#45MilioniRubati ai cittadini nelle casse dei partiti

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

45milionirubati.jpg

I partiti sono pronti all’incasso con la Boccadutri card. Dopo aver approvato la leggina sanatoria per il finanziamento pubblico in pochissime settimane adesso vanno all’incasso. L’ufficio di presidenza della Camera che si riunisce domani alle 12 si prepara a dare il via libera alle rate bloccate, che ammontano a più di 45 milioni di euro. Il MoVimento 5 Stelle ha rinunciato a tutti i soldi che gli sarebbero spettati, in questa occasione l’assegno sarebbe stato di cinque milioni e mezzo di euro, soldi dei cittadini italiani che devono restare ai cittadini italiani. Invece il Partito democratico e Forza Italia non aspettano altro che gonfiare i propri portafogli: al partito del Bomba (che pochi mesi fa gonfiando il petto diceva di aver “abolito il finanziamento pubblico”) andranno più di 21 milioni di euro. Alla faccia di chi non prende finanziamento pubblico… Non scherza nemmeno Forza Italia che magari userà gli oltre 14 milioni di euro per pagare parte dei propri debiti. Il ballista Salvini, che vive di politica da vent’anni, continuerà a succhiare i soldi degli italiani prendendosi con la sua Lega Nord 3 milioni e 800mila euro di finanziamento pubblico.

VIDEO I deliri del piddino Boccadutri

Nessuna di queste sanguisughe ripensa al referendum del 1993 con cui gli italiani hanno abolito il finanziamento pubblico ai partiti! Da quel momento a oggi il finanziamento pubblico ha cambiato nome, adesso in teoria parliamo di rimborsi elettorali, che nell’ultimo ventennio ammontano a circa 3 miliardi di euro. Di questi tre miliardi in realtà ne sono stati spesi molto meno, e tanti soldi sono finiti nelle tasche dei politici.

Partecipa al sondaggio su Twitter con #45milionirubati


Questo fino all’approvazione dell’ennesima legge che trasforma il finanziamento pubblico senza abolirlo, la fa il governo Letta nel 2013. In realtà fino al 2017 proseguirà senza cambiare forma ma solo diminuendo le cifre. Poi il finanziamento diventerà più discreto ma pur sempre pubblico. Letta però chiedeva ai partiti di certificare i bilanci prima di prendere le rate successive al 2013. Niente da fare neanche su questo: il Parlamento ha infatti approvato la sanatoria in poche settimane, una legge per bypassare un'altra legge! Così con la Boccadutri via libera ai soldi per tutti senza controlli sui bilanci.
E così i partiti si divoreranno tutto, mentre nel nostro Paese ci sono 9 milioni di poveri. Nessuna misura per una famiglia su dieci che secondo l’Istat sta in povertà relativa o assoluta, tante misure e tanti soldi per i partiti che hanno messo sul lastrico questo Paese con leggi criminali nell’ultimo ventennio.
Chi deciderà di sbloccare i soldi ai partiti dovrà metterci la faccia: saranno i componenti dell’ufficio di presidenza della Camera, che – ovviamente – appartengono agli stessi partiti. Hanno un nome e un cognome, dalla presidente Laura Boldrini ai vicepresidenti Marina Sereni, Roberto Giachetti e Simone Baldelli. Passando per i questori Stefano Dambruoso, Paolo Fontanelli e Gregorio Fontana, e per i segretari Anna Rossomando, Margherita Miotto, Ferdinando Adornato, Caterina Pes, Valeria Valente, Manfred Schullian, Davide Caprini, Edmondo Cirielli, Raffaello Vignali, Giovanni Sanga, Gianni Melilla e Roberto Capelli. A lottare contro questo scandalo in prima fila ci saranno i tre portavoce del MoVimento 5 Stelle in ufficio di presidenza: Luigi Di Maio, Riccardo Fraccaro e Claudia Mannino. Sarà una battaglia perché i partiti hanno già prosciugato l’Italia, tolgano le mani dai soldi degli italiani.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • infamiacinquestelle , Utente certificato 2 anni fa mostra
    Buffoni la volete finire di dire cazzate? Il M5S non è un'associazione di cittadini ne un Partito e nemmeno un Movimento è un'azienda privata con tanto di Padroni. Lo stato non finanzia con soldi pubblici le imprese private ,e fa bene. Il M5S non prende il finanziamento ai partiti perchè non gli spetta non perchè ci ha rinunciato Lo dimostra il fatto che tutta la montagna di soldi legati all'attività dei gruppi Parlamentari li prende eccome Andate affanculo MERDE se sapevo che davo il voto a un dittatore vi votavo col cazzo GRillo SEI UN MISERABILE E UN TRUFFATORE E un lurido VERME
    • Eposmail. ,, Utente certificato 2 anni fa mostra
      ..col referundum del 93, si evidenzia che nessuno ha diritto ai finanziamenti o con nome nuovo ai rimborsi. L'unico ad essere in regola con la volontà popolare è il M5S. Se tu quando fai pipì nel boccale...la fai fuori,...non è colpa mia. E poi non pulirai tu..ma qualcun 'altro. Sei il solito vitello tannato...ehm.. Chiara la sfumatura ? eh ?
    • Silvio . Utente certificato 2 anni fa mostra
      Sei solo un deficiente...nel senso che ti manca qualcosa che probabilmente non troverai mai....auguri comunque, ne hai bisogno!
    • Mimmo . Utente certificato 2 anni fa mostra
      miserabile...........
    • Daniele C. Utente certificato 2 anni fa mostra
      e comunque se vogliamo dirla tutta La normativa di riferimento è la n. 96 del 6 luglio 2012. Passiamo in rassegna gli articoli che maggiormente ci interessano. - L’articolo 2 contiene 6 commi che regolano l’accesso ai “Contributi a titolo di cofinanziamento a partiti e a movimenti politici”. Il primo comma determina l’ammontare del contributo annuo spettante ai partiti e movimenti politici aventi diritto ai sensi del successivo comma 2. E’ a questo e solo a questo che occorre, quindi, riferirsi per individuare i soggetti che “concorrono al contributo di cui al comma 1”. Essi sono “i partiti e i movimenti politici che hanno conseguito almeno il 2 per cento dei voti validi espressi nelle elezioni per il rinnovo della Camera dei deputati ovvero che hanno conseguito almeno un candidato eletto sotto il proprio simbolo alle elezioni per il rinnovo del Senato della Repubblica, della Camera dei deputati (…). Le quote dei contributi non attribuite ai sensi del presente articolo sono versate all’entrata del bilancio dello Stato”. il movimento ha diritto eccome ai rimborsi.
    • GIORGIO S. Utente certificato 2 anni fa mostra
      va bene, dimmi tu chi dovrei ascoltare.
    • Daniele C. Utente certificato 2 anni fa mostra
      oreste questo qua è da ospedale diretto,un pazzo di alti livelli è patrimonio dell'unesco,potremo investirci sopra che dici?,solo in italia uno cosi potevamo trovarlo,facciamoci un museo.
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 2 anni fa mostra
      Lurido sei te...in incognita,ma se fossi in grillo,a mezzo tuo accaunt ...ti denuncerei! Stronzo! Continua a stare con i ladri...voti da te non ne vogliamo,sta i tranquillo gente come te deve andare in galera!
  • Silvio . Utente certificato 2 anni fa
    Loro sono ladri ma chi li vota è masochista e pure coglione. Forse anche colluso. Morale: fanno schifo e basta.
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 2 anni fa
      e te sei il solito coglione! click! Ieri nebbia sul Mantovano! Poverino!
    • infamiacinquestelle , Utente certificato 2 anni fa mostra
      Ma la volete finire di dire cazzate? Il M5S non è un'associazione di cittadini ne un Partito e nemmeno un Movimento è un'azienda privata con tanto di Padroni. Lo stato non finanzia con soldi pubblici le imprese private ,e fa bene. Il M5S non prende il finanziamento ai partiti perchè non gli spetta non perchè ci ha rinunciato Lo dimostra il fatto che tutta la montagna di soldi legati all'attività dei gruppi Parlamentari li prende eccome Andate affanculo MERDE se sapevo che davo il voto a un dittatore vi votavo col cazzo GRillo SEI UN MISERABILE E UN TRUFFATORE
  • GIORGIO S. Utente certificato 2 anni fa
    Non mi sembra che facciano troppa impressione questi milioni che imboccano. Né gli emolumenti che si assegnano. Se non si dovessero vincere le amministrative, a man bassa intendo, forse sarebbe meglio fare in modo di accedere al finanziamento pubblico e di smettere di dare soldi al fondo per le PMI. Un mesetto di accuse di essere "come gli altri" ma in compenso soldi per organizzare le elezioni del 2018. Secondo me il M5S non perderebbe nemmeno 1 voto, anzi le motivazioni spiegate bene ne farebbero guadagnare. Continuare significherebbe circa tagliarsi ..... per far dispetto.
    • infamiacinquestelle , Utente certificato 2 anni fa mostra
      Quando la finite di dire cazzate? Il M5S non è un'associazione di cittadini ne un Partito e nemmeno un Movimento è un'azienda privata con tanto di Padroni. Lo stato non finanzia con soldi pubblici le imprese private ,e fa bene. Il M5S non prende il finanziamento ai partiti perchè non gli spetta non perchè ci ha rinunciato Lo dimostra il fatto che tutta la montagna di soldi legati all'attività dei gruppi Parlamentari li prende eccome Andate affanculo MERDE se sapevo che davo il voto a un dittatore vi votavo col cazzo GRillo SEI UN MISERABILE E UN TRUFFATORE FAI SCHIFO
    • GIORGIO S. Utente certificato 2 anni fa
      Ciao. Io posso anche lasciar stare ma la penso così. Non mi è mai passato nemmeno per l'anticamera del cervello di votare M5S perché non ritirano i soldi o li versano. Li voto perchè lottino affinché sia fatto per tutti i partiti e per tutti i politici ma questa autocostrizione non l'ho mai condivisa.
    • peppe ceceris Utente certificato 2 anni fa
      Lascia stare. pensa alla salute.....ciao
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus