La crisi in Grecia la pagano i poveri: -86% di reddito, +337% di tasse

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
greci_sempre_poveri.jpg

La Grecia, assieme all'Italia e all'Ungheria, è l'unico Paese in Europa a non avere il Reddito di Cittadinzanza. Le conseguenze per i cittadini sono catastrofiche.

"Secondo uno studio commissionato dall'Istituto tedesco per la ricerca macroeconomica (IMK) e riproposto dal blog KTG, in Grecia le famiglie più povere hanno perso quasi l'86% del loro reddito, mentre i più ricchi solo il 17-20%. La pressione fiscale sui poveri è aumentata del 337%, mentre l'onere per le classi superiori di reddito è aumentato solo del 9%!!! Questo è il risultato di uno studio che ha analizzato 260.000 dati fiscali e redditi degli anni 2008-2012. Gli altri principali risultati dello studio:
I dipendenti del settore privato hanno subito la maggiore perdita di reddito, ed hanno più probabilità di essere disoccupati rispetto a quelli occupati nel settore pubblico.
Da 2009-2013 i salari e gli stipendi del settore privato sono diminuiti del 19 per cento. Il salario minimo è stato abbassato e le strutture di contrattazione collettiva sono state indeboliti. I dipendenti nel pubblico settore hanno perso circa un quarto del loro reddito.
Il prepensionamento nel settore privato è aumentato del 14%, nel settore pubblico è aumentato del 48%. Dall'inizio dell' austerità, le imposte dirette sono aumentate di quasi il 53% , mentre le imposte indirette sono aumentate del 22 per cento. Le famiglie più povere pagano sproporzionatamente più in tasse e la pressione fiscale che grava su di loro è aumentata del 337%. In confronto, la pressione fiscale per le famiglie ad alto reddito è aumentato solo del 9%. In media, lil reddito annuale delle famiglie greche è sceso da 23.100 euro nel 2008 a poco meno 17.900 euro nel 2012. Ciò rappresenta una perdita di quasi il 23 per cento. Le perdite sono state significativamente diverse per ogni classe di reddito con le famiglie più povere che hanno subito le maggiori perdite. Quasi una famiglia greca su tre nel 2012 avevaun reddito annuo inferiore a 7.000 euro. Milioni di persone in Grecia sono state distrutte economicamente da una politica di austerità eccessivamente severa e totalmente squilibrata dal punto di vista sociale, ha commentato Gustav Horn, direttore scientifico dell'Istituto." L'Antidiplomatico

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus