Al Lido di Licola pensando ai terremotati

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Laura Castelli, MoVimento 5 Stelle Camera

Oggi l'evento al Lido di Licola sarà incentrato sulla solidarietà. Non ci sarà nessun comizio politico ma mettiamo a disposizione le nostre forze per dare una mano alle persone colpite dal sisma. Vi chiediamo di portare beni di prima necessità che in coordinamento con la Protezione Civile faremo arrivare ai territori colpiti. Servono coperte, cibo in scatola, latte in polvere, biscotti, omogeneizzati, disinfettante, medicine da banco, pannolini e assorbenti.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • marcello acquaviva 1 anno fa
    TERREMOTO/1 L'appello lanciato dal M5S è encomiabile, perchè le popolazioni, colpite dal sisma, stanno in peggiori condizioni rispetto ai pionieri che colonizzarono il Nord-America (il FAR-WEST), tipo California, Texas, ecc. Detti pionieri trovarono una regione vasta ed incolta da millenni. Il raffronto è con i terremoti che lITALIA ha subìto, da circa 50 anni. Tra i più disastrosi e vicini a noi, vi fu quello siciliano, nel 1968, noi ultrasettantenni ben lo sappiamo perchè ne siamo venuti a conoscenza tramite radio e tv o per esperienza diretta. Tutto quanto abbia scritto, NON depone a favore delle nostre classi politiiche che ci hanno governato negli ultimi 50 anni!! Verso la fine degli anni '60 la SICILIA fù sventrata da un forte terremoto. Dopo il dolore degli italiani e le convenevoli e solite pompose promesse, dei nostri POLITICANTI, nessuna iniziativa è stata presa per mettere in sicurezza il territorio, ma solo costrunioni di tendopoli, somme di denaro (a persone che le hanno male utilizzate) e rimpinguando solo i portafogli di coloro che hanno agito come le iene o avvoltoi. Questo tipo di errore è stato ripetuto più volte. Quando vi fu il terremoto nel Friuli la classe politica governante avrebbe voluto agire nello stesso modo, forse perchè economicamente conveniente, ma trovarono il diniego della locale classe politica e della popolazione colpita dal sisma che preferì che, con quella somma si ricostruisse ciò che era stato distrutto dal sisma e si provvedesse alla ricostruzione in genere. Ora chiedo: perchè questo modo di agire NON è stato applicato nei successivi terremoti? Perchè si è elargito denaro pubblico (di noi italiani, tramite tasse da noi pagate) a persone che RIDEVANO sulla grave disgrazia che aveva colpito gli AQUILANI??? Si è agito in tale modo per CONVENIENA? Oggi infatti quelle zone abruzzesi sono ancora in cattive condizioni, rispetto a quelle friulane. PERCHE'? Ai posteri l'ardua sentenza (se ci sarà)!!!!
  • Graziano 1 anno fa
    Grazie per quello che fate. Siete i migliori.
  • Angelo Fornaro 1 anno fa
    Bravi! X il momento, ci sono solo loro..... Gli terremotati .
    • Immacolata De Martino Utente certificato 1 anno fa
      Siete eccezionali ragazzi, piena solidarietà da noi napoletani, aiutiamo con poco o molto che sia ma aiutiamo tutta la popolazione colpita dal terribile terremoto! Bravi ragazzi!
  • Giovanni F. 1 anno fa
    Bravissimi ragazzi, sempre encomiabili! E siccome vi voglio bene, vi suggerisco di non tuffarvi nelle acque di licola, soprattutto perchè è vicino cuma dove sfocia il fiume di merda del collettore di cuma appunto. Un abbraccio e guardate davanti a voi cosa sarebbe potuto essere questo litorale gestito dai soliti noti. Scusate l'intermezzo, senza offesa per il dramma del terremoto, ma vi sto che vi trovate in locus, ascoltate la mia voce.
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    Un aspetto "positivo", se così si può dire, del terremoto e' che per qualche giorno non si parlerà' del referendum costituzionale. Giusto che anche noi ci prendiamo una doverosa pausa.
  • Tex A. Utente certificato 1 anno fa
    Questa è l'italia che voglio (evitando i disastri annunciati con un territorio sempre in perenne pericolo). Un Paese dove si aiuta chi è colpito da una disgrazia. Invece siamo un paese dove si ride delle disgrazie pensando ai guadagni che ci saranno sulle ricostruzioni delle case di chi è stato colpito per colpa di governi che hanno sperperato denaro invece che mettere al sicuro i territori a rischio. Un pensiero alle vittime del'ennesima tragedia annunciata e un grazie di cuore a tutti quelli che si stanno prodigando per i vivi. Arrivederci a Palermo x l'Italia a cinque Stelle 2016.
    • ANNA PONISIO Utente certificato 1 anno fa
      Sono d'accordissimo con te......e ricordiamo pure che questo è il Paese che fa pagare le tasse sulla casa,anche se la casa l'hai perduta con il terremoto. NON NE POSSO PIU'!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 1 anno fa
    ¡¡¡Hola egregio Blok✰✰✰✰✰... paziente!!! Ekyssene del centro Italia! Mica hanno ammazzato Juncker! Un campanile ricostruito con gli aiuti de L'Aquila è crollato per la seconda volta distruggendo un'intera famiglia. U€€€€€!! I nostri governanti son proprio previdenti: mica hanno pensato che lì il territorio sarà ad alto rischio anche per il futuro! Per risolvere i danni del terremoto sarebbe una idea strepitosa comprare altri 200 aerei F-35 e DICHIARARE UNA BELLA GUERRÒNA A TUTTO IL MEDIORIENTE MUSULMANO E PURE A BOKO HARAM IN AFRICA. Naturalmente i migranti musulmani dormiranno tutti all'hotel Roma! Sarebbe un bellissimo omaggio agli amabili naziskiavisti miliardari di tutto il mondo! Forza Ytaglya, armiamoci per morire per la finta patria antisismica! Saludos.
  • Gianluca Machelli 1 anno fa
    Condivido appieno. .bravi ragazzi. .Stamattina al Municipio III ,Roma, un viavai continuo di persone che portavano beni di prima necessità. .Personalmente sono contrario agli SMS solidali..ma ognuno fa quel che ritiene opportuno. Sangue e beni primari arrivano subito senza intermediari ..In ogni caso l'importante è fare. Non avevo dubbi che avreste fatto questa scelta per la tappa di oggi. Un abbraccio
  • claudiog 1 anno fa
    Napoletani fate girare la notizia su fecebook
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus