L'Italia che sogniamo è un'Italia a 5 Stelle

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Bruno Marton, M5s Senato

L'Italia che sogniamo è un'Italia a 5 Stelle. E' un'Italia che non vende armi ai paesi in guerra e vuole che anche gli altri Stati non vendano armi ai Paesi che violano i diritti mani. Pretendiamo che l'Europa si doti di una legislazione che dia sanzioni e preveda controlli per quei Paesi che invece non lo fanno. Di queste cose ne parleremo il 24 e il 25 settembre a Palermo, ma perché ciò avvenga è necessario il contributo di tutti. Ti chiediamo quindi un piccolo contributo, quello che puoi dare, per la riuscita di questa preziosa iniziativa.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • luciano munarin 1 anno fa
    Mi dispiace ma il 5 stelle ha un orizzonte troppo limitato dovete crescere un po' e l'occasione per voi è a ottobre quando riprende l'anno scolastico
  • Sebastiano TAFARO Utente certificato 1 anno fa
    E dove, magari, DAVVERO UNO VALE UNO E UNO SI MANTIENE UN'ASSESSORA CONSULENTE DEL VECCHIO REGIME E NON SI PAGA UN CONSULENTE €193000 L'ANNO?! E DOVE MAGARI CI SI OPPONE ALLA LOTTIZZAZIONE RAI E NON LA SI FA PASSARE IN COMMISSIONE?!
  • Efstathios Varvarigos Utente certificato 1 anno fa
    A proposito della neo capo di gabinetto della sindaca raggi a roma. Abbiamo bisogno di professionalità per accedere alle stanze dei bottoni. Si spera comunque di utilizzare queste professionalità per formare gente nostra meno pretenziosa e più motivata. Insomma di condividere un percorso breve con persone di ottima professionalità ma diseducate negli anni a una dazione di professionalità a condizioni economiche decisamente meno pretenziose. La magistrata deve sapere che oltre a persone preparate e per bene come sicuro sarà lei, noi 5 stelle vogliamo gente che costano, decisamente meno allo stato. Ps: abbiamo preso i primi di Battista e di Maio e morra e taverna e fico e micillo che capitavano: non mi sembra che ci sia andata male. Anzi. PS: i collaboratori esterni della sindaca dovrebbero essere invitati a lasciare dichiarazioni solo previa concordia collegiale e in ultimo della sindaca che li ha nominati. Quell'intervista a parte il punto di pacificazione: ci fa danno.
  • Claudio . Utente certificato 1 anno fa
    La vendita delle armi a paesi dittatoriali o che fomentano conlitti non in difesa da aggressioni, è un crimine senza uguali
  • Gianfranco Saddi 1 anno fa
    Distruggere le lobby delle armi sarà la più grande battaglia di tutti I tempi....
  • Fabio Razete 1 anno fa
    Mi rivolgo a tutti i nazionali, siete sicuri che a livello regionale o locale tutti i rappresentanti sposino il progetto Italia 5 stelle? e magari riescano con abilità a creare finte programmazioni di lavoro sfuggendo all'attenta analisi di chi dovrebbe analizzare dei continui report e che nulla hanno a che fare con lo spirito e gli ideali del M5S?
  • Roberto Caforio Utente certificato 1 anno fa
    Per non farti sentire in inferiorità, nel precedente commento ho scritto "Calo" senza la erre, caro Carlo G. !!! L'Italia a 5 Stelle è un sogno che noi tutti sogniamo !!!
  • Roberto Caforio Utente certificato 1 anno fa
    Calo G.: svegliati !!! Sogn-iamo come mang-iamo come continu-iamo ecc. Studia la grammatica ! E poi "dai" con una sola "d", visto che ci trov-iamo !!!
  • Bernabe' Giovanni Stefano 1 anno fa
    Calma, calma se vogliamo fare scuola di virtuosismi, prima di chiedere agli altri paesi qualsiasi tipo di comportamento morale, dobbiamo eliminare tutte le nostre imperfezioni- O vogliamo diventare anche noi i guardiani di tutti i paesi del mondo
  • Carlo G. 1 anno fa
    Si ok concordo appieno. Ma il verbo è sognare, Non sogniare.... e ddai cacchio....
    • Roberto Caforio Utente certificato 1 anno fa
      Infatti, il verbo è "sognare", ma alla 1° persona plurale dell'indicativo presente fa: "sogn-iamo". Mai sentito parlare di radice e desinenza ? La radice è "sogn", la desinenza in questione è "iamo" come, del resto, continuare fa: "continu"-"iamo": "continuiamo". Ti farebbe benne rileggere un buon libro di grammatica italiana dalla prima all'ultima pagina !!!
  • roberto 1 anno fa
    il mio contributo lo posso dare con questo vi Amo!!!!!! https://youtu.be/MMrEMNNaoM4?list=PLEF-QUtHfg86fgkAl68Ag-P91zC9P24Kd
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus