La #NotteBiancaDemocrazia

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.


"Il Senato si appresta a cancellare la Democrazia con un colpo di spugna, pronunciandosi per l'ultima volta sulla riforma costituzionale Renzi-Boschi, quella concepita nelle stanze del Nazareno insieme a Berlusconi e Verdini.
In questo ultimo atto, abbiamo deciso di onorare ancora una volta il nostro mandato di portavoce: a partire da oggi pomeriggio, e fino a tutta la durata della discussione generale del Ddl Boschi, durante i nostri interventi in Aula leggeremo le parole, le riflessioni e i pensieri dei tanti cittadini che hanno affidato al Movimento 5 Stelle la propria indignazione per un governo mai eletto che stravolge la Carta costituzionale e trasforma il Senato in una Camera dei nominati. Ci collegheremo in diretta dall’aula con dei piccoli live per raccontarvi cosa sta succedendo e per leggere i vostri messaggi. Sarà la NOTTE BIANCA DELLA DEMOCRAZIA, una notte di denuncia perchè tutti sappiano ciò che sta avvenendo realmente in questo Parlamento.

VIDEO La riforma del Senato spiegata in 2 minuti

Tutti devono sapere che l'abolizione del Senato è una bufala: il Senato sarà semplicemente scippato ai cittadini e regalato alla classe dirigente più inquisita del Paese - i consiglieri regionali, che saranno protetti dall'immunità parlamentare -, senza alcuna possibilità per il popolo di scegliere, né votare, né eleggere i suoi rappresentanti.

Tutti devono sapere che c'era la possibilità di riformare davvero e in meglio le istituzioni, dimezzando il numero dei parlamentari, mettendo un tetto massimo ai loro stipendi, chiudendo la porta ai condannati: erano le proposte del Movimento 5 Stelle per un Senato davvero pulito e democratico e il governo le ha rifiutate tutte.
Il vero obiettivo del governo è piegare la Costituzione per creare un sistema che, combinato con la legge elettorale, consegni il Paese nelle mani di un premier affetto da manie di grandezza.
Oggi in questa Aula faremo sentire forte la voce dei cittadini, tra quale mese saranno loro stessi, con il referendum, ad avere la possibilità di dire no a questa riforma antidemocratica e mandare a casa questo governo."

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Marco Bertani 1 anno fa
    Avete notato che l'abolizione del Senato elettivo con l'introduzione di un senato delle minoranze e rappresentanze locali era nel programma della p2? Assieme ad altre cose fatte da questo governo e da quelli prima. Qui li spiega bene: https://tentatividicrescitaedecrescita.wordpress.com/2016/01/20/spazio-ad-un-giovane/
  • argento umberto 1 anno fa
    Un parlamento illegittimo modifica la costituzione! Qualche domanda, dobbiamo farcela o no? Qualche nome dei nostri costituenti! Domandiamoci, chi sono? Possiamo fidarci?
  • Roberto Masi Masi Utente certificato 1 anno fa
    A beppe con simpatia: Gradirei sapere qual'è la posizione del M5S approposito del Bei Link Non è ammissibile permettere alle banche di appropriarsi idebitamente dei risparmi di una vita dei lavoratori, questo è un vero e propri furto legalizzato,siamo nelle mani di brava gente. Gradirei una risposta e possibilmente sarebbe opportuna una iniziativa di protesta politica di opposizione. con simpatia Roberto.
  • vincenzo rosciano Utente certificato 1 anno fa
    Una bellissima iniziativa, e credo anche efficacissima, basta che uno solo dei pensieri dei tanti cittadini che vorranno scrivere, ripreso dalla grande stampa e mandato in onda, per risvegliare l'orgoglio di tutti.
  • marcello acquaviva 1 anno fa
    Negli anni '50, nelle edicole, si vendeva un giornale fazioso satirico di tendenze comunistre che si chiamava "IL TRAVASO". Tenuto conto che ci trovavamo agli albori della democrazia, il giornale ebbe grande successo. Gli articoli giornalistici erano satirici ed indirizzati maggiormente contro tutto quanto appartenesse alla cultura anglo-americana. A titolo personale ricordo che l'occhio mi cadde su una frase amblematica: ADDA VENI' BAFFONE!!!! Con questa frase si auspicava, principalmente, la fine dell'asservilismo italiano verso gli "americani". Ho riportato ciò perchè mi riferisco al sopra-scritto articolo giornalistico ed auspico che a breve possa avvenire la fine del (bi)governo: "bamboccione + il condannato". Stiamo scivolando, sempre più, verso il "vuoto parlamentare" dove ci sarà solo clientelismo e caos istituzionale. Il tutto per confermare il detto che recita così: CHI MANEGGIA, FESTEGGIA. Mi piace credere che, siccome si voterà nel periodo primaverile o estivo, gli ITALIANI si siano svegliati dal "LETARGO INVERNALE"
  • salvatore moretti 1 anno fa
    Prima Repubblica,Seconda Repubblica,Terza Repubblica,Costituzione incompiuta -Calamandrei docet - tentativi maldestri di riformarla,la noia e la nausea associata alla sfiducia crescente nelle istituzioni la litania potrebbe continuare con orazioni laiche religiose e volgari popolari.LA RICCHEZZA DI UNA NAZIONE DISINTEGRATA DAL MALAFFARE E DA UNA MONETA ALLA QUALE SIAMO STATI COSTRETTI AD ADERIRE SENZA CHE IL POPOLO ITALIANO FOSSE CONSULTATO.GRILLO CASALEGGIO MOVIMENTO 5 STELLE AVETE FORSE DIMENTICATO CHE IL REFERENDUM CONSULTATO SUL EURO SÌ SAREBBE DOVUTO FARE NEL 2016
  • Rosa 1 anno fa
    E' vergognoso che un argomento così importante sia trattato di notte con l'aula vuota. Italiani dove siete! La maggioranza che avete votato non si interessa minimamente a un argomento tanto importante per lo stato Italia. Non può essere che un presidente del Consiglio abbia tanta fretta, deve dare il tempo necessario a un confronto democratico. E' vergognoso che nessun giornale questa mattina ne parli.
  • Nando Meliconi (in arte "l'americano") Utente certificato 1 anno fa
    NON VI SIETE TAGLIATI UN EURO DALLO VOSTRO STIPENDIO! La gente è alla canna del gas. E voi non vi siete tagliati un euro dal vostro stipendio! La gente non ha lavoro e soffre. E voi non vi siete tagliati un euro dal vostro stipendio! Le aziende chiudono. E voi non vi siete tagliati un euro dal vostro stipendio! Gli imprenditori si impiccano e si danno fuoco. E voi non vi siete tagliati un euro dal vostro stipendio! Non ci sono soldi per le analisi cliniche. E voi non vi siete tagliati un euro dal vostro stipendio! Non ci sono soldi per le scuole. E voi non vi siete tagliati un euro dal vostro stipendio! Si tagliano le pensioni e si alza l'età pensionabile. E voi non vi siete tagliati un euro dal vostro stipendio! Si fanno manovre lacrime e sangue. E voi non vi siete tagliati un euro dal vostro stipendio! NON VI SIETE TAGLIATI NEANCHE "UN EURO" DAL VOSTRO STIENDIO! L'ANIMA DE LI MEJO MORTACCI VOSTRI! Arrivederci e grazie, graziella e grazie arcangelo! Nando da Roma.
  • Pier luigi 1 anno fa
    Partirono in due ed erano abbastanza, un pianoforte e una chitarra e molta fantasia. E fu a Parma che scoppiò la prima bomba, fra una festa e una piadina di periferia. E bomba o non bomba noi arriveremo a Roma, malgrado voi......... La gente ci amava e questo è l'importante, regalammo cioccolata e sigarette vere, bevemmo poi del vino rosso nelle mani unite e finalmente ci fecero suonare. E bomba su bomba noi siamo arrivati a Roma, insieme a voi.malgrado loroooooo
  • Rosa 1 anno fa
    Ma cosa dice Pagliari pd?
  • Raimondo M. Utente certificato 1 anno fa
    Tra i tanti motivi dell’attacco al M5S vi è proprio la questione Banche e la cancellazione della Democrazia nata dalla guerra di liberazione, per sostituirla con quella concepita dalla Massoneria, sia essa del G.O.I che della P2 o P3. Il vero obiettivo di Renzi, del PD e delle forze oscurantiste è creare il “Cesarismo”. Prima o poi un Bruto si farà avanti. Si sa i tiranni o i seduttori prima o poi vengono giustiziati, solitamente tradito da chi sta proprio in casa loro. Ma torniamo alla radice del cesarismo. Questa è una questione importante che Spadolini, che incontravo saltuariamente nelle mie visite a Pian dei Giullari, mi fece conoscere proprio parlandomi del mio conterraneo Luigi Palma, Docente Ordinario a Roma, insegnante di Diritto di Vittorio Emanuele, poi preside della Facoltà di Giurisprudenza in Roma, Consigliere di Stato e tante altre cose. Il Palma per primo intravide come, nell’Europa Latina, il costituzionalismo roussoniano aveva distrutto i privilegi ma falliva nell’opera «di dare ai popoli un vero ordinamento di libertà». Egli individuava il punto debole del “parlamentarismo” nel potere elettorale dello stato liberale ovvero nella degenerazione trasformistica (1880), voltagabbani,ladri, mariuoli, approfittatori, intravedendo la necessità di definire nuovi schemi disciplinari capaci di portare a nuove innovazioni istituzionali. Potremmo dire che la scelta di questo Governo nell’affidare agli inquisiti delle regioni, comuni, ecc. il Senato, non fa che rafforzare la degenerazione dello Stato in limitazione di sovranità. Moriva a Roma nel 1899, con lui, in seguito, nel 1902-1903, Ministro della P.I. il massone Nunzio Nasi del primo governo Zanardi, il Corso Complementare di Scienze Economiche Amministrative venne soppresso. La legge elettorale depositata dal M5S è un buon viatico contro la degenerazione del Parlamento. Perseguire gli obiettivi dati dai cittadini a chi è e verrà eletto nel M5S deve essere il primo comandamento a cui attenersi.
  • f.d. 1 anno fa
    Gufi, rosiconi, catastrofisti, uccelli del malaugurio, incompetenti, ecc., che volete fare: revisionare e cambiare i pezzi di un sistema collaudato! Sono IO il VERO rottamatore e non voi; Sono IO e non voi il VERO messia italiano, per nulla ho cominciato l'apprendistato nei boy scout e se non CREDETE in me, il nulla via aspetta. Questo è il mio anatema: dopo di me il nulla, la rovina! Siete anche disfattisti: già state chiedendo che il nostro esercito esca dall'Afganistan, poi dall'Iraq e magari dal Libano? Osate dire che quel denaro venga impiegato per la sicurezza ed il sociale, tanto all'estero contiamo POCHINO, solo al loro bisogno, illudendoci che l'orchestra la dirigiamo noi? Magari non volete che interveniamo con la Germania in Libia, perché ci fanno a pezzi con una campagna contro gli invasori della guerra italo-turca o guerra di Libia, anche se, nel 1911, la Libia non esisteva nelle carte geografiche, proseguendola con il Nazi-fascismo. Direte che l'ISIS e criminali associati, grideranno che lo facciamo per i stessi motivi di allora: supremazia di razza e di economia, ottenendo l'ammiccamento della popolazione che non dimentica neppure i soldi promessi a Ghedafi da Berlusconi per i danni di guerra. Direte che il popolo libico penserà che siamo buoni solo a promettere e fare qualche gesto (feriti recentissimi trasportati in Italia) umanitario di facciata, ma non paga il pattuito? Maledetti, sempre contrari: solo IO sono il cambiaverso.
  • vincenzodigiorgio 1 anno fa
    Neanche Hitler e Mussolini sono giunti al punto di affamare i loro popoli , tutt'altro ! Ci avete tolto libertà e democrazia , lasciateci almeno il pane !
  • mic fan 1 anno fa
    Mi urla dentro e la dico. Grazie a tutti quegl'italiani imbecilli che sanno ma che permettono che tutto questo accada. Continuo a confidare nel m5s e i suoi attivisti, unico barlume di speranza.
  • Antonino Marrara Utente certificato 1 anno fa
    I Pdini,figli della Casta:“Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    E' gia' ora di lanciare la campagna elettorale per il referendum confermativo, che noi vogliamo abrogativo di quella schifezza che stanno cucinando in parlamento.
  • Gian A Utente certificato 1 anno fa
    Ovvio che mettano mano al Senato: così le autorizzazioni a procedere le decideranno direttamente loro, con parvenza di legalità. Un po' come il conflitto di interessi della Boschi: basta uscire dall'aula per la votazione e la conflittualità sparisce. Qui sarà che "Lo ha deciso il Senato della Repubblica", pensato, progettato, creato, discusso, approvato, eletto e composto da loro.
  • Gianluca A. Utente certificato 1 anno fa
    Per il bene del Paese e per tutelare la nostra sovranità insita nella Costituzione, ti invito all'evento "Ritorno alla Costituzione. Il futuro del lavoro e del risparmio oltre l'Euro" alla presenza di Luciano Barra Caracciolo, giurista, magistrato e saggista e Marco Zanni, M5S Europa - Sabato 23 gennaio ore 17:30 presso il teatro Mitreo in via Mazzacurati a Roma (Corviale) Verrà presentato l'ultimo libro di Barra Caracciolo "La Costituzione nella palude". Importante partecipare! Grazie
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus