Pagare il biglietto serve a migliorare il servizio

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Linda Meleo, assessore ai Trasporti del Comune di Roma

Oggi ho fatto un giro in autobus con una squadra di controllori Atac per dimostrare che siamo in prima linea contro l’evasione tariffaria.

Voglio che sia chiaro un concetto: fare il biglietto è un atto di civiltà e di rispetto nei confronti dei tanti romani che abitualmente prendono i mezzi. Abbiamo aumentato le task-force con oltre 300 controllori, tutti agenti di polizia amministrativa. Vogliamo che sempre più amministrativi Atac abbandonino le scrivanie per fare i controllori, così da migliorare il servizio su strada.

Grazie al nostro lavoro, da dicembre a oggi, sono arrivati a circolare altri 150 autobus e presto ne arriveranno di nuovi.
Ricordo che la nostra amministrazione ha messo su strada i filobus che erano stati abbandonati per anni nel deposito Atac di Tor Pagnotta, segnando un altro passo verso una mobilità efficiente. Inoltre abbiamo attivato ben 487 telecamere sugli autobus per la sicurezza degli autisti e dei viaggiatori.

I romani hanno chiesto controlli e anche la nostra amministrazione chiede rispetto per chi paga il biglietto e per chi utilizza tutti i giorni il trasporto pubblico. La battaglia all’evasione è anche culturale, bisogna responsabilizzare i cittadini, quindi “ Non facciamoci riconoscere facciamo il biglietto”. Anche perché con l'acquisto del biglietto si contribuisce al miglioramento del servizio offerto ai cittadini.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • pericle seneca () Utente certificato 7 mesi fa
    Cara Assessora il problema dei "portoghesi" è facilmente risolvibile. Già una decina di anni fà a Lubiana gli autobus avevano un tornello all'entrata che se non avevi abbonamento o non inserivi la moneta non si apriva ! L'autista era dietro un vetro di sicurezza e controllava con diverse telecamere l'ambiente e in caso di necessità spingeva un pulsante per far intervenire le forze dell'ordine. Non si capisce perchè i mezzi pubblici italiani non possono essere provvisti di tali tecnologie !
  • giovanni . Utente certificato 7 mesi fa
    CONTROLLI CONTROLLI CONTROLLI In Italia se non si fanno i controlli non si migliora niente. A Roma controllare chi sporca, chi non paga i biglietti dell'autobus, chi parcheggia male e in doppia fila, le bancarelle che invadono ovunque. Purtroppo una buona parte dei romani sono incivili e vanno educati perciò servono multe salate a tutto spiano.
  • marco fodde 7 mesi fa
    piuttosto che fare questi blitz che non servono a nulla... volete che tutti paghino? Ripristinate i fattorini come era una volta... lo stipendio se lo ripagano da soli... qualsiasi altra cosa è una inutile buffonata
  • Alessandro L. 7 mesi fa
    Una volta, sui mezzi di trasporto pubblico, c'era l'autista ed il bigliettaio. Tutti pagavano il biglietto. Oggi non esiste più il bigliettaio e, chi paga il biglietto, non è riconosciuto come persona civile ed onesta, ma quasi come uno stupido. Fate bene ad aumentare i controlli e, secondo me, bisognerebbe rivalutare se conviene ancora la presenza del bigliettaio, sia sotto l'aspetto economico ma, soprattutto, della sicurezza.
    • sergio girelli Utente certificato 7 mesi fa
      La svalutazione del servizio è partita proprio da lì, dalla soppressione del bigliettaio-controllore che poi altro non era che un autista con anni di anzianità di servizio e di esperienza. E' stata poi la gestione interna degli uffici, corrotta a livello politico-sindacale, ha ridurre la qualità del trasporto pubblico allo stato pietoso di oggi.
    • rosannascarpa 7 mesi fa
      l' ho scritto anch'io. inoltre ci sarebbero nuovi posti di lavoro. le obliteratrici e tutti gli altri marchingegni sono stati messi per far guadagnare chi li fa e sospetto anche che abbiano spartito i soldi mandando poi a casa i bigliettari che erano tanto utili. dicevano che si sarebbe risparmiato e invece siamo arrivati che tutti viaggiano gratis e basta.
  • Nicola Salvaggio 7 mesi fa
    A proposito di evasione ... mi spiegate perché in nessuna città italiana non si adotta l'usanza inglese di fare in modo che l'autista funga da controllore/bigliettaio? Lì si sale dalla porta anteriore e se non hai un titolo di viaggio valido scendi immediatamente.... Copiamo dagli altri per le cose furbe!!!! Grazie
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus