Cancelliamo gli assurdi privilegi degli europarlamentari #PensioneComeTutti

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Europa

Gli europarlamentari hanno diritto a un vitalizio dopo appena 1 anno di mandato. L'Europa si comporta come una matrigna: ai politici concede assurdi privilegi, ai cittadini impone sacrifici nel nome dell'austerity. La casta con il vitalizio in tasca è la stessa che ha preteso i tagli alle pensioni di tutti i cittadini. Ricordate la legge Fornero?

È arrivato il momento di spazzare via i privilegi. Abbiamo presentato al Parlamento europeo una risoluzione che cancella questo retaggio feudale e trasforma in sistema contributivo la pensione degli eurodeputati. Abbiamo chiesto ai funzionari del Parlamento europeo di poter rinunciare a questa ingiustizia, ci hanno risposto che dobbiamo aspettare i 63 anni di età e che fino ad allora nulla può essere fatto. Noi vogliamo cambiare SUBITO questo sistema e per tutti i deputati europei. Per poter ottenere la pensione i politici devono versare i contributi come tutti gli altri cittadini. Pensione sì, privilegio no! Ecco come stanno davvero le cose oggi:


IL VITALIZIO A 63 ANNI
Tutti gli eurodeputati, al compimento dei 63 anni di età, hanno diritto a un pensione di anzianità a vita pari al 3,5% della retribuzione per ciascun anno completo di esercizio di mandato. Questo privilegio scatta dopo appena un solo anno di mandato e, in questo caso, l'importo ammonta a 296 euro al mese. Con una sola legislatura completa, invece (5 anni di mandato), ogni europarlamentare matura una pensione a vita pari a 1.484,70 euro al mese. Questo importo raddoppia se l'europarlamentare fa due legislature. Il costo delle pensioni dei deputati europei è a carico del bilancio dell'Unione europea.


VITALIZIO SENZA VERSARE I CONTRIBUTI
Nella busta paga di ogni europarlamentare non c'è la voce dei contributi previdenziali. I deputati europei ricevono la pensione privilegiata ma non pagano i contributi. Il provvedimento è stato preso nel 2005 (ma è entrato in vigore nel 2009) su proposta del Parlamento europeo. La Commissione europea ha dato parere favorevole. Era in carica il governo Berlusconi-Lega, che ha approvato la decisione in sede di Consiglio. Il Pd era all'opposizione ma non ha battuto ciglio. Tutti i partiti erano d'accordo.


PENSIONE SÌ, PRIVILEGIO NO! LA NOSTRA PROPOSTA
Questi privilegi anacronistici devono finire. A Roma, come a Bruxelles, il MoVimento 5 Stelle propone #PensioneComeTutti. Bisogna cambiare al più presto l'articolo 14 dello Statuto dei deputati del Parlamento europeo che disciplina il trattamento pensionistico degli eletti. Il diritto pensionistico dei membri del Parlamento europeo deve essere in linea con i sistemi previdenziali previsti per i cittadini ordinari, sia per il calcolo dell'ammontare sia per i requisiti anagrafici e contributivi che definiscono l'età pensionabile. Questo significa che i parlamentari europei devono pagare i contributi pensionistici e devono maturare tutti quei requisiti richiesti ai cittadini che rappresentano.

Vogliamo una pensione equa per i europarlamentari e non privilegi della casta! E per questa ragione tutti gli europarlamentari del gruppo Efdd - MoVimento 5 Stelle hanno presentato una proposta di risoluzione e hanno sollecitato il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani con una lettera richiedendo che questa proposta sia trasmessa in tempi rapidi alla Commissione parlamentare competente. Inoltre, chiediamo il ricalcolo dei trattamenti previdenziali che vengono erogati agli ex europarlamentari: nel 2014 questa casta era composta da 192 tra politici, vedove, vedovi o altri beneficiari di reversibilità che, a fronte di pochi anni di lavoro, godevano di pensioni di lusso.


In molti Stati europei la disoccupazione giovanile è al 34%, con punte del 48% in Grecia. Davanti a questi dati, i privilegi dei politici sono ancor più odiosi! L'Europa dei cittadini non ha i privilegi. Per i politici #PensioneComeTutti


SCARICA la risoluzione del gruppo Efdd - MoVimento 5 Stelle e la lettera che i portavoce del MoVimento 5 Stelle hanno scritto al Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani.


VIDEO. Pensione sì. Privilegio No per gli europarlamentari! Rivedi la conferenza stampa al Parlamento europeo con Laura Agea, Ignazio Corrao e Marco Valli.




Twitta anche tu usando l'hashtag: #PensioneComeTutti

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • littea antonie Utente certificato 7 mesi fa
    Molto soddisfatto con il trattamento della mia applicazione di prestito di 80000 a 200.000 euro con un tasso basso di 2%. Raccomando a chi vuole un prestito in gravi condizioni per l'acquisizione della sig. ra Beeliada POUPARD (prestitobancario2017@gmail.com). Una seria concorrenza e velocità. Da non perdere non, ma molto sincera gratitudine sul seguito dato al mio account fino al rilascio dei fondi. L'ha fatto a tempo di record. Questo messaggio è per voi e va al posto di qualsiasi richiedenti credito al fine di risolvere tutte le vostre preoccupazioni finanziarie. E-mail: prestitobancario2017@gmail.com
  • omelia rico soukpo Utente certificato 7 mesi fa
    Ciao Mr / Mrs / Ms E ' con profonda gratitudine che ringrazio portare qui la mia testimonianza, È che sono alla ricerca pronti i soldi, non so come condividere con voi la mia gioia perché me di essere ancora alla ricerca per il prestito, io sono cadde sulla Signora Anissa KHERALLAH donna d'affari. Lei mi ha concesso un prestito di 20.000 euro, con un tasso di 3% e ho parlato diversi colleghi che hanno anche ricevuto prestiti in questo Madame senza preoccupazioni. Soprattutto a me, Ho ricevuto la mia domanda di credito, tramite bonifico bancario in un durata di 72 ore senza protocollo e sono abbastanza soddisfatto. Il motivo che mi spinge a pubblicare questo annuncio è questa donna continua a fare meraviglie per le persone che sono veramente nel bisogno. Così ho deciso di condividere questa opportunità che non hanno il favore delle banche, o che aveva dovuto fare finanziatori disonesti che fanno abuso la personalità degli altri; hai un progetto o di un bisogno il finanziamento, è possibile scrivere a lui e spiegare a lui la vostra situazione, vi aiuterà se lei è convinto di la tua onestà. Ecco la sua email : developpement.aide@gmail.com
  • Tommasi Nanunzia Utente certificato 7 mesi fa
    Salve, signora. Miss. Signor.. Vi offro finanziamenti per tutti i vostri progetti personali. Possedete un commercio e volete trovare una serenità finanziaria? Vi invito subito a fare una simulazione di credito con noi. Contattaci in privato per partecipare a una delle nostre conferenze online Tommasinanunzia@gmail.com Ricevuto, Madame, Mademoiselle, Signore, i nostri migliori saluti.
    • Zampano . Utente certificato 7 mesi fa
      TU DAI UN EMAIL E POI RUBI I DATI A CHI TI CONTATTA!!!TRUFFATORE, TU E QUELLA PORCA TROIA DI JOSINA GOMEZX!!!!
  • P. C. 7 mesi fa
    "In pensione come Totti!" Magari, sono d'accordo. Ah, ho letto male: In pensione come tutti.
  • P. C. 7 mesi fa
    E, non vorrei che fosse proprio il miraggio del reddito di cittadinanza a non incoraggiare i disoccupati. o sottoccupati o sottopagati e senza contributi, a LOTTARE PER AVERE IL MINIMO INDISPENSABILE DI DIRITTI E STATO SOCIALE, AD AVERE ALMENO IL DIRITTO AL LAVORO (E TANTO BISOGNO CI SAREBBE IN QUESTO PAESE DI UN PIANO "MARSHALL" STATALE PER RIMETTERE IN SESTO COSTRUZIONI E TERRITORIO DISASTRATO, SE SOLO SI VOLESSE, INVECE DI MANDARE TUTTO IN MALORA E VIVERE DI RENDITA CON LA FINANZA) COME PREVISTO ALL'ART. 1 DELLA COSTITUZIONE, DELLA QUALE SEMPRE CI SI RIEMPIE LA BOCCA! INVECE CHE SI FA? SI PROMETTE IL REDDITO DI CITTADINANZA? GIUSTO; I PAESI CIVILI LO HANNO MA NON PAGATO COI SOLDI DEI CONTRIBUTI CHE I LAVORATORI, QUELLI CHE SUDANO, PAGANO ALL'INPS PER LA "LORO" PENSIONE MA, BENSI', PAGATO DALLA FISCALITA' GENERALE: ALTRIMENTI IL RAGIONAMENTO DEL "TUTTI CONTRO TUTTI" E' FACILE: TAGLI LE PENSIONI CHE CHI LAVORA SI E' STRAPAGATO COI PROPRI CONTRIBUTI E IL PROPRIO LAVORO E "I SOLDI CE LI DAI A NOI CHE NON LAVORIAMO COL REDDITO DI CITTADINANZA!" SPERO NON VOGLIATE INCORAGGIARE QUESTO RAGIONAMENTO E CHE UN EVENTUALE REDDITO DI CITTADINANZA NON SIA, COME I VARI BONUS, ADDEBITATO ALL'INPS.
  • P. C. 7 mesi fa
    Comunque, visto che avevo ragione a scrivere: "Basta guerra tra poveri: si sta creando una classe di persone che hanno in odio chiunque abbia un diritto: lavoro, pensione, una vita normale..."? LA RISPOSTA DI MICHELE C.,RIVOLTA NON SOLO ALLE PENSIONI DEGLI EURODEPUTATI MA ANCHE A STATALI E PENSIONATI A RETRIBUTIVO, COME SE QUESTI ULTIMI FOSSERO DA CRIMINALIZZARE, LO DIMOSTRA! SMETTERLA CON LA GUERRA TRA POVERI! ALTRIMENTI NON VI VOTO!
  • P. C. 7 mesi fa
    Come sarebbe a dire "... non può gravare tutto su giovani e dipendenti privati..."? A parte il fatto che io sono un pensionato dipendente privato, nessuno grava su giovani e dipendenti privati e pubblici se NON I GOVERNI CHE NON ATTUANO POLITICHE ATTE A FARLI LAVORARE: SE UNO NON LAVORA, NON VERSA CONTRIBUTI PENSIONISTICI E NON AVRA' PENSIONE; SE UNO LAVORA POCO E VIENE PAGATO POCO, VERSA POCHI CONTRIBUTI E AVRA' UNA MISERA PENSIONE. SI TRATTA DI MATEMATICA. SE NON VI STA BENE, LOTTATE PER AVERE LAVORO FISSO E BEN RETRIBUITO, CIME FACEMMO NOI; NON PRETENDETE DI TOGLIERE SOLDI (E DIRITTI) A CHI HA LAVORATO TANTO, VERSATO TANTO E MATURATO IL DIRITTO ALLA PENSIONE: TROPPO FACILE IL MIRAGGIO CHE VIENE PROSPETTATO ALLE NUOVE GENERAZIONI DAI GOVERNI, DI PRENDERSELA CON CHI HA "LA NORMALITA", CON IL DIVIDI ET IMPERA, INVECE DI ESTENDERE A TUTTI LA NORMALITA', OVVERO IL DIRITTO, E DOVERE, AL LAVORO E ALLA PENSIONE RELATIVA, CHE SI AVRA' SOLO LAVORANDO. S O LO L A V O R A N D O ! ANCHE LA GUERRA TRA RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO E' UNA PAGLIACCIATA MESSA IN SCENA PER DIVIDERE LA GENTE E FARLA SCANNARE INVECE DI RIVOLGERE LE ENERGIE VERSO I RSPONSABILI. SE IO DO I MIEI SOLDI ANTICIPATI PER QUARANTA ANNI ALLO STATO QUALCOSA CI DEVO GUADAGNARE, COME FANNO BANCHE E FINANZIARIE QUANDO PRESTANO SOLDI. E' IL CONTRIBUTIVO INGIUSTO: PRENDETEVELA CON CHI HA FATTO LA LEGGE NON CON CHI SI GODE I SUOI D I R I T T I ! I SOLDI CI SONO, SOLO CHE NON VE LI VOGLIONO NE' DARE NE' FARVELI GUADAGNARE... PERCHE' DI GUADAGNARSELI, COL SUDORE DELLA FRONTE, E NON CON LE CHIACCHIERE E LA MOVIDA ALLA SERA, SI TRATTA!
  • P. C. 7 mesi fa
    Rispondo a Michele C.: Per l'appunto: quando si parla di diritti, non si può dire : "non ti pago perché sono finiti i soldi"; se io firmo un contratto e, TANTO PIU' SE LO STATO FIRMA UN CONTRATTO, I CONTRATTI, OVVERO I DIRITTI E DOVERI DA QUESTO SCATURENTI, VANNO ONORATI come accade tra privati: SE NON CI SONO I SOLDI, CHI NON PAGA DEVE SOTTOSTARE AD UNA PROCEDURA FALLIMENTARE CHE SEQUESTRERA' I SUOI BENI PER RIMBORSARE L'AVENTE DIRITTO COME DA CONTRATTO. NON CAMBIARE LEGGI E DIRE: DATO CHE IO SONO LO STATO E NON UN PRIVATO MI FACCIO UNA LEGGE CHE IL CONTRATTO NON LO ONORO NEI TERMINI PREVISTI MA TI PAGO COME E QUANDO MI PARE. BRUTTO ESEMPIO DALLE ISTITUZIONI! COMUNQUE LO STATO I SOLDI LI TROVA PER FORZA (E' UN PROBLEMA DI PRIORITA' DI DESTINAZIONE DEI SOLDI PUBBLICI, OVVERO PAGANO SEMPRE GLI STESSI E DOVE I SOLDI SI PRENDONO FACILMENTE COME DA UN SALVADANAIO) E, SEMMAI, FALLISCE E, ALLORA, E NON PRIMA IN VIA PREVENTIVA, NON ONORA I SUOI "DEBITI" PER I CONTRATTI STIPULATI: PERO' NON PAGA PIU' A NESSUNO E NON SOLO E SEMPRE AI SOLITI NOTI: LAVORATORI E PENSIONATI.
  • P. C. 7 mesi fa
    Basta guerra tra poveri: si sta creando una classe di persone che hanno in odio chiunque abbia un diritto: lavoro, pensione, una vita normale... CIO' CHE E' NORMALE NON E' UN PRIVILEGIO, E' UN DIRITTO: IL DIRITTO AL LAVORO, ALLA PENSIONE, AL RIPOSO, AL DIVERTIMENTO E ALLA VITA NORMALE; IO LAVORO PER VIVERE, NON VIVO PER LAVORARE! Non è auspicabile l'odio sociale che potrebbe sfociare in guerra civile. Se uno ha un diritto, anche molto importante, sempre diritto rimane; semmai si può cambiare per chi venga "assunto" da quel giorno in poi, dall'abrogazione del diritto. E allora si dirà: "loro sì e noi no!". Per favore basta "Dividi et impera". Perché questo è funzionale non alla giustizia o all'equità ma a togliere diritti a tutti. Perché, a forza di additare a chi purtroppo non li abbia, diritti COME FOSSERO PRIVILEGI, si rischia di governare con classi di persone l'una contro l'altra che chiama "privilegio" ciò che è diritto; allo stile dei Governi tipo 2011; SE SI TOLGONO DIRITTI (O PRIVILEGI, COME ERRONEAMENTE VENGONO CHIAMATI) AI PIU' RICCHI, POI NON SI DARANNO CERTO IN CAMBIO (e neanche sarebbe giusto, se avvenisse) A CHI NON LI ABBIA MA, ANZI, SI DIRA': "VISTO? ABBIAMO TOLTO I PRIVILEGI AI PIU' RICCHI, NON VI LAMENTATE SE LI TOGLIEREMO ANCHE A VOI CHE SIETE I PIU' POVERI; LA LEGGE E' UGUALE (E SEMPRE PEGGIORE) PER TUTTI!". IO DIREI: "DIAMO A TUTTI I "PRIVILEGI" COME AGLI EUROPARLAMENTARI! TUTTI IN PENSIONE COME LORO". PERCHE' LIVELLARE SEMPRE AL RIBASSO?
    • Michele C. Utente certificato 7 mesi fa
      Perchè sono finiti i soldi e i conti pubblici sono un disastro. Tutti devono essere chiamati al sacrificio, parlamentari, statali e pensionati con il retributivo. Non può gravare tutto su giovani e dipendenti privati.
  • Maria patane Utente certificato 7 mesi fa
    Un invalido prende 279 euro al mese, con questa miserabile somma deve mangiare e viverci per un mese . Direi di dare anche a loro la stessa somma . Basta con questi privilegi !!!!
    • P. C. 7 mesi fa
      Con tutto il massimo del rispetto per la sua situazione, io penso, salvo errori, che la sua pensione di invalidità, se così bassa, non corrisponda a versamenti effettuati MA TRATTASI DI ASSISTENZA che, a mio parere, sarebbe ora di SCORPORARE DALL'INPS, ove confluiscono i contributi che i lavoratori pagano per la LORO pensione e, tale ASSISTENZA, AUSPICABILMENTE DA AUMENTARE NEGLI IMPORTI, SAREBBE, COME NEGLI ALTRI PAESI, DA METTERE A CARICO DELLA FISCALITA' GENERALE. Altrimenti, poi, impropriamente, si direbbe che i soldi per le pensioni non ci sono; forse qualcuno dovrebbe spiegare anche all'Euro cosa accade in Italia, perché temo che non glielo raccontino esattamente.
  • Giovanni Antonio 7 mesi fa
    Ho trovato in Internet questa tabella…sinteticamente efficace, o efficacemente sintetica: fate voi. LA TRUFFA DEI BANCHIERI E DELL’ EURO E’ una truffa di una linearità e di una semplicità incredibile. Forse è per questo che milioni di persone non ci arrivano: perché è troppo semplice, è talmente semplice che la gente non ci crede! SITUAZIONE PRIMA DELLA TRUFFA: Lo Stato stampava in proprio (si chiamava Sovranità Monetaria) la CARTA (Moneta) di cui esso e i cittadini necessitano. ECCO LE CINQUE FASI della TRUFFA dei BANCHIERI: FASE 1 -Togliere allo Stato la possibilità di stampare Carta Moneta. FASE 2 -Forzare lo Stato a togliere più Moneta dalla circolazione di quella che reimmette in circolo (=aumento dei tassi d’interesse sui titoli pubblici, aumento delle tasse, spending review, ecc…) FASE 3 -A furia di togliere Carta Moneta dalla circolazione si crea una situazione di SCARSA LIQUIDITA’: :ossia finisce che dopo un po’ di tempo lo Stato, le imprese, i cittadini non hanno più la Moneta necessaria per proseguire nelle loro usuali attività. FASE 4 -A questo punto parte il RICATTO allo Stato ed ai CITTADINI , ossia chiedere allo Stato, alle imprese, ai cittadini di cedere beni reali ( immobili, oro, imprese ) in cambio della CARTA (Moneta) di cui essi necessitano per andare avanti. In altre parole cedere BENI REALI in cambio di CARTA (Moneta): cioè cedere BENI REALI in cambio di BENI FINANZIARI… FASE 5 -Finita la spoliazione, dopo che cioè che lo Stato e i Cittadini hanno venduto tutto ciò che potevano vendere, la Nazione viene espulsa dall’EURO. Tanto oramai non c’è più ricchezza da estrarvi. Oppure RESTA nell’EURO, come zona sub-coloniale, e allora per questa Nazione restare nell’Euro è comunque peggio che uscire dall’Euro. LA TRUFFA E’ TUTTA QUI. Informate la gente. Un saluto a tutti. Un Esodato Super-Incazzato.
    • Mario Rosini Utente certificato 7 mesi fa
      Sei un esodato? E allora fai anche tu parte della kasta!
  • Paolo R. Utente certificato 7 mesi fa
    basta con questa storia dei VITALIZI, non ci sono più dal 2012
  • Aldo B. 7 mesi fa
    Guardate che questa gentaglia è entrata in Politica solo ed esclusivamente per i privilegi! Se si toglieranno totalmente i Vitalizi in Italia vi accorgerete che scompariranno automaticamente: 1) gli sbarchi voluti e pilotati dei migranti: carne umana giovane da inserire nei lavori socialmente utili per rimpinguare le casse INPS sofferenti in favore e in salvezza delle erogazioni dei vitalizi 2) le pensioni minime, oggi, lasciate tali ( o tagliate addirittura!) per far morire di indigenza i pensionati italiani più poveri onde togliere l'erogazioni delle pensioni minime in favore dei loro vitalizi e dei vitalizi di reversibilità 3) L'ordine dato dal governo golpista dei vitalizi ai dirigenti delle RSA e APSP di far morire il più possibile anziani e gente malata nelle case di riposo per togliere il più possibile erogazioni di pensioni e di indennità di accompagnamento onde favorire i vitalizi 4) l'innalzamento dell'età pensionabile per far crepare sul posto di lavoro il popolo anziano futuro che non dovrà avere mai più una pensione onde favorire l'erogazione dei soli vitalizi e dei vitalizi di reversibilità 5) il blocco dei 41 anni di contributi dei pensionati ( i lavoratori precoci) che hanno già maturato il diritto della loro pensione . Un blocco fatto ad hoc dal governo dei vitalizi per agevolare Tito Boeri che lamenta il bilancio ormai in rosso dell'INPS con l'allarme di non poter più erogare i Vitalizi d'oro. Questi fanno impallidire Hitler nella tomba! Vogliono solo garantire i privilegi per se stessi e per le loro discendenze: si sentono gli eletti e gli illuminati del mondo, mentre noi, per loro, siamo solo carne sacrificale!...Il M5S seppellirà tutti questi figli di puttana!
  • adriano ongaro 7 mesi fa
    Non so. Credo che non sia giusto intervenire su chi ha già maturato i vitalizi o pensioni secondo le regole in vigore in precedenza. In ogni caso io preferirei avere dei deputati molto capaci, anche se pagati molto bene.
  • Sidney Jahnsen Medling Utente certificato 7 mesi fa
    Non sono d'accordo con la definizione "privilegi anacronisti" perche' non esprime la gravita' del fatto. Il vitalizi, le pensioni d'oro, i tripli incarichi e tutti gli altri stratagemi inventati dai politici per intascare soldi, frutto del nostro sudore, si chiamano RUBERIE. Iniziamo a chiamare le cose per il loro nome cosi' sapremo meglio contro che' cosa stiamo combattendo.
  • Clesippo Geganio Utente certificato 7 mesi fa
    seee sti fottitori seriali un poco alla volta stanno cancellando noi italiani!!!!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus