La libia è sicurezza nazionale

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Angelo Tofalo

La Libia è Sicurezza Nazionale. Lo è per il MoVimento 5 stelle. Dovrebbe esserlo anche per il governo. Sarebbe da stolti, da imprudenti, soprattutto alla luce degli ultimi avvenimenti e dello scenario che si è venuto a delineare, non prendere atto dell’ormai fallito tentativo dell’ONU. Tentativo, quello di forzare dall’esterno o comunque spingere per la formazione di un governo di unità nazionale, che ha imbrigliato l’esecutivo e quindi l’Italia in una situazione che ora vede all’angolo il nostro Paese e con esso i nostri interessi nazionali.

Lo scenario è complesso ma ora è giunto il momento di sedersi ad un tavolo e parlare con tutti gli interlocutori libici prima che sia davvero troppo tardi. Ora sono mature le condizioni per parlare di pace e cooperazione, di creare nuovi equilibri, in nome della sovranità dei popoli e della storica amicizia tra il popolo libico e quello italiano.

Il MoVimento 5 Stelle sulla Libia, per la Sicurezza nazionale dell’Italia, è pronto fin da subito ad ascoltare chiunque di quegli attori per provare a risolvere o comunque migliorare una situazione divenuta ormai troppo complessa e per noi troppo troppo svantaggiosa. Il tempo è tiranno. Bisogna fare presto, per il futuro dell’Italia, delle nostre aziende strategiche e quindi dei nostri figli.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • LOIC durois Utente certificato 11 mesi fa
    È necessario che il prestito, potete contattarci su questa e-mail: creditmutuelbanquetransfertrap@gmail.com
  • Claudio Merli Utente certificato 11 mesi fa
    Dimenticavo. Al posto della bandiera italiana, sulla grafica illustrativa, metteteci direttamente quella russa.
  • Claudio Merli Utente certificato 11 mesi fa
    Libia? M5S continua a dire scempiaggini, e lo fa in servizio permanente effettivo. I libici? L'attuale governo di Tripoli se lo sono scelti da soli, non l'ha scelto l'ONU, e con l'accordo della quasi totalità delle fazioni del Paese. M5S è solo ansioso di svendere la Libia alla Russia, facendo così l'ennesimo 'capolavoro. Non sto qui a ricordare, noiosamente, che esiste una risoluzione ONU, con l'astensione russa, che HA GIA' DATO VIA LIBERA AL SOSTEGNO, ANCHE MILITARE, al governo legittimo. M5S, se veramente avesse a cuore l'interesse dell'Italia, dovrebbe sostenere il presidio armato di Tripoli, e il sostegno alle forze armate regolari, che sono le uniche, tra l'altro, che hanno sconfitto ISIS a Sirte, mentre il generale Haftar, sostenuto dal Cremlino, gufava e sperava che le cose andassero storte. M5S è solo ansioso si sostenere dittatori e predoni in giro per il mondo.
  • giorgio comerio 11 mesi fa
    Da anni é ben noto che la Libia può essere gestita solo considerando le tre macro-regioni. Insomma una Svizzera della sponda sud del Mediterraneo.. La Capitale Tripoli non può avere un governo centrale alla "vecchia maniera". Può solo avere un Governo federale.. basta leggere topbtw.com ed I vari articoli sull'argomento Libia. E l'Italia deve intervenire militarmente, una volta per tutte, sulle coste libiche per distruggere gommoni e pescherecci utilizzato dai criminali contrabbandieri di uomini in combutta - da sempre - con forze di polizia, esercito e politici libici. Leggi anche l'articolo "Libia: banditismo e criminalità al Governo del Paese " del 1 Febbraio 2015 su http://www.ogginotizie.it/310521-libia-banditismo-e-criminalita-al-governo-del-paese/#.VM4AfYzwvIU Insomma i fatti sono ben noti da tre anni !
    • Claudio Merli Utente certificato 11 mesi fa
      Guardi che quelli di cui lei parla stanno dalle parti di Tobruk e dintorni, fuori del controllo di Tripoli. Quello che lei ambisce ad ottenere gli 'amici' del Cremlino e del Cairo non lo permettono, giacchè, le motovedette libiche non possono transitare nell'est del Paese. In una recente intervista il dittatorello egiziano Al Sisi ha confermato che il suo paese non fa un tubo per fermare il flusso, dato che è un 'problema umanitario'. Dopo il caso 'Regeni' non credo serva spiegare chi è l'egiziano.
  • luciano oliveri 11 mesi fa
    Ma quali interessi nazionali? Quelli dell'Eni: che prende tanto e paga poco. Quale amicizia del popolo italiano? Gli abbiamo invasi, deportati e bombardati anche ultimamente con Napolitano presidente. Non abbiamo rispettato gli accordi commerciali con Gheddafi: governo Berlusconi.L'unica cosa che possiamo fare è stare lontani dalla Libia per non procurarLe ulteriori danni.
  • proverbi saggi 11 mesi fa
    non riusciamo manco a salvare 20 persone in un albergo figuriamoci se abbiamo i mezzi per intervenire in libia. un vecchio proverbio diceva "se non sei in grado di risolvere un problema è inutile che te ne preoccupi"
  • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
    La verità e la realtà, rifiutata dalla cultura occidentale, perché fa gioco che sia così, è che certi paesi sono varie tribù, tenute insieme con la forza dell’autoritarismo, affinché possano diventare pseudo nazioni. Da queste forme autoritarie, traggono comunque dei vantaggi e la possibilità di progredire. Queste forme dittatoriali o autoritarie, che sono le uniche idonee a poter avere un reale controllo di quei territori, consentono ai paesi “VERAMENTE DEMOCRATICI E ESPORTATORI DI DEMOOCRAZIA” d’intervenire, quando più li fa comodo, per poterli depredare, smembrare, rapinare. Qualsiasi accordo, fatto pacificamente con quei governi, potrà essere messo in discussione da, colpi di stato interni o maldestri interventi esterni di paesi, democratici, che, nell’interesse della democrazia, decidono d’abbattere il "sanguinario dittatore". Che poi il sangue versato, per abbattere il dittatore, sia superiore di migliaia di volte, a quello che avrebbe potuto versare il sanguinario dittatore è un dettaglio insignificante. Provate a chiedere ai Libici, Siriani, Iracheni e altri, se stavano meglio coi dittatori o dopo la bonifica democratica. Comunque il territorio libico, che ha sei gruppi etnici più alcune tribù nomadi. sarà diviso in due/tre stati: Tripolitania, Cirenaica, Fezzan, ovviamente autoritari/militari, protetti e sostenuti da nazioni assolutamente democratiche. P.S. Qualcuno sa dove sono finite l’immense riserve auree, stimate in 150 tonnellate d’oro, della banca centrale libica? Qualcuno sa dove possono essere finiti 200 miliardi di valuta straniera €/UDS, dopo la rivoluzione. Qualcuno si è reso conto che La Banca Centrale statale (non legata al FMI) e il piano OIL for GOLD sono stati la vera causa dell’intervento Nato per rimuovere Gheddafi? Ricordate Saddam Hussein? Nel 2000 voleva fare qualcosa di simile, vendere petrolio in euro, abbandonando il dollaro. La sua fine è nota” Talelbano
  • Aldebrando Fitozzi Utente certificato 11 mesi fa
    **V*** Caro Angelo NO ! NO ! NO ! Caro Angelo, scusami, ma non ti condivido, né ti capisco. Cambiano i suonatori, ma allora la musica è sempre la stessa ! Parli di “ interessi nazionali”, ma oggi si può ancora parlare di interessi, e di chi ? Cosa vuol dire oggi nazione e nazionale ? Parli di “sedersi ad un tavolo”, ma oggi ci sediamo con il c... per terra. Parli di “ sovranità dei popoli” ma oggi cosa è la sovranità ed il popolo ? Parli di “storica amicizia” ma qui si raggiunge l'ironia, il sarcasmo se non l'ilarità. Parli di “situazione svantaggiosa”; ci risiamo : Mi conviene o non mi conviene? Parli di ...noi,...nostre,...nostri. Parliamo invece di loro... e dei loro.. Gli immigrati, sia profughi che clandestini, non sono un problema, il problema sono i nostri politici Il problema è che politicanti incapaci, impreparati, arroganti, fingono irresponsabilmente di saper gestire la vita di altre persone. E' solo bieca interessata retorica sia di destra che di sinistra. Il loro essere animali lo dimostrano proiettando su gli altri se stessi, con soluzioni che sono proprie solo per gli animali : Il pastone, la cuccia; o detto meglio : il vitto, l'alimentazione, la dimora. Non sanno di loro nulla : storia, cultura, religione, usi, costumi, situazioni personali, familiari, lavorative, e tuttavia vogliamo giudicarli, rifiutarli, annullarli e per trovare loro soluzioni (sic!) Ciascuna nazione europea ( Portogallo, Spagna, Francia, Inghilterra, Belgio, Olanda, Germania, Norvegia, Danimarca, Italia,..) che li ha colonizzati dovrebbe per nemesi storica accoglierli. Ma meglio per noi, Italia, che le altre nazioni li rifiutino così possiamo solo noi, Italia, preparare ed istruire in quei paesi e nelle nostre Università le nuove classi dirigenti ed inprenditoriali con cui poter dialogare economicamente e finanziarmente. Si legge nel S. VANGELO in Matteo 10,42. “ E chi avrà dato, anche solo un bicchiere di acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è mi
  • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
    a)Pacta sunt servanda: pertanto e' lo stato Libico che deve rispondere dei contratti con l'Italia nella sua interezza . b)Governi diversi da quello riconosciuto non esistono, pertanto non vi sono garanzie di continuita' giuridica. c)Non esistono interlocutori Libici diversi dallo stato libico . Esitono capi fazione che non possono/vogliono garantire nulla . d)Formalmente Gheddafi lo ha rovesciato il popolo libico, ciascuna tribu' con la volonta' di aumentare la sua sfera di guadagno/influenza. e)Per destabilizzare e creare il caos bisogna essere in due: uno che destabilizza ed uno che si lascia destabilizzare. Ricordo che il governo Berlusconi cerco' di opporsi all'intervento libico. Uno stato "dialoga" solo con soggetti di pari dignita', altri tipi di soggetti possono essere "ascoltati" . Traduco: se Haftar appoggiato dalla Russia vuole prendersi la Cirenaica ed i pozzi gestiti dall'ENI senza rispettare i contratti possiamo solo che ostacolarne l'azione . La responsabilita' e' dei Libici. La colpa puo' essere anche di Belzebu' ma la responsabilita' e' loro: sono incapaci di cooperare per loro etica e cultura.
    • Claudio Merli Utente certificato 11 mesi fa
      Concordo pienamente con lei. A volte queste articolesse che scrivono qui sopra sembrano veline del Cremlino. A me francamente pare roba da matti.
  • Alessandro P. Utente certificato 11 mesi fa
    Purtroppo non ho seguito le vicende (io i giornali non li leggo e la tv la evito come la peste): spiegare almeno sinteticamente cosa è successo sarebbe meglio altrimenti il post non è leggibile. L'onu è di solito un ente inutile e costoso ma a volte riesce ad elevarsi diventando dannoso. I governi non votati e imposti dall'estero (in barba alla sovranità nazionale) sono un'abitudine antica tipica di chi è militarmente più forte.... ma se spunta qualcuno di più forte il giochetto non funziona.
  • giampaolo gottardo Utente certificato 11 mesi fa
    Paradosso Libico, in pratica da quando Eni e le 7 sorelle hanno trivellato la Libla che conta di media dal 1060 cira 5 milioni di abitanti, si e' estratto trillioni ed il Popolo Libico prorpietario di tali beni e senza un dinaro e tutto distrutto; non si puo' dire che non abbia subito una violazione totale della sua sovranita' sul territorio e sulla propria evoluzione naturale di identita' e di vita. Siamo ancora li con ipocresia a fare vedere che ci interessiamo della loro condizione di vita per motivi umanitari. il m5s dovrevve dire al nostro Governo di uscire incluso l'Eni dalla Libia e lasiare che decidano loro il loro destino per esempio quello di non estrare piu' fossili ma di fare una super centrale solare che se l'Europa dovesse averne bisono ne puo' attingere via un banale cavo sottomarino. Noi dobbiamo per scusarci aiutare i Libici a costruirsi laboratori di produzione ed assemblaggio celle solari e null' altro ovvero uscire dalla politica Libica immediatamente.
    • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
      Scusarci con i libici ? Il governo Berlusconi fu costretto ad accettare la soluzione imposta da Francia ed Inghilterra . Gli USA erano recalcitranti e (come lo stesso Obama confido' in seguito ) e fu tirato dentro dai due paesi europei. Se invece parliamo del passato possiamo cominciare dalle guerre puniche: e' da quei tempi che i pirati cartaginesi attaccavano le navi romane.
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 11 mesi fa
    Invece c'è' ancora qualche Ministro italiano che va in Libia a stringere accordi fasulli con il governo fantoccio imposto dall' ONU. È' ora di prendere atto della realtà' e agire di conseguenza. Se i libici vogliono una Libia divisa in zone di influenza non possiamo che accontentarli e prenderci la nostra parte . Cosi' almeno il territorio libico sarà' controllabile e non più' in mano a bande di criminali e terroristi. Se invece, come pare, il governo di Tobruk vorrà' prendersi tutto allora bisognerà' trattare con tutte le parti in causa incominciando dalla Russia.
    • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
      Non puoi fare quello che ti pare in presenza di accordi pregressi e in assenza di uno stato che per suo accordo interno si divida (es.: Cecoslovacchia). Questi non sono in grado di esprimere contezza giuridica per dividersi il contesto nazionale attraverso un accordo che comprenda il rispetto dei patti internazionali sottoscritti dallo stato che si vuole dividere.
  • Luigi Di Pietro 11 mesi fa
    Lo ribadisco, e, per favore, NON PRENDETEMI PER RAZZISTA E DISUMANO: ormai stiamo assistendo PASSIVI AD UN'INVASIONE ! VOGLIAMO DIRE LA VERITA' E NON NASCONDERCI DIETRO IL "BUONISMO"??? UN POPOLO, COSI' COME LA SINGOLA PERSONA, HA DIRITTO O NO ALLA LEGITTIMA DIFESA ??? Chiediamoci: perchè non passano dalla Spagna ??? Perchè la Spagna, SENZA ALCUNO SCRUPOLO, affonderebbe SUBITO i barconi e i gommoni !!! Io non dico di arrivare a tanto, ma NOI a momenti andiamo a prendere i migranti DIRETTAMENTE, fin sulle coste libiche !!! Mi chiedo: MA CHI GLIELI PROCURA AI MIGRANTI TUTTI QUESTI GOMMONI??? Non è che la nostra Guardia Costiera, invece di distruggerli, glieli ridà indietro ??? Inoltre, perchè le navi europee che li soccorrono li SCARICANO TUTTI SULLE NOSTRE COSTE ??? DOVE STA SCRITTO ??? Arriveremo (STA GIA' ACCADENDO, IN PARTE ...) che questi si presentano nelle nostre case E PRETENDONO CHE LI OSPITIAMO, IN QUANTO NON HANNO DA MANGIARE E DA DORMIRE ... noi, in questo caso, LA CHIAMIAMO O NO LA POLIZIA ??? MA POSSIBILE CHE NON CAPIAMO CHE, ORMAI, DOBBIAMO DIFENDERCI (PRIMA DI ESSERE LETTERALMENTE SOPRAFFATTI!), ANCHE CON L'USO "LEGITTIMO" DELLA FORZA ??? Mi chiedo: se uno pretende ILLEGITTIMAMENTE, CON LA FORZA (perchè questa è la VERITA') di entrare nella mia casa, AVRO' O NO IL DIRITTO DI DIFENDERMI, ANCHE CON LA FORZA ??? RIPETO, QUESTA, PER ME, E' UNA VERA E PROPRIA INVASIONE !!! NOI DOBBIAMO OPERARE IL BLOCCO NAVALE, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI !!! LA SPAGNA, DI FATTO, LO FA, TRUMP LO FARA' CON IL MESSICO, PERCHE' NON LO POSSIAMO FARE ANCHE NOI ??? NE VA DELLA NOSTRA STESSA SOPRAVVIVENZA !!!
    • gianpiero m. Utente certificato 11 mesi fa
      Perfettamente d'accordo. G.Mazz.
  • giorgio peruffo Utente certificato 11 mesi fa
    Un paio di sere fa, prima di spegnere la TV dopo il meteo, sono capitato sul programma Di Martedì di Floris e siccome stava intervistando Virginia Raggi mi sono fermato ad ascoltare. Ad un certo punto, Floris, le ha chiesto se il M5s fosse pronto a governare e particolarmente voleva sapere se il M5s aqvrebbe saputo fare quelle "nomine" di "persone capaci" che avrebbero potuto condurre il Paese. Con questa domanda, implicitamente, Floris ci comunica che l'attuale classe politica, queste scelte, le ha sapute fare. Dove Floris trovi convalida di questa sua certezza lo sa solo lui. Mi aspetto ci dica quali sublimi intelligenze, questa classe politica, abbia posto nei punti decissionali del Paese negli ultimi 30 anni. Sono curioso di conoscere qualche nome(se ci riesce).
  • Gustavo Woltmann 11 mesi fa
    è un tema complesso ma è necessaria una riflessione, bravi!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus