Ora la chiamano Europa a due velocità

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Europa

"Se un paese lasciasse l'Eurosistema, i crediti e le passività della sua BCN nei confronti della BCE dovrebbero essere regolati integralmente".

"L'Euro è irrevocabile, questo è il Trattato. Io ho solo risposto ad una domanda tecnica. Basata su ipotesi che non sono contemplate dal Trattato".

Queste due affermazioni sono della stessa confusa persona, Mario Draghi. Il tecnocrate per eccellenza, incalzato dal portavoce Marco Valli ieri al Parlamento europeo, si è contraddetto per ovvie ragioni: è sicuramente vero che non esiste un sistema "ufficiale" e chiaro per uscire dalla moneta unica senza uscire dall'UE, così com'è altrettanto vero che - come si legge dalla prima affermazione - nulla è irrevocabile se la volontà di uno Stato membro e quindi dei suoi cittadini spinge per un'uscita unilaterale dal "Trattato dell'Euro". Questo il presidente della BCE lo sa bene, ma fa finta di dimenticarlo per ovvia convenienza. Così come finge di non sapere cosa probabilmente intendesse Angela Merkel con la sua Europa "a due velocità", quando firmando il report dei 5 presidenti (per completare l'unione monetaria) dovrebbe aver ben chiaro il quadro. La prima considerazione: a nome di chi ha parlato Angela Merkel, della sua Germania o di tutti gli Stati membri? Secondo: come può il presidente della BCE non sapere nulla di quello che c'è in cantiere? Terzo: perché i cittadini non sono stati coinvolti nella formulazione di queste idea? Quarto: il Governo italiano - che rappresenta uno dei Paesi fondatori - ne sapeva qualcosa?

LA GABBIA PROPOSTA DALLA MERKEL
Il sospetto legittimo del Movimento 5 Stelle è che la sparata della cancelliera faccia parte di un progetto malsano che da qualche anno è oggetto di studio dai burocrati europei. Un progetto il cui unico obiettivo è quello d'intrappolare per sempre i Paesi nell'Euro, assicurando alla Germania un prospero futuro fatto di gloriosi anni di moneta sottovalutata per la sua economia. Questa sarebbe una "visione sanguinaria": la sua Europa a 2 velocità costringerebbe i Paesi che adottano l'Euro ad essere sempre più legati e "vincolati" alla moneta unica e di fatto all'austerità, attraverso un bilancio dell'Eurozona e un Ministro unico delle Finanze. Follia pura. Il super Ministro sarebbe lo "spin doctor" ufficiale del potere tedesco. Ci ricatterà in cambio dei nostri stessi soldi che verranno fatti passare come un "aiuto" dall'Europa attraverso l'istituzionalizzazione della Troika. Saremo obbligati a eseguire gli ordini impartiti dalla Germania: riforme, svendite, privatizzazioni. E non potremo quindi più decidere nulla. I "Paesi fuori dall'euro" invece, godranno di altre condizioni, liberi di decidere di non entrare nell'Unione monetaria, com'è scritto oggi nei Trattati.

LA GRECIA VUOLE USCIRE DALL'EURO
Come se non bastasse sullo sfondo si staglia la figura della Grecia, che si appresta a rinegoziare l'ennesimo piano di salvataggio e paventa l'uscita dalla "irrevocabile" moneta unica per non distruggere quel poco che è rimasto. Gli ellenici non sarebbero ulteriormente disposti ad accettare un'inasprimento della tassazione e un'altra stretta sulle pensioni, misure che sono sostenute dalla Troika (e quindi anche dalla BCE) e considerate indispensabili per ricevere gli aiuti necessari ad evitare il default.

Anche di questo, naturalmente, Mario Draghi non sa nulla. D'altronde perché dovrebbe? Lui è solo quello che ha imposto il controllo di capitali ai greci che si stavano ribellando al ricatto dell'Euro e che - come detto - ha firmato il report dei cinque presidenti. Ci auguriamo che il Governo italiano, a marzo, si ribelli a questa follia ed inizi ad intavolare un'altra strategia di cooperazione e dialogo per l'Europa. È prioritario ripristinare la giustizia competitiva attraverso il ritorno concordato alle monete nazionali.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • josie altina Utente certificato 11 mesi fa mostra
    Ciao A causa di difficoltà finanziarie di molte persone nel mondo, signora Josina gomez un italiano ha deciso di fare il prestito che si ha tutte le persone nel bisogno per affrontare le difficoltà finanziarie per il vostro prestito diverso per la realizzazione dei vostri progetti di strada edificio e imprenditorialità indirizzo indirizzi mail per ulteriori informazioni prestitobancario2017@gmail.com
  • roger dubois Utente certificato 11 mesi fa mostra
    Ciao Mr. & Mrs. Seguendo le difficoltà finanziarie di molte persone nel mondo, ho deciso insieme ai miei avvocati, e il mio notaio per la concessione di prestiti tra gli individui e di tutte le persone che sono nel bisogno. Così, per le vostre necessità di prestiti tra individui di affrontare difficoltà finanziarie,sia per rilanciare le vostre attività o per la realizzazione di un progetto ,finalmente rompere la situazione di stallo che causa le banche dal rifiuto del tuo record di applicazione dei crediti,sono in grado di farvi prestiti che vanno da € 10.000 a 9,000 000 € con un tasso di interesse del 3% dell'importo di cui avete bisogno e le condizioni di rimborso che si rendono la vita più facile. Qui ci sono le aree in cui possiamo aiutarvi: * Finanziaria * Pronto immobili * Pronto all'investimento * Pronta automobile * Debito di consolidamento * Margine di credito * Seconda ipoteca * Rimborso di credito * Prestito personale Si sono bloccati, vietato banca e non avete il favore delle banche o meglio avete un progetto e necessità di finanziamento, una cattiva file di credito o bisogno di soldi per pagare le bollette, fondi da investire per affari. Quindi, se avete bisogno di prestito non esitate a contattarci . Per qualsiasi informazione vi preghiamo di contattarci via e-mail : davilla.navarro@gmail.com
    • Rob Vianello Utente certificato 11 mesi fa mostra
      vai a farti f...ere parassita
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus