Arca: trasferte, pranzi e cene faraoniche

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
regionelombard.jpg

"Assunzioni illegittime senza gara pubblica, uso di fondi pubblici per pranzi e cene faraoniche e per trasferte difficilmente connesse all’attività di ARCA Lombardia. E’ bastato un controllo approfondito alle carte, che il MoVimento aveva promesso in campagna elettorale per tutte le partecipate di Regione Lombardia, per far emergere anomalie sconvolgenti sull’operato di Andrea Martino, ex direttore generale dell’Azienda Regionale Centrale Acquisti. Stiamo predisponendo un corposo esposto alla Corte dei Conti su tutti i profili riscontrati di danno erariale. Sono stati utilizzate carte di credito societarie per lauti pranzi e cene, trasferte per migliaia di euro a Cracovia e Barcellona, solo per fare degli esempi, di dubbia pertinenza con gli obbiettivi dell’ente, senza dimenticare acquisti di film in streaming. E il paradosso è che, mentre i pranzi rimborsati aumentavano, non diminuivano di pari passo i ticket restaurant percepiti dalle figure apicali che spendevano. Inoltre da mesi segnaliamo l’assunzione diretta di un dipendente nell’ente pubblico senza alcun bando, una scelta evidentemente avvallata anche da Regione Lombardia. Non si possono affidare gare d’appalto per miliardi di euro, come quelli della Sanità, a una società che non è ancora riuscita a tagliare con il suo burrascoso passato; vogliamo scongiurare che un domani ad aggiudicarsi gli appalti siano sempre gli amici degli amici o multinazionali già coinvolte in scandali di tangenti investendo invece sulle piccole medie imprese oneste e trasparenti, il tessuto produttivo sano delle Lombardia e dell’Italia. Vogliamo che Arca, come centrale unica di acquisto della Regione, finalmente possa assumere un ruolo centrale nella “spending review” regionale permettendo risparmio alle casse pubbliche con enormi benefici per i cittadini garantendo le professionalità e le opportunità per le imprese italiane. Arca sarà un centro nevralgico d’interessi economici e politici. Per questo il Movimento 5 Stelle continuerà a controllare l’operato della partecipata nell’interesse dei cittadini assicurando la massima trasparenza gestionale ed operativa. Una regione fortemente esposta a illegalità e corruzione, come ha ampiamente testimoniato il caso Expo, non può permettere che Arca continui a essere lo zerbino degli interessi di potenti e dei politici, ma deve fare in modo che diventi il motore della Lombardia".
M5s Lombardia

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • ina ghigliot 2 anni fa
    POLITOMETRO !!! E RESTITUZIONE !!
  • ROBERTO SCANNAPIECO Utente certificato 2 anni fa
    OCCORRE ANDARE A VERIFICARE I CONTI ED I CONTRATTI DI LOCAZIONE E VENDITA DI TUTTI GLI ENTI PREVIDENZIALI PUBBLICI E PRIVATI, DEI SINDACATI, DEI PARTITI, DEGLI ENTI ECCLESIASTICI, DEGLI ATER EX CASE POPOLARI, DEGLI ENTI TERRITORIALI PERCHE' TUTTI QUESTI SOGGETTI SONO STATI DEPREDATI IN 30 ANNI LASCIANDOCI SENZA PENSIONI, SENZA SANITA', SENZA CASE POPOLARI, SENZA SCUOLE ED UNIVERSITA', SENZA ASILI MA CON UN SACCO DI TASSE IN PIU'
  • ROBERTO SCANNAPIECO Utente certificato 2 anni fa
    è uno schifo le ruberie e gli sprechi a cui dobbiamo assistere in silenzio, mentre magari come è successo, un ladro di supermercati per 12 euro è arrivato in Cassazione. Loro, tesorieri, onorevoli, alti dirigenti, alte cariche pubbliche, non finiscono mai dentro anche se rubano miliardi, perché tutti sanno di tutti e si proteggono a vicenda. Un paese che affonda sotto i colpi inferti da un gruppo di malviventi al potere da 30 anni, riciclandosi ad ogni legislazione e favorendo i loro compari di merenda, sempre gli stessi, mentre il popolo muore di fame tartassato da gabelle di ogni tipo e spiato fin dentro casa per mantenere il lusso di costoro, spavaldi e spocchiosi. Un popolo sempre più umiliato e sottomesso, imbambolato da false promesse, falsi presagi, false notizie. Accontentandosi di vedere la partita o San Remo e se ci scappa una pizza il sabato mentre loro pappano sugli yacht ad aragosta e caviale.
  • agostino nigretti 2 anni fa
    Non è una novità,è il sistema di governo di chi si fa vedere che va a Messa ed è protetto dai Cardinali-Opus DEI-Massoneria-Mafia-Clericali e servizi .....Germogliano i frutti del vero Dio gestito dai padroni del mondo che maturano al momento giusto per salvare i suoi Discepoli sostenuti dalle grandi ammucchiate per governare le sue Colonie.Vi ricordate il libro della Fallace?Non illudetevi,era tutto programmato per preparare i popolini creduloni pecoroni all'odio di Religione,dei vari credo e di Razza.Se non trionfava il sistema di sudditanza politico delle grandi ammucchiate,non avrebbero fatto la guerra contro la Serbia,l'Iraq,la Libia,Ecc. e adesso non avremo dovuto fare una vera guerra che non farà altro che aumentare l'odio degli oppressi dalla Tirannia Usuraia della Globalizzazione.Vorrei vedere cosa avrebbero fatto i pecoroni creduloni italiani e Europei se le Nazioni che non la pensano come noi avessero bombardato la Colonia Italia o qualsiasi altra Colonia che fa parte UE,Un credente Mussulmano,al contrario dei falsi Bigotti che si fanno vedere che vanno a messa per poi fare le guerre,mi ha detto."SE credi veramente in Dio,puoi essere su un aereo che cade e tu potrai essere l'unico che si salverà se Dio vuole"!I nostri politici,hanno agito al contrario e hanno fatto le guerre per coprire la Malapolitica e sfruttare gli immigrati per finanziare il sistema di Roma Ladrona e i mercanti di Uomini.
  • marco i. Utente certificato 2 anni fa
    cosi finalmente chi vota lega o altri partiti si rendera' conto di chi ha votato ,,e che nn deve stare a sentire gli slogan propagandistici di questa gente ...grazie m5s
  • bassibruno 2 anni fa
    riflessione sui concorsi pubblici: Il concorso pubblico è giusto per quei tipi di lavoro/impiego nei quali la fiducia non è importante.. Andreotti lo spiegò benissimo in una vecchia intervista RAI perché negli incarichi delicati il concorso pubblico è la peggiore delle soluzioni. Ora Io non voglio stare qui a dilungarmi del quando e perché è conveniente i pubblico concorso e quando invece è dannoso..... se lo volete capire fatevelo spiegare dagli esperti oppure andate a cercare l'intervista negli archivi RAI. Dal mio punto di vista il concorso pubblico è per tutto e per tutti è una invenzione del catso di quelle comunistoidi che servono solo per la propaganda perché poi anche i comunisti non ci hanno mai creduto.... ovviamente i sapientoni a 5 palle impregnati di luogi comuni sinistroidi.....
  • pietro marceddu (sarduspater4) Utente certificato 2 anni fa
    aspettiamo l'incontro col presidente e poi decideremo che fare
  • Jok 2 anni fa
    Arca...qui nell'Italietta del renxettino ovunque alzi il coperchio trovi la merda... Si salvi chi può'..tutti alle scialuppe. Prima renxettino poi donne e bambini...
  • Massimo Lafranconi Utente certificato 2 anni fa
    Renzi e Sanremo: quando il Festival "aiuta" il golpe (di Marcello Foa) Chissà se passerà alla Storia come "il golpe di Sanremo". Già perché anche Sanremo ha avuto un ruolo nei fatti, gravissimi, avvenuti tra giovedì e sabato mattina alla Camera dei Deputati. Ruolo non attivo ma passivo. E verosimilmente non casuale nelle scelte di Renzi, il quale dimostra di aver imparato davvero bene le regole dello spin. Quando vuoi far passare una legge o una decisione delicata e potenzialmente impopolare, i momenti propizi sono due: sull'onda di un'emozione collettiva molto forte (vedi le leggi liberticide passate in America dopo l'11 settembre) o mentre è in corso un evento capace di catalizzare l'attenzione delle masse, come la finale dei campionati mondiali di calcio, le Olimpiadi e, in Italia, naturalmente Sanremo. Quando una trasmissione ottiene il 50% dell'audience per più giorni, diventando l'argomento di cui tutti parlano - dai giornali fino ai social - qualunque altro fatto diventa secondario, persino un golpe istituzionale. Quanto avvenuto nel Parlamento italiano è senza precedenti: se tutte le opposizioni si uniscono superando diffidenze ataviche - il Movimento 5 Stelle con Forza Italia! La Lega con Sel! - significa che è successo qualcosa di inaudita gravità; una minaccia diretta alle Istituzioni e alla democrazia. Ma quanti italiani se ne sono resi davvero conto? Relativamente pochi. La massa ha percepito qualcosa, ma vagamente. Se questo fosse avvenuto una settimana prima o una settimana dopo, le conseguenze sull'opinione pubblica sarebbero state alquanto diverse. Per fortuna non è ancora stata scritta la parola fine, ma, purtroppo, ancora una volta la stampa non ha aiutato i cittadini a capire. Come i lettori sanno, vivo e lavoro in Svizzera e non ho più tempo di seguire nei dettagli le alchimie della politica italiana. Quando sono giunte le prime notizie sulla rivolta delle opposizioni ho cercato di capire quale fosse il testo approdato in aula (continua)
    • Massimo Lafranconi Utente certificato 2 anni fa
      dunque ho cercato di capire i contenuti, il merito della riforma ma sui siti era impossibile trovare rimandi esaustivi al riguardo: i link visibili nelle home page riguardavano fatti avvenuti nelle ultime 48 ore; in tv e in radio approfondimenti zero (si parlava di Sanremo…). La ragione è presto spiegata: i giornalisti che si occupano quotidianamente di politica a un certo punto pensano che tutti siano al corrente e smettono di ricordare i fondamentali; non si rendono conto che, invece, la maggior parte del pubblico ha al più una visione e una memoria parziale di quel che accade e gradirebbe, proprio nei momenti topici, che qualcuno spiegasse i punti fondamentali della riforma. Insomma, la stampa paradossalmente non ha aiutato i cittadini a capire le ragioni dello scontro tra Renzi e le opposizioni. Opposizioni che, peraltro, forse non hanno scelto la via giusta: come osserva Roberto Scafuri, oggi Renzi può contare su meno di 310 seggi, dunque sotto il quorum. E se le opposizioni fossero rimaste in aula e avessero votato in modo compatto la riforma sarebbe stata bocciata. Così non è stato e a Renzi per ora è riuscito il “golpe di Sanremo”: tutto si è svolto tra l’apertura e la chiusura del Festival. Tempismo perfetto, che ha permesso al premier di uscirne con un danno di immagine tutto sommato contenuto. Già, per ora. Adesso tocca a Mattarella: se vuole davvero essere il presidente degli italiani e il garante della Costituzione non può che bloccare la riforma, rimandandola in aula. Altrimenti non resterà che il voto di marzo. Quando non ci sarà Sanremo a proteggere il premier più pericoloso della storia d’Italia dalla fine della Seconda Guerra mondiale.
  • alvise fossa 2 anni fa
    AVANTI COSI' 5 STELLE LOMBARDIA E NON MOLLATE MAI
  • FABRIZIO P. Utente certificato 2 anni fa
    ....con la partecipazione straordinaria di maroni e salvini ?ops ...forza ragazzi controlli a metta ..anche se non credo sia facile
  • Armando . Utente certificato 2 anni fa
    Tranquilli c'è la Lega che ha la virtù della massima trasparenza.
  • Pantaleone Di Tizio 2 anni fa
    Questo è quello che deve fare il Movimento 5 Stelle, in ogni zona d'Italia e soprattutto in Parlamento, e non fare di tutto per annullare e distruggere quanto di buono stanno facendo gli altri. Talvolta mi viene da pensare che ci siamo molti infiltrati che hanno aderito al Movimento solo per fare un'opera di demolizione.
    • marco i. Utente certificato 2 anni fa
      SE GLI ALTRI PARTITI SI FOSSERO DIMEZZATI LO STIPENDIO ..FORSE AVREBBEREO DATO UN BUON ESEMPIO ...MA LO HA FATTO SOLO IL M5S QUINDI ....IL RESTO E FUFFA E PARASSITISMO
    • marco i. Utente certificato 2 anni fa
      DI BUONO CHI?
    • Alessandro S. Utente certificato 2 anni fa
      Cosa stanno facendo di buono "gli altri" da non dover distruggere?
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus