Gli interessi sugli interessi delle cartelle Equitalia

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

anatocismoequitalia.jpg

intervento di M5S Camera

"Banche strozzine e Stato cravattaro vanno sempre a braccetto. Vi ricordate l’anatocismo bancario? Ossia il pagamento degli interessi sugli interessi (e non solo sul capitale) a carico di chi deve rimborsare un prestito agli istituti?
Bene, ora è ricomparso il suo fratello gemello, ossia l’anatocismo fiscale. In pratica, sulle cartelle Equitalia (ma anche degli altri riscossori) si pagano non solo gli interessi di mora su imposte e sanzioni, ma anche su sanzioni e interessi dovuti, ad esempio, al ritardo nell'iscrizione a ruolo e nel caso di dilazione nella rateazione del pagamento delle cartelle stesse.

VIDEO Come controllare se la tua cartella Equitalia è illegittima


Hai chiesto più tempo per pagare? Il termine scade? Bene: partono gli interessi sugli interessi.
La norma, scandalosa persino per il governo Monti, era stata cancellata da un decreto del 2012. Ma adesso è all’esame delle Camere un decreto legislativo della delega fiscale, quello sulla riscossione, che reintroduce la norma da usura. E pensare che qualcuno aveva pure esultato per la riduzione dell’aggio esattoriale, passato dall’8% al 6%. Il Fisco strozzino, si sa, con una mano dà e con l’altra si riprende sempre tutto. Con gli interessi (sugli interessi)." M5S Camera

PS: E' disponibile, in offerta libera, il libro #MuriamoEquitalia che raccoglie le testimonianze degli sventurati che hanno avuto a che fare con Equitalia e hanno raccontato la loro storia nei commenti sul blog!

muriamo_banner_.png

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus