Roma dichiara guerra al gioco d’azzardo #RomaNoSlot

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Virginia Raggi e i consiglieri M5S

Roma dichiara guerra al gioco d’azzardo. Basta all'effetto Las Vegas. Basta alla giungla di slot machine nella città. Abbiamo depositato la scorsa settimana una delibera di iniziativa consiliare sul regolamento delle sale slot a Roma. Un'importante iniziativa targata M5S con l’obiettivo di tutelare la salute dei nostri cittadini con conseguenti effetti sulla sicurezza della città, la viabilità, l’inquinamento acustico, il decoro urbano e la quiete pubblica.

Si tratta di un regolamento che vuole metter ordine a Roma dove i numeri sono da capogiro: 294 sale e più di 50mila slot machine nella Capitale, pari ad oltre il 12% di tutte quelle distribuite nel nostro Paese. La cosa più importante è che con le nuove regole vengono introdotti i limiti di distanza di 500 metri dai luoghi “sensibili” come ad esempio scuole, centri sportivi, chiese, caserme e sportelli bancomat. Limiti che puntano a garantire migliori livelli di sicurezza per la tutela della salute e dell’ordine pubblico e a prevenire il rischio di utilizzo da parte di minorenni.

Altra novità: centro storico off-limits. Si vieta infatti l’uso delle slot machine nei perimetri del centro e nelle aree pedonali o comunque interdette alla circolazione dei veicoli. Infine, si regolamentano gli orari di esercizio. Infatti, sarà possibile l’utilizzo degli apparecchi automatici di intrattenimento con vincite in denaro, le cosiddette new slot e Videolottery, dalle 10 alle 14 e dalle 18 alle 22 mentre nei giorni festivi non sarà consentito. Altro aspetto importante sono le sanzioni che, aggiungendosi a quelle già stabilite dalla normativa esistente, prevedono in caso di violazioni reiterate sospensioni o in casi gravi revoche dell’autorizzazione da parte dell’amministrazione comunale.

Insomma una grande azione a tutela dei cittadini che cerca di trovare una soluzione al gioco d'azzardo, fenomeno che in Italia ha assunto connotati assolutamente preoccupanti contro il quale il Movimento Cinque Stelle si sta battendo con forza anche a livello regionale e nazionale. Un fenomeno ormai profondamente radicato nel tessuto socio-economico del nostro Paese e ancor di più nella nostra città se si considera che i costi sociali e sanitari legati al gioco d'azzardo patologico pesano sulla collettività per una cifra compresa tra i 5,5 e i 6,6 miliardi di euro annui.
Ciò che ci sta più a cuore è la salute dei romani e finalmente questa regolamentazione si pone tutta a vantaggio della città e dei suoi cittadini.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Amalia Francesca riso 1 anno fa
    Scusate, è possibile sapere chi del M5S legge i commenti del blog? Ho come la sensazione che non ci sia un controllo , vedi i presta soldi .... Sono d'accordo sulla dichiarazione di guerra al gioco d'azzardo, altra piaga sociale .
    • Dario Arrigoni 1 anno fa mostra
      E' PEGGIO OSPITARE LA PUBBLICITA' DELL'ALLUNGAMENTO DEL PENE DI 5 CENTIMETRI IN SOLE 3 SETTIMANE! AH AH AH AH AH
  • Dario Arrigoni 1 anno fa mostra
    Roma dichiara guerra al gioco d’azzardo #RomaNoSlot OCCHIO ALLE PAROLE CHE UTILIZZA LA PREMIATA DITTA DELLA COMUNICAZIONE GRULLESCA CHE SI ABBASSA AL LIVELLO RINCOJONITO DEI SUOI FANS. "DICHIARA GUERRA" QUANDO IN REALTA' E' "COLLIRIO CONTRO IL CANCRO"!
  • Dario Arrigoni 1 anno fa mostra
    Roma dichiara guerra al gioco d’azzardo #RomaNoSlot Virginia Raggi ++++++++++++++++ Occhio al grassetto della combricola della comunicazione per "rincojoniti": "Insomma una grande azione ...." Una gran stronzata invece, presente ormai ovunque, a Mantova, che ci siano sindaci del PD, o della Lega ecc...: ormai le trovate in offerta nei migliori supermercati delle delibere dei sindaci! Nella sostanza è come fare il solletico ad un elefante con una piuma, perchè, diciamoci la verità: a chi cazzo interessa salvare una persona che ha tendenze da suicida? A nessuno. A chi cazzo interessa salvare quegli adulti che in questo momento si stanno sputtanando lo stipendio rincorrendo 5 uova o 5 campane in una slot? A nessuno. Pensate che al nostro caro e amato Fisco sulle slot non gliene frega un cazzo: di quanti soldi ci vanno a finire dentro; come sono stati percepiti quei soldi; da chi sono stati inseriti quei soldi. Ma anche qui non gliene frega niente a nessuno perchè quei soldi SONO FACILMENTE REPERIBILI, OVVIAMENTE TASSATI E QUINDI PULITI DA QUALUNQUE PRECEDENTE FONTE "TORBIDA O SCONOSCIUTA"! Aggiungo: I signori delle slot machine fanno la guerra al Comune Dopo la sala Bingo di via Acerbi anche il marchio Admiral presenta il ricorso. La multinazionale Novamatic vuole i danni per lo stop imposto alle macchinette
  • GREGOIRE ROGER WILFRIED Utente certificato 1 anno fa mostra
    Nuovo per tutti voi! Non perdete l'occasione più Per chi cerca un supporto finanziario, serio e veloce per l'acquisto della vostra auto, casa, avviare una piccola impresa, o esigenze personali, ma sono incapaci di ricevere assistenza nella sua banca. Più nessuna preoccupazione; non perdere altro tempo. Mettiamo a vostra disposizione le offerte finanziarie ad un tasso di interesse a prezzi accessibili. Se siete interessati, vi preghiamo di contattarci a questo indirizzo: developpement.aide@gmail.com Non ingannare più persone, me signora Anissa Kherallah sono per aiutarvi in tutta sincerità
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa mostra
      Grazzzie, io mi aiuto da solo! Che grande uomo devi essere...si,si,si...un grande strozzino! Ma va a fare in culo!
  • Fabrice Farnedi 1 anno fa mostra
    E intanto però a Torino la Appendino dice: "Più finocchi per tutti!!" Eccola: Appendino: “Torino città gay friendly, puntiamo sul turismo gay” Fonte: http://www.imolaoggi.it/2016/11/08/appendino-torino-citta-gay-friendly-puntiamo-sul-turismo-gay/ Domande: quelli del M5S sono a favore veramente delle famiglie italiane normali oppure pro LGBT? Diciamo "ni" ( ni = no + si ) così come "ni" sull'euro e sulla Nato, insomma un frutto misto, e quindi Cui Prodest? A saperlo....!! Saluti. Fabrice
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus