le loro magagne e attaccano i nostri come del resto stanno facendo ovunque. Il Preside NON ha MAI cancellato nessuna festa né proibito di farla. NON ha spostato alcun concerto perché era già programmato da settembre per il 21 gennaio. La festa di Natale ci sarà il 21 dicembre, come c'è sempre stata tutti gli anni e TUTTI e dico TUTTI lo sanno benissimo. I crocifissi NON li ha mai rimossi perché mancano da ben 14 anni... cioè dall'ultima volta che hanno fatto manutenzione in qulla scuola. E voi ci cascate come tonni? Questa è stata una porcata giornalistica dove le interviste ai docenti sono state tagliate e sono state messe solo quelle di chi è cascato nella propaganda!!!! Parliamo tanto dei giornalisti prezzolati e poi siamo i primi a cascarci anche noi? Ma perchè non chiedete ai diretti interessati?
    • Luca Galbiati 2 anni fa
      Sottoscrivo il commento di Paolo Cicerone. Sono di Rozzano e sono un po' triste che il commento ufficiale dei 5 stelle sia stato fatto - apparentemente - senza informarsi sui fatti e cascando nella rete della propaganda degli ignoranti. Ho un figlio che per anni all'estero ha frequentato una scuola internazionale dove c'erano genitori di varie religioni e atei (come il sottoscritto) e a Natale si festeggiava con Jingle Bells e con Babbo Natale. Fuori le religioni (tutte le religioni dalle scuole). Il mondo sarà migliore solo senza religioni e dogmatismi inculcati ai bambini fin dalla nascita.
    • clyde 2 anni fa
      scusi, ma perché nega l'evidenza? Ho sentito certe cose proprio dalla bocca del decerebrato che ricopre il ruolo di preside. Dire che i festeggiamenti cristiani, in un paese che è cristiano, che a lei piaccia o meno, turberebbero i musulmani, è una interpretazione alla rovescia di ciò che è accaduto: sono stati dei terroristi islamici a massacrare Parigi. Al limite sarebbero i cristiani a poter ritenere una provocazione qualsiasi concessione all'islam, in un momento come questo. Ma forse il suo livore anticlericale (che in parte condivido, peraltro), ha il sopravvento sull'osservazione dei fatti.
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      Non occorreva che parlasse su questo argomento. Che faccia il Natale, l'anno cinese, il capodanno mussulmano e qualsiasi altro purchè non rilasci interviste su argomenti del genere. E' un preside, che lavori in silenzio al di fuori del suo ruolo.
    • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
      Mi sembra che diciamo la stessa cosa: la solita festa con i canti religiosi al teatro era stata sostituita, fin da settembre ed in maniera collegiale, motivata e programmata, con il concerto della festa d'Inverno. Questo ai jihadisti cristiani non piace e quindi si sono inventati che era stata cancellata per via degli attentati e per paura degli islamici e che erano stati tolti anche i crocefissi (che invece non c'erano, giustamente, da anni). Fosse per me non farei nemmeno la festa del Natale a scuola, ma solo quella del Solstizio d'Inverno, che è l'unica ancorata alla realtà e che tutti i popoli festeggiano da 5000 anni.
    • Paolo Cicerone Utente certificato 2 anni fa
      Non voglio scriverlo con parole mie perchè potrebbe anche non crederci, le giro un post di un ex assessore di Rozzano che conosce ben la questione: http://rozzanofuturo.blogspot.it/2015/11/scuola-complimenti-agogliati-sputtana.html?m=1
    • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
      Condivido il giudizio sul post come ho scritto nel secondo commento, ma non vorrei che te ne accorgessi solo ora visto che se ne sono letti tanti simili e sui temi più disparati. Sono giuste molte delle tue precisazioni sulla vergognosa opera di disinformazione dei giornalisti di regime, di Lega, PD, Forza Italia e tutta la cricca criminale dei partiti, ma ti prego di non negare il nocciolo di quanto successo perché in questo caso diresti il contrario di quanto afferma il preside, per esempio qui: http://video.corriere.it/preside-non-escludere-nessun-bambino/a7a60d00-950f-11e5-b54c-257f4e9e995d Tutti dobbiamo sforzarci di essere meno approssimativi e più documentati. Certo, il 21 dicembre si svolgerà una semplice festa di Natale con i genitori a base si panettoni, tombala e vendita di manufatti a scopo benefico. Ma in realtà è vero che è stata cancellata la consueta “Festa musicale di Natale” che negli ultimi anni si era tenuta a teatro e che prevedeva i classici canti religiosi e sostituita con il concerto del 21 gennaio, festa dell’Inverno con lettura di brani di Rodari e musiche di Sergio Endrigo. Proprio per il rispetto che dobbiamo alla rettitudine e al coraggio del preside non negare gli sforzi che sta facendo per rendere più laica la scuola, le cui reazioni erano ampiamente prevedibili visto il bigottismo e lo stato di analfabetismo culturale e filosofico di gran parte degli italiani.
    • Paolo Cicerone Utente certificato 2 anni fa
      Leggiti anche i commenti, i docenti sono stati intervistati ma l loro interviste tagliate.
    • Paolo Cicerone Utente certificato 2 anni fa
      Te che ti credi furbo, leggi un pò qua quello che è successo davvero: https://www.facebook.com/ornella.godi/posts/10205366505977604?pnref=story
    • franco 2 anni fa
      Certo. E le sue interviste le ha rilasciate un suo clone. E le sua dimissioni la Regione se le è sognate, perché nulla essendo accaduto non esisteva motivo per darle. :-)
  • SARTA GIOVANNI 2 anni fa
    Anche che sia un dirigente scolastico ad abolire il concerto di Natale, mi faccio una domanda:chi è il dirigente scolastico di fronte alla collettività degli alunni e famiglie comprese, che fanno parte delle nostre tradizioni cattoliche e seguite tradizionalmente ogni anno? Forse si fa influire da altre tradizioni.Vorrei che spiegasse il motivo agli alunni e famiglie di ragione cattolica, di questo comportamento una volta che siamo noi cattolici a subire queste angherie, d'altra parte chi non aderisce a queste nostre tradizioni è libero o liberi di non presenziarle.Grazie per avere dato modo di dare questo mio parere.
  • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
    E’ giusta e coraggiosa la scelta del preside, ma è sbagliata la motivazione: non si devono togliere i crocifissi o i canti religiosi o il presepe, per fare un favore oggi agli islamici, domani ai Sikh o dopodomani agli adoratori del Prodigioso Spaghetto Volante. E’ necessario togliere qualsiasi simbolo religioso dalle scuole e da qualsiasi struttura pubblica per il motivo esattamente opposto ovvero per affermare con forza che lo Stato è laico e aconfessionale e non ammette ingerenze nella propria sfera. Compiono un fatale errore coloro che sostengono la legittimità dei crocifissi e dei riti religiosi nelle strutture pubbliche perché parte della cultura e delle tradizioni della maggioranza degli italiani: domani, quando gli islamici saranno maggioranza in europa (e questo avverrà nel giro di pochi decenni) useranno lo stesso argomento dei cristiani per imporre la Mezzaluna, la Sharia e il Ramadan come “tradizioni culturali” della nuova maggioranza. E quando ce ne accorgeremo sarà già troppo tardi. Leggere a questo proposito il romanzo “Sottomissione” di Houellebecq.
  • Giuseppina G. Utente certificato 2 anni fa
    mi risulta che fossero due mamme che si sono presentate dal preside a chiedere di poter insegnare, senza aver titolo per insegnare, delle canzoni religiose ai bambini durante il tempo scolastico ed il preside ha rifiutato. La scuola festeggia ugualmente e la programmazione era stata decisa già a settembre. A me sembra che la provocazione sia di queste mamme che, in seguito a quest'isteria sul terrorismo islamico, volevano inserire a forza le loro canzoncine senza le quali pare che il natale non esista!!! Bravo al preside! Il Natale si festeggia in tutto il mondo di qualsiasi religione ma la Repubblica Italiana è uno STATO LAICO e quindi si festeggi il Natale ma il festeggiamento religioso si faccia nelle chiese e nelle parrocchie e invece della propaganda elettorale si pensi a risolvere i tanti seri problemi delle scuole che cadono a pezzi che mi sembra ci siano anche nella scuola di Rozzano.
  • undzdravkobabicefined 2 anni fa
    Bravo grillo ! Ormai fai concorenza a dalvini
  • pietro gazzillo Utente certificato 2 anni fa
    Ogni sistema giuridico è intriso di un substrato culturale. Il primo elemento che contraddistingue sicuramente un sistema giuridico è sicuramente la religione. E un substrato culturale che sotto intende ad ogni sistema giuridico. Tanto vero che tradiscono quello che è il suo senso semantico delle parole, ma anche aiutano nelle catalogazioni e nelle comprensione del diverso giuridico, riempiendo di senso compiuto le parti mute dello stesso.
  • Daniela Name Utente certificato 2 anni fa
    Punto 12 della Carta dei diritti dell'infanzia http://www.vocidibimbi.it/Mondobimbo/Diritti/carta_dei_diritti.htm - Il bambino deve poter esprimere la propria opinione su tutte le cose che lo riguardano. Quando si prendono decisioni che lo interessano, prima deve essere ascoltato.- Non mi interessa sapere se i genitori infuriati hanno giudicato stupida e ipocrita la decisione, mi interessa sapere se la scuola ha rispettato il diritto dei bambini ad essere ascoltati prima di prendere qualsiasi decisione sul tema in questione.
  • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
    Buon Solstizio d’Inverno, Rozzano! https://www.youtube.com/channel/UCQZncuBXqURzOlodaKM0ZVA
  • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
    E' il frutto del buonismo presente anche all'interno del M5S. Se tolgono il Natale e magari, per forza poi, anche la Pasqua, io, da ateo ormai settantenne, mi armo e vado in guerra se viene proclamata. Il rispetto per l'altro è dovuto prima dall'ospitato (non invitato) verso l'ospite. Non lo vedo ancora.
    • elisabetta d. Utente certificato 2 anni fa
      Signor lucio, a lei non deve interessare quale religione professo o se sono atea. Questo a dimostrazione che credo nella laicità dello Stato , Dove Ognuno È Cittadino e rispetta la legge, ed è libero nelle sue scelte religiose che rimangono nella sfera del privato
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      io sono ateo
    • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
      Anche Tu sei solo laica? Certo che in questo blog non ce ne uno/a che ha il coraggio di dire di essere ateo/a (ovvero un normale essere umano), parola che sembra terrorizzare più del termine “terrorista”…! Dici che ognuno le vacanze “può festeggiarle come meglio crede , seguendo i riti della religione che professa” e indirettamente hai dato ragione ai bigotti visto che non hai contemplato chi non ne professa nessuna! Situazione paradossale visto che il sedicente Natale cristiano altro non è che la laicissima festa del natale del sole, del solstizio di inverno, festeggiata da almeno 5000 mila anni da tutte le popolazioni e culture, ma ahimè devastata e violentata dalle religioni. Se i “laici” continuano ad essere così arrendevoli e timidi i musulmani e i cristiani ci mangeranno in un sol boccone…
    • elisabetta d. Utente certificato 2 anni fa
      Io sono laica e vorrei una scuola laica, non sono ospite, sono cittadina italiana che paga tutte le tasse , anche quelle , mio malgrado, che servono per gli insegnanti di religione.Le feste di Natale sono in realtà vacanze e ognuno può festeggiarle come meglio crede , seguendo i riti della religione che professa .
    • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
      Al contrario: i genitori islamici dicono (a parole) di non volere nessun cambiamento. Forse ti sfugge che la quasi totalità dei genitori islamici è d'accordo che si festeggi il natale cristiano in quella scuola (sul sito del Corriere della Sera puoi trovare diverse interviste). Non ti insospettisce questa cosa? Ora sono minoranza e quindi la tattica è quella di mantenere un profilo basso. Ma quando saranno maggioranza (e lo saranno in pochi decenni) allora useranno gli stessi argomenti dei cattolici e imporranno la mezzaluna e il ramadan come “tradizioni culturali” della nuova maggioranza.
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      Vi arrampicate sulle parole e non sui concetti.
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      Nessuno può venire a casa mia senza essere invitato e pretendere un qualsiasi cambiamento. Quel preside ha agito di sua propria iniziativa? Va rimosso. Ha agito spinto da terzi? Deve dire da chi. Tante belle parole ma resta il fatto che il Natale c'è e semmai sarà il laicismo a modificarlo, non il preteso rispetto di credenza altrui, a mio aviso errate e senza senso come qualsiasi religione. Il mio riferimento alla guerra? Con voi non si può parlare per paradossi.
    • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
      Ma guardi che non c’è niente da togliere per il semplice motivo che il natale cristiano è la riedizione di una ricorrenza, il Solsitizio d’Inverno, che l’umanità festeggia da oltre 5000 anni e che era presente in ogni cultura e religione ancor prima del cristianesimo. La chiesa cattolica stabilì la data della nascita di Gesù per il 25 dicembre (in realtà non si sa nulla sulla reale data) proprio per eliminare con la forza la festa del “Sol Invictus”, che si svolgeva proprio in quel giorno durante l’Impero Romano. Il natale cristiano e i crocifissi non si devono togliere dalle scuole e strutture pubbliche per fare un favore agli islamici, ma al contrario per affermare con forza a tutti che lo Stato è laico e aconfessionale. Lei dice di essere ateo, ma un ateo è una persona razionale e pacifica e non fa l’apologia della guerra e delle armi.
  • Domenico Cacciato Utente certificato 2 anni fa
    Non difendo il Preside per la sua scelta ma cerco di comprendere oltre la questione. Visti i fatti e le parole dette,credo che non si sia trattato di una crociata contro una confessione religiosa,tutt'altro è solo un modo per far rispettare un principio, cioè che lo Stato deve astenersi dal prendere una posizione, quindi deve rimanere neutrale. Di fronte ai fatti di religione,che appartengono alla sfera privata dei singoli, lo Stato deve tenere questo di comportamento. Per correttezza e buonsenso, allora sarebbe giusto mettere anche l'immagine di Allāh o di Buddha ed altri no?... Diciamo che è la nostra tradizione? Era anche tradizione, vedere le donne "bardate" di velo in testa, fino a 50 anni fa in Italia, giusto? Dopotutto per "tradizione", in altre parti del mondo lapidano le donne!... Oppure applicano l'infibulazione,ed anche in altre parti ancora nel mondo,si fanno tante altre cose. I canti di Natale a scuola cosa c'entrano scusate? Potremmo cantare anche in Parlamento, o credete invece sia giusto fare i canti di Natale in Chiesa? Gli "schemi mentali" della Gente, vincolano la Libertà dell'Uomo più di qualunque altra cosa al Mondo. Andiamo aVanti, liberandoci dagli errati convincimenti. Lo Stato deve rimanere laico, la scuola quindi, serve in definitiva ad imparare senza limite alcuno. Cristianesimo, Induismo, Islam, Buddhismo, Sikhismo, Ebraismo, Bahaismo, Confucianesimo, Giainismo, Shintoismo queste sono le religioni nel mondo. Gli Uomini, sfogano la loro meschinità, barricandosi dietro "simboli" che poco hanno in sintesi di Pace e di Comunione tra i popoli. I simboli nello specifico non rappresentano un male, ma il male è rappresentato dal singolo individuo che, interpreta male il "simbolismo" stesso. Gli Uomini, hanno inventato un Dio diverso, per farsi la Guerra. Dio è Unico e Irripetibile, ci osserva da lontano pensando quanto l'Uomo che egli stesso ha creato, sia ancora ignorante al cospetto dell'Universo. Cordialmente Luca. ☆ ☆ &#
    • Santo Cielo Utente certificato 2 anni fa
      l'immagine di Allah è proibita, tanto per la cronaca. Un laico non condivide ma tollera. Il cristiano non condivide ma tollera. Quando mai e dove un cristiano in paese mussulmano ha chiesto di non ostentare i simboli religiosi?. Prova a girare con la croce alla catenina del collo in un paese mussulmano, non fondamentalista. Vogliamo farci del male? Siamo sulla strada giusta.
  • Canzio R. Utente certificato 2 anni fa
    La cosa più bella che ho visto è un foglio di carta ,che il Governo australiano da agli stranieri che vanno a lavorare in quel continente.Sinteticamente vi dico cosa c'è scritto "in questa nazione si vive in questo modo ,queste sono le nostre tradizioni i nostri valori,se ciò non lo condividi è ti può creare problemi ,sei invitato a tornare da dove provieni" Più chiaro di così cosa volete?,questo serve ad illuminare il cervellino, dei nostri cacasotto , finti buonisti,ma sempre dei..cacasotto!
    • elisabetta d. Utente certificato 2 anni fa
      Certo , ma non si parla di religioni
  • Lucîo P. Utente certificato 2 anni fa
    -Come sempre dalla parte sbagliata il blog, quando si parla di religioni. Infatti Renz-ie è della stessa opinione. Qui non c'entra nulla il rispetto per il l'Islam (che personalmente disprezzo come tutte le religioni), ma il fatto inoppugnabile che nella scuola di Stato non ci possono essere ne crocifissi ne canti religiosi. Un monumento a Marco Parma, che ha interpretato bene il vero spirito del M5S: lo stato è laico e tutti i cittadini sono uguali, nessuna preferenza in base alla religione preferita dagli italioti.
    • Pietro Antonelli Utente certificato 2 anni fa
      "lo stato è laico e tutti i cittadini sono uguali" non è il M5S, è comunismo. Il M5S sono i cittadini dentro le istituzioni, e le decisioni importanti si prendono a maggioranza, (democrazia partecipariva), e gli agnostici e gli scettici, in Italia, credo siano una minoranza. Tra l'altro una minoranza anche vigliacca ed incoerente visto che al momento opportuno si prendono della religione solo quello che gli fa comodo.
    • clyde 2 anni fa
      complimenti per lo spiccato senso democratico.
    • davide lak (davlak) Utente certificato 2 anni fa
      quoto, in particolare il disprezzo per le religioni, TUTTE.
  • M. Mazzini 2 anni fa
    Ma lasciate in pace il Natale come noi lasciamo in pace il Ramadan. Se poi c'è qualche preside che vuole essere protagonista di se stesso ... si faccia da parte, non può fare il Preside.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus