#FaqAusterity, il sito che vi svela la verità sull'economia dell'Europa

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Europa

ACCEDI A #FAQAUSTERITY

Diciamo da sempre NO ai diktat dell'austerità. Questo modello economico si basa su una governance europea disastrosa incentrata sulla concorrenza distruttiva tra Paesi. Combattiamo da sempre tutti i Governi che accettano e votano vincoli economici sempre più stringenti. Lottiamo per limitare e cancellare i tagli criminali alla spesa pubblica e al welfare e alla svalutazione del lavoro e dei redditi. Ci opponiamo ad un'unione bancaria che specula sui risparmi dei cittadini. Abbiamo denunciato a gran voce tutti i paradisi fiscali all'interno della stessa Unione Europea, combattendo il conflitto d'interesse tra politica e mercato su cui è fondata l'UE.

Alla crisi causata dai vincoli economici e dall'alta finanza rispondiamo con proposte concrete:

- SÌ a una cooperazione sana e solidale tra gli Stati europei in condizioni di parità.

- SÌ a una revisione intelligente della spesa pubblica con tagli agli sprechi e non ai servizi essenziali.

- SÌ alla spesa pubblica strategica e mirata al rilancio della nostra economia.

- SÌ alla tutela del risparmio dei cittadini, come sancito nella nostra Costituzione.

- SÌ alla lotta contro l'ingiustizia fiscale e la grande evasione internazionale.

Dire #FaqAusterity significa fare chiarezza sui lati oscuri di una governance economico-finanziaria anti-democratica che continua a generare crisi e sofferenza.

Per questo è da oggi online il portale #FaqAusterity, per rispondere alle vostre domande sul come si sia arrivati a questo punto. Su come la governance economica continentale abbia distrutto lo stato sociale del Sud Europa; per spiegarvi i meccanismi insiti nella moneta unica, che portano disuguaglianze tra i popoli. E anche di come si potrebbero risolvere molte dei problemi con un approccio davvero solidale, e non con l'ipocrisia che permea Bruxelles e Strasburgo.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Enzo Rossi 3 mesi fa
    Oops...scusate Precisazione: quando parlo di poveri, parlo di poveri non in senso materiale, ma piuttosto culturale e attitudinale. Essendo uno di loro, ho un profondo rispetto dei poveri, ma non di quelli che hanno l'attitudine alla povertà e, di solito, anche alla schiavitù, sia di se stessi che degli altri.
  • Enzo Rossi 3 mesi fa
    Buon giorno, avendo dato una scorsa sommaria alle FAQ, pare di aver capito che i fondamenti del modello economico attuale non siano in discussione, in pratica, con qualche riformetta, vanno bene l'economia del debito, della produzione di "beni" e "servizi" che deve crescere sempre più, del lavoro che va "creato" anche quando non serve etc. etc. Insomma, la visione totalizzante dell'economia e della produzione (l'economia copre tutta la realtà). Non è una legge divina che per aprire una attività economica uno si debba indebitare anche per il 100% del capitale (purtroppo spesso si trova una banca che accetta di rischiare il capitale dei clienti, magari a fronte di garanzie farlocche e di piani d'impresa demenziali, tanto poi il governo le salva). Il credito è utile solo in alcune precise situazioni. Non lo ordina il medico di fare l' "imprenditore". Se non si vuole o non si può investire una cospicua fetta di capitale proprio, si può fare il dipendente, se si hanno le capacità. Invece sembra che il credito debba quasi essere un diritto, tanto poi qualcuno si farà carico. E qui si nota anche una colorazione culturale orientata al vittimismo, come se noi saremmo fantastici ma sono "gli altri" che ci rovinano, ci vogliono male, sono invidiosi, non capiscono la nostra bontà e genialità etc. etc.). Questi tratti riflettono i filoni principali della cultura occidentale, che si è espansa e si è diffusa finché ha trovato popoli e terre nuove da soggiogare e depredare, oppure nuovi modi per spremere la gran parte delle popolazioni, o forse qualcuno parlerebbe di "civilizzazione", di "sviluppare l' economia e il libero mercato", di "esportare la democrazia" etc. Quindi, a mio modesto avviso, nelle FAQ non ci sono prospettive davvero nuove ma piuttosto vecchi modi di pensare da poveri, rivendicativi e rancorosi, che non mettono in discussione la "bontà" del nostro modo di vivere e vedere la realtà e l'economia. Teniamo gli occhi aperti! Cordiali saluti a tutti.
  • Paola 4 mesi fa
    Non capisco se il Movimento sia contrario o favorevole alle politiche di austerità. Leggendo articoli come questo sembrerebbe contrario, ma altre volte vengono espresse tesi opposte. Come quando si denuncia il governo per il mancato raggiungimento del pareggio di bilancio ed il conseguente aumento del debito pubblico, cioè lo si accusa di poca austerità. Ci dovrebbero essere idee più chiare ed univoche su argomenti così importanti.
    • stefano p. Utente certificato 3 mesi fa
      La differenza stà nel modo e nelle motivazioni per cui si fà nuovo debito, faccio un esempio, se l'italia in europa facesse richiesta per un breve periodo di sforare i parametri di spesa e cioè fare nuovo debito, ma presentasse un progetto con tempi certi di realizzazione e costi stimati attendibili, un progetto che porterebbe sviluppo e trasformazione energetica del paese e che vada verso l'abbandono delle energie fossili, io penso che sarebbero costretti a prenderlo in considerazione. Cosa ben diversa chiedere nuova flessibilità e possibilità di fare debito senza un progetto chiaro di rientro degli investimenti fatti, come per esempio gli svariati miliardi di flessibilità chiesti dal governo Renzi, dove per averli hanno dovuto controfirmare TRITON. Questa non è progettualità si chiama svendere il proprio paese per avere nuovi fondi per acquisire consenso
  • massimo m. Utente certificato 4 mesi fa
    Il MoVimento vuole provare a combattere in Europa affrontando il nemico e cercando di bloccare l'asse Merkel-Macron e il loro losco progetto... che non sarà certo fermato con la semplice nostra uscita dall'Unione Europea. Il MoVimento non vuole mollare e continua a combattere in Europa contro il Fiscal Compact e contro il Patto di Stabilità, in difesa di un’Europa dei popoli e delle sue “imprese”. Ci proviamo e non molleremo mai. Uscire di colpo dall'euro e dall'Europa senza provare a combattere forse per alcuni illusi può sembrare la fine della tirannia europea della Merkel e compagni sull'Italia, ma in realtà questi signori, i despoti di questa Europa che non avremmo nemmeno tentato di cambiare, con lo strapotere che hanno, riuscirebbero facilmente a farci mettere in isolamento, strozzandoci in una sorta di embargo. Diamo tempo al tempo, come ha scritto saggiamente qualcuno. Calma: essa porta tutto a compimento Sono orgoglioso di ciò che ho letto su faq-Austerity: Condivido in pieno tutte le proposte ed ho già messo il mio cuore al di là dell’ostacolo, perché come sempre non sarà certo facile realizzare il nostro Sogno. Ma il cuore pulsa sangue e mi ricorda che già molti sogni si sono avverati, con un impegno ed una Politica finalmente rediviva e che molti avevano ormai dimenticato. Noi non siamo scappati da un’Italia corrotta, e grazie a ciò qualche soddisfazione già ce la stiamo levando… e allo stesso modo non scapperemo da questa Europa. Forza!!
    • massimo m. Utente certificato 4 mesi fa
      Nicola, ovvio che quando parliamo di Merkel, Macron, e via via di Renzi, Berlusconi, e attenzione anche Draghi che fa per mestiere non gli gli interessi dei cittadini ma di qualcun altro...siamo consapevoli che sono solo marionette della Finanza creativa, che resta sempre il primo protagonista. Cara Zampano, massimo rispetto per la tua opinione di uscire "di colpo" e "in un solo colpo" sia dall'euro che dall'Europa: ci mancherebbe. Ma non è la mia. Il contraddittorio è sempre stimolante; da entrambe le parti, spero. Ben vengano le diversità, per carità; non sono certo esse a dividerci ma semmai a stimolarci. Abbiamo tante teste ma un solo cuore e alla fine resta solo e sempre Il Movimento, Totò direbbe: a prescindere! Ciao Nicola Ciao Zampano
    • Zampano . Utente certificato 4 mesi fa
      Caro Massimo, tu scrivi "che non sarà certo fermato con la semplice nostra uscita dall'Unione Europea." In effetti uscire dall'UE significa liberarsi solo di una parte delle catene che legano i nostri massoni a quelli europei e dai quali dipendono lobby, multinazionali, banchieri e così via. Questo non basta, infatti è necessario uscire anche dall'euro, che, come tutti sappiamo, soprattutto dopo avere letto e ascoltato decine di economisti italiani e stranieri, persino nobel, è la nostra seconda "palla al piede". Mentre noi zoppichiamo, Polonia, Svezia, Svizzera, Norvegia, Gran Bretagna etc cioè paesi senza moneta unica e che godono della sovranità monetaria, continuano a sorridere alla vita. Eravamo quinta potenza industriale nel mondo con la lira, ma con l'euro e l'UE siamo diventati paese del terzo mondo. Pertanto, Fuori dall'euro e dall'UE prima possibile! Saluti!!!!
    • Nicola Nicolini Utente certificato 4 mesi fa
      Per cominciare: la tirannia non è della Merkel o di qualsiasi altra nazione europea ma è del sistema bancario internazionale sui popoli. Quello che bisogna capire è il funzionamento del sistema monetario, da lì nasce la truffa e l'indebitamento perenne delle nazioni. Questo non toglie che la Germania faccia i suoi interessi e la Francia pure. E non toglie che noi dobbiamo anche fare i conti con una classe politica corrotta che peggiora enormemente le cose. Ma non voler vedere l'enorme truffa legalizzata che si cela dietro l'emissione della moneta delegata ad un sistema bancario di fatto PRIVATO e quindi potentissimo e altrettanto pericoloso è un comportamento inspiegabile. I media di regime censurano questo argomento e fanno da palo nella rapina della ricchezza di intere nazioni da parte del sistema bancario. Ma a voi non nasce la curiosità di capire il meccanismo di questa truffa? Ci sono sempre più video che spiegano il sistema monetario al di là delle balle di regime https://www.youtube.com/watch?v=GGivIV0ZdMQ
  • giampaolo gottardo 4 mesi fa
    salve a tutti, con chiarezza e logica: l'Europa dovrebbe essere una confederazone di Etnie => Nazioni => Stati liberi, indipendenti, sovrani sul proprio territorio di cui sono unici proprietari ed auto sufficienti in tutto (questo porterebbe che ogni deficienza in uno Stato attivi l'emancipazione nello stesso per uscirne con le prorie forze e quindi spingerebbe al progresso della comunita'e della etnia}; nel nostro stato dovremmo puntare come base al solo nostro mercato interno per soddisfare al nostro stile ed in particolare alle nostre ambizioni di progresso culturale e quindi di qualita': noi nel produrre e stare in piedi non dobbiamo pensare di invadere i mercati esterni a quello italiano: chi dei clienti esterni e' interessato ai nosti prodotti compera e paga il nostro prezzo e sarebbe un di piu', ovvero la nostra di Italici una missione di internazionalizzazione dei nostri l' opposto della globalizzazione; difendere il rispormio e cercare di ridurre il costo di base della vita che non ha senso dover spendere un capitale per mangiare in una giornata e per poter vivere in una stanza: e' stata da anni incoraggiata l' inflazione in pratica bruciando i risparmi che di fatto ha sostenuto la grande logistica delle multinazionali e quindi grande distribuzione eliminando in pratica tutto il nostro artigianato: da opporsi quindi.Da Populista quale sono queste sono le mie semplici riflessioni ed aspettative di rientro nella logica di vita locale. Saluti
    • Zampano . Utente certificato 4 mesi fa
      Sono daccordo sul concetto però eliminerei la parola "etnie" perchè crea confusione e soprattutto serve come cavallo di battaglia di alcuni malati di mente che da tempo chiedono la divisione del Paese a spicchi...
    • Lorenzo Accornero 4 mesi fa
      Sono assolutamente d'accordo! Ragionando anche con logica informatica,spiegherebbe perchè la programmazione a blocchi sia la più efficiente...così la gestione delle nazioni come dei blocchi garantirebbe un maggiore controllo di filiere alimentari.Sarebbe una valida opposizione ad un fallimentare mondialismo e terrebbe conto e valorizzerebbe le giuste differenza fra i popoli.
  • Alberto O. Utente certificato 4 mesi fa
    Come si è arrivati a questo punto chi si è voluto informare lo sa benissimo (leggere Il Tramonto Dell'Euro di Alberto Bagnai, c'è tutto), senza che ci sia bisogno di consultare alcun sito dell'ultima ora. La causa dei nostri guai si chiama Ciclo di Frenkel, una teoria economica generalmente accettata, anche perchè di buon senso, la quale afferma che quando un paese con economia avanzata si lega ad un paese con economia meno avanzata, tramite un accordo di cambio fisso (Gold Standard, Unione Monetaria Latina, SME, Bretton Woods, ecc. hai voglia quanti ce ne sono stati negli ultimi cento anni) il paese con economia meno avanzata ci lascia le penne. L'Euro è un accordo di cambio fisso, che con la liberalizzazione dei movimenti di capitale voluta da Ciampi e la collocazione della Banca D'Italia fuori dal controllo del Ministero Del Tesoro, ha portato al disastro attuale. Fuori dall'Euro e fuori dall'Unione Eurocratica. OGNI ALTRA SOLUZIONE E' SBAGLIATA E NON FARA' CHE PEGGIORARE LE COSE.
  • Nicola Nicolini Utente certificato 4 mesi fa
    Mi sono letto le vostre FaqAusterity. Prima cosa diffido da chi scrive tanto, troppo. La chiarezza sta anche nella sintesi. Nel doc scrivete:"Chiediamo che vengano definiti i noti strumenti per una vera condivisione dei rischi, attraverso forme di vera mutualizzazione del debito pubblico, la possibilità per la banca centrale di acquistare direttamente i titoli di debito pubblico dai singoli Paesi in difficoltà, in misura sufficiente da evitare l’insostenibilità del debito o costi eccessivi di finanziamento, la creazione di un sistema unico europeo di garanzia per i depositi bancari, o un’assicurazione comune contro la disoccupazione." Mi spiace ma così NON SE NE ESCE. Infatti scrivete:"la possibilità per la banca centrale di acquistare direttamente i titoli di debito pubblico dai singoli Paesi in difficoltà" QUESTO VUOLE DIRE DEBITO PUBBLICO NELLE MANI DELLE BANCHE PRIVATE, vuole dire moneta presa a prestito, vuole dire lasciare il privilegio medioevale di gestire la moneta nazionale alle banche, vuole dire incatenare una nazione ad un debito INESTINGUIBILE! Chiarezza e sintesi, poche parole che possono rappresentare la nostra salvezza: SOVRANITA' MONETARIA e, di conseguenza, politica monetaria in mano ad un Governo democraticamente eletto e non in mano alla BCE privata. Questo speravo di trovare nel vostro documento. Di cosa avete paura??? Il sistema monetario è la più grossa truffa di questi ultimi decenni e bisogna avere il coraggio di denunciarlo CHIARAMENTE. https://www.youtube.com/watch?v=DqiMyLPjQ9o
    • Zampano . Utente certificato 4 mesi fa
      Concordo con Nicola e aggiungo una cosa, per l'economia serve sì una politica giusta che ci faccia tornare padroni assoluti della nostra moneta, ma questo non basta. Serve anche SOVRANITA' POLITICA, SOVRANITA' LEGISLATIVA, SOVRANITA' TERRITORIALE etc. Cioè, dobbiamo recuperare TUTTE LE SOVRANITA' PERDUTE con l'entrata in UE, altrimenti le loro direttive criminali continueranno prevalere sulle nostre leggi e a danneggiare in tanti altri campi (non solo economico) il nostro amato Paese. FUORI DALL'EURO E DALL'UE!!!!! SUBITO!!!
  • giorgio peruffo Utente certificato 4 mesi fa
    L'Europa si stà disintegrando e, come accade sempre nella Storia, gli ultimi a capirlo sono quelli che la dirigono. Si troveranno seduti sul gradino di un marciapiede senza aver capito il perchè.
  • francesca Marcellino Utente certificato 4 mesi fa
    NON CI PUO' ESSERE RIPRESA SENZA LA SOVRANITÀ' MONETARIA. SE I 5 STELLE non SI impegnano SU questo PUNTO PERDERANNO MOLTI VOTI
    • Lorenzo Accornero 4 mesi fa
      D'accordo con Elena. Bisogna dare tempo al tempo...il tempo che possano formarsi degli statisti perchè senza statisti non si va da nessuna parte.
    • elena guerini Utente certificato 4 mesi fa
      dai tempo al tempo
  • Franco iannucciello 4 mesi fa
    Cari amici del MV5S Europa buon giorno a tutti, io da semplice cittadino italiano onesto, ho capito solo una cosa questa Europa loro con inganno hanno fatto capire hai popoli europei ché fra di noi ci sarebbe stato una svolta economica di prosperità, detto dal criminale Romano Prodi è Azeglio Ciampi e non solo loro in tanti lo hanno detto, avremmo avuto una pace in tutta Europa. Invece abbiamo avuto solo tradimento, è guerre da conflitto d'interesse!!! La prima causa quella della Germania in via di fallimento per salvarsi a trascinato la povera Grecia sfruttando le sue piccole risorse già da un dramma economico, succhiando il loro sangue fino all'ultima goccia di sangue del popolo Sovrano onesti Greco. Purtroppo succederà anche a noi grazie lo stato Mafia Massoneria P2 di Giorgio Napolitano Renzi Gentiloni Berlusconi Verdini Alfano Boldrini Sergio Mattarella Mario Monti Elsa Fornero Enrico Letta Grasso è tutti le melme dietro di loro. Cari amici del MV5S Beppe Grillo Davide Casaleggio é indimenticabile Gianroberto Casaleggio noi popolo Sovrano onesti italiani abbiamo firmato a l'uscita dall'euro, è dall'Europa, che vedendo come la Germania nazista di Angela Merkel in collaborazione di altri stati europei come hanno fatto finire di fallire la Grecia grazie il loro presidente di sinistra greco non ricordo il cognome ma di questo non mi interessa io lo definisco un traditore, come lo è Giorgio Napolitano Renzi.. In conclusione al mio discorso se in Italia alle politiche non vince il MV5S di Beppe Grillo Davide Casaleggio, noi perderemo la nostra identità italiana, salta tutto la nostra sovranità popolare, la nostra repubblica italiana è soprattutto la nostra Costituzione italiana sarà carta straccio. Cari amici del MV5S io da semplice cittadino italiano onesto ho capito questo, comunque vada io ringrazierò sempre il MV5S di Beppe Grillo Davide Casaleggio é indimenticabile Gianroberto Casaleggio con affetto franco WMV5S
    • Lorenzo Accornero 4 mesi fa
      Vede,tecnicamente questa unione europea è nata come interfaccia per la globalizzazione. Essendosi rivelato un sistema fallimentare ma soprattutto "capzioso" perchè la globalizzazione ha arricchito di più i pochi a sfavore di molti; a permesso a multinazionali e a grossi imprenditori di poter produrre ove la manodopera costava una miseria e tramite le esportazioni dai paesi produttori sempre più agevolate dal pacchetto normativo della globalizzazione,rivendere le proprie merci a prezzi inferiori per renderle ancora più abbordabili. Di contro perchè >,lo Stato è stato costretto ad aumentare la tassazione sulla produttività all'interno del proprio territorio accanendosi maggiormente sulle PMI perchè il motore economico trainante del sistema Italia. Tornando a questa Europa è l'espressione di una economia ormai passiva. Aggiungiamo il naturale egoismo degli Stati membri che rivela che l'Europa nasce da popoli e non potrebbe essere assimilabile agli Stati Uniti,paese "artificiale".
  • chiari a. Utente certificato 4 mesi fa
    io vorrei capire se il movimento vuole o no uscire da questo maledetto euro, perchè non prendete una posizione anziche tenere il piede in due scarpe come la politica che criticate????
  • mario genovesi 4 mesi fa
    La parola d'ordine è una, impegnativa e categorica: via dall'euro. Anche perchè il nord Europa ribolle, in Olanda dopo mesi e mesi dopo il mezzo successo della destra sovranista non sono ancora riusciti a fare un governo, in Germania dopo le imminenti lezioni con AfD ad un probabile 12-15% seguirebbe l'impossibilità di formare il governo a meno di ammucchiate tipo da liberali a verdi, ed in Francia al tentativo di Cocco di nonna di far passare il locale jobs act stanno seguendo rivolte sempre più estese. Insomma con il debito pubblico che abbiamo i finanziatori del quantitative easing attraverso i capitali girati dalle banche centrali del nord Europa alla BCE che poi li gira alla nostra stanno per cessare, anzi ce li richiederanno sicuramente indietro, quindi usciamo dall'euro e dalla UE scappando con la cassa.
    • Nicola Nicolini Utente certificato 4 mesi fa
      Nessuno "gira" denaro a nessuno: la BCE ha il privilegio di stampare denaro "out of thin air" cioè DAL NULLA. Con questo Quantitative Easing ci sta indebitando, quando il CdA della BCE deciderà di stringere i cordoni della borsa, nascerà una nuova crisi economica. E' una truffa legalizzata di proporzioni inimmaginabili! Lo Stato italiano non può fare nulla senza 1)tassarci di più e tagliare servizi...oppure 2)prendere soldi a debito tramite sistema bancario Dobbiamo CAPIRE cosa è realmente il sistema monetario e riappropriarci DEI NOSTRI DIRITTI prima che sia troppo tardi.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus