Libero accesso alla ricerca scientifica!

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Luigi Gallo

Una società che consenta l’accesso libero e gratuito alle ricerche scientifiche attraverso internet e le riviste elettroniche. Una rivoluzione culturale che darebbe agli stessi scienziati la possibilità di condividere le proprie informazioni e di accedere alla letteratura scientifica in modo semplice ed economico.

Una rivoluzione che in Germania, ad esempio, è già realtà grazie all’applicazione degli obiettivi fissati dal programma europeoHorizon 2020tra quali c’è, appunto, l’accesso libero alla ricerca scientifica a 12 mesi dalla pubblicazione degli studi su riviste scientifiche a pagamento. A tutela dei ricercatori resta fermo il mantenimento della paternità sul brevetto e sulla proprietà intellettuale.

L’Italia non si è ancora allineata agli obiettivi di Horizon 2020 ed è questo che chiediamo attraverso la proposta di legge a prima firma Luigi Gallo, che in questo momento è sottoposta a consigli e suggerimenti della rete su Lex, applicazione di Rousseau.

Questa misura guarda al futuro e può rappresentare una vera rivoluzione: oggi infatti il mercato dell’editoria scientifica è dominato da poche case editrici che detengono rilevanti quote di mercato. In sostanza, si tratta di un oligopolio. Quello che noi vogliamo è l’esatto contrario: maggiore fruibilità e facilità di accesso al sapere scientifico.

La proposta M5S prevede anche il coinvolgimento della Rai attraverso l’istituzione di una Commissione per la divulgazione dei prodotti scientifici di maggiore interesse attraverso i canali della tv pubblica. Leggete la proposta e commentatela su Lex!

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • gatuso amdronia Utente certificato 9 minuti fa
    Ciao Per i vostri progetti, la soluzione è la signora Josina gomez. Lei offre di diverso in prestito fino a 50.000 euro con un tasso del 2% per il vostro viaggio e progetti di finanziamento di studi per affari d'oltremare edificio e fondo di investimento in commercio vari di progetto e costruzione, acquisto della casa, noleggio auto e appartamento, settore agricolo e la finanza di progetto mondo aziendale per la somma di milioni di prestiti per la salute e l'istruzione di tuo sollievo di bambini pronto per chiunque in pericolo Contattare il servizio di posta elettronica bancadiaccreditamento2017@gmail.com
  • matines guissipi Utente certificato ieri
    Ciao signore/signora, Sto cercando il prestito di denaro per diversi mesi che ho avuto debiti e bollette da pagare. Pensavo che fosse finita per me. Ma per fortuna ho visto la testimonianza fatta da molte persone su Mm Josina gomez, che è come ho contattato mio mutuante per pagare i miei debiti e il mio progetto. e signora Josina mio concesse un prestito di 60,000 euro sul mio conto, posso assicurarvi che tutti questi carta suo governarlo mio aiuto per pagare fuori il mio contatto di debito la e sarebbe la verità Se avete bisogno di finanziamenti; prendere in prestito denaro o qualsiasi progetto ti rendi cont questo vi aiuterà a raggiungere e sostenere finanziariamente sua e-mail prestitobancario2017@gmail.com
  • renato de giorgio 2 giorni fa
    Il Grillo, invece di trovare da dire agli altri si ricordi sempre le persone alle quali ha provocato la morte per una bravata a Limone Piemonte nel 1981!
    • philippe darus rinaudo Utente certificato ieri
      CIAO A TUTTI Dio alla fine mi ha mostrato la sua esistenza e il suo amore per noi che bisogno del suo aiuto. . E 'incredibile ma vero caro parente e amico. Se si potesse conoscere il grande servizio che Dio mi ha fatto attraverso quella donna, la signora ANISSA Kherallah che mi ha concesso un sostegno finanziario di ieri, vi assicuro tutto sarai molto, molto gioiosa come sono oggi . E 'finita per i suoi falsi istituti di credito che hanno abusato nostra debolezza. Non cercate oltre i miei amici, è il vero e proprio con questa donna nel timore di Dio e che aiuta veramente. Il suo indirizzo è lo sviluppo. aide@gmail.com! Posso dirvi solo ciò che può essere giusto per voi e muovo di grazie Roberto per me l'invio alla persona giusta. Piacevole giornata a tutti voi
    • Ezael d. Utente certificato 2 giorni fa
      Tu Non hai mai fatto degli sbagli in vita tua? La tua considerazione è priva di ogni logica...
  • Shahab Shirakbari Utente certificato 3 giorni fa
    GLI ARTICOLI 33 - 34 DELLA COSTITUZIONE la lIBERTA' DI RICERCA: Concretamente, l’opera di promozione culturale si svolge garantendo: — la libertà di insegnamento (art. 33, comma 1 Cost.); — la presenza di scuole statali per tutti i tipi, ordini e gradi di istruzione (art. 33, comma 2 Cost.); — il libero accesso all’istruzione scolastica, senza alcuna discriminazione (art. 34, comma 1 Cost.); — l’obbligatorietà e gratuità dell’istruzione dell’obbligo (art. 34, comma 2 Cost.); — il riconoscimento del diritto allo studio anche a coloro che sono privi di mezzi, purché capaci e meritevoli mediante borse di studio, assegni ed altre provvidenze da attribuirsi per concorso (art. 34, comma 3 Cost.); — l’ammissione, per esami, ai vari gradi dell’istruzione scolastica e dell’abilitazione professionale (art. 33, comma 5 Cost.); — la libera istituzione di scuole da parte di enti o privati (art. 33, comma 3 Cost.); — la parificazione delle scuole private a quelle statali, quanto agli effetti legali e al riconoscimento professionale del titolo di studio (art. 33, comma 4 Cost.). La libertà dell’arte e della scienza. La libertà nell'insegnamento. La libera gestione dell’istruzione. Il diritto all'istruzione. La partecipazione democratica. Il diritto allo studio. LA RICERCA SCIENTIFICA E' LA BASE FONDAMENTALE DELLA CRESCITA...
  • Gino Sighicelli Utente certificato 3 giorni fa
    un difetto a mio parere ben più grave chiunque provi a pubblicare su ARXIV.org senza farlo da account accademico può constatare che in risposta verrà insultato
  • francesco s. Utente certificato 3 giorni fa
    Si giustissimo ,riassumendo la ricerca e investire sulla tecnologia ,in italia porterebbe tanta ricchezza,le persone adatte ci sono basta potergli far fare il loro lavoro.
  • Gino Sighicelli Utente certificato 3 giorni fa
    OT? oggi ho chiesto una risposta a quelli di radio24, ma nessuno risponde quindi, ora ci riprovo con chiunque stia leggendo i commenti pubblicati nel nostro blog « Hai messo in vendita un appartamento del valore di 500k; hai un acquirente inadempiente che ti ha “bloccato” dandoti soltanto 200k; perché non fai l'affarone di metterti in tasca 200k per poi vendere a qualcun altro a 400k? Non è che, magari, in realtà i 200k già intascati, SONO k TUOI? »
  • Franc A Utente certificato 3 giorni fa
    Assolutamente sì!!!
  • Gianfranco B. Utente certificato 3 giorni fa
    D’accordissimo per il libero accesso alle informazioni scientifiche e non solo. Sui brevetti e la loro proprietà intellettuale, ci sarebbero diverse cose sulle quali intervenire. Per prima cosa andrebbe messo sotto controllo l’ufficio centrale brevetti di Monaco (D), dove vige una gestione molto autonoma, troppo autonoma, che prevede più vie d'accesso privilegiate o meno, o zone di sosta più o meno lunghe. L’interventi sulla proprietà intellettuale dei brevetti, ferma restando la paternità, dovrebbero incidere radicalmente, quando la natura del brevetto potrà incidere, in modo determinante, sui sistemi produttivi o sulla salute pubblica. In questi due casi il brevetto, una volta pagato il valore reale dello stesso, dovrà essere di proprietà pubblica o essere da questa controllato a maggioranza. Queste modalità impedirebbero il brevetto possa essere oggetto di speculazione sociale o d’arricchimento individuale fuori controllo. Potrebbe essere un’arma di ricatto sociale nei confronti dell’intera collettività. Faccio due esempi semplici per poter rendere comprensibile il concetto. 1) Brevetto di intelligenza artificiale che ridurrà i posti lavoro. Possiamo lasciare i benefici assoluti al profitto di un solo individuo? O dobbiamo fare in modo che questi benefici possano essere gestiti e ridistribuiti a favore della collettività? 2) Brevetto su un farmaco salvavita. Possiamo accettare che sia oggetto di speculazione a costo della vita dei più o dobbiamo fare in modo che tutti possano beneficiarne? L’argomento è molto complesso ma dovrà essere affrontarlo con lucido realismo. Non a caso la perdita, da parte dei governi, del controllo di certe leve, ha permesso una folle concentrazione di ricchezza su pochi individui: 1% della popolazione detiene oltre il 50% della ricchezza totale, Vogliamo continuare a vivere in un mondo così? Talelbano
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 3 giorni fa
    Sbrigatevi a formalizzare la proposta, il tempo stringe per il Parlamento italiano. Rischiamo di arrivare alla prossima legislatura e, con i nostri tempi, a Horizon 2050.
  • Ezael d. Utente certificato 3 giorni fa
    La scienza è il nostro futuro! Chi non investe nella ricerca non costruisce il futuro e a pagarne le spese saranno le nuove generazioni. La scienza è amore, perchè permette agli esseri umani di beneficiare dello sviluppo scientifico per poter vivere meglio e a lungo...! Grazie alla scienza un domani non avremo più bisogno di lavorare, la robotica ne è un esempio e così ci libereremo anche del denaro. E' un passo obbligato di questa umanità...! www.paradism.org
    • Lùçìo P. Utente certificato ieri
      laos
    • Gianfranco B. Utente certificato 2 giorni fa
      Apprezzo la tua visione romantica.Per ora gli uomini, lavorano come schiavi, nonostsnte la scienza. Dovresti tenere conto che "la scienza" potrebbe essere un reale beneficio per l'umanità, in tutti i sensi, se gestita in un certo modo. Quando, come sta accadendo, la scienza è gestita in chiave speculativa e di profitto, diventa nemica dell'umanità. Per tua informazione, nonostante la materia prima cerebrale, di cui dispone il nostro pese, l'investimenti in ricerca sono inferiori all’ 1,3% contro un minimo del 3%, necessario a poter competere a livello mondiale. Ciao Talelbano
    • Lùçìo P. Utente certificato 3 giorni fa
      ,prova
    • Gino Sighicelli Utente certificato 3 giorni fa
      sarei stato d'accordo se tu avessi detto "la teoria scientifica è il nostro futuro" ancor meglio però sarebbe stato stemperare un po': "la teoria scientifica è una molto importante parte del nostro futuro"
  • Marina V. Utente certificato 3 giorni fa
    Questo, siamo noi dei 5stelle........vogliamo dare una mano anche alla crescita del sapere, della scienza. Vogliamo dare una mano alla crescità di tutti i cittadini. Grazie
    • Corleone 3 giorni fa
      Mi sembra palese la mancanza di conoscenza dell'argomento "Letteratura Scientifica". Chiunque abbia proposto questa legge non sa come funziona la fase di pubblicazione dei lavori e il relativo accesso e scommetto che nessuno di loro abbia mai letto un articolo direttamente dalla "fonte del sapere". Lo sapete si che per comprendere un articolo dalla fonte del sapere bisogna avere come minimo un livello di PhD? Purtroppo in ogni proposta dei 5s c'e sempre quella vena populista che rende tutto semplicistico. Ora chiunque commentera': libero accesso a libero sapere, abbasso le case farmaceutiche e cosi' via. La ricerca in Italia non funziona perche' non ci sono fondi e competitivita'. 1)Il pagamento degli abbonamenti ai giornali scientifici rappresenta lo 0.01% delle spese di un laboratorio di ricerca, quindi non e' quello il problema da affrontare. 2) Chiederete a Nature di pubblicare articoli gratis? 3)Gli italiani saranno cosi' preparati da informarsi direttamente dai giornali scientifici? 4)La rai potrebbe divulgare la scienza da oggi stesso, non credo sia limitata dal mancato accesso ai giornali.
  • angelo dam 3 giorni fa
    QUEST'ITALIA NON E' PIU’ ALLINEATA A NIENTE. Gli unici allineamenti che riesce a fare con gli altri paesi sono quando deve prenderti dei soldi allora e solo allora te li porta come esempio. In un paese dove ormai gli unici esempi sono le bugie, il tradimento, degli amici e degli elettori, il rubare, il corrompere e farsi corrompere, il mantenere privilegi e poltrone, cosa volete che glie ne importi della ricerca o di altro utile all'umanità Se l'avessero mai capito, lo avrebbero tenuto per se pronti a lucrare anche su quello vedi le scuole. Ma vi immaginate quanti dei nostri ragazzi e dei nostri insegnanti nonostante questi fanfaroni sono riusciti a preparare e far dare lustro alla nostra scuola alla nostra Italia, con scienziati e menti di grande levatura. Ve la immaginate un'Italia dove le scuole sono scuole, dove tutto l'insegnamento è insegnamento, dove gli strumenti di studio sono presenti cosa avremmo saputo sfornare. Mi ricordo quando la Francia utilizzava gratuitamente nelle case, già il pc offerto dei servizi telefonici, mentre a noi lo stesso pc veniva fatto pagare 4 milioni e mezzo. Così loro, quando scoppio l'era dei computer sapevano già come districarsi e utilizzarlo e noi ancora oggi abbiamo il più grande numero di analfabeti in informatica e conoscenza della rete. Questa gentaglia pur di guadagnare anche solo pochi spiccioli e che possa fare ricco anche uno solo di loro, altro che la ricerca si LA venderebbero o la terrebbero nascosta. Ma lo si nota già dai vari tentativi di bloccare e controllare buona parte della rete, con la solita baggianata la Privacy. Quando ormai ogni telefonino è una cimice delle più potenti, quando ormai basta scaricare un app per dare il consenso a spiarti in tutti i contenuti del tuo telefono. Quando basta digitare una frase o guardare un film per vederti la tua cronologia pubblicata sul Web. Quando ogni spazio nelle città è coperto da telecamere e i tuoi spostamenti sono controllati al secondo con le card.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus