Cagliari 5 Stelle con Antonietta Martinez sindaco e senza Equitalia

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Luigi Di Maio

Sono venuto qui a dire ai cittadini: proviamo insieme ad osare un po di più e cominciamo a far saltare quelle cose che stanno opprimendo la cittadinanza, a partire dalla tassa sui rifiuti.
Mettiamo in piedi un sistema chiaro di tariffa puntuale. Io voglio pagare l'immondizia per quanta immondizia produco.
Il punto non è che cosa c'è scritto nel programma, ma la credibilità di chi lo porta avanti.
Perché i programmi, se andate a vedere anche in questa città ci scommetto quello che volete, dicono tutti le stesse cose. Il problema è chi di quelli che portano avanti questi programmi è credibile, cioè fa quello che dice.
Di certo non uno che ha già governato questa città e non l'ha fatto in passato.
Scusate che senso ha che un sindaco già eletto presenti un programma per cambiare la città, ha avuto 5 anni per farlo.
Ho incontrato tantissime persone: studenti, casalinghe, disoccupati, commercianti e sapete qual'è la parola che mi è stata detta più frequentemente? SPERANZA.
Vogliamo parlare poi dei rifiuti? Voi sapete che noi non arriviamo al 32% della raccolta differenziata? Sapete che l'importo della Tari è aumentato dal 2010 al 2013 del 100%?
Andiamo a guardare il passato politico di queste persone. Questi personaggi non sono altro che il concentrato della partitocrazia.
Noi porteremo avanti la speranza che Cagliari diventi finalmente una città 5 stelle.

Il futuro sindaco di Cagliari speriamo innanzitutto che sia un sindaco che tagli Equitalia, che faccia un reddito di cittadinanza comunale come l'abbiamo fatto noi a Livorno, come abbiamo eliminato Equitalia in 10 comuni su 15 che governiamo. Il comune di Livorno eroga il Reddito di Cittadinanza Comunale a 100 famiglie. 100 famiglie che non avevano lavoro che rientrano nei 2 milioni di famiglie italiane che l'Istat ha censito come famiglie senza lavoro in Italia. Il debito ha un nome e cognome, sono i partiti che hanno già governato e che hanno utilizzato questi comuni come Bancomat. Se ci consentirete di governare i grandi comuni italiani, noi di quel Bancomat non abbiamo bisogno perché tutte le iniziative le finanziate voi con le vostra micro-donazioni.
Tutte le campagne elettorali le abbiamo sempre finanziate con quello che ci davate.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Zampano . Utente certificato 1 anno fa
    "Io voglio pagare l'immondizia per quanta immondizia produco." Magari fosse, caro Dima, magari! Davvero un sogno a cinque stelle. Sfortunatamente in Italia non si paga sulla base della monnezza prodotta ma di quella "immaginata" dai burocrati , che non perdono occasione per tassare anche chi non produce rifiuti. Faccio un esempio, conosco uno che possiede un magazzino vuoto e ciò nonostante deve pagare la tassa anche se questo è sfitto e non produce alcunché! Così paga doppia tassa, quella di casa e quella del magazzino. A Cagliari presumo sia anche peggio, perchè, da quel che leggo sull'Ansa, si paga la Tari più alta d'Italia. Auguri alla Martinez, l'aspetta un grande lavoro!!!
  • tomi sonvene Utente certificato 1 anno fa
    Credo che la Sardegna, ed in particolare Cagliari e territori limitrofi, dovrebbero avere un turismo MOLTO superiore alle Maldive. Il reddito di cittadinanza e' una misura indispensabile in una italia disperata, Ma e' fondamentale che un Sindaco cerchi di capire bene le possibilita' dei propri territori e cerchi di permettere e promuovere, le attivita' economiche piu' adatte. Si tratta di essere vicini ai cittadini, di capire bene i loro problemi e le loro difficolta' e, talvolta, anche di trasmettere loro concetti di produttivita' e progettualita'. Togliere ogni tipo di ostacolo e di vessazione e, appunto cercare ogni mezzo per trasformare stili di vita attendisti, in progettuali. Forse la Siclia maggiormente, ma, anche la Sardegna, in relazione a clima e natura, storie e tradizioni, culture e accolglienze, dovrebbero essere i posti piu' ricchi e felici del PIANETA, e sono sicurissimo, che un buon governatore e buoni sindaci, riuscirebbero ad arrivare a tutto questo.
  • Mario C. Utente certificato 1 anno fa
    In Sardegna il Reddito di Cittadinanza è stato istituito dall'articolo 33 comma 2 della legge 23 del 23 dicembre 2005. Più di 10 anni di diritto negato ai sardi e ancora nessuno lo sa. C'è un gruppo di ragazzi che si da da fare per chiedere il rispetto della legge e l'attuazione di questo diritto, si sono raccolti in un comitato spontaneo civico per il reddito di cittadinanza in Sardegna. Sono ragazzi in gamba vanno aiutati e sostenuti! Non permettete che la battaglia venga rubata propagandisticamente dai partitocrati sardi che di queste cose son capaci solo di riempirsi la bocca in campagna elettorale...
  • flavio pilloni 1 anno fa
    Ho letto l editoriale di ieri domenica su la repubblica di Scalfari: anche lui sta mollando il bomba che è sempre più solo nel suo infantile mondo di selfie facebook instagram twitter che mal si addice ad un presidente del consiglio. Ormai i cittadini sono maturi per il salto politico in Italia verso l onestà. Sursum corda!!
  • pasquino 1 anno fa
    ..qualunque cosa proponi in favore dei "cittadini" c'è sempre chi crede ci siano altri problemi.. magari più importanti...ma per fortuna ci sono i cittadini a decidere... in alto i cuori, sempre col M5S!
  • matio pugliese 1 anno fa
    siete grandi andate avanti io sono con voi. se avete bisogno mi trovate sempre.
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    A parte i rifiuti, equitalia e il reddito di cittadinanza, immagino che Cagliari abbia altri problemi magari piu' strutturali e legati alle problematiche produttive e del lavoro.
    • FABIO B. Utente certificato 1 anno fa
      intendi abbia -anche-
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus