La Cina blocca l'import di Gorgonzola e Taleggio. Decisone grave e politica

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Lombardia

La Cina, come denunciato nei giorni scorso da Assolatte, ha fermato alle dogane diversi carichi di formaggio italiano, precisamente di Gorgonzola e Taleggio Dop, a causa della presenza di fermenti e muffe nei prodotti che non sono previste nelle restrettive norme cinesi.
Mentre il nostro Ministero sta prendendo la cosa con eccessiva calma e diplomazia, c'è un intero settore in agitazione, dato che parliamo di un eccellenza italiana che produce un giro di affari di oltre 500 milioni di euro.
I cinesi non hanno il diritto di "giudicare" un prodotto che evidentemente non conosce. Parliamo di due Dop che devono sottostare per definizione a determinati standard geografici e qualitativi.
Qui si mette in dubbio la cultura e la storia del nostro paese che in questo settore è, non a caso, leader mondiale. Fa un po' ridere che questo "stop" arrivi dalla Cina, dove perversa la contraffazione alimentare dei nostri marchi. Non vorremo che questa possa essere una strategia della Cina per acquisire "potere" contrattuale in vista di futuri negoziati. Oppure una ricatto in vista per l'Italia dopo le ultime decisioni prese a Bruxelles. L’Europa infatti deve prendere una posizione importante sul riconoscimento dello status di economia di mercato alla Cina. L’Italia, grazie alla dura presa di posizione del MoVimento 5 Stelle al Parlamento europeo, si è schierata per il No, nonostante le aperture di Calenda.

Alla luce di questa decisione fermare i nostri formaggi diretti in Cina appare un vero e proprio ricatto per ammorbidire la posizione italiana.
Ma nei fatti quella della Cina è una misura totalmente ingiustificata e senza senso che sa di beffa, e ancora una volta mette in evidenza quanto il nostro Governo, da cui ora aspettiamo una reazione forte in difesa del nostro formaggio, sia debole nel mondo. Non dobbiamo cedere. L'obiettivo ultimo è fermare la contraffazione alimentare che danneggia l'agricoltura e l'economia del nostro Paese. Vogliamo criteri trasparenti che diano la possibilità a tutti i produttori di essere tutelati dal plagio e dalla truffa dell'imitazione.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Anna M. 4 mesi fa
    Ognuno dovrebbe produrre e consumare prodotti di 'Casa propria', rispettando gusti e costumi locali. Meno sprechi di carburante per l'export, migliore qualità dei prodooti e più rispetto delle diversità. Certo che i 'mondialisti globalizzati', le 'multinazionali' e la follia che si è impossessata del genere umano non può essere d'accordo. Temo a breve l'estinsione di tutte le diversità... della ricchezza vera, in somma.
    • Lorenzo Accornero 4 mesi fa
      Assolutamente d'accordo. Oltre come,lei sottolinea,a ridurre le emissioni di CO2,con le filiere corte si ha un maggior controllo dela qualità di un prodotto. Alla Cina non si può dare torto,perchè i formaggi a pasta molle sono suscettibilissimi alle alterazioni chimiche. Uno dei primi fattori oltre al tempo del viaggio sono gli eventuali sbalzi termici della temperatura di conservazione degli stessi latticini.
  • Giuseppe Di Dio 4 mesi fa
    Solo poche parole, vero che gorgonzola e taleggio sono formaggi assolutamente fantastici e ne sono orgoglioso, premessa per non decorrere in anti-Italiano. Tutto lo schifo che arriva dalla Cina e' stato comprato da aziende Italiane, sotto a direttive e specifiche delle aziende Italiane, solo una piccola minoranza va ai piccoli negozi cinesi, i giocattoli, vestiti e altro, fatto in grandissime quantita.... pensate che la Cina mandi tutti quei prodotti in cerca di un cliente in Italia?
  • Stefano P. Utente certificato 4 mesi fa
    E i formaggi francesi invece?
  • niko d. Utente certificato 4 mesi fa
    Bene ... e noi dovremo ribattere applicando dei dazi ai prodotti cinesi tipo giocattoli, gadget, oggettistica. Pensate se si applicasse anche solo qualche centesimo a pezzo di dazio ... con l'enorme quantitativo di prodotti cinesi ci sarebbe un incasso enorme per le casse statali ... e si limerebbe la spropositata 'competizione' con i prodotti made in italy. PS: ma vista la qualita' dei nostri governanti collusi (PD in primis)... in Europa si propone il MES alla Cina :( :( :(
    • niko d. Utente certificato 4 mesi fa
      errata corrige: 'competitività' e non 'competizione'
  • Roberto Augustinus 4 mesi fa
    Sono stati fermati anche i formaggi francesi equivalenti come il Roquefort ed altri. Tutti a pasta molla e di origine di latte crudo. Le giustificazioni sono di origine sanitario. Forse potrebbe essere utile approfondire meglio.
  • Giovanni F. 4 mesi fa
    ma si mangiassero i cani e gli scarrafoni.
    • Zampano . Utente certificato 4 mesi fa
      L'UE vuole che li mangiamo anche noi... https://www.wired.it/lifestyle/food/2017/07/14/insetti-commestibili-italia/
  • Renzo Grillo 4 mesi fa
    Bisogna assolutamente bloccare tutta la porcheria che arriva dalla CINA. Giocattoli, abbigliamento, articoli per la casa. Se analizziamo bene gli articoli che acquistiamo 99% non sono fatti in Italia. Poi ci lamentiamo che non c'è lavoro e l'economia non parte. E' ovvio che se siamo invasi da prodotti scadenti a basso prezzo ci sarà sempre qualcuno che li compra pur di risparmiare visto gli stipendi e le pensioni indecenti.
  • tarcisio veschi 4 mesi fa
    Le ritorsioni Americane contro Russia e Corea, alle quali noi supinamente aderiamo, iniziano a farsi sentire , e siamo solo all'inizio. Ma ci raccontano che tutto va bene, il PIL aumenta, il lavoro cresce, la disoccupazione diminuisce, etc. Ma agli Italiani va bene così.... Serve gente nuova a governare con un po' di orgoglio e dignità.
  • carlo p. Utente certificato 4 mesi fa
    ma se dalla cina arrivassero 7 mila cani pronti ad essere mangiati ( come fanno loro), tu li fermeresti alla frontiera o no? nel senso..ognuno decide di mangiare quello che vuole e se i "funghi" fanno schifo, a noi fanno schifo i cani.
  • RENZO D. Utente certificato 4 mesi fa
    Non sono i nostri formaggi che devono essere fermati, ma fermare questi governi in Italia nati da parti e persone in stato di decomposizione, incompetenti e ladri.. IO HO VOTATO M5S E VOTERÒ M5S..
  • tullio s. Utente certificato 4 mesi fa
    I cinesi, che non hanno più api perchè sono morte tutte per colpa del loro inquinamento, esportano "miele" ultrataroccato in Francia, dove due barattoli su tre contengono melassa. Se io difendo il mio diritto di non importare merda, ho anche tutto il diritto di incazzarmi se quegli insetti gialli (i cinesi) rifiutano i nostri prodotti di ECCELLENZA. Non possono pretendere di considerarsi uguali a noi. Come quei porci degli inglesi, che dicono che il nostro vino fa male ai denti (Forse, quello di Zonin).
    • Zampano . Utente certificato 4 mesi fa
      Magari fosse melassa, ma è una sorta di caramello costituito da acqua, zucchero e non so quale altro ingrediente. La consistenza è quella del miele ma è più scuro e ha un sapore terribile. Ha invaso anche i mercati della Russia e viene venduto all'interno di simpatici contenitori di vetro a forma di orsetto.
  • Anna Bondi 4 mesi fa
    il nostro paese uccide le imprese italiane ,mentre quelle cinesi prosperano nel pieno abusivismo e illegalità. per non parlare delle attività bengalesi che per i primi due anni non pagano tasse. motivo per cui cambiano spesso il nominativo della gestione. le attività degli stranieri fanno soldi al punto che nei negozi per trasferire il denaro ci sono sempre file. invece aumentano gli italiani che fanno la fila alla caritas. che fine abbiamo fatto!
  • Giovanni F. 4 mesi fa
    Meglio così, ce lo mangiamo noi, tanto non capiscono una mazza. Intanto controllare quante e quali attività commerciali loro sono in regola col fisco e la sicurezza, o dobbiamo stare allo strapotere loro?
  • Franco iannucciello 4 mesi fa
    Cari amici del MV5S Beppe Grillo Davide Casaleggio buon giorno a tutti voi, di questo è molto chiaro da tempo che io dico la Cina e lo stato Mafia Massoneria di questo governo criminali creato da Giorgio Napolitano è un vero complotto della repubblica italiana. Purtroppo questa Italia se non governa il MV5S è andare a voto subito c'è il rischio ché sarà sotto Regime delle Europa, Cina, America, insomma come dissi da tempo che scrivo sul blog di Beppe Grillo gli italiani non rimarrà più niente, è questo invasione è già la fine della nostra identità e culturale, grazie a questi traditori Giorgio Napolitano Renzi Gentiloni Berlusconi Verdini Alfano Boldrini Sergio Mattarella Grasso, sono queste le persone ché contribuiscono la distruzione del nostro Paese. Sergio Mattarella è l'esempio della scelta nominato da presidente della repubblica di Stato mafia Massoneria. Io non vedo l'ora che si arrivi a votare in Sicilia il 5 novembre per la presidenza della Regione Sicilia e qua ché parte tutta la verità cosa vuole il popolo Siciliano, per il destino di tutti gli italiani, io sono ottimista per Giancarlo Cancellieri !!!!! Franco WMV5S
  • elena guerini Utente certificato 4 mesi fa
    Incominciamo a pensare seriamente a far pagare le tasse dei numerosi negozi cinesi sul territorio italiano
  • Augustarello de Roma 4 mesi fa
    A questo punto un governo serio ( tipo Merkel ) ,dopo aver approfondito la questione, dovrebbe iniziare a controllare i negozi cinesi che non rilasciano scontrino fiscale e tutte le aziende che hanno lavoratori in nero. Dopo vediamo se il gosgonzola gli fa ancora tanto schifo.
  • flavio guglielmetto mugion Utente certificato 4 mesi fa
    INCREDIBILE DAVVERO. NON COMPRIAMO PIU' RISO CINESE.
  • Maria P. Utente certificato 4 mesi fa
    mi fa ridere che i Cinesi blocchino il nostro meraviglioso gorgonzola e l'altrettanto meraviglioso taleggio, loro che mangiano di tutto fermentato in ogni modo... sono più propensa a credere che sia una nuova forma di ricatto nel quale loro sono laureati con lode!!!
  • ROSSANA I. Utente certificato 4 mesi fa
    NON HO PAROLE!!! Con tutta la PORCHERIA che arriva dalla Cina!!!! Chi glielo ha permesso!!!!
  • Zampano . Utente certificato 4 mesi fa
    Ci si preoccupa tanto della Cina ma poco dei contratti persi con la Russia a causa dell'UE e dei nostri poltronari. Mandiamo presto a casa quelli del PD, che non hanno mai difeso le nostre eccellenze. Persino il vino italiano, che in questi giorni in Inghilterra è stato attaccato da giornalisti prezzolati (che forse lavorano per le lobby britanniche della birra) ed è stato dipinto come prodotto nocivo alla salute. Martina però s'è guardato bene dall'incazzarsi, ha fatto solo le sue battutine, il nostro stipendiato...
  • Vittorio 4 mesi fa
    Non sono d'accordo. Come noi vogliamo poter decidere cosa importare in Italia (vedi OGM), anche loro possono decidere cosa importare. Per il resto dispiace che si perdano una tale delizia, ma dovrebbero essere proprio i consumatori cinesi che li consumano a protestare...
  • terenzio eleuteri Utente certificato 4 mesi fa
    Un paese che autorizza l'esportazione anche della merda trasformata, ha dubbi sulla qualità del prodotto alimentare italiano.......che buffo !!
  • Ponzio P. 4 mesi fa
    Ah sììì?? E allora noi blocchiamo l'importazione di RISO! Che se lo mangino loro. Noi ci teniamo la pasta.
    • enzo calderini 4 mesi fa
      Fate come me, perdete un po di tempo a leggere le etichette,se non c.è scritto PRODOTTO IN ITALIA,lo rimettete nello scaffale.Stessa cosa per il vestiario.
    • Beppe A. Utente certificato 4 mesi fa
      nonostante siamo il piu' grande produttore europeo, aumentano le importazioni del 500%. Grazie U€ http://www.targatocn.it/2017/02/27/leggi-notizia/argomenti/agricoltura/articolo/importazione-di-riso-in-italia-da-record-nel-2016-coldiretti-piemonte-bisogna-intervenire-al-piu.html
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus