Buoni pasto: dal 2019 stop al trucco dell'IVA che danneggia i piccoli commercianti

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Tiziana Beghin, Efdd - MoVimento 5 Stelle Europa

Ricordate il caso legato alla truffa dei Buoni Pasto? Il fenomeno da noi denunciato dovrebbe finalmente subire delle pesanti modifiche! La Commissione europea ha infatti risposto alla nostra interrogazione affermando che la nuova Direttiva, che entrerà in vigore a decorrere dal 1° gennaio 2019, non dovrebbe più rendere possibile "il gioco di prestigio" sull'IVA che permette aliquote differenti a vantaggio delle grandi aziende emettitrici di buoni pasto.

Tuttavia, la Commissione europea ha sapientemente evitato di rispondere alla nostra ultima, e a mio avviso fondamentale, domanda. E cioè se la disciplina italiana alteri la concorrenza a livello europeo rendendo più competitive le società che operano sì in Italia, ma che in realtà sono grandi multinazionali del settore. Parliamo di un fenomeno che soltanto nel nostro Paese mette in gioco oltre 3 miliardi di euro: avevate dubbi sul fatto che la Commissione avrebbe fatto orecchie da mercante a precisa domanda che metteva in discussione un business miliardario?

Per noi il trucco dell'IVA deve cessare subito, senza aspettare la direttiva europea. Ecco perché abbiamo presentato una proposta di legge (trasformata poi in emendamento alla Legge di Bilancio) che fissa un tetto massimo sia agli sconti sia ai termini di pagamento che le società di emissione dei buoni pasto possono praticare nei confronti degli esercizi. I corrispettivi riconosciuti all'emittente non possono essere superiori al 4% del valore del ticket e il saldo deve avvenire entro 60 giorni al massimo dall'emissione della fattura.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • GIORGIO S. Utente certificato 17 giorni fa
    si mettano i buoni in busta paga e si finisca con questa buffonata.
  • magiare di mmmm 20 giorni fa
    c'è stata una volontà politica di sostituire i buoni pasto per gli studenti universitari in mense universitarie. il risultato è stato pessimo perché molti ristoratori che lavoravano con gli studenti, tra l'altro accontentandosi delle briciole sul guadagno, si sono trovati dall'oggi al domani senza i buoni pasto e con gli studenti che alla mensa mangiano così male che molti manco ne usufruiscono più. allora Io dico a questi studenti ... andateci alla mensa e poi se non mangiate quella roba regalatela ai migranti così vederemo se loro la riescono a mangiare o se ve la spotano in faccia. ripristinare i buoni pasto per gli studenti è cosa buona e giusta ma in itaGlia non piacciono le cose buone e giuste altrimenti non sarebbe così critica la situazione.
  • Gianpiero C. Utente certificato 20 giorni fa
    La realtà è che le commissioni arrivano anche al 18%, un assurdità documentabile perchè sono un ex commerciante che vissuto in prima persona questo sopruso.La vera vittoria sarebbe eliminare i ticket, e far sparire quei parassiti che li gestiscono
  • crespi sergio 20 giorni fa
    Non si comprende per quale motivo un rimborso spese che si potrebbe semplicemente dare direttamente al dipendente, debba passare attraverso un vero e proprio "pizzo" di incredibili proporzioni. Non parliamo dell'attuale 12/15%, vera e propria estorsione senza che alcun servizio venga dato in cambio né all'azienda né al commerciante, ma anche il 4% è troppo. Perchè non dire semplicemente, si possono dare fino a 300 euro al mese esentasse? C'è bisogno di arricchire gente che è parassita della società? perché e per quali interessi avviene tutto ciò?
    • Gianpiero C. Utente certificato 20 giorni fa
      la vera vittoria sarebbe eliminare i ticket, e far sparire quei parassiti che li gestiscono
  • Paolo grabar 21 giorni fa
    Inoltre accade un altra cosa totalmente illegale e cioè che le aziende di buoni pasto tratteggono ai commerciati la quota (che arriva comodamente oramai al 12%) anche sull'iva e non solamente sull'imponibile come dovrebbe essere. Paolo.
  • Paolo.T Utente certificato 22 giorni fa
    In Germania IVA è al 19%.Noi invece abbiamo il rimborso del 730 al 19% mai adeguato a IVA. Molti connperano online Germania ecc.... dove IVA è piu bassa.Aumentate ancora L'IVA aumenterà ancora di piu il nero e le compere online.
    • disastri annunciati 20 giorni fa
      avevano deciso di aumentare l'iava al 25% ma per paura di perdere ancora più consensi ( piddim e traditori destrorsi ) hanno deciso di fare una legge finanziari senza copertura ( la copertura effettica è circa 1 quarto ) lasciando i 3/4 sulle spalle dei prossimi governanti quindi sia che vinca il m5s e sia che vinca la lega ci sarà questo buco immenso difficile da ripianare. la lega ha già il progetto per risolvere mentre il m5s ancora no... spero che ne facciate uno al più presto di modo da essere pronti per il prossimo anno sempreché non troveranno un trucco per tarokkare le elezioni e rimanere li a fare ancora disastri.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus