Col #MicrocreditoInAzione fioriscono le aziende innovative

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Angelo Tofalo

Oggi vi racconto la storia di un’azienda che ha ripreso a vivere grazie al fondo per il micro-credito del MEF finanziato con gli stipendi dei parlamentari del MoVimento 5 Stelle. La Wet Stone s.r.l. è una giovane impresa nata intorno ad un’idea di Antonio Di Giacomo, un salernitano che ha deciso di investire tempo e soldi nella creazione di un sistema di purificazione dell’aria.
Antonio si occupa già da molti anni di tematiche ambientali e fa parte di associazioni e comitati ambientalisti. Ha iniziato a costruire il progetto della "macchina per pulire l’aria" utilizzando i propri risparmi ma, quando il progetto è cresciuto, ha capito che senza nuovi fondi sarebbe stato difficile andare avanti. A quel punto si è rivolto a diverse banche ma si è subito reso conto che nessuna di queste era disposta a finanziare la sua idea: “dovremmo aspettare almeno i primi 2 bilanci annuali..” – “Ha un bene da mettere a garanzia che sia almeno 5 volte la cifra che chiede?” – “In questo momento non abbiamo liquidità”.

Come è possibile che un correntista corretto, un buon pagatore per intenderci, abbia difficoltà ad ottenere una piccola cifra per sviluppare un’idea?” Questa è la domanda che si è fatto Antonio dopo aver incassato tutti quei NO: “Si parla tanto di startup di impresa e innovazione e poi diventa un problema per un istituto bancario elargire una somma così bassa”.

Grazie ad un amico Antonio però è venuto a sapere dell’esistenza del fondo per le PMI finanziato con i tagli allo stipendio da parlamentare dei portavoce del MoVimento 5 Stelle e, dopo 15 giorni dall’istruzione della pratica, ha ricevuto 25.000 euro utili a dare nuova energia alla sua idea. Ora la sua azienda ha un contratto di collaborazione di ricerca scientifica con il Dipartimento di Chimica e Biologia dell’Università degli Studi di Salerno, può collaborare con tecnici e ingegneri per sviluppare prototipi più evoluti della sua macchina. Quando saremo al governo le piccole e medie imprese saranno al centro delle nostre manovre economiche, le centinaia di aziende che stanno vivendo grazie al fondo dedicato sono l’esempio pratico di come vorremmo trasformare l’Italia.

Con gli aiuti alle piccole aziende virtuose ed il reddito di cittadinanza restituiremo alle persone il loro bene più prezioso: il tempo per pensare, progettare, condividere, giocare e vivere dignitosamente.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • damarice santos Utente certificato 11 mesi fa
    La ringrazio molto di ms. ANISSA per il vostro supporto e assistenza per l'avorio per salvare la mia azienda per me. Ancora una volta, grazie per questo prestito che ho fatto sabato mattina . Per coloro che vogliono ottenere aiuto qui è il contatto della signora ANISSA : developpement.aide@gmail.com
  • cosimo calabrese Utente certificato 11 mesi fa
    LE BANCHE AIUTATE CON I FONDI PUBBLICI, NON SONO IN GRADO DI DARE AIUTI (PRESTITI) AI CITTADINI CON IDEE CONCRETE PER REALIZZARE UNA IDEA CHE POSSA ESSERE UTILE A BENEFICIO DI TUTTA LA SOCIETA', NON E' POSSIBILE CHE ESISTANO, MA GRAZIE AL MOVIMENTO 5 STELLE E ALLA POLITICA CHE PORTA AVANTI, LO STUDIO DI ANTONIO DI GIACOMO DIVENTA REALIZZABILE, QUESTO DIVENTA UN ALTRO MOTIVO IMPORTANTE PERCHE' DOBBIAMO ASPIRARE AD UN GOVERNO A 5 STELLE.
  • Anna Bertolotti 11 mesi fa
    Cari M5S, come posso provare ad accedere alla vostra iniziativa? Sono una donna di 55 anni con una 16enne da crescere, dopo aver tanto lavorato per il mio compagno sono stata scaricata come un sacco d'immondizia. Nessuno mi assume e nessuno mi fa credito, le banche vogliono la firma di un marito che non ho. Vorrei produrre marmellate e venderle. Mi aiutate. Sono disperata. Sono anche vittima di Equitalia ma per responsabilità dell'ufficio entrate che non mi ha notificato la cartella e poi l' ha passata all'Equitalia. Se qualcuno mi aiuta vi prego sono disperata. Vi stimo Anna
    • Mauro Parilli Utente certificato 11 mesi fa
      Purtroppo, situazioni di questo genere c'è ne sono molte e spero che tu possa avere un aiuto. Ho una amica laureata Bocconi che ha scritto libri, tradotti ed ha una buona conoscenza delle principali lingue, ma non ha i soldi ne per vivere ne per trovare un alloggio, altra Manager qualificata, si trova a dover sopportare degli sprovveduti imprenditori che non solo la pagano poco ma seguono una linea di direzione che li porterà alla chiusura perché non hanno idea come funziona il mercato. Altri che muoiono di fame e potrebbero esprimersi con niente ma la legge non lo prevede. Hanno superato l'età non hanno figli, non sono portatori di handicap, ecc. negli altri Paesi si creano le condizioni per il lavoro a queste persone. A Singapore si danno veramente un gran daffare per includere socialmente tutti. In alcuni Paesi come il Regno Unito o il Canada, abbiamo elaborato strategie turistiche per includere le donne sole come nel tuo caso o molto anziane per renderle operative nelle strutture alberghiere non solo per avere uno stipendio, ma pure per la loro felicità di poter lavorare e quindi non ammalarsi e quindi ancora non gravare sulla spesa pubblica. Io che conosco tutte queste cose e sono considerato come uno dei massimi esperti nel mondo per il turismo, in Italia non mi hanno mai fatto lavorare. Come vedi è un Paese di cui vergognarsi anche se io continuo a crederci per cui auguro pure a te tanta fortuna.
  • giuseppe buonaccordo 11 mesi fa
    "Con gli aiuti alle piccole aziende virtuose ed il reddito di cittadinanza restituiremo alle persone il loro bene più prezioso: il tempo per pensare, progettare, condividere, giocare e vivere dignitosamente" E SOPRATTUTTO IL SORRISO, perché chi non lavora non riesce più a sorridere neanche con i propri figli. Tristezza
  • Giampaolo M5S Utente certificato 11 mesi fa
    Orgoglioso di voi, forza M5S
  • undefined 11 mesi fa
    COMPLIMENTI GRAZIE A VOI MOLTE PICCOLE IMPRESE RIESCONO A SOPRAVVIVERE E A RIPARTIRE. MA MILIONI DI FAMIGLIE SONO A RISCHIO FALLIMENTO NON RIESCONO PIÙ A PAGARE LE BOLLETTE E NON SANNO COME ANDARE AVANTI.NON POTRESTE TROVARE UNA SOLUZIONE ANCHE PER LE FAMIGLIE.UMBRIA MICRO CREDITO SOCIALE PER FAMIGLIE INDIFFICOLTÀ. GRAZIE EVVIVA IL M5S.
  • Nicola Azzarita Utente certificato 11 mesi fa
    io vi ammiro per questa opportunità che avete creato con i vs fondi, ma vorrei raccontarvi la triste esperienza e l'odissea che ho passato personalmente quando anche io con gli ultimi risparmi ho fatto domanda per accedere al microcredito, creando una start up sostenendo spese di costituzione,atti notarili, iscrizioni camera di commercio, apertura partita iva, posizioni inps, e poi ricevere da un istituto di credito che si è regolarmente convenzionato per accogliere queste domande un rifiuto senza alcuna motivazione. Ritengo che la mia esperienza negativa andrebbe altrettanto presentata per aprire un contraddittorio paritetico per dimostrare anche le problematiche negative che sicuramente non sono attribuibili ad una vs diretta responsabilità, ma che hanno un colpevole in istituti bancari ancora miopi verso progetti innovativi, commissioni interne all'istituto che non sanno leggere un business plan correttamente,e decidono di bloccare progetti che meritano credito .E'un ulteriore dimostrazione di come sia difficile fare impresa in Italia per gli invisibili e come sia facile ricevere fondi milionari senza garanzie di restituzione per i grandi imprenditori, massoni e politicamente protetti.Scusate ma io non ci credo!!!!!
    • Ottavio Arcaini Utente certificato 11 mesi fa
      La penso come lei. Mettere i fondi dei Nostri eletti in mano alle banche è una soluzione che non mi ha mai convinto ( e a pensar male...). Ma non era che nessuno doveva rimanere indietro? O sono le banche a decidere chi può e chi no? Sono molto deluso e non solo io. Un mio amico ci ha provato ma inutilmente. E pensare che l'avevo convinto con molte argomentazioni e buoni propositi.
  • Ottavio Arcaini 11 mesi fa
    Ma il microcredito non doveva servire anche per aiutare le piccole e medie imprese in crisi o con problemi con le banche? Perchè si parla di aiuti a imprese virtuose o con idee moderne e innovative? Mi dispiace, ma penso che per chi è in seria difficoltà non c'è M5S che tenga.
    • damarice santos Utente certificato 11 mesi fa
      Ciao a tutti .La ringrazio molto di ms. ANISSA per il vostro supporto e assistenza per l'avorio per salvare la mia azienda per me. Ancora una volta, grazie per questo prestito che ho fatto sabato mattina . Per coloro che vogliono ottenere aiuto qui è il contatto della signora ANISSA : developpement.aide@gmail.com
  • pietruccio mannino Utente certificato 11 mesi fa
    Alleanza Fatto Quotidiano.it e Il Tempo di Roma, del gruppo Angelucci, per mazzolare il movimento e la Raggi. Stesso pseudo giornalista Vincenzo Bisbiglia scrive sulle due testate.
  • giovanni . Utente certificato 11 mesi fa
    AMICI 5* vi faccio un favore non comprate il TrackR è una truffa. Non funziona sono soldi buttati dalla finestra
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 11 mesi fa
    Anche se non tanto micro in questo caso, il sostegno alle piccole imprese, alle start up, alla ricerca e alle idee innovatrici è' potenzialmente decisivo per lo sviluppo socio-economico di un territorio, soprattutto nel Sud del Paese.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus