Pagare 359 miliardi per uscire dall'Euro? Una bufala di Mario Draghi

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Thomas Fazi, su EUnews.it

Sta facendo molto discutere la dichiarazione di Mario Draghi secondo cui, nel caso in cui un paese lasciasse l'euro, la sua banca centrale dovrebbe prima saldare tutti i debiti da essa accumulati nei confronti della Banca centrale europea (BCE) attraverso il sistema di pagamenti interbancario del TARGET2 (Trans-European Automated Real-Time Gross Settlement Express Transfer System), che regola i pagamenti transfrontalieri tra le banche commerciali dell'UE. Nel caso dell'Italia, tale debito è attualmente pari a circa 350 miliardi di euro.

Ma è veramente così? Innanzitutto dobbiamo chiarire cos'è il TARGET2, anche perché le interpretazioni di questo meccanismo sono alquanto divergenti. Per prima cosa bisogna capire come funzionano i pagamenti tra banche commerciali, tanto all'interno dello stesso paese quanto tra diversi paesi dell'eurozona. Partiamo dal caso di un pagamento interbancario nello stesso paese. Quando il cliente della banca italiana A effettua un trasferimento di fondi alla banca italiana B, il trasferimento non avviene in maniera diretta ma con l'intermediazione della banca centrale nazionale, la Banca d'Italia, che ridurrà le riserve (la moneta legale utilizzata dalle banche commerciali) detenute dalla banca A sul proprio "conto di riserva e regolamento" presso la banca centrale stessa e contestualmente aumenterà dello stesso importo le riserve detenute dalla banca B sul proprio conto di riserva e regolamento. In tempi "normali", se una banca non possiede riserve a sufficienza sul proprio conto di riserva/regolamento, se li fa prestare da un'altra banca sul cosiddetto mercato interbancario. In tempi di instabilità finanziaria - come il periodo immediatamente successivo alla crisi del 2007-8 -, però, le banche non si fidano più a prestare le proprie riserve alle altre banche, perché queste potrebbero fare crack da un giorno all'altro, causando una perdita alla banca creditrice.

In questi casi - lo abbiamo visto in tutti i paesi occidentali all'indomani dello scoppio della crisi dei subprime - interviene la banca centrale, che - forte della sua abilità di "stampare" riserve in misura illimitata - si fa carico di fornire al sistema bancario tutte le riserve di cui quest'ultimo ha bisogno, agendo di fatto da prestatrice di ultima istanza. Se così non facesse, il sistema bancario si "congelerebbe" nel giro di pochi giorni, con conseguenze facili da immaginare. Dal breve quadro che abbiamo tratteggiato, si desume facilmente come le riserve rappresentino un credito per la banca centrale che le "presta" e un debito per la banca commerciale che le detiene.

Questo per quanto riguarda un singolo paese. Nel caso di un'unione monetaria sovranazionale quale è l'eurozona, però, le cose non sono molto dissimili. La differenza principale sta nel fatto che nell'eurozona le banche commerciali non detengono i propri conti di riserva/regolamento direttamente presso la BCE ma - in virtù della anomala architettura "semi-sovranazionale" dell'unione monetaria - presso la banca centrale del proprio paese. Questo è il motivo per cui, nel momento in cui la banca del paese A trasferisce dei fondi verso la banca del paese B, la prima non registra una riduzione delle proprie riserve presso la BCE ma presso la propria banca centrale nazionale, la quale a sua volta riporterà in bilancio un passivo verso la BCE che agisce come controparte centrale; per la banca che riceve i fondi si determina invece un incremento delle proprio riserve presso la banca centrale del proprio paese, la quale a sua volta registrerà un attivo nei confronti della BCE. Ora, come per i pagamenti interbancari che hanno luogo all'interno di un singolo paese, in tempi "normali" gli attivi/passivi delle banche centrali nazionali nei confronti della BCE vengono rapidamente compensati dall'approvvigionamento di nuove riserve (sul mercato interbancario) da parte della banca del paese A.

Fino allo scoppio della crisi dell'euro, nel 2010, queste riserve venivano fornite in buona parte dalle banche tedesche, in virtù dell'eccesso di riserve circolanti nel sistema bancario tedesco, derivante dall'enorme avanzo commerciale della Germania. Nel 2011, però, il mercato interbancario europeo si è definitivamente inceppato. Le banche del centro (Germania in primis) hanno cominciato a chiedere indietro i loro soldi alle banche della periferia ma queste non erano più in grado di approvvigionarsi di riserve sul mercato interbancario. A quel punto - esattamente come avrebbe fatto qualunque banca centrale nazionale - è intervenuta la BCE, garantendo alle banche commerciali dei paesi periferici tutta la liquidità (le riserve) di cui avevano bisogno. Per la succitata architettura dell'Eurosistema, però, la BCE non ha fornito le riserve direttamente alle banche commerciali che ne avevano bisogno ma lo ha fatto per mezzo delle banche centrali nazionali. Di conseguenza, le banche centrali dei paesi periferici hanno registrato un aumento dei loro passivi nei confronti della BCE - un po' come se la BCE avesse "prestato" le riserve alle singole banche centrali nazionali affinché queste le "riprestassero" poi alle loro banche -, mentre la Germania e gli altri paesi del centro hanno registrato un aumento dei loro attivi nei confronti della BCE.

Negli anni scorsi, questo meccanismo - che a dispetto della sua apparente complessità non rappresenta altro che un normalissimo strumento di politica monetaria, necessario per il corretto funzionamento del mercato interbancario intra-euro - ha dato adito a fantasiose interpretazioni. In particolare, i "falchi" tedeschi, capitanati da Hans-Werner Sinn, hanno sostenuto - spesso trovandosi in sintonia con diversi economisti di sinistra - che il TARGET2 fungerebbe come un diabolico sistema di "salvataggio occulto" dei paesi della periferia, finanziato - ça va sans dire - dai contribuenti tedeschi, che permetterebbe a questi paesi standard di vita che altrimenti non potrebbero permettersi. Inutile dire che le cose non stanno esattamente così.

Primo, non è la Bundesbank a "prestare" le riserve ai paesi che registrano un saldo T2 passivo ma semmai è la BCE. Come spiega questo Bollettino della Banca d'Italia, «l'ampliamento dei saldi T2... non rappresenta l'erogazione di un finanziamento diretto tra due paesi» né tantomeno rappresenta «un'obbligazione bilaterale tra due paesi». Semmai la Germania può essere considerata "prestatrice" solo in quanto azionista della BCE.

Secondo, la BCE di fatto non "presta" le riserve alle banche centrali nazionali ma alle banche commerciali attraverso le banche centrali nazionali, che di fatto agiscono solamente da cinghie di trasmissione nazionali e possono essere considerate a tutti gli effetti delle "filiali" della BCE stessa.

Terzo, considerare le riserve un "debito" dello Stato nel quale si trovano le banche commerciali che ricevono le suddette riserve dalla BCE è una forzatura enorme della realtà, perché il "credito" di una banca centrale è un credito di una natura molto particolare, che di fatto non comporta "perdite" nel caso di mancato rimborso (fallimento di una banca e conseguente "scomparsa" delle riserve da essa detenute). Se così non fosse, a rigor di logica, qualunque paese dovrebbe aggiungere le riserve detenute dal proprio sistema bancario al computo del proprio debito nazionale.

Quarto, se proprio vogliamo dare una lettura "morale" del meccanismo TARGET2, come amano fare i tedeschi, allora dovremmo dire che esso, lungi dall'aver rappresentato un salvataggio per i paesi della periferia, ha invece rappresentato un vero e proprio bailout del valore di oltre 500 miliardi di euro a favore dei paesi del centro, e in particolare della Germania:

In questo processo, il settore privato tedesco si è disfatto di molti crediti dubbi... Ma la maggior parte del credito concesso dalle banche tedesche alla periferia dell'eurozona è stato in pratica semplicemente passato alla Bundesbank come saldo di TARGET2. E dei saldi di TARGET2 rispondono in solido gli azionisti della BCE, e quindi anche la Germania, ma solo per il 27 per cento. Ecco quindi come il sistema bancario tedesco è stato di fatto salvato mutualizzando i suoi crediti dubbi verso la periferia a spese di tutti i paesi dell'eurozona.

C'è poi un altro punto da sottolineare: l'incremento del passivo TARGET2 di diversi paesi della periferia - in particolare dell'Italia - negli ultimi due anni non riflette, come nel 2011-12, l'incapacità delle banche di questi paesi di rifinanziarsi sul mercato interbancario. Esso è piuttosto il risultato delle politiche di quantitative easing (QE) della BCE, che passa sempre per le banche nazionali: in parole povere, buona parte della liquidità creata dalla Banca d'Italia (in quanto "filiale" della BCE) non è rimasta all'interno del nostro sistema finanziario, ma è defluita verso l'esterno - per investimenti esteri e per l'acquisto di titoli di Stato italiani detenuti da banche estere, soprattutto tedesche - dando impulso alla dinamica del saldo TARGET2, che si conferma un semplice "effetto collaterale" delle decisioni di politica monetaria - normali o non convenzionali che siano - della banca centrale e della artificiosa frammentazione del bilancio della stessa.

E che dire della minaccia di Draghi secondo cui un paese che volesse uscire dall'euro dovrebbe prima saldare il proprio debito TARGET2? Che si tratti di una minaccia priva di alcun fondamento lo rivela la stessa Bundesbank, che riconosce che l'ipotesi di un'uscita di un paese dal sistema TARGET2 «non è prevista nei termini del Trattato sul Funzionamento dell'Unione europea» e dunque sarebbe necessariamente soggetta a negoziato, in cui - tra l'altro - il paese uscente si troverebbe in una situazione di notevole vantaggio contrattuale.

Alla luce di quanto detto sopra, l'unica misura in cui la Germania può considerarsi "esposta" nei confronti dell'Italia è in quanto partecipe del capitale della BCE, giacché, se veramente un paese dovesse uscire dall'euro e rifiutarsi di saldare il conto T2 (come è probabile, almeno nella sua interezza), si aprirebbe un buco di bilancio nella BCE. A quel punto - come spiega sempre Bankitalia - «eventuali perdite di bilancio relative alle operazioni di rifinanziamento principali vengono ripartite tra tutte le banche centrali nazionali sulla base della quota di partecipazione al capitale della BCE, indipendentemente da quale banca centrale nazionale abbia erogato il finanziamento e dalla distribuzione dei saldi TARGET2 all'interno dell'Eurosistema». E questo perché - ripetiamolo - «i saldi su TARGET2 non rappresentano un'obbligazione bilaterale tra due paesi».

E comunque, anche nel caso in cui la BCE dovesse veramente subire un buco di bilancio, questo non avrebbe alcun impatto dal punto di vista operativo, né rappresenterebbe una "perdita" per la Germania, a meno che la BCE non chiedesse veramente alle tesorerie nazionali di rimpolpare il capitale della BCE (e la Germania acconsentisse), cosa estremamente improbabile. Le favole tedesche sul funzionamento delle banche centrali valgono per gli altri, mica per sé. Come ha riconosciuto di recente la stessa BCE, infatti, le banche centrali possono tranquillamente operare con capitale negativo.

In conclusione, possiamo affermare che è priva di fondamento tanto l'idea secondo cui la Germania «avrebbe aperto una linea di credito» a paesi come l'Italia (e dunque subirebbe «perdite enormi» in caso di uscita di un paese con saldo T2 passivo dall'euro), quanto l'affermazione di Draghi secondo cui per uscire dall'euro bisogna prima chiudere i saldi T2. Poco più di una "fake news" insomma, che però conferma una cosa: che il debito - di qualunque natura sia - continua ad essere un potente strumento disciplinare nelle mani delle classi dominanti, anche quando questo è poco più di uno spauracchio.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    Diego Fusaro: l’austerità è l’effetto, ma la causa è l’euro! http://www.byoblu.com/post/video-dal-web/diego-fusaro-lausterita-leffetto-la-causa-leuro
    • mc 10 mesi fa
      gli argomenti non ci sono per niente, se non sei tu ad argomentare. 'leggiteli' non è un' argomentazione
    • Zampano . Utente certificato 10 mesi fa
      Gli argomenti ci sono. Leggiteli.
    • mc 11 mesi fa
      argomenti? 0 hai forse qualche link inutile?
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      "Zampano, sai parlare Italiano? Quello è un titolo". Ecco, bravo, vediamo se sai finire la frase. Titolo di...? Titolo di un..? Titolo di un video. Ora, se te lo guardi, trovi le "argomentazioni". Altrimenti è inutile.
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, sai parlare Italiano? Quello è un titolo, una frase, uno slogan, non un'argomentazione.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Sai leggere il titolo? "Diego Fusaro: l’austerità è l’effetto, ma la causa è l’euro!" di che cosa vuoi che parli l'articolo? della tua vita? E' un ulteriore testimonianza che la soluzione è una sola. Fuori dall'euro e dall'UE!
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Se ti tappi occhi e orecchie, ben difficilmente vedrai le "argomentazioni"...
    • mc 11 mesi fa
      argomentazioni 0
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Se quei link non li guardi e tieni la testa sotto la sabbia non potrai mai saperlo...
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, continui a postare link. Dove sono le argomentazioni?
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    L'Italia deve tornare alla sovranità monetaria. Fuori dall'euro e dall'UE! L'Euro e la Sovranità Monetaria https://www.youtube.com/watch?v=LGx6jPcCxSk
  • mc 11 mesi fa
    Una voce fuori dal coro: http://www.giampaologalli.it/2015/06/i-nostri-soldi-hanno-salvato-la-grecia-non-le-banche-tedesche-ecco-perche/ . Questo è un articolo molto interessante che smonta tutti i vari teoremi e le teorie complottistiche che questo blog da vario tempo fa circolare come verità inconfutabili sulla questione Grecia. Lo dice chiaramente: gli investimenti privati (delle banche) erano stati ritirati già da 5 anni (dal 2010). Crisi greca è avvenuta nel 2015. I prestiti fatti dagli stati EU sono andati alla Grecia, non alle banche. Vi rendete conto che tutto il vostro filosofeggiare non contempla il fatto che le cose possano non stare affatto come pensate. E la cosa peggiore è che non vi preoccupate nemmeno di controllare. Ce l'avete menata tanto con sta storia che tutti pensavano che i miliardi pagati dall'Italia fossero andati alle banche francesi e tedesche. Invece non è così. Controllate le vostre fonti. Vedrete che infine rimanere nell'Euro conviene. l'Unione fa la forza. Mai sentito il contrario.
    • mc 10 mesi fa
      con le dovute argomentazioni si può discutere di tutto. cosa che tu non stai facendo
    • Zampano . Utente certificato 10 mesi fa
      Un "euroinomane" non può definire farneticazioni le cose dette dai grandi nobel dell'economia.
    • mc 11 mesi fa
      cosa vai farneticando?
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Sei stato smentito anche stavolta invece.
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, di nuovo niente argomentazioni da parte tua. Io non faccio gossip politico, mi spiace
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Vedi MC, quelli del PD sono filoeuristi convinti e vengono regolarmente invitati alle trasmissioni televisive di seconda serata, ma quando sanno che si tratta di dibattito, eclissano l'invito (Paragone docet). Il tuo Galli e le sue sparate sono note, ma per capire le cose che ti ho detto finora dovresti guardare i link che ti ho dato e che tu hai volutamente ignorato. http://scenarieconomici.it/balle-spaziali-giampaolo-galli-pd-il-debito-pubblico-e-sostenibile-se-facciamo-le-riforme/
    • mc 11 mesi fa
      Non mi risulta proprio. Dove hai sentito che si sottrae a confronto tv? non puoi controbattere postando link e voila; scrivi cosa intendi. Poi documenti col link. Senno non stai argomentando. Il filmato mi ricorda di quei tizi marxisti rivoluzionari che venivano a dirti che il capitalismo era un sistema per soggiogare le masse. etc etc.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Giampaolo Galli? Quello del PD che lavora per l'UE e che non accetta duelli televisivi perchè non vuole smentite? Peccato che in Economia (e non solo) ometta un paio di cosette. Quello che non si dice sull'Unione Europea e sull'Euro https://www.youtube.com/watch?v=M1Uzk-CpAys
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    Prof. Giuseppe Guarino, docente di diritto costituzionale, pubblico e amministrativo, nonchè ex ministro delle finanze: "L'euro? un golpe!" Fuori dall'euro e dall'UE!!!!
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    Uscire dall'Euro e tornare alla Lira per salvare l'Italia https://www.youtube.com/watch?v=WOv8--3dIWA
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    La denuncia contro le più alte cariche dello Stato per la cessione della nostra sovranità http://www.studiolegalemarcomori.it/la-denuncia-contro-le-piu-alte-carico-dello-stato-per-la-cessione-della-nostra-sovranita-scaricatela-e-depositatela-versione-aggiornata-al-maggio-2015/
    • mc 11 mesi fa
      posta le tue risposte, non riportare link e accennare con fare generico. Vero, non sono economista. Ma questo non vuol dire non avere la possibilità di presentare la propria idea. Anzi, ho il diritto di esporre la mia opinione. Ci mancherebbe, in che razza di mondo vivi? Ho il diritto di rispondere a tutto, anche nella più totale ignoranza; se tu vuoi controargomentare, cosa che non stai facendo, fa pure. Dire l'argomento è saturo, non è un'argomentazione, è un accennare generico. Dire che l'evasione fiscale non contribuisce al debito dello stato è un'indebita fesseria, che tu sia un economista o meno. E se fossi un economista ti radierebbero dall'albo per affermazioni simili. Io mi creo un'opinione che cerco di argomentare, tu riporti solo pensieri di altri, anzi nemmeno, accenni a documenti dove presentano una moltitudine di idee, spesso strampalate. Qui sul blog non argomenti nulla, ergo non ho nulla da risponderti se non postare il commento dopo di te.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Caro mio, tu non puoi rispondere a nulla, prima di tutto perchè l'argomento euro è saturo di risposte, le quali dimostrano quanto è stato nocivo per l'Italia entrare in eurozona e accettare la moneta unica; secondo perchè tu non sei un economista. Le risposte che io posto invece sono state date da economisti di livello anche internazionale, e le trovi in quei video e siti che tu chiami "barbosi". Quindi puoi fare una cosa: li guardi e ti acculturi sulla materia euro, trovando appunto risposta ai quesiti che ti interessano, oppure resti delle tue convinzioni.
    • mc 11 mesi fa
      nonono. Io ho già argomentato. Se vuoi rispondo a te, non mi faccio 2 ore di video barbosi dove dicono di tutto di più. dimmi cosa vuoi argomentare e io rispondo a te. Loro dicono che l'Italia sarebbe sommersa di investimenti. Obietto: non investivano prima dell'euro, perchè dobrebbero farlo in caso di uscita?
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Una truffa chiamata euro. https://www.youtube.com/watch?v=FpBubIfUvIY
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Mc carissimo, tu giudichi video e articoli senza leggerli, il che prova quanto sei portato al dialogo e al ragionamento. Che poi a te non piacciano, me ne frega assai...
    • mc 11 mesi fa
      Forse non hai capito, cosa c'entra? Dico, se tu avessi degli argomenti di cui discutere capirei. Tu vai avanti a slogan. Oltretutto, il blog consente a chiunque di fare commenti. Il che vuol dire che è una piattaforma aperta al dialogo. Dialogo, non trash.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Mi sembra che tu non abbia capito una cosa: questo è il blog del M5S e l'ospite, chi non ha nulla da fare, sei tu, non io! Il M5S fa la volontà del popolo italiano (e non olandese o tedesco o di chissà quale altra parte d'Europa!) e da anni il M5S urla: "potere al popolo non alle banche". Se non ti è chiaro, non è colpa mia. http://www.beppegrillo.it/2015/07/referendum_sulleuro_in_italia_la_proposta_m5s_in_senato.html
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, capisco anche che tu non abbia molto da fare, ma riempire il blog di commenti buttati lì mi sembra fuori luogo. Suggerisco, trovati un'attività di svago, vai, vai.
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    L'euro "distrugge" l'Italia di Giovanni Passali http://economiapericittadini.it/societa/attualita/189-l-euro-distrugge-l-italia-ecco-le-prove
  • mc 11 mesi fa
    Zampano 'Uscendo da euro e UE sarà la stessa identica cosa' esatto , quel che dico io. ' ma ci sarà un grande miglioramento.' Bhe qui credo siamo in contraddizione con quel che si è appena detto. Per il resto, a mio avviso uno non va a scomodare i trattati internazionali perchè non può pescare le vongole. Certe cose si possono discutere. Per inciso, che la pensano come me ci potrebbero essere circa 2 milioni di Italiani che vivono in Europa. Anche di più se consideri che questi sono solo gli iscritti all'AIRE.
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, per esser più chiari, ovvio se tu fai parte di un'Unione, dovrai contribuire con un contributo minimo (5.5 miliardi € - in Italia ne paghiamo oltre 400 miliardi ogni anno) alle spese di mantenimento. La massima parte delle tasse ritornano comunque in forma di fondi. Se fossi in Italia, paghi le tasse, una parte vengono trattenute per la spesa della 'macchina pubblica'. http://ec.europa.eu/budget/explained/budg_system/financing/fin_en.cfm il resto viene redistribuito per il resto della spesa pubblica - opere, sussidi ecc. Invece di finanziare opere in Italia direttamente, l'Europa restituisce la maggioranza dei soldi sottoforma di fondi. la tua frase 'Noi versiamo soldi e non riceviamo ciò che ci spetta di diritto. ' non ha senso in vista di quel che ti ho detto sopra. Ti torna come argomentazione? Noi riceviamo fondi europei oltretutto ti contraddici da solo in 'L'Italia versa più di ciò che ottiene in cambio. Ora, è chiaro a tutti che questi beni o servizi (esempio: lotta immigrazione, terremoto, valanga, etc.) non si vedono. Non ci sono.' se l'Italia versa più di ciò che ottiene in cambio, vuol dire che qualcosa si ottiene in cambio, quindi è impossibile non vederli. Sono i fondi europei che in pratica costituiscono la maggioranza dei soldi che noi versiamo, ritornano a noi. Continua ad argomentare, ti rispondo. In più hai che fai parte di un'unione con tutti i vantaggi (libertà mon=vimento beni e persone, moneta comune, ecc. ) che isolandoti non avresti per rifiutarti di pagare quattro spiccioli. Quei link parlano di tutto e di più e in maniera costante mi trovo o in forte disaccordo con ciò che dicono oppure so benissimo che rimanere in Europa offirebbe anche maggiori vantaggi di quelli che elencano.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Mc mi sembra di essere stato abbastanza chiaro, ma proverò a dirlo con altre parole, così magari ci capiamo meglio. Perchè l'Italia deve pagare l'UE, a che scopo? Per ottenere dei beni o servizi. L'Italia versa più di ciò che ottiene in cambio. Ora, è chiaro a tutti che questi beni o servizi (esempio: lotta immigrazione, terremoto, valanga, etc.) non si vedono. Non ci sono. Dall'UE nessuna risposta pratica, solo parole. E' chiaro adesso? Noi versiamo soldi e non riceviamo ciò che ci spetta di diritto. Non solo, i soldi che noi versiamo all'UE vengono da loro sperperati (fonte Danny Kemp, Business Insider), sprecati in mille modi (esempio: paghiamo per DUE, -non una, DUE- sedi parlamentari europee: Strasburgo e Bruxelles). Se tu avessi la pazienza di vedere quei video e siti elencati troveresti informazioni molto più dettagliate ed esaustive.
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, sono i tuoi giochini che con me non attacca. se pensi una cosa, dimmi cos'è, ti rispondo. Non posti il link e dici, vedi il link. Dimmi cosa vuoi dire. Se non dici non argomenti. Tanto per rispondere a 'ti va a buca, sempre' ti ricordo una delle tue perle qui sotto, 'L'Italia è terzo contribuente, versa all'UE più soldi di quanti ne riceva indietro ' ripeto, tu ti aspetti che le tasse che paghi ti vengano restituite? magari con gli interessi, che ne dici. Perchè no, paghi 10 e ti restituiscono 15. Sicuro. Ma fammi il piacere
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      MC questi giochini con me non attaccano. Capisco che davanti a tante notizie dette da nobel e da economisti italiani sei perso, non sai come reagire, passi all'insulto e cerchi di demonizzare il sottoscritto. Pero' ti va a buca, sempre, e lo stesso Schulz non nasconde che l'euro è una TRUFFA! https://www.youtube.com/watch?v=0VNoIQ5TMsM
    • mc 11 mesi fa
      Intanto in quanto a non capire nulla credo tu stia facendo la tua parte molto per bene. Tu fai ridere i polli o sei tu un pollo che ride? Sei un pollo comunque. Se uscissi dall' Europa, non avresti più voce in capitolo. Molto probabilmente molti stati cercherebbero di approvvigionarsi altrove. Ricordati che il primo paese importatore di beni italiani è la Germania. Stravolgere la situazione sarebbe un indubbio svantaggio per l'Italia. Certe relazioni internazionali si sono create nel tempo e si sono evolute. Il tuo tanto proclamato volere disfare l'unione rappresenterebbe un'inversione di rotta rispetto a tutto quanto è stato fatto da decenni. L'Italia e in particolare il Sud Italia hanno un'economia che non fa paura a nessuno. L'Italia riceve meno di quanto paga, ah sì perchè quando tu paghi le tasse ti aspetti che te le diano indietro? Complimenti, che ragionamenti super. Che argomentazioni, uela. E se ti dicessi che qui in Olanda paghiamo di più che in Italia per stare in EU? Ovvio che non ti importa. Pure la Germania paga più dell'Italia (sono 20 milioni in più di noi) per stare in EU.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Mc fesserie? Credi che l'Italia abbia bisogno dell'Europa per vivere? L'Italia è terzo contribuente, versa all'UE più soldi di quanti ne riceva indietro (che poi, quelli che l'UE dà indietro, sono sempre soldi nostri!) Viene anche da ridere quando dici: "chi vi cagherebbe", dimostrando di non conoscere nulla di geopolitica e della centralità del nostro Stato nel Mediterraneo. Ti potrei citare la pagina di Limes, ma tanto tu non la leggi...
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, ma fammi il piacere cambia tutto. Ma dove vivi? Se si uscisse addirittura dall' Europa per viverci dovresti richiedre un visto. Cambiare da fuori? maffigurati, una volta usciti chi vi cagherebbe più? Uno discute senza disfare l'unione. Funziona così. Non tengo conto di quelle fesserie, dai.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Noooo, MC, intendo per chi vive all'estero non cambierà nulla, l'ho anche detto nei post precedenti. Se si esce, per loro potrebbe essere solo un problema di burocrazia, ma se tu vivi in Italia e vuoi trattare con l'UE, devi per forza farlo da fuori, è evidente. Quante volte sono stati chiesti interventi anti-immigrazione? Sono anni ormai, tanto per fare un esempio e non soffermarmi sulle vongole. Non puoi trattare da dentro perchè ormai i trattati sono stati firmati da politici venduti, ecco perchè bisogna uscire. Tieni conto che prima di entrare in UE, i rapporti commerciali e non solo tra Stati c'erano ugualmente, ma almeno non erano a nostro svantaggio. Tieni inoltre conto che lo stesso Sapelli ha detto che, giuridicamente parlando, questa Europa non esiste, è illegale perchè gli accordi fatti non tengono conto delle volontà dei cittadini.
    • mc 11 mesi fa
      Intendo se 'Uscendo da euro e UE sarà la stessa identica cosa' meglio rimanerci
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    Euro, come la Germania ha fregato l’Italia La moneta unica è il mezzo che giustifica il fine dei tedeschi: vessare gli italiani per rientrare dai debiti. Ci raccontano un sacco di balle per farci sottostare alle “regole” di Bruxelles https://www.investireoggi.it/obbligazioni/euro-ecco-come-la-germania-ha-fregato-litalia/
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    mc prima dell'UE e dell'euro vendevamo i prodotti alle nazioni di tutto il mondo senza problemi. Uscendo da euro e UE sarà la stessa identica cosa, ma ci sarà un grande miglioramento. Non ci saranno più imposizioni dall'estero tipo distruggere gli uliveti e acquistare olio tunisino, o arance dal marocco, costringerci a usare polveri per fare formaggi, o grassi vegetali al posto del cacao, o vino con le cartine, o imporci divieti come quello di pesca alle vongole etc. L'UE ha voluto cio' per favorire il mercato delle multinazionali europee (complici politici nostri venduti), le quali multinazionali hanno sempre temuto la concorrenza con le microimprese della qualità e i nostri prodotti. Unica soluzione è evadere. L'Italia sarà finalmente libera con tutte le sue sovranità. Fuori dall'euro e dall'UE per prosperare! https://www.youtube.com/watch?v=QlmUgL7OTPA
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    BASTA EURO, COME USCIRE DALL'INCUBO http://www.bastaeuro.org/Sito2014/docs/bastaeuro_comeusciredaincubo.pdf
  • mc 11 mesi fa
    sì vedo ora avevo avuto una svista nel mio ragionamento sotto. Sperando non ce ne siano altre. Se ragioni in € devi rimanere in € quindi ipotizzando di passare a una valuta svalutata del 30% rispetto all'euro, avresti. 432 miliardi € di import odierno rimangono così per l'export prenderesti 30% in meno: L'export odierno è 472 miliardi di € 472 / 100 * 30 = 141.6 472 - 141.6 = 330.4 poi http://www.trademap.org/tradestat/Product_SelProduct_TS.aspx 18355979023000 / 100 * 0.7 ti riprendi uno 0.7% dell'export mondiale 128491853161. 128491853161 / 100 * 30 = 38547555948.3 128491853161 - 38547555948.3 89944297212.7 circa 90 miliardi di € che ti riprendi sommi 330.4+90 = 420.4 miliardi € export nella nuova valuta ovvero passi da 472 a 420.4 miliardi di export con una perdita di 50 miliardi. Quindi saresti in perdita nella migliore delle ipotesi.
    • mc 11 mesi fa
      Cosa argomenti? Niente. Che frasi? boh vedi tu
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Frasi buttate li da chi? Da persone come te? No, da persone come il ministro delle finanze che ha lavorato per Kohl, dal presidente del Parlamento europeo, persino da premi nobel e se per te questo non ha valore, per me ne ha e parecchio! L'Italia uscirà dall'euro, è solo questione di tempo, fattene una ragione.
    • mc 11 mesi fa
      Inizialmente ho avuto l'impressione che volessi dialogare sull'euro, ma ora comincio a pensare che tu non argomenti. Mandi link e 'vedi il link'. Il resto, solo slogan, tipo 'l'Euro è una truffa' etc etc. Sono argomentazioni? no, sono frasi buttate lì
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Inizialmente ho avuto l'impressione che volessi dialogare sull'euro, ma ora comincio a pensare che tu appartieni a quella categoria di persone che temono la verità. Mi dispiace, ma il medioevo è finito, e io ti pongo davanti al fatto compiuto, finchè non ti rimane impresso in testa: ben 7 nobel stranieri e numerosi economisti italiani ce l'hanno raccontato in tutti i modi. L'EURO E' UNA TRUFFA E L'UE E' L'ASSOCIAZIONE A DELINQUERE CHE GESTISCE LA COSA. L'ITALIA, SE VUOLE RISOLLEVARSI, HA BISOGNO DI SOVRANITA', DEVE USCIRE DALL'EURO E DALL'UE. SUBITO. Intervista all'economista Warren Mosler https://www.youtube.com/watch?v=P_4VO0K6bzo
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, invita pure nei tuoi post, non nei miei. Io intanto presento le mie argomentazioni, non solo link di terzi.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Caro MC, invito semplicemente gli utenti a prendere in esame quello che tu, senza nemmeno avere visto, chiami "trash". A differenza tua, loro potrebbero capire il perchè l'Italia deve uscire dall'euro. https://www.youtube.com/watch?v=JXwvKo2VwiQ
    • mc 11 mesi fa
      zampano, perchè continui a riempire i miei commenti di questa roba trash? se non hai argomenti, lascia perdere, vai a far qualcos altro
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      https://www.youtube.com/watch?v=F_6GIUBk5dM
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc sono economisti, conoscono la materia, non sono mai stati smentiti sull'argomento nelle varie trasmissioni in cui si sono presentati e i milioni di italiani sono quelli che vogliono uscire. A chi fa comodo questa UE? A massoni, banchieri, lobbisti, multinazionali. Tra l'altro, questa Europa è pure contro la Costituzione italiana. Leggi " L'Europa dei banchieri contro la Costituzione" dell'avv. prof. Auriti o gli scritti dell'avv. Mori.
    • mc 11 mesi fa
      Ti ripeto, evidentemente non ti sei informato. Non vivo solo io in Europa. Ci sono circa 2 milioni di Italiani. Basta con nomi di economisti sfigati e da strapazzo
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Bravo, continua a imitare lo struzzo, metti pure la testa sotto la sabbia per non vedere quello che da anni nobel stranieri dell'economia e anche docenti italiani della materia ti dicono, tanto il tuo negazionismo a oltranza verrà spazzato da via da milioni di italiani che si sono rotti le balle dell'euro e dell'UE. Stai in Olanda, che così fai un favore a tutti. FUORI DALL'EURO E DALLUE! SUBITO!
    • mc 11 mesi fa
      ma cosa dici, fammi il piacere, vai a perdere il tuo tempo da un'altra parte, dai.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      MC nel caso in questione Barnard ti spiega le cose così come le spiegherebbe a un bambino di 6 anni e si avvale della consulenza dell'economista americano Warren Mosler, che in USA è piuttosto noto per le sue teorie sulla moneta, persona attendibile direi...
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      ARIDAJE! PREMESSO CHE LE VERE ESPORTAZIONI CI SONO QUANDO PUOI SVALUTARE LA TUA MONETA, CIOE' QUANDO NE DETIENI LA SOVRANITA' E QUESTA E' COMPETITRICE CON LE ALTRE SUL MERCATO, NON QUANDO TU SEI SOTTOPOSTO A UN SISTEMA MONETARIO, QUANDO CI SONO VINCOLI FOLLI E SAI PURE CHE LA MONETA NON E' ADATTA ALLA TUA ECONOMIA (SINTESI DI CONCETTO ESPRESSO DALL'ECONOMISTA TEDESCO J.STARK). UNA MONETA INADATTA E CHE VIENE CONTROLLATA DA SOGGETTI TERZI DI STATO STRANIERO NON POTRA' MAI ESSERE UN VANTAGGIO PER L'ITALIA, MA FAVORIRA' SEMPRE L'ECONOMIA PER LA QUALE E' NATA, E TI RICORDO CHE L'EURO E' IL MARCO TEDESCO, UNA MONETA LA CUI CREAZIONE E' ''CAMPATA IN ARIA'', COME TI SUGGERISCE SAVONA O ANCHE IL NOBEL KRUGMAN. E' COSI' DIFFICILE DA CAPIRE?
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, quiesta poi è ridicola. Ti fa l'apologia dell'evasione fiscale. Per piacere smettila con sti link. sono cose fuori luogo
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      TI HO GIA' DETTO DI LEGGERE RINALDI, BORGHI, BAGNAI E TUTTI GLI ALTRI, SE FAI UNA RICERCA IN RETE E LEGGI QUALCOSA, TI SI APRONO GLI ORIZZONTI. QUESTO E' DI BARNARD E C'E' LA CONSULENZA DI MOSLER ''L’evasione era una risorsa, non un danno. E’ l’Euro la devastazione.'' http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=392
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    J.Stark, economista tedesco e membro della BCE conferma che "fintanto che l'Italia sta in eurozona, l'Italia non può crescere nè svilupparsi. L'Italia per essere competitiva deve riprendersi la sua sovranità monetaria." FUORI DALL'EURO E DALL'UE SUBITO!
  • Beppe A. Utente certificato 11 mesi fa
    L'u€ l'han creata gli usa. Gli usa la distruggeranno
  • mc 11 mesi fa
    Zampano, lascia perdere la fantapolitica e i complotti. Ti ho già detto che gli economisti anti-euro usano il mantra dell'export e degli investimenti stranieri come principale argomento. Come già visto sotto, se la svalutazione ti facesse anche aumentare l'export (cosa tutta da verificare), l'industria dell'import ne risentirebbe. Investimenti, Non investivano in Italia prima dell'euro, perchè dovrebbero farlo in caso di uscita? A quanto ne so l'Italia non ha perso sovranità. Gli stati europei hanno deciso di sottostare a comuni regole di 'convivenza'. Queste regole valgono per tutti, non solo per l'Italia. Ti ho già indicato che l'euro di per sè non ha causato nulla e tu non lo stai nemmeno dimostrando. Uscendo dall'euro e dall'Europa (pure?) non faresti altro che isolarti. pensala come vuoi, io semplicemente non sono d'accordo in quanto per me è stupido. Rifiuto un'idea così chiusa della realtà come la tua.
    • Zampano . Utente certificato 10 mesi fa
      Le opinioni te le fai dopo che studi la materia e vedo che a te la materia non interessa, difatti nemmeno li guardi i link che ti posto, ti piace solo ''trollare'' e non dire nulla di sensato.
    • mc 11 mesi fa
      ancora sti articoli. tu hai opinioni tue o solo articoli?
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      MC Non fare lo struzzo e leggiti l'articolo... http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=392
    • mc 11 mesi fa
      zampano, sai io non mi considero nè di destra nè di sinistra. Vedo cose giuste e sbaggliate. Per esempio sono d'accordo a limitare l'immigrazione dal terzo mondo, che spesso è clandestina. Questo credo sia un punto del vostro programma. Non sono d'accordo a uscire dall'euro. Siccome voi vi proponete come forza onesta e trasparente, io ritengo che non possiate fare proseliti contro l'euro. Dovreste avere l'onestà di ammettere che un'eventuale uscita al meglio non cambierebbe le cose. Quindi se vi lamentate adesso, vi lamentereste anche dopo. Bisogna intanto cambiare atteggiamento e pagare ste tasse. Ovvio poi però attenzione a non farsi mettere i piedi in testa e far valere le proprie posizioni in Europa. Ciò detto un accordo è possibile, basta volerlo. Atteggiamenti rinunciatari e disfattisti non portano da nessuna parte.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      MC BALLE? ANCHE STAVOLTA HAI NEGATO CIO' CHE DICE SAVONA, UNO CHE DI ECONOMIA NE MASTICA UN PO PIU' DI TE. A QUESTO PUNTO PUOI DIRE TUTTO QUELLO CHE TI PARE, INVENTARTI I CALCOLI CHE VUOI, ESTRAPOLARE PEZZI DAI TESTI CHE TI DO DA LEGGERE E CHE ANDREBBERO CONSIDERATI INTEGRALMENTE, ETC.. CIO' NON CAMBIA CHE IL M5S HA RACCOLTO FIRME PER IL REFERENDUM CONSULTIVO SULL'USCITA DALL'EURO E SE TU FOSSI DAVVERO DEL M5S QUESTO LO SAPRESTI E SAPRESTI ANCHE CHE E' PARTE DEL PROGRAMMA. DA CIO' SI EVINCE CHE TU SEI PIU' VICINO AL PD CHE AL MOVIMENTO, SEI UN PRO-EURO E MI DOMANDO CHE CI FAI QUI...
    • mc 11 mesi fa
      No, il debito cresce perchè lo stato deve far saltar fuori i soldi che i cittadini (micro/medio imprenditori) non pagano con le tasse. Ved voce evasione.
    • mc 11 mesi fa
      5.5 miliardi ogni anno. una frazione dei 120 di evasione. La massoneria c'èra in Italia anche prima dell'euro. Non vedo cosa c'entri con l'Europa. Ripeto, se volete uscire dall'Euro, dite semplicemente di volere uscire e basta, non date motivazioni che non esistono. basta balle
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc, tu sarai pure italiano ma non vivi in Italia, questo è il punto. I problemi li hanno coloro che vivono qui e, credimi, non si tratta di "mancanza di umanità" da parte dell'UE, ma di soldi che buttiamo per stare in una Unione che ha portato svantaggi alla popolazione. E' solo un associazione di banche, massoni e lobbisty.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Certo che mi dice tanto, il debito cresce perchè l'economia stagna e se stagna è per via di un Europa germanocentrica che pone vincoli per noi dannosi (e per loro fruttuosi, of course). Il vecchio video di Barnard, se lo guardi, ti fa capire i due pesi e due misure usati in Europa. Ti sei domandato come mai il finazniere tedesco Waigel ha parlato di inciuci tra politici italiani e tedeschi e la paura tutta tedesca che l'Italia possa lasciare ora l'UE? Se vuoi te lo dico io, se l'avessero fatto nel 2012-2013, gli italiani avrebbero intascato un bel pacco di miliardi. Più il tempo passa, più però la cosa diventa critica per noi.
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, io fino a prova contraria sono Italiano quanto te. leggi il link che posti http://scenarieconomici.it/50-volte-no-allunione-europea-e-alleuro-di-paolo-becchi-e-fabio-dragoni/ 'il reddito pro-capite degli italiani era il 96% di quello tedesco. Nel 2015 dopo sedici anni di euro il reddito degli italiani è il 76% di quello dei tedeschi (Fondo Monetario Internazionale). Le alternative sono due. O Meno Europa oppure Meno Reddito. Tertium non datur.' sta forse parlando di reddito dichiarato? In questo caso, Tertium datur eccome : Meno Evasione 'nel 1981 l'evasione fiscale in Italia ammontava a circa 28 000 miliardi di lire, equivalente al 7-8% del PIL. Trent'anni dopo questa quota è salita appunto fra il 16,3% e il 17,5% del PIL, per un totale che oscilla, secondo altri studi, tra i 255 e i 275 miliardi di imponibile sottratto all'erario' Ti dice qualcosa?
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      https://www.youtube.com/watch?v=voHYcaEY5tY
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Caro Mc non penso di essere io quello che fa disinformazione, nè capisco cosa vuoi tu dall'Italia, del resto, non hai forse detto che stai in Olanda e che vieni qui solo pochi mesi l'anno? Vuoi fare come i tedeschi, che vogliono controllare tutta l'Europa? Suvvia, fai da bravo. Se ti piacciono l'euro e l'UE sono contento per te. Solo che l'Italia ha più di un motivo per abbandonare sta moneta truffa e l'eurozona. 50 volte NO all’Unione Europea e all’euro http://scenarieconomici.it/50-volte-no-allunione-europea-e-alleuro-di-paolo-becchi-e-fabio-dragoni
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, ascolta, se tu / voi volete uscire dall'euro mi sta benissimo. È la vostra idea su cui io non sono d'accordo. Io voglio invece rimanere in area Euro. Però non venite a contare la balla che ci costa, ci sconviene e ci rovina solo per influenzare la gente. Così facendo fate disinformazione.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc calcoli miei non ce ne sono, non mi attribuire meriti che non ho, e non parlo per frasi fatte, ma riporto l'autore di chi dice quelle cose, ti faccio i nomi di econmomisti e ti do i link ma tu non guardi nemmeno i video, ti cito i giornali dove puoi trovare gli articoli e te ne freghi, ti do l'input dicendo mediobanca e tu non fai nemmeno una ricerchina in rete per vedere se c'e' qualcosa a riguardo, in che altro modo posso farti capire le cose se non ripetendoti all'infinito che ben 7 nobel nonchè economisti italiani da anni ci dicono che l'euro è una fregatura per l'Italia? Ti basta la conferma di Schulz che l'euro è una fregatura? La mia impressione è che tu non voglia vedere le cose.
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, esattamente cosa non ti convince, quali sarebbero i tuoi calcoli invece? Non ne vedo. Smettila di riempirti la bocca di frasi fatte. Ammetto ho buttato giù i calcoli in maniera un po' rozza, affrettata, e non ho spiegato bene cosa intendevo ma i conti sono quelli. Unico appunto, l'evasione toglie ~120 miliardi di tasse annue al fisco. Questo costringe lo stato a contrarre debito. I miei 'calcoli' sono in verità semplici verifiche, conti aritmetici, che smentiscono a grandi linee quel che dicono sti economisti. Non credo che si possa discutere, non sto facendo argomentazioni di nessun tipo (tali da potere essere smentite). Ho messo giù due calcoli per capire cosa potrebbe aspettarci da un passaggio improvviso a una valuta diversa dall'euro che faccia perdere 30% del potere d'acquisto che gli Italiani avevano con l'Euro. Vedi errori? E Mediobanca cosa dice esattamente? Se tu aumenti l'export svalutando, l'import diminuisce e l'import è una voce molto importante dell'economia Italiana. Bisogna oltretutto vedere se sarebbe oggigiorno possibile aumentare l'export in quanto avresti una fortissima concorrenza asiatica. La moneta non ti porta danni. Sui trattati, bisgona stare attenti a non cadere nella solita nenia a voi cara, che i Tedeschi possono fare di tutto. Elencami le 150 violazioni. C'è qualcosa che riguarda il debito? Concordo sul fatto che siano in infrazione sul surplus e che vada rivisto questo aspetto. Però la commissione europea credo ponga più attenzione per il momento a situazioni di crisi come in Italia e Sud europa. Non li sto giustificando, però non giustifico nemmeno chi in Italia non paga le tasse. E non perchè ce lo chiede l'Europa
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc sono i tuoi calcoli che non convincono e non smentiscono quelli riportati da economisti di professione come Bagnai e Rinaldi. Inoltre sei smentito persino da Mediobanca, che calcoli ne fa da una vita e più di te. Se fossimo usciti dall'euro anni fa, avremmo guadagnato centinaia di miliardi. Se usciamo adesso, guadagnamo solo 8 miliardi. Se usciamo domani? Perdita di tutto, affondamento del Paese. L'euro tienilo tu che stai in Olanda, noi viviamo in Italia e non sappiamo che farcene di una moneta che porta solo danni. Riguardo la sovranità, dire che sono stati firmati trattati e che quindi dobbiamo accettare quello che dicono è comico, perchè la Germania può violarli apertamente (oltre 150 violazioni, incluso il surplus commerciale) noi invece no. Se questa è sovranità, tieniti pure questa!!!! La soluzione è una sola, Italexit, fuori dall'euro e dall'UE!
    • mc 11 mesi fa
      scusa in verità vedo ora che si riferiscono a 275 miliardi di imponibile, il che vuol dire 'solo' 120 miliardi di tasse, circa 150€/mese per ognun cittadino. Perfettamente in linea con quel che conosco dell'Italia. Non negarmi che non sia così. Scusami ma faccio cento cose diverse al giorno, non ho moltissimo tempo per ricontrollare i post. Ogni tanto butto giù. Riconoscerai anche tu comunque che non è solo un'anomalia dei consumi. La gente se può fare a meno di pagare le tasse lo fa volentieri e in certe regioni l'evasione ha livelli elevatissimi
    • Beppe A. Utente certificato 11 mesi fa
      quei problemi c'erano (e anche di piu') quando si lavorava si cresceva e si risparmiava, e ci saranno anche fra 10 20 e 50 anni. Ottimo mantra per il "tutto cambi perche' nulla cambi"
    • Beppe A. Utente certificato 11 mesi fa
      quei 200 ci sono nell'economia (sono quelli che escono che non ci sono) anche se non li vede il fisco. cpmunque chiudo qui..se il serbatorio e' bucato e si pervera a credere che siano i consumi troppo alti non c'e' partita. notte
    • mc 11 mesi fa
      Non mi girare il discorso. L'Italia ha un problema. La gente se ne frega. Inizia a far pagare le tasse. Inizia a recuperarti quei 200 miliardi di euro all'anno. Poi ne riparliamo
    • Beppe A. Utente certificato 11 mesi fa
      l'evasione gira nell'economia nazionale, esportazioni e fondi europei non li vedi piu' una nazione si impoverisce quando la liquidita' se ne va fuori dal paese
    • mc 11 mesi fa
      senti Beppe, comincia a combattere l'evasione fiscale anzichè lamentarti. Vedrai che non avrai bisogno di nessuna manovra.
    • Beppe A. Utente certificato 11 mesi fa
      a bhe se uno dice (dopo lo stravolgimento che c'e' stato della costituzione per introdurlo) che non abbiamo perso sovranita' ogni ulteriore discorso e' inutile. Dobbiamo andare a contrattare (subire) ogni manovra e finanziaria..
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    Oltre l'euro https://www.youtube.com/watch?v=D0V3DjBV3gk
    • mc 11 mesi fa
      Cosa argomenti? I nomi di persone? Boh
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Cappuccetto Rosso e il lupo quando espongono le loro teorie fanno affidamento su una delle figure fondamentali della scienza economica, cioè su colui che ha costruito tramite l'opera keynesiana l'MMT, Warren Mosler? Se sì, allora sei OBBLIGATO a prendere in considerazione la cosa.
    • mc 11 mesi fa
      zampano, di nuovo barnard, no ti prego, non lo reggo. A questo punto potrei prendere come riferimento Cappuccetto Rosso e il lupo cattivo avrei più spunti
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    mc per la cronaca, l'UE, vedi Francia-Germania, hanno complottato a danno dell'Italia come confermato dalla Casa Bianca; l'UE se ne infischia dei problemi dell'Italia tipo terremoto, alluvione, migranti, etc; l'euro ha distrutto la nostra economia e tu vieni qui a parlarmi di quanto è bello l'euro e di quanto è favolosa l'UE? Veramente credi che il problema sia l'evasione, che l'Italia debba fare le riformine e cose di questo tipo? In romanesco ti direbbero: "aho, ma che me stai a cojonà?" Mi prendi in giro? Le cose che tu dici sono preistoriche, già trite e ritrite, spesso usate dagli euroinomani del PD e dalla Germania come scusa per nascondere i danni della moneta unica e per dare le colpe agli italiani. Tra l'altro sono cose già smentite nei fatti. Hai mai letto Borghi? Bagnai? Rinaldi? Barnard? Hai mai visto i loro video? Davvero, bisogna finirla con sta tiritera che l'Italia sta male per sua colpa. L'Italia versa in condizioni critiche da quando ha perso la sua sovranità e sta in Europa! La qualità dei prodotti italiani e' superiore a quella dei prodotti cinesi e non si parla di multinazionali ma di microimprese, che sono la colonna vertebrale dell'Italia. Gli investimenti stranieri non ci sono perchè per anni l'UE ci ha ostacolato e la stessa Germania ci ha rappresentato come paese inaffidabile proprio per dirottare in terra tedesca gli investimenti dall'estero. Bisogna uscire dall'euro e dall'UE quanto prima.
  • luciano oliveri 11 mesi fa
    Caro Thomas Fazi, in questo articolo non ci capisco niente.
  • mc 11 mesi fa
    Rispondo a tutte ste teorie anti- euro con semplici ragionamenti Un po'di numeri tanto per intenderci Per stare in EU paghiamo 5.5 miliardi ogni anno. In Italia paghiamo ~408 miliardi ogni anno di tasse. l'evasione fiscale costa 250~270 miliardi/anno in mancate tasse esportiamo per 472 miliardi/anno importiamo per 432 miliardi/anno un aumento di 30% del costo di beni import significherebbe un ulteriore 130 miliardi che la maggioranza della popolazione si dovrebbe accollare. A essere generosi, con tutta la concorrenza asiatica, avresti un aumento di export di 116 miliardi a stare larghi e super ottimisti risultato 472+116=588 export 432+130=562 import in pratica se oggi esportiamo 40miliardi in piu di quel che importiamo, svalutando, riduciamo il tutto a 26 miliardi Dai lavoro forse a ~1.5 milione di persone per export, i restanti 15,5 milioni di disoccupati/inattivi avrebbero vita dura a fare i conti con inflazioni galoppanti. E senza nessuna garanzia che la pacchia duri, nel senso che da un giorno all altro i Cinesi ti fregano il business e siete daccapo senza lavoro e con una valuta che vale 0. Oltretutto se ci permettiamo di tradurre la svalutazione in termini di maggior lavoro per l'export, si tradurrebbe in una perdita di ~1.6 milioni di posti nell'import: aziende che fanno import sarebbero costrette a chiudere e ridurre personale. Il che vuol dire che al netto avresti una perdita di ~100 mila posti di lavoro. Vale la pena rischiare? Secondo me no. Combattete l' evasione che é meglio e tenetevi l' euro stretto
    • Zampano . Utente certificato 10 mesi fa
      Leva la testa da sotto la sabbia e vedrai che li vedi.
    • mc 11 mesi fa
      ancora? argomenti? 0?
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Positivissimo invece, basta guardare e si impara qualcosa.
    • mc 11 mesi fa
      ancora link, negativo
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Eccoti un video che fa al caso tuo, ti illumina https://www.youtube.com/watch?v=WOv8--3dIWA
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Ti sfugge qualcosa: lo Stato italiano, a differenza di altre nazioni, oltre a importi una pressione fiscale elevata che ti costringe a prendere decisioni al limite della sopravvivenza (in poche parole o mangi o paghi le tasse), può anche fare a meno dei soldi evasi, perchè da sempre riceve più soldi dei servizi che eroga ai cittadini (è a questo che servono le tasse: a pagare i servizi ai cittadini!) e inoltre fa sprechi ingiustificati. Di conseguenza, anche se tutti pagassero, la loro situazione non cambierebbe.
    • mc 11 mesi fa
      ti ripeto, uno incomincia a pagar tasse. Poi, QUANDO hai dimostrato di avere le carte in regola se ne riparla. Prima dell'euro l'Italia aveva un'economia che faceva acqua da tutte le parti
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc l'economia della lega? Bagnai è della lega? Barnard è della lega? Rinaldi? Krugman? Sapelli? Sai quanti link ti posso dare di gente che non è della lega e dai quali ho tratto le informazioni che ti ho postato qui e in altri topic? Tu devi SOLO raccogliere a fattor comune le informazioni e vedrai che i concetti espressi dagli economisti di qualsiasi orientamento non sono sono controversi, sono gli stessi. Persino un tale Schulz, presidente del parlamento europeo ha confermato la fregatura della moneta unica! L'euro è un sistema monetario truffa, bidone, pacco, sola... chiamalo come ti pare! L'UE pure. Le casse di Bruxelles prendono più soldi di quelli che ci danno indietro, gli Stati membri pensano ognuno a sé, e mentre noi ci facciamo depredare e il debito cresce, tu me ne vieni fuori con la storia del "volemose bene tutti"? Qua chi ci ha guadagnato VIOLANDO I TRATTATI è la Germania, la stessa che impone all'Italia il suo rigore! La soluzione è una sola, fuori dall'euro e dall'UE subito!!!!
    • mc 11 mesi fa
      Sicuramente ti dirò anche a me da fastidio andare al supermercato e trovare la mozzarella made in Germany. Se un formaggio tipico Italiano è prodotto all'estero non dovrebbe potersi chiamare allo stesso modo. Che lo chiamino 'formaggio tipo mozzarella'. Ma queste cose si possono discutere. Se tu vuoi uscire dall'europa, puoi star sicuro che nessuno ti vorrebbe comprare più l'olio o il limoncello. Se invece uno rimane in Europa può dare peso anche a queste cose per esempio.
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, ho visto degli spezzoni, è roba noiosa. La mia idea non cambia. Oltretutto tirano fuori sempre parole di tedeschi che ti dicono che senza l'euro l'economia tedesca andrebbe a rotoli, bla-bla. Scommetto che loro lo dicevano come complimento e anzi come prova di quanto è importante per loro l'Europa. Travisato dai soliti personaggi negativi che vogliono scovare dappertutto teorie complottiste inesistenti. Nell'esempio che qui ti faccio io semplicemente ti dico che nell'ipotesi più ottimistica non cambierebbe nulla anzi se ti va male ti andrebbe peggio. Se tu oggi un oggetto lo esporti a 10€ se cambi valuta e la tua valuta perde il 30% rispetto all'euro, domani lo stesso oggetto lo esporti a 7€. Il che vuol dire che per le stesse quantità che esporti prenderai il 30% in meno. Tengo conto del fatto che se lo vendi a un prezzo più accessibile venderai di più. E non è nemmeno detto, potrebbe non bastare perchè la concorrenza asiatica è molto forte. Tutto ciò considerato, l'aumento dei costi di import sarebbero del 30% in più. Cos'è che non ti torna? Secondo me non vale la pena rischiare. Gli economisti che mi citi tu sono controversi, hanno teorie spesso contestate e di parte (l'economista della Lega, vedi tu). L'economia Italiana prima dell'euro non faceva impressione a nessuno, inutile che la glorifichiate. Abbiamo sempre avuto problemi di inflazione ed evasione dilaganti. Detto questo, mi spiace se tu hai avuto dei problemi. Ricordati però che intanto bisogna puntare a cambiare atteggiamento. La gente in Italia se ne frega. Non ha senso civico. Poi per carità non venire a dire a me che i Francesi o i Tedeschi sono stronzi. Ce ne sono di stronzi come tanti Italiani sono stronzi. Se sono stronzi col tempo cambieranno. Isolarsi nel proprio paese secondo me non ha senso. Se per te ne ha, tanti auguri. I ragionamenti esposti contro l'euro non mi convincono.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc non mi pare che Germania e Francia si siano dimostrate amiche nel 2011-2012, quando c'e' stato il famoso colpo di Stato tra l'altro da loro ordito e confermato dai servizi segreti di altri stati esteri, nè mi sembra che si ricordino di essere europei quando si tratta di ostacolarci, tipo farci perdere i contratti con la Libia e la Russia o eccedere con il surplus commerciale del 3% oltre il consentito, violando apertamente i trattati. Vogliamo parlare del rapporto amichevole che abbiamo con la Spagna, che "ruba" i nostri prodotti come il limoncello da noi creato e che ottiene ragione dall'UE? Oppure parliamo degli attacchi di Juncker, Barroso, Schulz al nostro Paese? Forse la Malmstrom si è scusata dopo averci infangato pubblicamente con false statistiche tedesche e averci fatto perdere milioni di investimenti stranieri? Vuoi capire o no che siamo in guerra e che non l'abbiamo deciso noi? Riguardo il video, si, c'e' Salvini ma ci sono anche l'ex 5 stelle Zanni, nonchè Borghi e Bagnai che sono economisti e che ti spiegano il perchè conviene uscire. Ecco perchè tu quel video dovevi guardarlo. Se invece vogliamo negare a oltranza le cose che non gradiamo e che sono sotto gli occhi di tutti, allora chiudiamo qui la discussione, tu rimani delle tue convinzioni e io delle mie, con una differenza però: io vivo in Italia e questa guerra, ciò che avviene qui, lo sento sulla mia pelle. Tu invece stai altrove e quindi puoi permetterti il lusso di fare l'osservatore a distanza e dire che la guerra non fa male, proprio perchè non la subisci.
    • mc 11 mesi fa
      E perchè non ti venissero strane idee, quello che intendevo è che gli Inglesi non vogliono sentire di Italiani e Italia o di Francesi e Francia ecc.
    • mc 11 mesi fa
      un video di 2 ore mi vuoi far vedere? con Salvini? Dai. Per quanto riguarda la Gran Bretagna, io ci ho vissuto. Ti dico, una perdita di tempo. Lo sai che gli Inglesi ti disprezzano in quanto Europeo? Perchè dovremmo prenderli come modello? Lascia perdere. I Tedeschi magari a volte stronzi, ma si sentono Europei come noi. Solo che forse si sentono Gli Europei e gli altri sono merda. Però gli Inglesi nemmeno quello. Non vogliono sentire parlare di Europei e di Europa. Non ci possono vedere. Capito?
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc immaginavo che non avresti guardato il video...
    • mc 11 mesi fa
      mi commento da solo, svalutando, il debito pubblico non aumenta.
    • mc 11 mesi fa
      Beh sai io tendo a ragionare sui numeri. I conti da me fatti mi danno un'idea occhio e croce di cosa si potrebbe delineare. Non intendono essere un'immagine esatta, piuttosto un'indicazione del fatto che miracoli non ne esistono. Le svalutazioni non hanno alla lunga nessun tipo di impatto, considerando anche che se svaluti di conseguenza anche il tuo debito aumenta. Ti risulta diversamente? Se concordiamo, a questo punto fatevene una ragione e lasciamo perdere i pasticci. La moneta unica non è poi un dramma, basta sapere gestire meglio e contenere fenomeni tipo l'evasione, ecc.
    • Beppe A. Utente certificato 11 mesi fa
      il fatto che il PVV sia in testa nei sondaggi olandesi fa comunque riflettere, anche se difficilmente potra' governare, ma e' un segno che il problema non e' nazionale. Con il FN francese sara' ben diverso
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc quando hai tempo guarda il video, e' di oggi https://www.youtube.com/watch?v=D0V3DjBV3gk
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc non si tratta di venire in Italia qualche mese magari per farci le vacanze, ma di vivere tutti i giorni qui e di capire cosa è davvero l'Italia. L'italia non è multinazionali ma è micro-impresa. Il successo della nostra economia è dovuto ai piccoli imprenditori, ai piccoli artigiani, sono loro che fanno prodotti di qualità che non trovi nemmeno in Cina, e sono soprattutto loro che mantengono in piedi l'Italia. L'UE con le sue multinazionali, con la sua moneta inadatta alla nostra economia, con l'essersi appropriata della nostra sovranità (legislativa, territoriale, finanziaria, etc) sta creando danni ma non per sbaglio, proprio per favorire gli Stati del nord Europa. Siamo primo paese al mondo nella lista Unesco, abbiamo beni di importanza storica, culturale, archeologica, etc che rischiano di essere portati via e di finire nelle mani di imprese europee. Questo sarebbe un ulteriore danno a quelli che abbiamo già subito grazie al marco tedesco e all'UE. Io mi batto affinchè si torni a essere indipendenti, poi, se ci saranno nuovi trattati, questi verranno firmati da politici non venduti e stavolta a vantaggio del nostro Paese. La Gran Bretagna è da prendere a modello.
    • mc 11 mesi fa
      Zampano, ma guarda, io vengo in Italia circa ogni 3 mesi e rimango una settimana prima di tornare. Non parlo per mancanza di rispetto nei confronti degli Italiani. Anzi, sarei contentissimo di vedere l'Italia ai primi posti in Europa e con molte prospettive. Però, a meno che uno non sia titolare di un'azienda di export che ce l'ha con l'euro per avergli fatto perdere business, non vedo il motivo di tutto questo astio. Fare parte di un'unione ti garantisce un tot di vantaggi e non solo. Diciamo io per scelta voglio vivere all'estero, però anche fossi in Italia, avere gli orizzonti liberi, sapere di potere contare su altri stati è una gran cosa. Che poi come ti dico, nel Nord Europa forse mancano di umanità. Si tratta però di convivere e pian piano trovare il giusto modo di essere.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc fai una bella cosa. Lascia la tua Olanda e vieni a vivere in Italia. Ti garantisco che sta voglia di UE e di euro ti passa dopo qualche mese.
    • mc 11 mesi fa
      nota: mi riferivo a un'ipotesi di uscita da euro e conseguente svalutazione della nuova moneta . Morale, non vedo i benefici di un'uscita dall'euro. Vedo invece solo molti grattacapi e pasticci.
  • romaine pinna Utente certificato 11 mesi fa
    Ciao Dal prestito di due anni, il Credit Mutuel Bank sta facendo la cosa giusta nel nostro paese l'Italia. Questa banca sta facendo tutti i nostri cittadini che hanno bisogno di prestito di prestito. Così ho preso a condividere questo messaggio, questa azione da parte della banca non è riconosciuto il nostro stato. Così se avete veramente bisogno di un prestito, vi chiedo di contatto con loro su questa mail perché stanno già facendo prestiti anche ha molte persone e me. Ecco l'e-mail: creditmutuelbanquetransfertrap@gmail.com
  • giancarlo ricomini Utente certificato 11 mesi fa
    sono tutte cazzate che raccontano per impaurire le persone siamo in mano a persone senza scrupoli che sono nemici delpopolo italiano quei delinquenti dei politici sta pensando alla legge ellettorale per non perdere i privilegi mentre la nostra nazione sta affondando con tutti gli italiani
  • flavio guglielmetto mugion Utente certificato 11 mesi fa
    SI PARLA DI TORNARE AGLI OBBLIGHI DI LEVA. Sarebbe una manna per molti ragazzi italiani fannulloni . Buona serata a tutti.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Si certo, una manna per le multinazionali dell'arma, che se vedevano eletta la Clinton ci conducevano direttamente alla terza guerra mondiale contro la Russia, grazie anche a politici come la Pinotti, che si preparavano a inviare soldati italiani non lontano dal confine russo.
  • giampaolo gottardo Utente certificato 11 mesi fa
    soluzione, creare un nuovo sistema di banche pubbliche a livello regionale con una centrale a livello Nazione con l' obbligo di autosufficienza; fare passare gli utenti dalle esistenti alle nuove e quindi piano piano chiudere il vecchio sistema.L'iniziativa dal basso: esempio si crea la Banca Popolare Lombarda, pulita e con obbligo di auto sufficienza.Non solo si caldeggia l'auto sufficienza Regionale e quindi Comunale per tutte le necessita' di base di vita.
  • giampaolo gottardo Utente certificato 11 mesi fa
    buondi, bella la descrizione in oggetto sulla situazione interbancaria in Europa: significa che nel movimento 5 stelle ci sono persone con ottima competenza in materia e conoscenza di contesto e regole; propngo che Rouseau finanzi uno studio completo oggettivo per logica sul piano per gradi di passaggio all' autosufficienza finanziaria dell' Italia ovvero pagare il debito con i paesi di contesto ed attivare un sistema che prima che una transazione con l'estero si attivi allerti e quindi blocchi la transazione; ovvero al posto dell' enorme sistema informatico che gestisce i debiti e crediti tra le banche istituire un sistema che per singola banca blocchi ogni possibilita' di debito con il contesto. L'auto sufficienza per banca e l'auto sufficienza per Regione, per Comune ed in particolare per Nazione: solo la riduzione del servizio interbancario in atto oggi con tutti i controlli ecc porterebbe ad una riduzione dei debiti di penso cosi stupidamente circa 15% con pero' il ribaltamento della sicurazza ai singoli paesi e non ad un autorita' di gestione e limitazione europea.
  • carlo 11 mesi fa
    e diro' un'altra cosa: per fortuna che l'economia tedesca (la ricchezza) tira. in questo modo sorregge anche noi perche' siamo parte della stessa "struttura" (l'eu). se fosse come noi, cosi' alla frutta, sia noi che loro saremmo gia' falliti da tempo. sentivo qualche giorno fa sulla radio una trasmissione economica: la germania e' il paese europeo dove esportiamo di piu'. altri dati: in usa esportiamo per 40 miliardi di euro e importiamo per 20. quindi piu' 20 miliardi. in russia, alla faccia dell'embargo, le esportazioni verso quel paese sono aumentate del 9,5 per cento.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Esatto Beppe. Come disse l'allora ministro tedesco delle finanze, probabilmente uno dei pochi onesti, "ma gli italiani sanno che i loro politici lavorano per Berlino?".
    • Beppe A. Utente certificato 11 mesi fa
      bhe e' logico siamo diventati una loro colonia http://www.24emilia.com/immagini/Rubriche/bilancia_commerciale_italia_germania_555.jpg negli anni 90 produz industriale ita > de
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      AHAHAHAHAHAHHAHA SI SI, COME NO, LA GERMANIA CI SORREGGE! SIAMO NOI, TERZO PAESE DI CONTRIBUENTI, CHE MANTENIAMO IN PIEDI IL CARROZZONE DELL'UE, CHE CI COSTA MILIARDI L'ANNO, OLTRE 200 EURO AL SECONDO...
  • Walter Borchia 11 mesi fa
    i protetti hanno vissuto alla grande. macchine tedesche a gogo. ora tutti, anche i non protetti, dovranno pagare per lo sbilancio commerciale. Naturalmente vale la legge del piu' forte. lavorano tutti per lo stato maggiore del nemico.
  • carlo 11 mesi fa
    faccio un esempio delle tante bufale che girano sull'europa e sul "ce lo chiede l'eu": la ue vuole solo una cosa: che l'italia riduca il debito. non puo' imporci come fare. puo' dirci dove abbiamo i conti sbalestrati. ad es sembra che ci avessero consigliato di mettere mano alle pensioni. qui' scatta il "come fare": in germania (letto qua' dentro) solo meno di 10 persone arrivano a 5000 euro di pensione al mese. potevamo imitare la germania. invece la nostra ricetta e' stata di creare gli esodati per fare cassa e alzare la pensione per tutti, anche per i lavori usuranti, a 67 anni. e poi diciamo che ce l'ha chiesto l'europa. ma la ricetta sgraditissima e' tutta made in italy. si poteva anche scorporare l'assistenza dalle pensioni, perche' ora l'assistenza e' tutta a carico dell'inps. cosa che non succede in nessuna parte d'europa. e i conti pensionistici sarebbero tornati a posto. ma noi creiamo gli esodati. i nostri governanti fanno porcate e poi "ce l'ha chiesto l'europa". tana libera tutti. p.s. come risolvere il problema di reperire i soldi per l'assistenza? fai meno inceneritori, eliminali (e questo si' ce lo sta chiedendo l'europa), e quello che paghiamo in bolletta enel per questi lo usi per l'assistenza. risolto il problema.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      MA SE PRIMA DI ENTRARE IN UE ERAVAMO QUINTA POTENZA INDUSTRIALE NEL MONDO! STA STORIA DELLA CORRUZIONE, LA MAFIA, LE TASSE E TUTTE LE MENATE VARIE, LE ABBIAMO SEMPRE AVUTE! CON LA LIRA ERAVAMO PIU' COMPETITIVI, AVEVAMO SOVRANITA' IN TUTTI I CAMPI E LA GERMANIA ERA IN DIFFICOLTA', SOLO USCENDO DALL'EURO E DALL'UE POSSIAMO RISOLLEVARCI, MENTRE SE LO FA LA GERMANIA, CIOE' SE LA GERMANIA ABBANDONA IL SUO CARO EURO-OVVERO-MARCO-TEDESCO, MUORE! E NON SONO IO A DIRTELO, MA L'EX MINISTRO DELLE FINANZE TEDESCO, IL QUALE HA CONFERMATO CHE ALCUNI POLITICI ITALIANI LAVORANO PER BERLINO E NON PER L'ITALIA!
    • carlo 11 mesi fa
      c'e' anche da tenere presente che in germania (e in inghilterra) le tasse le pagano. se consideriamo il "nero", mi sa che li battiamo. ma questo comunque e' un altro discorso. altro problema comunque italico. si vede che ce lo chiede l'europa dio non pagare le tasse.
    • carlo 11 mesi fa
      si sono mossi bene. a me e' sfuggito che in italia si siano fatte delle sane politiche economiche e del lavoro. da altre parti si sono fatte. sono 20 anni che l'unica politica economica italiana e' stat quella di esternalizzare i lavori nei paesi del terzo mondo e togliere diritti ai lavoratori. negli altri paesi si sono mossi meglio. p.s. parlavo di pensioni, elargite dallo stato, non di redditi.
    • Beppe A. Utente certificato 11 mesi fa
      le bufale chissa' come mai arrivano sempre dagli euristi http://www.infodata.ilsole24ore.com/wp-content/uploads/sites/82/2016/02/debit-pubblico.jpg http://www.eurocomunicazione.com/paperoni-europa-germania-regno-uniti/ " I super ricchi, con un reddito superiore ai 200 mila euro, vivono soprattutto in Germania e Regno Unito. Si tratta di imprenditori, spesso anonimi" "In Germania il numero dei super ricchi oltre i 200 mila euro è cinque volte (0.9%) rispetto a quello italiano che è a 0,2%."
    • carlo 11 mesi fa
      in germania (letto qua' dentro) solo meno di 10 persone arrivano a 5000 euro di pensione al mese." --------------------------------------------------------------------- chiedo scusa, "solo meno di 10 persone SUPERANO i 5000 mila euro di pensione al mese".
  • carlo 11 mesi fa
    invece che combattere l'euro (e l'europa) va combattuto il neoliberismo. neoliberismo internazionale, certo, ma di cui l'italia ne e' la punta di diamante in europa. quello ha fatto danni. in italia oltreutto, al neoliberismo made in bush abbiamo aggiunto la malavita e la malapolitica. insostenibile.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Carlo l'euro non è la lira e inoltre la malavita l'abbiamo sempre avuta (es. la camorra esiste dal 1300). Ai criminali di casa nostra si sono aggiunti quelli dell'UE: banchieri, massoni, lobby etc. La soluzione? Fuori dall'euro e dall'UE.
  • Tukko67 aka (acronik-nauta) Utente certificato 11 mesi fa
    Non so se il termine "Pennivendoli" lo abbia coniato D. Pennac ma calza come un guanto per definire la maggior parte dei giornalisti/direttori che lavorano in Italia. Una congrega di burattini che scrivono sotto dettatura. Vergognoso.
  • Ivan.Ital 11 mesi fa
    1 Nuova lira = 350 miliardi di euro. Questo è il cambio stabilito dall'Italia, (poi magari la svalutiamo un po). Problema risolto.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Carlo a dire le fregnacce sei tu, che ancora non hai capito che l'Italia deve riprendersi la sua sovranità!
    • carlo 11 mesi fa
      lo decidi te (l'italia) quanto varebbe la lira. ma chi ve le mette in testa tutte 'ste fregnacce.
  • Giuseppe C. Budetta 11 mesi fa
    DEMOCRAZIA VERA La smania di uscire dall’euro con la barca che fa acqua da tutte le parti? E’ come se il sud-Italia optasse per l’uscita dall’euro ed adottasse il carlino, la vecchia moneta borbonica. All’epoca dei Borboni di Napoli i soldi c’erano, ma accumulati nei forzieri del re. Idem adesso, nel mondo: la ricchezza si concentra nelle tasche dell’uno per cento. Non è questione di euro, ma di equità e di democrazia vera ed efficiente. Una democrazia che difenda la legalità e che faccia rispettare i confini dello Stato dall’immigrazione illegale.
    • Zampano . Utente certificato 10 mesi fa
      O cambio 1:1 (si legga Borghi)
    • carlo 11 mesi fa
      "comunque cambio 1 x 2" ------------------------------------------------------------------- il "famigerato" cambio 1 x 2. "dovevano fave l'euvo a mille lire, dovevano fave un euvo di cavta". come declamava tremonti.
    • carlo 11 mesi fa
      quali sono le similitudini tra l'euro e il marco? il cambio e' stato fatto sul dollaro (1936 lire). anche per i tedeschi, come per noi, un euro vale 2 marchi (per noi 2000 lire, sempre approssimando, perche' loro avevano gia la moneta pesante, comunque cambio 1 x 2). per la moneta pesante? lo stesso si puo' dire anche per le vecchie monete delle altre, anche la dracma aveva un valore superiore al nostro. perche' non si svaluta, cioe' e' una moneta forte? per me, soprattutto considerando l'alto debito dell'italia, e' un vantaggio.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      errata corrige: euro, cioè una moneta NON adatta alla nostra economia
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Bravo, hai mai provato a salire una scala con la bicicletta? Prova, magari ti riesce, mettici le ruote quadrate e poi fammi sapere. Il giorno che capirai che l'euro è il marco tedesco, cioè una moneta adatta alla nostra economia, farai felice sette nobel e una marea di economisti italiani che da anni non fanno che ripetere le stesse cose.
  • Giorgio Catalano 11 mesi fa
    Lo Stato oggi è un fantasma giuridico nelle mani delle società strumentalizzanti: non è una questione di euro o lira. Il problema è la moneta-debito in sé A 15 anni dall'adozione dell'euro, l'Europa appare devastata e sempre più allo sbando, preda delle multinazionali e dei diktat bancari. Preda di un nuovo linguaggio, di nuovi neologismi, dello spread e del rating. La morale della favola è semplice: oggi paghiamo più tasse e più interessi bancari sui titoli di stato, cioé siamo più poveri a causa di un processo programmato di rarefazione monetaria. L'Europa dà fastidio a tutti i governi e la moneta unica dovrebbe essere il tetto di un edificio non le sue fondamenta. Lo capisce chiunque ma se lo dici passi per ignorante" Vittorio Feltri a "La Gabbia" / 11 Gennaio 2017 Così Feltri ieri sera a "La Gabbia" promuoveva la sua campagna anti-euro. Ma a ben vedere qualcosa non convince del sia pur chiaro messaggio del direttore di Libero, che dimostra in concreto di non conoscere affatto la radice del problema: l'emissione a debito della moneta, comunque essa si chiami (lira o euro non ha alcuna importanza). Di certo sorprende e non poco come nella trasmissione di Paragone non trovino mai spazio esperti di moneta della scuola auritiana. La disputa dialettica si concentra sempre su argomenti circoscritti e gli ospiti – in genere europeisti, sovranisti anti-europeisti, liberisti, radical chic o social-comunisti - con atti di notevole equilibrismo intellettuale e retorico, riescono magistralmente a deviare sempre il discorso del debito pubblico su binari morti. Nessuno sembra cogliere il cuore del problema! O meglio, nessuno vuole coglierlo! Eppure ormai il Professor Giacinto Auriti - padre della Teoria del Valore indotto della moneta e del SIMEC – è un personaggio piuttosto popolar
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      "la ue vuole solo una cosa: che l'italia riduca il debito" No, la UE vuole ben altra cosa, vuole un Italia da depredare con il suo consenso. Cosa inaccettabile per qualsiasi Stato. https://www.investireoggi.it/obbligazioni/euro-ecco-come-la-germania-ha-fregato-litalia/
    • carlo 11 mesi fa
      la ue vuole solo una cosa: che l'italia riduca il debito. non puo' imporci come fare. puo' dirci dove abbiamo i conti sbalestrati. ad es sembra che ci avessero consigliato di mettere mano alle pensioni. ma ti faccio un esempio: in germania (letto qua' dentro) solo meno di 10 persone arrivano a 5000 euro di pensione al mese. potevamo imitare la germania. invece la nostra ricetta e' stata di creare gli esodati per fare cassa e alzare la pensione per tutti, anche per i lavori usuranti, a 67 anni. e poi diciamo che ce l'ha chiesto l'europa. ma la ricetta sgraditissima e' tutta made in italy. si poteva anche scorporare l'assistenza dalle pensioni, perche' ora l'assistenza e' tutta a carico dell'inps. cosa che non succede in nessuna parte d'europa. e i conti pensionistici sarebbero tornati a posto. ma noi creiamo gli esodati. p.s. come risolvere il problema di reperire i soldi per l'assistenza? fai meno inceneritori e quello che paghiamo in bolletta enel per questi lo usi per l'assistenza. risolto il problema. ma noi creiamo gli esodati e portiamo la pensione per tutti a 67 anni.
    • Mauro FERRANDO Utente certificato 11 mesi fa
      Carlo sono d'accordo, ma teniamo sempre presente la ns ricchezza privata (doppia del debito pubblico dunque stragarantito) purtroppo nelle mani di pochi e che comunque FMI-UE fingono di ignorare ma vogliono saccheggiare o con le buone (patrimoniale da noi accettata) o con le cattive (falcidia per svalutazione degli asset monetari con l'uscita dall'euro). Penso però che la soluzione migliore sia proprio la battaglia campale per gli eurobond conglobanti tutti i debiti pubblici europei contestuale ad equo stampaggio di moneta compensativa per tutti in base al debito pubblico pro capite e unificazione fiscale/previdenziale (tabelle di riparto completa su www.ideeincampo.wordpress.com)
    • carlo 11 mesi fa
      feltri si e' dimenticato di dire che l'italia e' uno di quegli stati (non per niente detti piigs) che stanno affossando l'euro, per l'altissimo debito che non vuole abbassare, anzi lo aumenta sempre di piu'. se c'e' un problema nella zona euro, proprio l'italia e' parte di quel problema. quando siamo entrati nell'euro, cioe' quando e' diventata la moneta che ci girava nelle tasche, nel 2002, la nostra spesa pubblica e' schizzata da 500 miliardi (calcolati in euro) a 800 miliardi. insostenibile. e' perche' i furbastri della nostra classe dirigente si sono raddoppiati gli stipendi. i costi sono raddoppiati, cosi' e prebende, la corruzione, sprechi etcetc. unica cosa, quando dovevano pagare, cioe' stipendi e pensioni, questi sono rimasti gli stessi. trovatemi un altro paese, a parte i piigs, in cui e' successo questo. e' che nella testa dei nostri governanti (e di quelli di certi stati piigs) e' scattato un pensiero: abbiamo trovato un altro pantalone, oltre ai cittadini, che paga per le nostre ruberie, cioe' l'europa. e partono gli attachi all'euro e all'europa, perche' questa rifiuta (a ragione) di fare i bond europei, cioe' la condivisione dei vari debiti nazionali. e sta addosso perche' certi stati riducano il debito.
    • Mauro FERRANDO Utente certificato 11 mesi fa
      Concordo sul fatto che il DEBITO, automaticamente creato e gonfiato con il moltiplicatore dei depositi, sia la chiave di questo deludente CAPITALISMO che dirige le nostre vite. Mi pare che sia tabù parlarne, meglio distrarci con sofismi sui dettagli. E proprio a questo proposito non concordo con l'attimo eracliteo di Bagnai in cui afferma che il debito non sia brutto, in quanto il debito per qualcuno rappresenta il credito per qualcun'altro: il fatto è che un debito impagabile (come scaturisce dal meccanismo capitalistico) fa soffrire sia il debitore (che deve sempre attivarsi per procrastinare) che il creditore (che avverte la difficoltà del rimborso, e deve continuare a imporre condizioni per la dilazione)
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Giorgio tu scrivi: "non è una questione di euro o lira" che equivale ad affermare: 7 premi nobel dicono cazzate e così pure gli economisti italiani, l'euro si adatta a tutte le economie e se non funziona la colpa è solo nostra. Con tutto il rispetto ma mi sembra di sentire i discorsi dei massoni piddini o di quelli che il filosofo Fusaro ha definito "euroinoimani", che non vedono i danni che l'euro ma soprattutto l'UE con le sue decisioni ha fatto ad alcuni Stati membri, danni che Beppe Grillo denuncia da tempo e che pure un bambino oggi potrebbe indicarti. Possibile che non riesci a vedere quello che succede in Italia? Possibile che non capisci che senza sovranità monetaria, territoriale, legislativa, etc non si va da nessuna parte? La soluzione è solo una: usciamo fuori dall'euro e dall'UE alla svelta!
    • Giorgio Catalano 11 mesi fa
      Dalla sua invenzione e nel corso dei secoli, la moneta ha subito molti mutamenti nella propria struttura giuridica e merceologica del simbolo, ma non ha mai variato la sua sostanza e funzione, cioè quella di permettere all’uomo di poter comprare beni e servizi. La moneta è un bene reale creato dalla convenzione sociale. Essa ha molte caratteristiche fra le quali quella di essere unità di misura del valore (dei beni e servizi) e allo stesso tempo, valore dell’unità di misura. Fino al 15 agosto del 1971 la moneta è stata, sia pur in maniera parziale e ingannevole, un titolo creditizio rappresentativo della riserva - concetto legalizzato dagli accordi di Bretton Woods - nascondendo sempre la sua vera essenza: cioè il valore indotto, scoperto dal professor Giacinto Auriti. Oggi, però, dopo tale scoperta scientifica, possiamo affermare che la moneta rappresenta con maggior evidenza una semplice promessa di pagamento, in riferimento esclusivo al pagamento di beni reali (e non una promessa di pagamento di altra moneta o valore). Questo è bene precisarlo per non cadere nell’errore di considerare ancora la moneta come titolo creditizio rappresentativo della riserva. La cambiale e la moneta Nella cambiale il valore è creato dalla promessa del debitore, quindi chi firma emette la cambiale e crea il valore che è trasferito al prenditore della cambiale. Il valore promana già dalle mani dell'emittente. Nella moneta avviene il contrario, perché il valore nasce nelle mani di chi l’accetta, poiché essendo misura del valore è creata dalla convenzione.
  • fabio f. Utente certificato 11 mesi fa
    Bufala o no, quelli come me che hanno visto l'Europa prima e dopo l'Euro, prima e dopo Shengen e che ora hanno figli che con quattro soldi stanno facendo esperienze di studio e lavoro bellissime in tutto il continente, sanno benissimo che, al di là di analisi economiche piuttosto avventate, uscire dall'Euro sarebbe una sconfitta per tutti e un tornare ad un passato che era molto più triste, conflittuale e solitario di ora. Problemi ce ne sono, ma l'Italia starebbe molto più stretta a noi tutti e, anche a coloro i quali si immaginano di fare profitti sulla svalutazione della liretta, voglio solo dire che il mondo non è più quello degli anni '80, periodo peraltro di benessere apparente ma depauperamento delle risorse pubbliche, e che gli attori internazionali, tanto pubblici che privati, sono enormemente più aggressivi e privi di scrupoli. A livello internazionale, l'economia è come la natura, premia il più forte.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      mc non ti bastano gli scritti degli economisti italiani e stranieri? te lo dice persino J.Stark, membro del direttorio della BCE, che finchè si sta all'interno dell'eurozona l'Italia non potrà mai prosperare!!!!
    • mc 11 mesi fa
      Ammesso e concesso che tu possa guadagnare un tot miliardi in più in export (e bisogna vedere se sia veramente così perchè la competizione asiatica è fortissima, bisognerebbe proporre prezzi stracciati), ne otterresti probabilmente ben più del doppio eliminando l'evasione. Mi azzarderei oltretutto a dire che i vantaggi di un maggior export verrebbero annullati e la bilancia andrebbe in negativo per i maggiori costi di import sostenuti dalla maggioranza della popolazione. In sostanza otterresti che mantenendo l'euro e battendo l'evasione, avresti tutti i miliardi recuperati di tasse non pagate a cui si potrebbero in teoria -confrontandosi con l'altra opzione di opt out- 'aggiungere' i miliardi di import non persi dall'avere cambiato valuta. Combattere l'evasione rimanendo con l'Euro è la migliore strada da ogni punto di vista.
    • mc 11 mesi fa
      Ti dico, vuoi aiutare persone in difficoltà? Paga le tasse e fai in modo che le paghino tutti. La maggior pressione fiscale si deve appunto all'evasione. L'evasione fiscale non è comprensibile, PUNTO. Giriamo sempre in tondo a questo problema. Si tratta di atteggiamenti sbagliati. Oltretutto ti ripeto di avere dato una scorsa ad alcune di queste teorie di economisti anti-euro. È insensato dire che se avessimo moneta propria saremmo invasi dagli investimenti stranieri o l'export esploderebbe. Le aziende fallivano nel 90 (prima dell'euro) e la produzione veniva trasferita in Cina. Cosa ti fa pensare che ora uscendo dall'euro tutti vorrebbero investire da noi? Non lo facevano prima. Per l'export, forse se sei fortunato miglioreresti di un 0,qualcosa% ma non di più a essere realisti. Tutti oggi importano dalla Cina. Il che vuol dire dai una mancetta a poche aziende di export e procuri un mare di guai, debiti e inflazione per la stragrande maggioranza. Svalutare non serve a niente . Te ne vuoi rendere conto? E se poi vuoi comprarti un bello smartphone cinese lo paghi 30-40% (se sei fortunato!) in più di quel che pagheresti oggi. Bisogna puntare a migliorare la nostra situazione economica interna. Se poi c'è anche export tanto meglio, ma è stupido affidarsi esclusivamente a questo. Smettiamola con ste cagate. Incominciamo a battere l'evasione e l'Italia diventerebbe la capoclasse in Europa. E avere l'oppurtunità di lavorare in Europa è sempre meglio di non avercela. Se non vuoi farne uso, nessun problema; intanto ce l'hai e non la precludi agli altri. Passa parola
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      ERRATA CORRIGE, VA LETTA COSI': "A FAR DIVENTARE L'ITALIA QUINTO PAESE PIU' INDUSTRIALIZZATO AL MONDO"
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      CARO MC TARTASSARE SIGNIFICA CHE SE TU PRIMA PAGAVI LE TASSE SOLO ALL'ITALIA, OGGI DEVI PAGARLE ANCHE PER L'EUROPA, E DATO CHE L'ITALIA NON E' L'OLANDA MA E' IL TERZO CONTRIBUENTE EUROPEO, IL TERZO PAESE CHE PIU' SBORSA SOLDI ALL'UE, CAPISCI CHE I SOLDI VERSATI SONO TANTI, PIU' DI QUELLI CHE RICEVE INDIETRO DALL'UE. CONSIDERA INOLTRE CHE L'ITALIA STA USANDO UNA MONETA NON ADATTA ALLA SUA ECONOMIA E CHE DA ANNI FIOR FIORE DI ECONOMISTI DI OGNI PARTE DEL MONDO CI DICONO (A NOI, ALL'ITALIA, E NON ALL'OLANDA O ALLA SVEZIA O ALLA GERMANIA O AD ALTRI PAESI DEL NORD EUROPA) CHE SE IL PAESE CONTINUA A STARE NELL'EURO, IL PAESE MUORE. DI CONSEGUENZA E' DA PAZZI FINGERE CHE TUTTO CIO' SIA NORMALE O CHE NON SUCCEDERA' NULLA SE SI CONTINUA A STARE NELL'EURO. RIGUARDO L'EVASIONE, TI INFORMO CHE L'ITALIA HA UNA PRESSIONE FISCALE DA RECORD, HA TOCCATO PUNTE DEL 70% QUINDI L'EVASIONE E' ANCHE COMPRENSIBILE. AGGIUNGO INOLTRE CHE SE PRIMA CON TALI TASSE E LA LIRA GLI IMPRENDITORI RIUSCIVANO A FARE ESPORTAZIONE E A FAR DIVENTARE L'ITALIA 5O PAESE PIU' INDUSTRIALIZZATO AL MONDO, ORA CON L'EURO E GRAZIE ANCHE ALLA PERDITA DI SOVRANITA' MONETARIA TALI IMPRENDITORI SONO COSTRETTI A CHIUDERE BARACCA. NON CAPISCO INOLTRE PERCHE' UNO DEBBA ANDARE ALL'ESTERO A LAVORARE, QUANDO UNO INVECE PUO' LAVORARE NELLA PROPRIA PROPRIA PATRIA E FARLA CRESCERE PAGANDO QUA LE TASSE. IL PROBLEMA SONO L'UE E L'EURO, E LA SOLUZIONE E' ABBANDONARE ENTRAMBI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI.
    • mc 11 mesi fa
      Io scommetto che quella di far pagare gli interessi è stata una cosa fatta apposta per scoraggiare gli stati da contrarre debiti. Questi si stanno affannando a cercare delle motivazioni oscure e magari le spiegazioni più semplici sono lì. Scoraggiare la tendenza a far debito per aiutare gli stati ad avere politiche economiche più corrette nei confionti degli altri. Zampano, per curiosità, di dove sei tu? Tu dici tartassare. Tar-tassare è una parola che proprio non puoi usare in Italia dove abbiamo la proporzione di evasione pro-capite più alta al mondo. Il problema dell'Italia sono gli Italiani. Mi spiace di sicuro per chi vive in difficoltà. Però considera che spesso chi non paga le tasse è il primo a inveire. Per aiutare le persone in difficoltà basta semplicemente pagare le tasse e convincere tutti a pagarle. Guarda che ci fosse ancora la lira l'Italia verserebbe in un mare di debiti e di inflazione. E ti garantisco che senza l'Europa come la conosciamo oggi le cose non sarebbero per niente state lo stesso. Immagina di doverti fare un visto anche per un semplice viaggio in Europa. Considera invece la differenza che fa il poter partire e non doverti quasi nemmeno fermare alla frontiera. Te lo dico io che vivo in Olanda, ho una volta viaggiato in auto e non mi sono fermato da nessuna parte, non ho dovuto fare visti di nessun tipo. Stessa cosa ogni volta che prendo l'aereo. E volendo potrei decidere domani di andare a vivere e lavorare (!) in Francia, Germania Finlandia o Svezia senza che nessuno mi possa dire niente. Con i visti, una volta scaduto, devi sloggiare sennò sei illegale. Cerchiamo di mantenere queste ottime relazioni internazionali. Ti dò ragione sul fatto che nel nord europa la gente è fredda, considera però che se in Italia avessimo i confini molti di noi si lamenterebbero degli Italiani. Gente stronza c'è dappertutto, bisogna accettare che non staremo simpatici a tutti. In una parola, l'Europa è fatta, facciamo gli Europei.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Ahhhh che bello, i tuoi figli fanno esperienza in continente? Complimentoni, e all'Italia non ci pensi? Non pensi alle esperienze NEGATIVE degli italiani, di coloro che vivono qua, sempre più tartassati, sempre più distrutti dall'euro e dalle decisioni dell'UE, dalle pazzie delle varie correnti massoniche nonchè delle multinazionali e lobby d'Europa? Ti informo che anche senza l'euro e l'UE i tuoi figli all'estero avrebbero fatto le stesse piacevoli esperienze di studio o lavorative. Per loro nulla cambia. Coloro che subiscono non sono certo quelli che stanno all'estero ma quelli che stanno in Italia, che vivono qui, che combattono ogni giorno con una moneta che non è adatta all'economia del loro Paese e che devono affrontare le politiche idiote e criminali dell'UE!
    • mc 11 mesi fa
      Concordo pienamente.
  • stessa solfa 11 mesi fa
    interessante l'analogia tra la Raggi e Trump... tutti contro tranne la maggioranza del popolo. una in piccolo e l'altro in grande ma sostanzialmente la stessa solfa.
    • stefano romano 11 mesi fa
      devi smetterla di fare colazione con il barolo. Che poi te vengono ste puttanate....
  • Shahab Shirakbari Utente certificato 11 mesi fa
    MESSAGGIO E' CHIARO PERO'...THERE IS NO ALTERNATIVE... l’euro è un marchingegno monetario nel quale non avremmo dovuto entrare. Ma i costi di uscita sono talmente impraticabili che l’unica strada sensata è quella di aggiustarlo in corsa. Ogni altra soluzione non è una soluzione, ma un problema molto più grande. ma di creare le condizioni per alternative che non siano peggiori della situazione attuale. Il messaggio di Draghi è chiaro purché prima regoliate i rapporti di debito/credito vigenti con il resto dell’Eurozona, indebitamento netto pari a 312 miliardi. Si tratta di quasi il 20% del nostro PIL.. L'uscita “concordata” e non unilaterale, parliamo evidentemente di una trattativa in cui gli altri paesi europei chiederebbero che, dopo l’uscita, il nostro paese onori i sui debiti esteri nella valuta in cui sono denominati oggi (l’euro), al fine di evitare l’effetto contagio di una ridenominazione in valuta debole (la lira). Le banche di Berlino non avranno in un solo colpo tutti i 360 miliardi di euro da pagare ai creditori dell’area, per cui a catena fallisce tutto il sistema, anche perché con la certa svalutazione che subirebbe la nuova lira introdotta da Roma, il peso dei debiti italiani (in euro) diverrebbe insostenibile.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      "I costi di uscita?" Hai letto o no l'articolo, o pure tu sei un sostenitore delle frottole di Draghi?
  • severino turco Utente certificato 11 mesi fa
    ho letto l'articolo 3 volte !!! certo se mi mettessi a scrivere come si costruisce una casa penso che gran pochi riuscirebbero a farla restare in piedi!!! detto questo io vorrei capire come mai se non ripago un debito alla banca mi pignorano la casa, se invece è uno stato a non pagare (sembra) che non debba succere niente? qualsiasi problema complesso può essere ridotto ad una formula semplice da capire guarda la famosa formula dell'energia in economia chissà perche non si riesce a semplificare. mi tocca dar ragione al papa quando ha definito gli economisti!!!
  • davide di noia Utente certificato 11 mesi fa
    Il pres. Draghi rappresenta la nuova faccia della mafia italiana che ha rivoluzionato i suoi affari a livello internazionale. Tutto regolare, tutto legittimo. Belle facce, potere, discrezione, grande competenza nella finanza + leggi europee ad hoc. L'obiettivo resta il solito: fare soldi, tanti, nel modo più pulito e silenzioso possibile: estorcerli agli stati europei. L'America è il loro forziere.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      severino hanno portato via i porti alla Grecia, che possiamo dire era la loro massima risorsa, immagina cosa potrebbero fare all'Italia. Per quello Gentiloni e altri vogliono cedere intera sovranità all'UE, così possono far crescere il debito e servirsi da soli e il popolo non può dire più nulla.
    • severino turco Utente certificato 11 mesi fa
      a scanso di fraintendimenti i napoletani e i siciliani sono fra i lavoratori edili quelli più intelligenti che io mi onoro di aver conosciuto importante però è che il committente non abbia fretta!!!
    • severino turco Utente certificato 11 mesi fa
      Zampano per stare al gioco: tu dici che qualche ricco straniero comprerebbe il colosseo bene e noi ci mettiamo muatori e manovali siciliani e napoletani a smontarlo e fra 500 anni ne riparleremo!!!
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      No, non si tratta di "estorcerli agli Stati europei", ma di estorcerli all'Italia, perchè l'Italia ha ancora i risparmi e le case dei lavoratori, nonchè una grande quantità di beni immobili e di siti di valore che ci pongono al primo posto nel mondo della classifica dell'UNESCO. Vedrai, se si sta ancora in questa UE di m....., riusciranno a privatizzare pure il colosseo, il duomo di Milano, etc e qualche straniero se lo comprerà a basso costo.
  • Nicola Nicolini Utente certificato 11 mesi fa
    Domani: La stretta monetaria programmata per i prossimi mesi si configura come la prima, violenta risposta delle élite europee alla marea antisistema che le sta minacciando. Si tratta di una reazione che rischia di compromettere la stabilità finanziaria dell’Europa, ma proprio su questo punto si misurerà l’intraprendenza della Bce. La stretta monetaria è pensata per aumentare il grado di esposizione dei governi alla disciplina dei mercati: tolta la protezione del quantitative easing, il debito pubblico dei paesi periferici tornerà ad essere pienamente vulnerabile ai venti della speculazione. Nei progetti dell’autorità monetaria, la pressione esercitata dai mercati attraverso gli spread può riuscire laddove le regole, da Maastricht al Fiscal Compact, hanno fallito: costringere la periferia d’Europa sulla strada delle riforme e dell’austerità senza ulteriori esitazioni, e dunque senza quella prudenza che l’avanzata dei populismi sembra suggerire alla classe politica europeista. Nel promuovere l’austerità attraverso la disciplina degli spread, Draghi si pone alla testa di quella classe politica e la trascina sul rischioso crinale dello scontro frontale con gli sconfitti della globalizzazione e le loro rivendicazioni. L’impatto potrebbe trascinare ancora più a fondo l’Europa. E tornano alla mente le parole di Guido Carli, storico governatore della banca centrale italiana mentre infuriavano gli anni di piombo: “La politica monetaria è uno strumento rozzo e chi lo brandisce non deve farsi prendere dal batticuore per lo sbraitare di chi ne subisce le ferite. Se non ha questa forza, è meglio che lo deponga.” Draghi non sembra affatto intenzionato a deporre le sue armi, e al contrario le affila per fronteggiare la minaccia del populismo. CHI HA DECISO CHE MARIO DRAGHI E LA SUA CRICCA ALLA BCE POSSANO IMPORRE LE LORO SCELTE IN MATERIA DI POLITICA MONETARIA AD UN INTERO CONTINENTE? Questo è abuso di potere, totalmente al di fuori di qualsiasi controllo democratico.
  • carlo 11 mesi fa
    ragionando su grandi numeri si puo' perdere il senso del problema, dando spazio a supercazzole varie. e di supercazziolatori profittatori che non vedono l'ora di scaricare le loro colpe su altri, l'italia ne e' piena. ragioniamo piu' in piccolo, cosi' si capisce meglio: i 15 miliardi di debito di roma sono colpa dell'euro? da quello che abbiamo visto, a cui abbiamo assistito, no. mi sembra che siamo tutti d'accordo. e l'italia non e' stata governata da gente diversa da quella che ha governato roma. anzi, hanno avuto molti piu' modi per fregarsi i soldi. l'euro (e l'europa) mi ricordano quando da bambino si giocava a mosca cieca. chi stava sotto si affannava a cercare quelli che si nascondevano. poi alla fine, per ultimo, spuntava il furbo, piu' veloce di lui, correva, toccava il punto di partenza, e "tana, stega, liberi tutti". cosi' con l'euro. fanno schifo, poi quando non sanno piu' cosa raccontare essendo troppo evidente il loro far cagare, spunta il furbo (o i furbi) che fa tana liberi tutti, "e' colpa del'euro, dell'eurooa, ce lo chiede l'europa, ah, se potessimo stampare moneta.....etcetc....". ennesima presa per i fondelli, con danno e beffa insieme.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Carlo si deve guardare sto video https://www.youtube.com/watch?v=WOv8--3dIWA
    • Beppe A. Utente certificato 11 mesi fa
      ormai a carlo hanno inculcato che i soldi che vanno all'estero per fondi salvastati (banche altrui)e importazioni estere e' roba buona, mentre i soldi dei corrotti o del lavoro/attivita' sommersa per tirare a campare e che girano nell'economia nazionale sono cattivi. La deflazione e i tassi bassi sono buoni (anche se provocata dalla mancanza di reddito e lavoro) mentre e' cattiva l'inflazione quando la gente ha soldi da spendere e fa aumentare i prezzi, nonostante abbia salari reali in aumento. Capira'.. PS le grandi cifre della corruzione/elusione/evasione/speculazione provengono proprio da quelli stati tanto osannati per moralita'..
    • carlo 11 mesi fa
      il fatto e' che la corruzione (perdita stimata dalla corte dei conti, 60 miliardi all'anno), gli sprechi (altri 60 miliardi all'anno), le tasse non pagate (siamo sui 120 miliardi all'anno), mettici le mafie, con danni non stimabili tanto sono alti, hanno iun peso. non paga pantalone. anzi, paga pantalone, cioe' noi. ritrova quei soldi e vedi che l'euro non c'entra niente, che stai bene anche con l'euro. ti ripeto, l'ho scritto nell'altro post, con la lira gli interessi da pagare erano sopra il 10% all'anno (vatti a rivedere quanto pagavamo di itnereessi ad es nel 1995), ora paghiamo il 2,5%. perche'? ti faccio un esempio: l'alitalia sta fallendo. per debiti. se venisse inglobata da una compagnia aerea sana, faccio un n ome, la briitish airways, pur con gli stessi debiti (che non si cancellano con un tratto di penna, ma solo pagandoli) scongiurerebbe il fallimento. naturalmente se poi si mette afare la brava. l'italia (i suoi governanti) portroppo ha continuato a fare la canaglia mangiasoldi.
    • Nicola Nicolini Utente certificato 11 mesi fa
      Piantala, il fatto che l'Italia sia un paese distrutto dalla corruzione E' UN PROBLEMA. L'abbiamo sempre detto e la corruzione va stroncata. Ma se tu non vuoi vedere che al vertice della piramide dell'Unione Europea c'è un branco di corrotti e criminali molto più potenti e pericolosi dei nostri politicanti, mi sa che hai interesse nello "spostare" l'argomento dove fa comodo a te. C'è corruzzione in Italia. C'è corruzione al vertice dell'Unione Europea. Sono entrambi due gravi problemi che ci stanno facendo affondare come nazione.
  • gian piero sciarrone 11 mesi fa
    Caro Mario non Balo, plurimi contatti per poter condividere la problematica dell'Economia Europea con gli altri due attori FMI e Commissione EUROPEA, proposta non condivisa con un suggerimento aprire un tavolo di confronto solo con BCE. Oggi la situazione è diversa, il peggioramento dei mercati ha favorito nuove soluzioni, credo che vedremo con più difficoltà il +0.01 o - 0,02...
  • carlo 11 mesi fa
    le nostre destre e ora la sinistra renziana dicono che i loro governi hanno fatto cagare per colpa dell'euro. per me e' colpa loro e l'euro non c'entra niente.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      i politici hanno sempre fatto cagare, ma con l'euro hanno trovato modo di fare più soldi. Si sono venduti alla Germania.
  • Francesco Cafiero 11 mesi fa
    negli ultimi 30 anni ogni anno abbiamo pagato circa 100 miliardi di euro interessi sul debito pubblico.
  • Alessandro P. Utente certificato 11 mesi fa
    Che il quantitative easing servisse solo a speculare e pompare la germania lo sapevano tutti (tranne i politici italiani che faceva salti di gioia) e come dice l'articolo i soldi son finiti tutti all'estero. Bisogna però dire che se anche l'articolo è molto rassicurante (e non cita altri crediti miliardari che l'Italia ha con l'Europa tipo il Mes) il debito di centinaia di miliardi esiste, ma esiste proprio e non è virtuale o contabile, o almeno non è più virtuale di un conto in banca. Tutte le volte che ci sono transazioni fra monete diverse intervengono le banche centrali per fornire la moneta (e accettare la moneta straniera) e il target 2 è proprio questo: le singole banche centrali si sono impegnate ad accettare e fornire moneta A CAMBIO FISSO indipendentemente da tutti gli sbilanciamenti commerciali (tipo la Germania) e se una sola banca centrale smettesse di accettare supinamente tale obbligo l'euro sarebbe immediatamente finito!! 3 secondi netti e via! kaputt! Cioè quando il piddino compra un caffè a Berlino la nostra banca centrale è OBBLIGATA a sostenere un cambio fisso fra un sistema che dovrebbe avere una moneta più debole e un sistema che dovrebbe avere una moenta più forte e il risultato è un debito REALE pari a una piccola frazione di quel caffé che finisce sul groppone di bankitalia. Il debito ESISTE e certamente in caso di uscita verrebbe ridiscusso (verosimilmente dimezzato) e noi avremmo pure crediti da incassare ma è comunque una mazzata che rappresenta il vero "dividendo dell'euro" ed esattamente il motivo per cui l'Italia è uscita dallo sme ovvero dal cambio fisso nel '92.... LA STORIA SI RIPETE soprattutto per chi non la sa (o chi non ha letto Bagnai). Il fogno europeo lasciamolo ai greci. NEGARE L'ESISTENZA DEL DEBITO SAREBBE FAKE NEWS però è anche vero che è sempre possibie non pagarlo come è possibile non accollare sui cittadini i debiti di qualunque banca privata (ops! ho bestemmiato?).
  • Silvio . Utente certificato 11 mesi fa
    Fuori dall'euro! E sarà sempre , comunque, troppo tardi... Ė la garrota d'Italia. Riprendiamo la moneta nelle nostre mani (e anche l'oro degli Italiani)
  • Gaetano grisafi 11 mesi fa
    Mah, dai commenti mi pare che molti non capiscano che non si tratta di debito pubblico, ma di un debito privato derivante dal deficit commerciale (e da un surplus dell'altra parte) e da uno spostamento di capitali da uno stato all'altro. Insomma, chi può il conto corrente se lo apre in Germania.
  • Pep Gatto Utente certificato 11 mesi fa
    Invece uscendo dall’Eurozona i conti pubblici potrebbero guadagnarci ben 8 miliardi di euro all’anno. A scriverlo nero su bianco è uno studio di Mediobanca riservato ai suoi clienti, ma finito sulle pagine de Il Giornale.  L’analisi di Mediobanca si basa su ragioni essenzialmente di tipo economico, quindi del tutto alieno a considerazioni di carattere politico sulla necessità di una Italexit per recuperare anche spazi di democrazia e sovranità popolare sul futuro del paese.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Allora faccio io una citazione, quella di J.Stark, membro del direttorio della BCE: "L'Italia non potrà mai prosperare finchè resta all'interno dell'eurozona. All'Italia conviene uscire e tornare della sua moneta." A noi infatti serve la lira, cioè sovranità monetaria (e non solo).
    • Tizio Gaio Sempronio 11 mesi fa
      8 miliardi? Sa quanto durano? Sono meno dello 0,5% del PIL. Una somma che non esito a definire ridicola (8 miliardi su qualcosa come 2400 miliardi di debito! Veda un po' lei se si può parlare di "ben 8 miliardi" o se non suona piuttosto ridicolo). E poi, già che c'è, perché non continua nella lettura del rapporto di Mediobanca e non riporta qui, per intero, quel che dice? Sarà mica perché quel che segue in quel rapporto non porta acqua al mulino delle sue idee precostituite? Visto che lei si è astenuto dal citare il seguito, lo dico io: il rapporto, quello stesso rapporto che cita lei, sottolinea che dopo un po' di anni si genereranno perdite tali da più che compensare quei (magri) guadagni. Non sono necessariamente d'accordo con tutto quel che dice Mediobanca. Ma se si cita qualcosa, si abbia l'onestà di citare per bene.
  • Nicola Nicolini Utente certificato 11 mesi fa
    Questa uscita di Draghi, che minaccia e vuole mettere a cuccia chi si oppone allo strapotere della BCE, dovrebbe servire solo per aprire un dibattito serio sul meccanismo di emissione della moneta. Dobbiamo cominciare a chiederci SERIAMENTE perchè è stato dato questo immenso potere di FARE POLITICA MONETARIA al sistema delle banche. Anche da questo articolo, lungo e VOLUTAMENTE poco chiaro, si evince che il sistema bancario è strettamente interconnesso, tanto che le banche tra loro regolano debiti e crediti come se fossero tutte filiali della BCE. Ma la BCE NON HA NIENTE DI DEMOCRATICO, non risponde a nessuno se non ai suoi azionisti, SONO TUTTE BANCHE e perseguono fini privatistici, da qui taglio dei servizi, del welfare, della sanità tutto per una cessione di sovranità che, come dice l'economista Sapelli, è incostituzionale. Cominciamo a parlare seriamente di queste tematiche nei talk show pieni di aria fritta. Il mandato dei media di regime è di NON FARE CHIAREZZA SU QUESTO TEMA: "Il debito nazionale e' una frode perpetrata verso gli Usa dagli interessi dei banchieri internazionali. La migliora soluzione per il debito nazionale e per la sicurezza sociale e' che gli Usa smettano di permettere ad una societa' privata di stampare la moneta e di caricarci sopra gli interessi. La Federal Reserve dovrebbe essere abolita come un punto di partenza per liberare gli Usa da una falsa dipendenza". Andrew Jackson, 7mo Presidente USA La FED americana è privata, lo stesso meccanismo è per la BCE e l'Unione Europea. https://www.youtube.com/watch?v=mA2cK83SeQw
  • Walter Borchia 11 mesi fa
    d'accordo con i tedeschi ci ha riempito di debito come un usuraio e lo chiamano salvatore della patria.
  • STEFANO A. Utente certificato 11 mesi fa
    attenzione alla riserva aurea italiana!!!!!!!!!
    • Max Stirner Utente certificato 11 mesi fa
      Guarda che quella l'hanno già "fumata". Il famoso oro degli italiani, è diventato l'oro dei soci della Banca d'Italia. Prova a controllare chi sono i soci della banca d'Italia. Cercati il sito... https://it.wikipedia.org/wiki/Banca_d'Italia
  • Max Stirner Utente certificato 11 mesi fa
    SUPPONIAMO CHE, L'AMERICA NON VOLESSE PAGARE IL SUO ENORME DEBITO E... al posto del dollaro emettesse una nuova moneta, mettiamo un nome a caso, l'"amerindo" e dichiarasse tutti i dollari in circolazione che non siano cambiati da cittadini americani, sono carta straccia. Supponiamo che tutti i debiti formulati in dollari, venissero disconosciuti. Tutto cio promesso, supponiamo che il governo americano proponesse solo a chi gli garba una forma di concordato pari al 30% del credito vantato: una proposta che il creditore non può rifiutare. Cosa succederebbe? Mi piacerebbe saperlo.
    • Rosa Anna 11 mesi fa
      Supponiamo che chi emette moneta Vada avanti a sottomettere tutte le democrazie con il piano di globalizzazione Poi supponiamo che attraverso la bene amata rete dei bravissimi merli riescano ad emettere trilioni di monete Mettendo fuori controllo il sistema Questa sì che sarebbe una rivoluzione Già accaduto più di un secolo fa con pezzi di carta Perché non potrebbe accadere di nuovo?
    • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
      Niente. Tanti sorrisi . Possono farlo, sono praticamente in grado di essere autarchici e a chi gli rompesse gli zebedei hanno ancora capacita' di vaporizzarlo al neutrone. Hai letto quello che ho scritto sull'imposta di bollo ? Per che' non si puo' fare ? A mio parere si puo' fare in quanto non viola i trattati
  • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
    Eccoli: http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=OJ:C:2016:202:FULL&from=IT Pag 253 e http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=OJ:C:2016:202:FULL&from=IT Buona lettura. Col pdf cercate Italia
    • Mauro FERRANDO Utente certificato 11 mesi fa
      correggo errore di battuta commento precedente: 'DEBITO/PIL'
    • Mauro FERRANDO Utente certificato 11 mesi fa
      RECTIUS del mio commento precedente: 'meno spesa pubblica assistenziale e più pil' (ovviamente la spesa pubblica non varierebbe, e neppure ceteris paribus il debito pubblico, per cui migliorerebbe il parametro Debiti/Pil)
    • Mauro FERRANDO Utente certificato 11 mesi fa
      Sono d’accordo con te. Dobbiamo preparare un piano radicale di rilancio che possibilmente possa attrarre anche altri paesi sfavoriti. Devono essere altri ad avere il coraggio di cacciarci, e non lasciare loro alcun alibi. Così, se saremo dalla parte della ragione potremo avere solo da guadagnare, anche agli occhi del mondo. Intanto risponderei sul Loro (nordicamente freddo) terreno: non rispettiamo i parametri? Modifichiamo le etichette dei fattori e i conti tornano. Es. se elargiamo 1) una pensione sociale (tra i 65 e 70 anni) 2) di accompagnamento 3) un assegno di disoccupazione (orride spese pubbliche assistenziali!!!) e chiediamo in cambio piccole prestazioni di utilità sociale (o nel caso 2 la assegniamo ad un famigliare per la prestazione di assistenza), magicamente trasformiamo tutto in PIL (- spesa pubblica, +PIL)!! E di queste ‘elusioni ai parametri’ possiamo farne per parecchie decine di miliardi (solo quelle indicate ammontano a oltre 30 miliardi di minor spesa e più Pil)
  • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
    Il problema e' trovare una metodica per vivere con il resto del mondo ed avere un "boostrap" finanziario di un anno . IO ho fatto una ipotesi di una manovra un po' particolare che "rigira" il 3% del PIL per avere tale boostrap . Il debito con la BCE si negozia tranquillamente se siamo in grado di dare dollari ai fornitori di petrolio, per il resto non abbiamo problemi , far ripartire la nostra industria e' cosa di 1 - 2 anni . L'autarchia (ancorche' non totale) non era possibile ai tempi del duce ma con la tecnologia di oggi e' tutt'altro discorso.
  • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
    Punto 49 , dichiarazione concernente l'Italia dal TFUE : RICONOSCONO in particolare che, in caso di applicazione degli articoli 109 H e 109 I, si dovrà aver cura che le misure richieste al governo italiano salvaguardino il compimento del suo programma di espansione economica e di miglioramento del tenore di vita della popolazione. Oltre ad altri punti che posso ritrovare (io o voi ) rileggendo tutto il pdf . L'Italia , vista la inazione della C.E. , sui saldi in surplus della Germania ed altri puo' mettere una IMPOSTA DI BOLLO sui pagamenti verso quei paesi in modo da pareggiare il sulplus negativo della bilancia dei pagamenti (parte del TARGET2) in e per un numero di anni pari a quello della formazione del surplus stesso. Essendo una imposta di bollo sui pagamenti (cioe' bonifici) delle banche commerciali ha le'effetto di un dazio ma sulla moneta. Esso e' piu' che giustificato dal testo del TFUE . Ho gia' fatto notare 2 volte questa idea ma nessuno mi ha risposto se sa perche' non si puo' . Basta un decreto legge e le banche si adeguano. La percentuale sarebbe quella ricavata dal tasso di cambio reale , e durerebbe fino a quando tale tasso di cambio reale non sia alla pari.
    • Mauro FERRANDO Utente certificato 11 mesi fa
      Ti ho risposto nel post sul referendum, comunque riporto anche qui (se torni sulla discussione): Interessante, tra l'altro potrebbe forse utilizzarsi anche per ridurre l'onere delle pensioni pagate all'estero (in genr. retributive, liquidate tenendo conto del ns. costo della vita interno). Il problema che sollevo alla tua sfida: la bilancia dei pagamenti italiana non mostra alcuno squilibrio che giustifichi la richiesta di interventi in deroga alla libera circolazione dei capitali...'
    • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
      Formalmente no. Il dazio e' sulle merci , il bollo sul pagamento . Inoltre e' erga omnes (cioe' anche sulle transazioni italia-italia ) ma queste ultime risultano deducibili in quanto andranno a far parte dei costi . Il fornitore esteroinvece scontera' il bollo per intero . Nessuna sperequazione sulle merci ma in rapporto al surplus . Cioe' assecondando ben 3 richieste dell'europa, metteremmo una tassa per farli contenti , proprio come vogliono loro.
    • Alessandro P. Utente certificato 11 mesi fa
      un'imposta di bollo alta sarebbe proprio un dazio (ergo contro libera circolazione) oppure sarebbe quello che è cioè la fine del cambio fisso.
    • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
      E' una proposta di metodica che ci consente di passare dalla parte della ragione edimpostare la trattativa , iniziando da subito a rinborsare il TARGET2 coi soldi di chi fa surplus . Ovviamente occorre un governo con le palle e coeso, senza traditori della patria alla Mario Monti
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Caro Aldo oltre il surplus ci sono centinaia di violazioni ai trattati da parte della Germania e pertanto l'unica soluzione, oltre uscire dall'euro, è quella di uscire immediatamente da questa Europa marcia...
  • Marco Saba 11 mesi fa
    "Come ha riconosciuto di recente la stessa BCE, infatti, le banche centrali possono tranquillamente operare con capitale negativo." - E naturalmente i gonzi ci credono davvero che la BCE ha inventato L'ANTICAPITALE... La realtà molto più prosaica è che si tratta di una pura illusione contabile dovuta la fatto che - come da sempre denunciamo - le banche centrali, o meno, non contabilizzano la creazione di danaro correttamente.
  • NO N. Utente certificato 11 mesi fa
    FUORI dall'euro subito, denunciare questi FALSARI LEGALIZZATI e la restituzione delle ricchezze alla popolazione. O si fa una battaglia VERA o abbiamo già fallito
  • Gaetano grisafi 11 mesi fa
    Invito chi ne ha voglia ad andare sul sito di Banca d'Italia o della BCE per leggere cos'è il meccanismo Target2. Alla fine della lettura scoprirà che l'euro non è una moneta unica, ma un sistema di cambi fissi che ha il suo cuore nel meccanismo T2. Uno squilibrio in T2 significa un debito o un credito del sistema paese. Quanto a lungo T2 potrà sopportare l'avanzo commerciale tedesco solo Dio lo sa.
  • Michele Evola 11 mesi fa
    IL NOSTRO DEBITO E' IN MANO AI NOSTRI PARTITI POLITICI S:P:A SOPRATUTTO DI SINISTRA..... PER PAURA DELLA POTENZA ECONOMICA DI BERLUSCONI, SI SONO MESSI A RUBARE PORTANDOCI SUL BARATRO
  • Guido Iodice 11 mesi fa
    Purtroppo non è una bufala, i debiti del Target 2 sono veri debiti iscritti a bilancio dalla Banca d'Italia e conteggiati nel debito estero. Non c'è molto da discutere sul tema. Sono numeri. https://keynesblog.com/2017/01/23/draghi-spiega-come-si-esce-dalleuro-servono-312-miliardi-subito/
    • andrea serantoni Utente certificato 11 mesi fa
      ok perfetto allora facciamo un leasing da 350 anni con 1 milardo di euri all'anno...nel mondo ci sono 60000 miliardi di derivati,cioè' ricchezza non ancora creata ...
  • Paolo Z. Utente certificato 11 mesi fa
    E' un articolo nel post lungo. Ci dice che Draghi non potrà chiedere gli € che sono stati chiesti dalle ns banche. Un articolo che è favorevole a chi propugna l'uscita dell'Italia dall'€. Ho fatto un giro su internet, i dati sono abbastanza vecchi ( es, 07 set 2013 http://www.magdicristianoallam.it/blogs/vivere-senza-l-euro/cronaca-di-un-disastro-annunciato-il-90-del-debito-pubblico-e-in-mano-alle-banche-ma-lo-stato-si-accannisce-contro-imprese-e-famiglie.html ) ma questi dati mi dicono che il DEBITO PUBBLICO dell'Italia era del 35-50% in mano estere. Dopo, Draghi , BCE, ha cominciato a comprare DEBITO PUBBLICO EUROPEO. Ovvero, se l'Italia esce dall'€, sia i creditori esteri, sia la BCE vorranno disfarsi dei BOT & CCT. Un governo “serio” blocca i creditori interni ( banche, privati, assicurazioni...), ma 500/1000 miliardi di €, non sono facili da trovare dall'oggi al domani, ricordo che una finanziaria standard è di 20/50 miliardi di €. Ovvero quando ce ne andremo dall'€, l'Argentina del default, ci apparirà come un sogno. Paolo TV
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Quando ce ne andremo dall'euro, l'Italia si salverà mentre la Germania farà la fine del Titanic e colerà a picco...
  • Massimo S. Utente certificato 11 mesi fa
    Hitler è morto, ma il suo popolo è rimasto uguale. Vogliono essere padroni del mondo. E Draghi, come Benito, ha scelto male gli alleati. Fuori dall'Euro, subito, prima che sia tardi.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Paolo che la Germania non ci volesse dentro è una balla colossale; una megacazzata; una delle tante che girano su TV e giornali, non diversa da quelle che sparano ancora oggi giornalisti come Piller, Gruber, etc. La Germania si è arricchita grazie all'Italia, che ha rinunciato alla sua moneta per adottare il marco tedesco, una moneta che mal si adatta alla nostra economia.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Paolo, non bisogna santificare euro e UE e cercare colpe altrove, si sapeva sin dagli anni 60 che la moneta unica avrebbe creato problemi, e persino l'ex segretario dell'allora PCI Napolitano sconsigliava di entrarci (oggi però dice l'opposto ma non c'e' da meravigliarsi, conoscendo il personaggio e il governo di regime). Entrare è stato un errore, e ce lo ripetono da anni economisti italiani e stranieri, persino premi nobel. Bisogna uscire dall'euro e UE e recuperare tutte le sovranità possibili...
    • Paolo Z. Utente certificato 11 mesi fa
      E' già tardi. Sono 30 (trenta) anni che è già tardi. Dai tempi di Craxi & C., anni '80, che il debito pubblico sale, sale https://it.wikipedia.org/wiki/Economia_d%27Italia#Origine_ed_evoluzione_del_debito_pubblico. Nel 1985 il debito arrivò all'80%, complice pensioni a 35 anni (d'eta) per gli statali, evasione, cassa integrazione a go go. E dopo diamo colpa alla Germania, che non ci voleva nemmeno dentro l'€... Ah, se i miei concittadini studiassero la storia recente!!! Paolo TV
  • Sam D. Utente certificato 11 mesi fa
    Visto che i 'soldi' la BCE ha 'prestato' all'italia li ha creati dal nulla, l'italia è autorizzata a creare soldi dal nulla e restituirli alla BCE.
    • Nicola Nicolini Utente certificato 11 mesi fa
      @Zampano ci hanno tirato dentro all'UE anche perchè l'Italia ERA una nazione con un risparmio privato (ricchezza privata) molto alto e un popolo con grande propensione al risparmio. Quello che anno dopo anno ci stanno rubando con le loro "crisi" dove a pagare sono sempre i piccoli risparmiatori e loro si fanno le "good banks" a carico della collettività.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Paolo... piu' affidabili della lira? Ti ricordo che con la liretta da te disprezzata eravamo quinta potenza industriale nel mondo ed è questo che dava fastidio a parecchie nazioni. Il perchè ci abbiano tirato in UE e dentro il sistema euro e' solo per devastare la nostra economia e ciò a vantaggio di altri Stati membri, col compiacimento di politici italiani corrotti e arricchiti grazie a tale devastazione. Usciamo fuori dall'euro e dall'UE!!!!
    • Paolo Z. Utente certificato 11 mesi fa
      Anche gli USA, o la Svizzera, creano dal nulla. Ma i soldi degli USA, della Svizzera.... e della BCE sono più affidabili delle lire italiane o turche. E' una cosa che si chiama fiducia. Il debito della Grecia è in grado di darti fiducia? Investiresti tutti i tuoi soldi (se li hai) nel deb greco, con interessi tedeschi? Paolo TV
  • ANDREA 11 mesi fa
    fanculo questa europa di merdaaaaaaaaaa
  • Taipan X Utente certificato 11 mesi fa
    Il mica tanto ex di Goldman Sachs non capisce nulla di economia,esattamente come il figlio fallito che opera da trader a quattro zampe presso Jp Morgan. Famiglia draghi = famiglia fantozzi
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 11 mesi fa
    Non mi risulta che i debiti svaniscano da soli, alla fine qualcuno li dovrà' pur pagare anche se si tratta di algoritmi interbancari.
    • andrea serantoni Utente certificato 11 mesi fa
      come la germania che gli hanno condonato i debiti di guerra
  • Gaetano grisafi 11 mesi fa
    Ma non è il gigantesco avanzo commerciale tedesco che genera lo squilibrio in T2, insieme alla fuga dei capitali dai paesi della periferia verso quelli core? Attenzione che lo squilibrio è reale, non contabile.
  • ivar scarpin 11 mesi fa
    La vera bufala è proprio quella di uscire dall'euro!!!.
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      USCIRE DALL'EURO E' UNA NECESSITA'! LE BUFALE LE RACCONTANO GLI "EUROINOMANI", PROPRIO PERCHE' NON IN GRADO DI COMPRENDERE, DOPO OLTRE TRE LUSTRI, I DANNI CHE L'EURO E L'UE CON LE SUE DELIBERAZIONI HANNO CAUSATO AL NOSTRO PAESE!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus