Nell'#Italia5Stelle la tutela ambientale non è solo uno slogan

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Paola Nugnes, M5s Senato

Anche quest'anno ci diamo appuntamento a Italia 5 Stelle - Rimini 22, 23, 24 settembre 2017 per parlare insieme dell'Italia che vogliamo costruire nei prossimi anni. Un Paese dove per esempio la tutela ambientale non sia solo uno slogan, ma un programma integrato, condiviso e partecipato. Ogni bene che noi produciamo e immettiamo sul mercato ha un costo ambientale, che chiameremo impronta ambientale. Nelle elaborazioni che abbiamo sottoposto alla rete nell'ambito del nostro programma, c'è anche l'idea di attribuire ad ogni bene immesso sul mercato un costo, che sia calcolato su tutto il ciclo di vita.

Questo costo andrà ben evidenziato in etichetta, in modo che l'acquirente possa esercitare la propria responsabilità e possa scegliere di scartare i prodotti a maggior impatto ambientale e di scegliere quelli a minor impatto ambientale. Di questo e di tante altre cose parleremo a Italia 5 Stelle. Contribuisci anche tu, se puoi, con una donazione affinché questo evento possa riuscire al meglio. Ti aspettiamo!

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • mario boselli 4 mesi fa
    so che quello che dirò non è inerente al quesito , ma mi domando sono giorni che tutte le televisioni ci rompono le baloge con la storia di Diana , ma se muoiono 50 operai ne parlano solo per 30 secondi se va bene . ma a noi italiani cosa ce ne frega di Diana con tutti problemi che ha la nostra povera italia ma i nostri giornalistucoli da strapazzo , per no dire di peggio , devono dimostrare che a noi italiani di diana ce ne interessa molto .(((MA)
  • Fulvio Mongiello 4 mesi fa
    Va bene.. Purchè non dimentichiamo il problema delle deliberate emissioni in atmosfera da parte di aviogetti, anche civili, che stanno inquinando ed avvelenando l'ambiente mille e mille volte di più che un semplice prodotto industriale, qualunque esso sia. Sto parlando delle operazioni di geoingegneria tramite (e non solo) le famigerate, in gergo, scie chimiche. Queste cose non si possono negare, Non fate finta di niente!! Queste operazioni sono crimini contro l'umanità e contro tutte le altre specie dell'intero pianeta sul quale viviamo. Non è più il tempo di voltarsi dall'altra parte e puntare il dito su questioni della minima importanza; è ora di informarsi e dire alla gente come stanno veramente le cose e dare le giuste priorità alla soluzione dei problemi!! Al principio della legislatura, un portavoce M5S, credo Sibilia, aveva parlato di questi argomenti; ne siete consapevoli? ..Volete partire dal basso, dalle cose più semplici, per arrivare a risolvere quelle che pensate di più difficile soluzione? Dimostrate di conoscere la realtà e di volerci arrivare, perlomeno... Altrimenti si tratta solamente di altro fumo negli occhi (e spero di no). Non voglio fare pubblicità, ma per chi volesse informazioni serie sull'argomento, suggerisco di visitare il sito www.tankerenemy.com di Rosario Marcianò o di leggere il suo libro titolato "Scie chimiche la guerra segreta". Ottime indicazioni, per questo argomento, anche da Marco Pizzuti con il testo "Scelte alimentari non autorizzate". Poi, per coloro più preparati, suggerisco inoltre il libro di David Icke intitolato "L'imbroglio della realtà e l'inganno della percezione". Grazie per la cortesia di avere letto il mio pensiero; spero ne possiate trarre vantaggio.
  • franco selmin Utente certificato 4 mesi fa
    Una genialata ! Ma te lo sai lo sviluppo dei discount mordi e fuggi a cosa è dovuto ? E mi metti in etichetta(ulteriori inutili costi per le aziende)l'impronta ambientale. Ma cominciate pure voi a non vedere quali sono i problemi della gente tipo non sapere come mettere assieme pranzo e cena per qualche milionata di italiani.
  • Gabriele Raimondo Utente certificato 4 mesi fa
    Non so più cosa pensare..
  • Alessandro Panetti 4 mesi fa
    Assolutamente d'accordo, ma non basta. La tutela dell'ambiente, a mio avviso, è la priorità delle priorità perché, se qualcuno ancora non lo avesse capito, ne va della sopravvivenza dei nostri figli. Occorre però individuare ogni possibile forma di intervento compresa tra l'adesione volontaria alla formula coercitiva. Coraggio, si rinunci a qualche comodità per l'interesse collettivo (che è anche il proprio). Mi riferisco, ad esempio, all'uso esagerato dell'auto (inquinante) e non solo
  • Giampaolo S. Utente certificato 4 mesi fa
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10210176699315940&set=a.4583010135279.1073741825.1292735344&type=3 GLI ITALIANI SONO CORROTTI... ma per necessità...poverini..! https://youtu.be/YVPYl4R4YEQ BASTA AUSTERITA'... BASTA €U... BASTA KASTA E PROFESSORI COLLUSI..! INCOERENZA, PROMESSE E MANCE ELETTORALI SPONSORIZZATE DAI "NOMINATI" DIRETTORI DEI MEDIA DELLA PROPAGANDA DI REGIME, TG etc...https://www.facebook.com/giampaolo167/posts/10210169746942135 IL M5S DENUNCIA, LE CLIENTELE E IL MALAFFARE IMPERANTE IN TUTTE LE ISTITUZIONI... riVOGLIAMO (Le divise scolastiche) e L'EDUCAZIONE CIVICA QUALE MATERIA DI ESAME A TUTTI I LIVELLI STUDIO (altrochè facoltativa). E' compito dello Stato istruire i CITTADINI ad un DIRETTAmente partecipato e responsabilmente e democraticamente legiferato funzionamento di una società sempre più complessa, meglio sarebbe, se corroborato da una leva obbligatoria continuamente riaggiornata nel tempo, con brevi "stage"stile Israele o Svizzera. https://www.facebook.com/giancarlocanc/videos/1420022368113130/ https://www.facebook.com/giampaolo167/posts/10210167167357647 https://www.facebook.com/photo.php?fbid=521913738200570&set=a.320075241717755.1073741829.100011458442335&type=3 #M5S #EUROEXIT #ITALEXIT #M5SFAREPOLITICA #M5SBASTAKASTA #M5SBASTARAI #M5SVIATUTTI #REFERENDUMART75 #VINCOLODIMANDATO https://l.facebook.com/l.php…
  • Tommaso Giannitrapani 4 mesi fa
    Se per il M5S davvero (e non per finta) è importante la tutela ambientale dovrebbe battersi sin da subito per la RIDUZIONE DEL CONSUMO DI CARNE, perché ormai non è più mistero per nessuno - anche se in tutti i modi si vuole tenerlo nascosto - che l'industria della carne e dei suoi derivati sono la principale causa di siccità, inquinamento ambientale e cambiamenti climatici. Cina e Danimarca e anche ONU hanno pensato a misure per ridurne il consumo, qui non si fanno neanche campagne informative per orientare i cittadini a consumare prodotti a minor impatto ambientale.
  • marina capri 4 mesi fa
    L'idea del costo anche ambientale del prodotto è buona, però dovrà essere detta la verità, ad es. che i prodotti carnei e derivati hanno il più alto costo ambientale. Sarebbe ancora più giusto ricomprendere nel calcolo dei costi anche la sofferenza di tutte le creature viventi per produrli, allora carne e derivati non avrebbero uguali! Vi sembra un'idea stravagante? A me sembra un bel "progresso etico", del quale il M5S, se come dice è libero da condizionamenti, potrebbe farsi promotore.
    • Leonardo Libero Utente certificato 4 mesi fa
      Assolutamente d'accordo con Marina, sia dal punto di vista morale che da quello ambientale. Nella situazione climatica in cui siamo, il principale componente del costo ambientale di un prodotto dovrebbe infatti essere il suo costo energetico; ed è provato che i costi energetici degli alimenti di origine animale sono molte volte superiori a quelli degli alimenti di origine vegetale
  • antonella grazia meriello Utente certificato 4 mesi fa
    Con l'auspicious, che l'informativa in etichetta non faccia levitate i costi x non consumatori
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus