L'amministrazione 5 Stelle a Roma e il resto del mondo: due pesi e due misure

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle

Se il Comune di Roma governato da Virginia Raggi cambia un assessore o sbaglia la scelta di un dirigente è il cataclisma. Aperture di telegiornali, prime pagine dei quotidiani, intere settimane di dibattito.
Eppure dimissioni e sostituzioni di assessori sono all'ordine del giorno in qualsiasi amministrazione. Se è doveroso che i giornalisti facciano le pulci al Movimento 5 Stelle e le sue amministrazioni, ci chiediamo perchè la stessa enfasi mediatica non viene o non è stata riservata a livello nazionale quando è toccato ad altri. Come al solito due pesi e due misure. Qualche esempio (visto il turbine di dimissioni è anche possibile che ce ne siamo dimenticati qualche assessore silurato/dimissionario per strada!).

Quando Matteo Renzi era un giovane presidente della Provincia di Firenze, durante il suo mandato tra il 2004 ed il 2009 ha sostituito la metà degli assessori. Lo stesso Renzi, come sindaco di Firenze, cambiò nove assessori, per i più svariati motivi. Di questi ben sei si dimisero o furono sostituiti nei primi tre anni di mandato tra il 2009 ed il 2012. Il suo ex assessore al bilancio Fantoni nel 2012 sbattendo la porta dichiarò "Renzi fa bilanci in bagno mentre si lava i denti". Non ricordiamo aperture dei telegiornali o quotidiani nazionali su questo argomento.

Michele Emiliano come sindaco di Bari
tra il 2012 e il 2014 cambiò otto assessori. Se a luglio 2013 erano stati cinque gli abbandoni in un anno e mezzo, tra agosto e settembre e febbraio 2014 si salì a otto. Nessuno però si stracciò le vesti per questo.

Giuliano Pisapia nei primi quattro anni di mandato come sindaco di Milano sostituì cinque assessori su dodici. Come non abbiamo visto aperture dei telegiornali sulle vicissitudini dei primi mesi della Giunta Sala tra le indagini che coinvolgono il primo cittadino, casi di conflitto d'interesse, la sostituzione di capi gabinetto e la nomina come segretario generale del Comune di Milano di una persona già indagata (e poi irrimediabilmente sostituita).

Ma il vero record spetta a Luigi De Magistris sindaco di Napoli. Dieci assessori sostituiti nei primi due anni di mandato. Erano prove generali per poi arrivare a ben 23 ad aprile 2015.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Stefano Latini 10 mesi fa mostra
    Roma prima dei 5SS, faceva schifo. Roma dopo l'arrivo dei 5SS, continua a fare ancora più schifo. Lo stadio per la Roma, la scelta di Marra, l'opzione Romeo con accluse polizze, il niente fino ad ora, la propaganda usata, sovrapponibile a quella berlusco-alemannina, il bacio con i tassisti, meravigliosi fasci combattenti, che ora s'accovacciano sotto l'ala grillina, come per anni han fatto con le alucce silviottesche. Ma la cosa che più genera olezzo rancido, è che i 5SS sono riusciti nell'impresa di mettere assieme, assemblare a Roma il peggio dei piddini, dei destroversi, dei silviotteschi e del marciume tradizionale che abita gli interstizi della capitale. Avete distrutto le matrici politiche creando una betoniera cloacale maxima. E' giusto che ora vi trombiate voi questo cesso
    • simona verde Utente certificato 10 mesi fa mostra
      FAI SCHIFO TU E TUTTI QUELLI COME TE!
    • vincenzo p. Utente certificato 10 mesi fa mostra
      Avete distrutto le matrici politiche??? Si sono autodistrutti, e fai lo stesso anche tu!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus