Il M5S si taglia gli stipendi e finanzia 23 scuole in Basilicata

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.


di Gianni Leggieri e Gianni Perrino, portavoce regionali M5S Basilicata

Il MoVimento 5 Stelle in Basilicata ha incontrato i rappresentanti delle 23 scuole che hanno aderito al progetto ‘Facciamo Scuola’, iniziativa finanziata grazie al taglio degli stipendi dei Portavoce regionali Perrino e Leggieri.
L’incontro è stato molto utile per capire realmente le esigenze dei vari istituti e per mettere meglio a fuoco i vari aspetti che riguarderanno la fase di realizzazione e rendicontazione del progetto. Nei prossimi giorni, dopo aver verificato gli ultimi aspetti tecnici e burocratici, procederemo con l’accredito delle somme.
Come preannunciato nei giorni scorsi, verranno finanziati tutti i 23 progetti pervenuti, iniziando dai primi 14, per i quali sono già disponibili 140mila euro. Si tratta di progetti molto interessanti che spaziano dal rinnovamento delle attrezzature obsolete dei laboratori delle scuole (computer, strumenti per la didattica, etc.), fino ad arrivare a veri e propri ampliamenti dell’offerta formativa con il coinvolgimento diretto degli studenti.
Stiamo dimostrando sempre più che un altro modo di fare politica è possibile, anche in Basilicata.
Per oggi lasciamo un attimo da parte la polemica politica per goderci a pieno questo momento, rinfrancati dall’energia positiva proveniente dalle scuole lucane: non vediamo l’ora che questi progetti inizino a prendere forma.
Chissà, forse anche i Colleghi Consiglieri Regionali degli altri partiti seguiranno il nostro esempio.
Qui l’elenco dei progetti finanziati.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus