Domanda in Duomo: i ''sacrifici'' dei politici secondo gli italiani

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
sacrifici_politici.jpg

"I primi a fare sacrifici siamo noi della politica". Cosa intendeva Renzi con quest’affermazione pronunciata durante il discorso alla camera il 16 settembre? Per caso si riferiva a precise misure presenti nell’impianto della "riforma del senato", che a suo dire dovrebbero far risparmiare allo Stato centinaia di milioni di euro? I funzionari di palazzo Madama sono stati chiari: i risparmi si quantificano in 40 milioni di euro, briciole rispetto alla spesa complessiva di 540 milioni. Per incidere realmente l’M5S propone il dimezzamento del numero dei senatori e delle rispettive indennità, il rimborso solo delle spese rendicontate con restituzione degli eccedenti (diaria) e l’abolizione totale dei vitalizi. Solo in questo caso è lecito parlare di centinaia di milioni risparmiati e di cancellazione di rendite di posizione. Abbiamo chiesto ai cittadini che ne pensano dell'affermazione renziana, ascoltate le loro risposte." La Cosa

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus