Fibra ottica, il triangolo no

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

Negli ultimi mesi il settore delle telecomunicazioni italiane è stato interessato da diversi movimenti di una certa rilevanza, che hanno coinvolto anche attori extra-nazionali. C'è un tentativo di dar vita a nuovi equilibri sistemici, ed è ovvio che in questa partita strategica Berlusconi stia facendo la sua parte, con il decisivo sostegno del Governo in carica. Anche sul decisivo settore delle telecomunicazioni, quindi, potrebbe appoggiarsi il famoso Patto del Nazareno, che al di là del teatrino mediatico sembra ancora in ottima salute. Verdini, avanguardia berlusconiana che puntella la maggioranza a guida Pd, è lì a ricordarcelo ogni giorno.

Vediamo allora di fissare qualche punto importante.

Si è appreso da fonti di stampa di qualche giorno fa che Telecom Italia avrebbe avanzato a Cassa Depositi e Prestiti un'offerta di 820 milioni di euro, valida per una settimana, per Metroweb S.p.a. Se l'offerta dovesse andare in porto, la posizione dominante di Telecom nel settore si estenderebbe all'infrastruttura del futuro, quella in fibra ottica (banda ultra-larga). Metroweb è infatti una delle due principali società pubbliche attive nel settore Tlc, insieme ad Infratel. Metroweb, ex municipalizzata del Comune di Milano, ha cablato l'intera città meneghina con la fibra ottica, consentendo agli operatori di offrire servizi FTTH (Fiber To The Home, ovvero fibra ottica direttamente nelle abitazioni). È controllata da Cassa Depositi e Prestiti attraverso le due partecipate di CDP: F2I e FSI. Non è un caso che l'attuale Governo abbia di recente cambiato i vertici di CDP, mettendo da parte l'ex Presidente Franco Bassanini, che aveva in mente, come noto, lo sviluppo della rete in fibra per mezzo di una società a maggioranza pubblica.
Va detto che Telecom Italia già oggi beneficia di una posizione dominante nella partita sulla fibra ottica, perché si è aggiudicata tutti i bandi pubblici promossi da Infratel nelle zone nazionali in cui il mercato non ha interesse ad investire (cluster C). I bandi del cluster C garantiscono a Telecom anche la proprietà dell'infrastruttura di rete in fibra, nonostante i due terzi dei costi siano stati finanziati dalle casse pubbliche. Cedere Metroweb a Telecom Italia significa quindi rafforzare ulteriormente la rendita di posizione di una società privata, contro gli stessi proclami dell'attuale Presidente del Consiglio, che nel 2012, in vista delle primarie Pd, aveva scritto nero su bianco nel suo programma di voler investire nella fibra ottica attraverso un attore pubblico che avrebbe mantenuto la proprietà delle infrastrutture.

Ma veniamo al nodo cruciale. Telecom Italia ha subito nei mesi passati la scalata di Vivendì, società francese attiva nel settore telecomunicazioni che vede come Presidente Vincent Bolloré, storico amico di Berlusconi. Vivendì possiede oggi il pacchetto di maggioranza relativa di Telecom (24,9%, mentre il 10,033% è in mano al fondo Rock Investement del francese Xavier Niel); ha nominato quindi nel Cda quattro consiglieri e il vice-presidente, che è l'Amministratore delegato della stessa Vivendì. La società transalpina ha di recente concluso con Mediaset un affare decisivo: il 3,5% di Vivendì è passato nelle mani di Mediaset (che diventa terzo azionista dopo lo stesso Bolloré e il fondo americano Black Rock) in cambio del 3,5% di Mediaset e del 100% della controllata Mediaset Premium. In questo modo non solo Vivendì ha consolidato la sua posizione nel mercato italiano delle telecomunicazioni, ma ha consentito a Mediaset di mettere un piede in Telecom.

Siamo davanti ad un fitto gioco di partecipazioni incrociate che ha un fine implicito ben preciso: dare alla luce una media company privata di matrice italo-francese, con in primo piano l'asse Berlusconi-Bolloré. Un'infrastruttura strategica, quale è la fibra ottica, viene così data in pasto ai privati, senza nessun controllo pubblico sull'infrastruttura strategica. In un settore fondamentale per la democrazia, le regole del mercato, che nella realtà sono molto lontane dalla teoria rassicurante della concorrenza perfetta, vengono preferite alla gestione e al controllo pubblico. Il M5S si oppone con forza a questa deriva liberista, che nasconde sotto la superficie gli interessi strategici dei soliti noti, con la preoccupante partecipazione di un Governo estero. Un'interrogazione parlamentare è stata presentata proprio oggi.

Si aggiunga che il triangolo Telecom-Mediaset-Vivendì metterebbe in seria difficoltà due società pubbliche del settore: la Rai, il cui valore azionario sarebbe minacciato dal nuovo gigante, ed Enel Open Fiber, neonata società di Enel Spa, di cui lo Stato italiano risulta il principale azionista (23,6% di quote). Enel Open Fiber è stata concepita proprio per investire nel progetto della fibra ottica e i recenti sconvolgimenti ne potrebbero ridimensionare drasticamente il raggio d'azione.
Dobbiamo chiederci, in chiusura, perché il Governo italiano consente ad un attore straniero, Vivendì, di influenzare con forza il settore nazionale delle Tlc. Se gli interessi del Governo a guida Pd e di Berlusconi combaciano naturalmente (favori nel settore Tlc in cambio di un sostegno mascherato in Parlamento), non si capisce perché mettere in pericolo quel poco di autonomia nazionale rimasta. Una risposta convincente sta nel peso specifico che Vincent Bolloré può vantare in Assicurazioni Generali, le quali detengono 63,8 miliardi di titoli di Stato italiani su 163 miliardi di investimenti in obbligazioni sovrane (di cui il 19% francesi). Il Governo italiano, volente o nolente, è sotto ricatto, perché un disimpegno di Assicurazioni Generali sui titoli di Stato manderebbe in fumo la fiducia sul nostro debito ottenuta faticosamente a colpi di Quantitative Easing. É il paradosso naturale di un'economia sempre più liberalizzata, ormai priva di qualsiasi strumento di controllo sul sistema finanziario e creditizio, e senza la possibilità di tenere sotto controllo i tassi di interesse con l'ausilio di Banca d'Italia. Bolloré e Berlusconi, intanto, ringraziano...

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • don 1 anno fa
    venite siore e sioriiiii, qua tutto è in vendita, tutto si privatizza, come tutte le privatizzazioni si finisce per regalare aziende attive italiane agli stranieri e le banche, ma dico io, gli introiti derivati da queste eccellenze nn sarebbero utili all'economia nazionale, l'italia è oramai diventato il supermarket dove tutto è in vendita sotto il nome delle privatizzazioni ma.... tutti i soldi che vanno via dall'italia come verranno sostituiti?.. oramai nn vi è piu dubbio, siamo prossimi alla grecia
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    E qualcuno lo chiama ancora libero mercato. Di mercato sicuramente si tratta ma di libero c'e' veramente poco e ancor meno di economico.
  • Aldo Masotti Utente certificato 1 anno fa
    Molta dietrologia e ben confusa . "che vede come Presidente Vincent Bolloré, storico amico di Berlusconi." Non puo' far parte di nessun ragionamento in affari. Berlusconi in affari non ha amici come non e' amico di nessuno . Le aziende si fanno con i soldi per fare i soldi . O il M5S preferisce fare le aziende con i debiti per fare le perdite ? L'unica cosa che conta e' evitare di buttare denaro pubblico, stiamo attenti a quello .
  • Paolo Z. Utente certificato 1 anno fa
    dal post“..Verdini, avanguardia berlusconiana che puntella la maggioranza a guida Pd, è lì a ricordarcelo ogni giorno.” E Verdini in che ramo di parlamento è? In Senato... Se il M5S arriva alla maggioranza relativa in ITALIA, comanda nella camera, dove basta un 35%, ma se non passa il referendum costituzionale, dovrà allearsi con Verdini o con Matteo Salvini o con Angelino Alfano, o entrambi, per governare. Paolo TV
    • Nello R. Utente certificato 1 anno fa
      no, potrebbe fare un governo riformatore che cercherà la maggioranza con voto palese di volta in volta su temi di interesse generale e non di lobby a quel punto saranno chiari gli interessi della partitocrazia,salvo qualche nome che per pudore o per effettiva estraneità a quella palude maleodorante che chiamiamo repubblica italiana.
  • Francesco L. Utente certificato 1 anno fa
    A chiunque avesse pensato che il vecchio puttaniere fosse fuori dai giochi, eccolo prontamente smentito. C'è tutto un governo che l'aiuta e lavora per lui e gli mette a disposizione quanto gli serve; e Verdini è una sorta di plenipotenziario del nanetto il quale ne cura gli interessi e consente nello stesso tempo, al governo del bamboccio fiorentino, di sopravvivere. Si sa che le telecomunicazioni con la fibra rappresentano il futuro, in termini di business, e vuoi che l'uomo di Arcore non ci metta le mani e lasci fare tutto ad altri? Dell'Italia e degli italiani chissenefrega!? Ma la colpa è solo degli italiani.
  • Tukko67 aka (acronik-nauta) Utente certificato 1 anno fa
    Continua la disgregazione dell'ossatura del Paese, l'impoverimento delle strutture primarie a favore di privati ovviamente con esponenti ben radicati nel sottobosco politico, trasporti, comunicazione, energia, acqua addirittura sono già diventate merci il cui valore lo stato non può regolamentare, calmierare o controllare. E così diritti fondamentali come l'istruzione (rete=istruzione) finiscono in mano a "ignoti" e privati propietari e la cosa passerebbe praticamente inosservata se non ci fosse il M5S che non lascia nascosta nessuna porcata di regime Ora e sempre M5S alla guida del Paese!
  • bulba p. Utente certificato 1 anno fa
    Dovete fare l'incontro con Pizzarotti. Chiarirvi e poi, semmai, cambiare/scrivere le regole. Lui è un esempio. Vi state arrampicando sugli specchi. Qui non si tratta di prime donne ma di Italia. Volete buttare al cesso gli sforzi fatti? Incredibile!
  • Simone Mesca 1 anno fa
    Cioffi, perché fate questi titoli allarmisti ?!?!? L'utente medio non sa una mazza di PC e di connessione. Sa solo che la Telecom è indebitata fino al collo, ma non sa che se la connessione di casa va male dipende per il 90% da due fattori principali: distanza dalla centrale nel caso dele connessioni in 100% rame (no fibra ottica) e/o prese tripolari a muro, di vecchia generazione, che disturbano il flusso dati. E' il caso di infierire oltre ?!?!? Cerchiamo di dare un'informazione concreta, prima di tutto a livello tecnico, che poi ci tocca vedere commenti come quelli qui sopra.
    • Nello R. Utente certificato 1 anno fa
      Cioffi ha detto tutto quello che c'era da dire , ha detto che Telecom è un monopolio de facto sotto il controllo bancario ,non è "indebitata" con le banche . Cosa c'è di meglio che speculare con una azienda NECESSARIA per il funzionamento della vita di un paese ? al primo tentativo di rompere il monopolio , enel rete indipendente .. ecco che BANCATELECOM corre ai ripari per mantenere il monopolio .. più chiaro di così .. -_-
  • Alessandro Marcon 1 anno fa
    Un promotore che venne a casa mia dopo il mio rifiuto di fronte all'offerta di TIM smart mi disse circa un anno fa e con orgoglio: "tanto ci passerete tutti". ahimè non val la pena di preoccuparsi che tanto se non lo avete ancora capito siamo tutti connessi anche se non vogliamo e il computer si usa con il cervello. se poi parliamo del blog o di lavoro li ci vuole pure etica... che altro dire: pronti a sfondare in una realtà più difficile. CI SIAMO ABITUATI.
  • Nello R. Utente certificato 1 anno fa
    è un vero schifo , la telecom da monopolio pubblico è diventato un monopolio privato da azienda leader di interesse strategico per il paese .. è diventato un cartello per spremere gli utenti 30 euro al mese per una connessione telefonica agli anziani ecco cosa hanno rifilato ai miei , per conservare il numero telefonico che usano da una vita
  • Raffaele Tartaglia 1 anno fa
    Grazie per l'informazione. Purtroppo queste notizie non vengono rese pubbliche.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus