Sanità in Campania: uno scandalo che si poteva fermare

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle

E' dallo scorso 6 luglio che il Ministero della Salute ha rilevato profili di incostituzionalità nella legge sulle nomine sanitarie in Campania. E malgrado le ripetute richieste del M5S, Palazzo Chigi decise a novembre di di non impugnare la legge regionale, forse perché si era in epoca di referendum e nessuno voleva pestare i piedi a chi portava migliaia di voti certi a favore del Sì. Stiamo parlando del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che grazie a quella norma ha potuto nominare a suo piacimento i direttori generali delle Aziende Sanitarie Locali e ospedaliere, senza avvisi pubblici e senza curarsi dei requisiti professionali. Insomma, merito e trasparenza resi un mero optional, davanti al potere assoluto di De Luca che ancora una volta in Campania sceglie e comanda.

E non sono esagerazioni. Fu proprio poco prima de referendum che, a porte chiuse, De Luca si abbandonò a commenti sulla sanità (privata) campana: "Io credo sinceramente che per come ci siamo mossi in questi mesi, ci sia rispetto da parte dei titolari di strutture private e qualificate. E possiamo permetterci di chiedere a ognuno di loro di fare una riunione con i propri dipendenti. Parliamo di migliaia di persone, quindi parliamo di un blocco abbastanza localizzato (...). Fare l'elenco dei dieci-venti imprenditori che uno chiama sul piano dell'amicizia, sul piano del rapporto personale, dell'amministrazione, al di là di tutte le questioni: per cortesia, fai questo lavoro, dimmi (...) quanti voti porti."

Questa è la filosofia che viene perseguita quando si tratta di salute, in Campania. E le conseguenze di quella scelta e di quella legge di de Luca sono oggi su tutti i giornali, un primario ospedaliero dell' dell'Istituto Pascale, grande polo oncologico del Mezzogiorno, e il Direttore della Asl competente (Napoli 1 Centro), Elia Abbondante, sono stati arrestati con la più squallida delle accuse: secondo la Procura "lucravano sulle forniture per i malati di oncologia". Si da il caso che il dottor Elia Abbondante sia stato nominato Direttore della Asl proprio a luglio 2016, mentre stavamo denunciando che il governo avrebbe dovuto impugnare le nomine fatte dal governatore campano. Gli effetti negativi di Renzi al governo si fanno sentire anche a mesi di distanza, quando il marcio continua a risalire a galla.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • angelo miccinilli Utente certificato 14 ore fa
    caro De Luca , certi personaggetti amici tuoi si dimenticano sempre la regola , che prima se magna , poi se paga !!!!
  • JORDI Verena (verenajordi) Utente certificato ieri
    Prestito offerta per gli individui e le imprese. Ciao cari lettori AGENZIA finanziaria che offre prestiti a essere sicuro e benefico per le persone e aziende in Europa e nel mondo, che è ad un tasso del 3% con termini di rimborso, tenendo in considerazione la vostra realtà finanziaria. Le imprese o gli individui con le loro idee e la ricerca di finanziamenti ; non esitate a rispondere a questo annuncio per ricevere la nostra offerta. Informazioni Email: jordiverna205@gmail.com Email:infos.vernajordi@financeagence.com Grazie
  • giovanni c. Utente certificato 2 giorni fa
    PRIMA LE FRITTURE....DOPO LE SUPPOSTE. CHE PAESE MERAVIGLIOSO.
  • Pier 2 giorni fa
    Il binomio corruzione - sanità merita un capitolo a parte, con la situazione regione per regione.
  • cosimo calabrese Utente certificato 2 giorni fa
    IN PRATICA, TUTTI GLI AMICI DI RENZI SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE, SONO CORROTTI, IL CLAMORE NON E' SOLO SU QUELLI NOMINATI DA RENZI, MA DAI NOMINATI, CHE NOMINANO ALTRI NOMINATI, IN PRATICA, FUNZIONA COME LA BOMBA ATOMICA, REAZIONE DI FISSIONE A CATENA ALL'INFINITO, FINO A CHE NON SI ESAURISCE.
  • RITA PELUSO Utente certificato 2 giorni fa
    "Io sono di Salerno, questo è De Luca, nella mia città è definito #sistemasalerno o #modellosalerno da lui creato e ideato, lo ha semplicemente trasferito alla Regione. E' una persona spregevole, oggi è stato condannato uno dei suoi uomini il suo uomo di fiducia che aveva portato alla Regione, Nello Mastursi. E' il primo, attendiamo fiduciosi le altre condanne, a Salerno sono in corso diversi processi in cui De Luca e i suoi uomini sono sotto processo. Intanto il comune è a rischio scioglimento per infiltrazioni camorristiche, la Dia e la DDA con tre PM sta indagando proprio sul sistema Salerno sin da quando Vincenzo De Luca era sindaco. Già il procuratore capo di Salerno ha denunciato rischio di infiltrazioni camorristiche negli enti pubblici, allarme già denunciato dai magistrati all'inaugurazione dell'anno giudiziario a Salerno. Purtroppo tutto questo conferma quanto già da tempo noi salernitani a schiena dritta stiamo combattendo e denunciando. Il pentolone che si sta scoperchiando a Salerno spero che dia origine alla fine del vergognoso ventennio deluchiano. "
  • Rita Peluso 2 giorni fa
    Io sono di Salerno, questo è De Luca, nella mia città è definito #sistemasalerno o #modellosalerno da lui creato e ideato, lo ha semplicemente trasferito alla Regione. E' una persona spregevole, oggi è stato condannato uno dei suoi uomini il suo uomo di fiducia che aveva portato alla Regione, Nello Mastursi. E' il primo, attendiamo fiduciosi le altre condanne, a Salerno sono in corso diversi processi in cui De Luca e i suoi uomini sono sotto processo. Intanto il comune è a rischio scioglimento per infiltrazioni camorristiche, la Dia e la DDA con tre PM sta indagando proprio sul sistema Salerno sin da quando Vincenzo De Luca era sindaco. Già il procuratore capo di Salerno ha denunciato rischio di infiltrazioni camorristiche negli enti pubblici, allarme già denunciato dai magistrati all'inaugurazione dell'anno giudiziario a Salerno. Purtroppo tutto questo conferma quanto già da tempo noi salernitani a schiena dritta stiamo combattendo e denunciando. Il pentolone che si sta scoperchiando a Salerno spero che dia origine alla fine del vergognoso ventennio deluchiano.
  • Fabiola Rossi 3 giorni fa
    Questa corruzione della Sanità è diffusa in tutta Italia! Le regioni dette eccellenti sono eccellenti anche nelle forme di corruzione che sono molto più sofisticate! Finché i Direttori generali, sanitari e amministrativi saranno scelti dai politici e a cascata i direttori della unità ( i primari) non si uscirà da questo degrado più o meno evidente! Anche su questo c'è molta strada da fare...anche perché non ci sono controlli esterni! Anche in questo settore si è creata una oligarchia impenetrabile che si autoalimenta e cerca il sodalizio delle oligarchie dei controllori! Si creano bandi concorsuali, quando ci sono, sempre cuciti per chi deve vincere e se sei fuori da quel cerchio magico non hai possibilità di alcuna carriera! Il merito è l'ultimo valore considerato quando invece nella Sanità dovrebbe essere il primo! Forse con i concorsi i raccomandati ci sono lo stesso ma almeno si devono "sbattere" un po' di più. Ora la strada per le figure apicali è tutta in discesa e non c'è spazio per gli altri con la conseguenza che medici e ricercatori bravi sono umiliati e sono costretti a sopportare direttive di incompetenti e prepotenti! C'è una Sanità da salvare per il bene di tutti i cittadini! Forza Movimento 5 stelle!
  • renato 3 giorni fa
    Quello che temo dai politici,tutti,è l'inciucio che esiste tra la politica e il clero, che generalmente per i propri affari è sinonimo di corruzione, quindi temo che anche il M5S non possa fare una politica - chiara - su questo argomento, voglio sperare sia solo una sensazione!!
  • Danyda bologna Utente certificato 3 giorni fa
    “FURBETTI” DELLA SANITA’ E LA CULTURA MAFIOSA: ...... (25 febbraio 2017) Due notizie si legano oggi in modo inscindibile e descrivono bene, il quadro generale della situazione del comparto sanità. Una situazione come specchio dell’Italia pervasa, forse a sua insaputa o forse per necessita indotte, dalla cultura mafiosa. E si badi: non sono furbetti, sono reati penali gravi. Da sempre Mafia è sanità vanno a braccetto. I primi veri mafiosi eccellenti furono anche, guarda caso, medici, oltre a banchieri, politici e professionisti vari. ...... Non mi piace fare ammucchiate con dentro tutto e tutti, infatti non lo voglio fare, abbiamo anche tantissimi medici onesti e coinvolti socialmente, che fanno il loro lavoro con dedizione e passione, uno per tutti Gino Strada, e questo basta per far notare le differenze, che voglio sottolineare. Ma questa questione è molto seria, è una realtà storica incontrovertibile da cui partire per analizzare il fenomeno della sanità in Italia oggi ..... A vertici imposti, corrispondono potenziali illeciti. ... Come diceva Pasolini ?... “ sò, ma non ho le prove”…. Beh, forse le prove del malaffare sanitario ci .............> http://danydabologna.blogspot.it/2017/02/furbetti-della-sanita-e-la-cultura.html
    • angela calabrese () Utente certificato 2 giorni fa
      sono daccordo con te dico che in tutti i lavori devono entrare solo i meritevo specialmente nella sanità non si può essere così inrresponsabile. poi ci sono altri lavori che vanno insegnati, non si può dire ai ragazzi quando vanno a chiedere un lavoro sei già capace' no non si puo se quello è il primo e scoraggiono tutti
    • Gino Sighicelli Utente certificato 3 giorni fa
      mi piace il tuo commento del commento veramente! non sto facendo ironia; credo che la condizione peggiore è quella di chi tende a credere alle pappe preconfezionate dai mass media (mentre invece proprio a causa della loro pubblicità dovremmo tutti almeno cautelarci drizzando le nostre antenne (magari utilizzando i palloni ascensionali della nostra immaginazione - in mancanza d'altro))
    • Oronzo Barberio Utente certificato 3 giorni fa
      Non vorrei deluderti, ma i "bravi" medici che vedi sui media spesso non sono tali per gli addetti ai lavori. Potrei scrivere tanto, ma dico solo questo: se sei affamato ti incazzi se il pane è normale e non di Altamura? Traduco: se stai in posti dove c'è un medico ogni milione di abitanti ti permetti di ostacolare in tutti i modi medici che andrebbero lì e non hanno la tessera del PD (tipo chiedendo che parlino afgano correttamente)? C'entra qualcosa col fatto che da decenni varie strutture (PD, De Lorenzo etc) hanno l'ospedale in Africa (da "Panorama di decenni fa: avere l'ospedale in Africa è un ottimo sistema per riciclare)? Stai tranquilla che se un medico è onesto e competente non lo vedi in televisione e non lo conosci di nome.
  • flavio guglielmetto mugion Utente certificato 3 giorni fa
    No comment.
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 3 giorni fa
    Per quanto ne so tutti i Dirigenti Generali delle ASL sono di nomina politica e non solo in Campania ma in tutta Italia, forse con qualche lodevole eccezione.
    • Oronzo Barberio Utente certificato 3 giorni fa
      Aggiungici i Direttori U.O. (Cosiddetti Primari)
  • Oronzo Barberio Utente certificato 3 giorni fa
    Continua: con i concorsi era lo stesso, ma c'era il fastidio di dover imbrogliare. Se a qualcuno interessa, si legga su blog "paziente serpente" il capitolo "ingresso in ospedale".
  • Oronzo Barberio Utente certificato 3 giorni fa
    Qualcosa che non capisco: quale sarebbe la norma che permette la nomina diretta dei vari Direttori in Campania. Da decenni tali nomine sono esclusivamente politiche in tutta Italia. Già con la riforma Bindi (fatta per togliere i politici dalla Sanità, si disse) i Direttori generali venivano nominati direttamente dalla Regione (Presidente); allora io la chiamai Sanità della mafia, tra lo sfottò generale. Ma non sono solo i direttori generali. Le norme di incompatibilità sono state tranquillamente aggirate, all'italiana. Ma come vengono nominati i Primari (Pardon, Direttori Unità operativa, Dirigenti II livello)?? Si fa un colloquio con una Commissione già prefissata che comprende Direttore generale, Direttore amministrativo, ev. altri Direttori (presenti nella Asl) ed alla fine si decide quali tra i concorrenti sono "idonei". Tra questi il Direttore generale sceglie il meglio candidato. Nessuno potrà mai dimostrare che gli è arrivata dal Presidente o dal politico potente di turno (ricordate le intercettazioni di Mastella o di Vendola?) che gli ordina di nominare il più qualificato che stranamente è straqualificato sempre rispetto ai criteri universalmente noti (bandiera, sesso e cromosomi). Tutto è legale, arcilegale, dove sarebbe lo scandalo?? Ciliegina che coinvolge il 5 stelle. Già da allora il Direttore U.O. è a tempo pieno, cioè: continua a fare quello che ha sempre fatto in clinica, ma non firma nulla, per cui non risulta e si becca pure i quattrini del tempo pieno. Tutti lo sanno nell'ambiente, ovviamente......
    • Oronzo Barberio Utente certificato 3 giorni fa
      ho scordato "telefonata" dopo Vendola. Scusate
  • Gianfranco B. Utente certificato 3 giorni fa
    Finché continueremo a confondere gli scandali con la norma, non arriveremo da nessuna parte. Ilm titolo doveva essere: ANITA' IN CAMPANIA:le cose procedono come sempre. Ciao Talelbano
  • mario boselli 3 giorni fa
    Quello che dirò non è attinente alla questione ma reputo per me importante. IL signor Bangasco ,che se non erro viaggia scortato , (di cosa ha paura?)quando è andato dai terremotatati(intendo le zone )ha detto che prima bisogna costruire le chiese , ma non sapevo che le mucche vanno a farsi mungere nelle chiese .e poi perche noi dovrenmmo costruirgli le chiese quando poi loro ,usano soldi dati per gli ospedali per farsi ristrutturare appartamenti , e usano L'8per mille per comperare azioni di societa che producono ARMI CHE SCHIFO
  • Oronzo Barberio Utente certificato 3 giorni fa
    Per Attilio. Quale Campania, è tutta Italia così. E se ne potrebbero dire di molto peggio, ma non ho le giornate che occorrono, per ora.
  • Clesippo Geganio Utente certificato 3 giorni fa
    ahooo ma tra gli arrestati non c'è anche il nipote del famigerato ex Ministro De Lorenzo?
  • Andrea Zanella Utente certificato 3 giorni fa
    Questo paese non si può più salvare, è dannato per sempre.
  • Clesippo Geganio Utente certificato 3 giorni fa
    questa è l'Italia ridotta a brandelli di carne putrescente da una classe politica delinquenziale. E cosa fa la stampa? Attacca la Raggi e M5S.
  • Attilio Disario R dam Utente certificato 3 giorni fa
    Signori miei non e' solo il Loreto mare ma tutti tutti gli ospedali napoletani e campani sono in quelle condizioni e penso che sia Di Mano che Figo dovrebbero saperlo benissimo . Mi e' capitato di doverne frequentare qualcuno per via di mio padre ne sono uscito scioccato , vedere per credere gli Incurabili , Monaldi , Cotugno solo per fare qualche nome. Gli addetti salvo poche eccezioni dei veri villani , guai a chiedere qualcosa sembra che sia l' ammalato o il familiare al servizio loro e non il contrario e per ottenere qualcosa cioe' un tuo diritto pare che ti facciano un favore.' Per qual che mi riguarda non mi farei mai e poi mai curare in simili strutture e da questo personale.
    • Oronzo Barberio Utente certificato 3 giorni fa
      Ho lavorato in ospedale in Toscana, Roma e Puglia. In Toscana andavo a lavorare, a Roma andavo al lavoro (diverso che lavorare, eh?), in Puglia si ha il posto; questa è la differenza per i lavoratori (human resources).
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus