Vuoi tu essere espropriato di acqua, luce e gas? #iodicono

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

>>> PASSATE PAROLA: Oggi alle 13 in diretta qui sul blog e sulla pagina Facebook di Beppe Grillo sarà trasmesso un video appello di Beppe a tutti gli italiani. #IoDicoNo

di MoVimento 5 Stelle

Con la riforma costituzionale vogliono espropriare i cittadini di acqua, luce e gas. “Il problema è che non sono nostri, dello Stato, sono delle Regioni, dei Comuni” diceva Lorenzo Codogno, capo della direzione Analisi economico-finanziaria del dipartimento del Tesoro nel settembre 2013, intercettato da un giornalista della trasmissione “La Gabbia”. “E quindi bisogna cambiare il titolo V della Costituzione ed espropriare i Comuni e le Regioni” concludeva l’alto papavero, perché “la vera risorsa sono le utilities a livello locale. Lì sono veramente tanti, tanti miliardi”. Oltre tre anni dopo i cittadini italiani sono chiamati a votare su un referendum che, fra le altre cose, cambia pure il titolo V della Costituzione. Ma che coincidenza.

Non ve lo diranno mai chiaramente, ma uno degli scopi reconditi di questa riforma è di eliminare la volontà del territorio rispetto a quelle magnifiche (e immaginifiche) grandi opere ritenute dal Governo “di interesse nazionale”. Roba che negli anni ha creato solo catene di mazzette, corruzione, devastazione dell’ambiente e del paesaggio e non servono a nulla o manco vengono completate. Infrastrutture nelle quali possono ben rientrare quelle afferenti acqua ed energia. Col venir meno della legislazione concorrente delle Regioni, si accentrano le competenze a Roma per facilitare la realizzazione delle grandi opere grazie alla clausola di supremazia inserita nella riforma che permette, ad esempio, di gestire le gare a livello nazionale.

È chiaro che le utilities sono già ora disciplinate con criteri comunitari, che vanno tutti in direzione di una “privatizzazione”, contro le gestioni “in house”, mentre la regolazione delle tariffe è gestita dalle authority. Ma coi poteri assicurati in tali materie allo Stato centrale dalla riforma, il Governo può agire sui criteri di regolazione (assetti societari, legislazione tariffaria) con uno spazio più agevole per procedimenti legislativi e amministrativi.

Quindi, con i precedenti di questo Governo - dal salvataggio della banche a sfavore dei risparmiatori, allo svilimento dei lavoratori ridotti a un numero su un voucher – ma basterebbe anche solo guardare ai recenti atti di governo di attuazione della cosiddetta “Riforma Madìa”, siete pronti a dar loro in mano anche questo?

Chissà perché, ad esempio, fondi come BlackRock sono tanto interessati a questa riforma.
Quindi vendiamo l’acqua ai cinesi, il gas agli arabi, la luce agli americani. E chi se ne fotte dei servizi pubblici essenziali, bisogna fare i soldi. A costo di lasciare la mamma senza l’acqua per pulire il suo bambino, gli anziani a morire al freddo e al buio senza gas e luce. Volete sul serio che accada questo?

C’è un solo modo per fermarli, domenica 4 dicembre andate a prendere le persone a casa, portateli a votare. FATE VOTARE ‘NO’.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • cornelio agrippa 1 anno fa mostra
    U L T I M E. D A. .P A L E R M O: Le firme oltre ad essere "copiate" sono anche false RUBATE dalla raccolta firme per l'acqua pubblica. QUESTO E' SCANDALOSO E' UNA TRUFFA Tutti i deputati nazionali e regionali sapevano, fin dal 2.012! Grillo sapeva? Sicuramente, dopo il sevizio delle Iene (due mesi fa) non ha fatto nulla. Oggi intima una generica scomunica!
    • cornelio agrippa 1 anno fa mostra
      Ernesto guardali i servizi delle Iene, leggili i giornali e poi mi dirai! Il giornalismo in Italia è fazioso e impreciso, ma le Iene hanno fatto un servizio di giornalismo investigativo impeccabile.
    • Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 1 anno fa mostra
      cornelio, iene e testate giornalistiche non sono la magistratura! Il solito ci-trollo!
    • cornelio agrippa 1 anno fa mostra
      Io non sono iscritto in nessun partito, quindi non difendo nessuno, ma la difesa di me stesso non la faccio accusando gli altri. Questa è una tecnica usata dagli imbonitori che cercano di camuffare i propri inciuci. Rispondendo all'amico Ernesto, gli dico che i servizi delle Iene sono peni di dettagli inequivocabili e quindi di prove concrete. Le Iene hanno dimostrato che le firme erano false e che tutti i deputati conoscevano i fatti. I servizi delle Iene risalgono a due mesi fa, penso che Grillo abbia un tv, ma parla solo adesso: dopo due mesi. Per le firme RUBATE divere testate giornalistiche nè danno la notizia riportata da fonti istituzionali.
    • Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 1 anno fa mostra
      cornelio, IL TUO COMMENTO É DA CANCELLARE DALLA FACCIA DELLA TERRA! Nel tuo commento non c'è nessun riscontro oggettivo all'argomento che hai citato! Il solito ci-trollo.
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa mostra
      Molto meglio questi...si che questi sanno rubare! Rocco Florio pres.circ.ne 5=Rinviato a giudizio Cristina Rolando Funzionaria PD Tina Pepe =11 mesi Mara Milanesio= 10 mesi Stefania Ziccarelli= 10 mesi Daniela Valle cons.Reg.PD=6 mesi Tutti per le firme false elezioni Regionali 2014 Chiamparino. La differenza che i 5 stelle si dimettono,loro...aspettano la Giustizia ! Queste sono cose da dire in TV....visto che anche questa mattina hanno fatto il solito servizietto su Palermo! E perchè non dire di Cota...stesso problema? ^^^^ e pensare che tutto è partito da una autodenuncia del m5s...mentre questi ultimi hanno aspettato che la magistratura li condannasse.... scommetto che non vedi la differenza se pur c'è stato un reato da parte del Movimento.
  • cornelio agrippa 1 anno fa mostra
    Sarebbe un'ottima idea raccogliere le firme per un referendum sull'acqua pubblica. A N Z I F A C C I A M O L O Così potremo usare le firme per presentare le liste alle prossime elezioni.
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa mostra
      caro Cornelio Trippa.... si potrebbe raccogliere le firme per abolire il contributo ai partiti e poi adoperale per mandare a casa il tuo amico r-enzi con un nuovo referendum...che dici si potrebbe fare? Anzi penso che senza contributi,non sarebbe necessario il referendum,se ne andrebbero via da soli perchè finita la "trippa per gatti"...che dici troll,scommetto (mi piace vincere facile) che voti SI!
    • Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 1 anno fa mostra
      - cornelio, IL TUO COMMENTO É DA CANCELLARE DALLA FACCIA DELLA TERRA! Nel tuo commento non c'è nessun riscontro oggettivo all'argomento che hai citato! Il solito ci-trollo.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus