In Svezia tagliano l'Iva per evitare l'usa e getta

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

da FiscoOggi.it

Sorpresa! Dopo decenni di revisioni verso l’alto, la curva dell’Iva svedese potrebbe tornare a scendere. Il Governo, infatti, ha deciso di affrontare definitivamente, e con decisione, il problema rappresentato da una crescente tendenza della cultura “usa e getta”, escogitando una serie di misure fiscali ad hoc che, al contrario, mirano a rivitalizzare il settore da decenni in declino delle riparazioni dell’usato.

L’Iva dimezzata per gli esperti in riparazioni - In pratica, per gli operatori attivi, per esempio, nei settori della riparazione di biciclette, abiti e scarpe, l’Iva scenderebbe dal 25 al 12 per cento, determinando, almeno secondo quanto stimato dai tecnici dell’Economia, un risparmio netto per utente, o cliente, di circa 40 euro per singola riparazione. Ed è solo l’inizio d’una serie di agevolazioni alternative ancora allo studio che, a regime, renderebbero insensato economicamente, oltreché sconveniente fiscalmente, buttare fuori gli oggetti vecchi o rotti e comprarne di nuove. Insomma, il fisco scenderebbe in campo per rivitalizzare l’industria del riuso, delle riparazioni, frenando il ricorso al consumo sfrenato di beni e oggetti.

Spazio anche agli elettrodomestici e lavatrici – L’eco-impulso del fisco svedese non si fermerebbe alle piccole riparazioni ma coprirebbe anche il riutilizzo di elettrodomestici quali frigoriferi, forni, lavastoviglie e lavatrici, e naturalmente caldaie e refrigeratori, condizionatori ecc….Al riguardo però non soltanto si provvederà alla rimodulazione verso il basso dell’Iva ma si varerà un credito d’imposta su misura che permetterà di compensare le imposte sui redditi dovute con le spese sostenute in corso d’anno per le riparazioni di questi beni, il cui elenco potrebbe essere ulteriormente arricchito.

Spazio all’usato - "Crediamo che queste misure potrebbero contribuire ad abbassare notevolmente i costi delle riparazioni e, al contempo, rendere più razionale il comportamento economico del riparare la merce, il bene piuttosto che disfarsene per correre a riacquistarne di nuovi", è la dichiarazione rilasciata da Per Bolund, ministro svedese per i mercati finanziari e per i problemi dei consumatori, all’indomani dell’annuncio della svolta fiscale pro-usato e pro-riparazioni.
In pratica, la speranza del Governo è che la riduzione fiscale sulle riparazioni fornirà uno stimolo decisivo per la creazione di una nuova industria, quella dei servizi di riparazione, fornendo posti di lavoro tanto necessari in particolare per i nuovi immigrati che non hanno istruzione formale.

Non solo fisco-verde, ma una sottile strategia economica della crescita - Naturalmente, gli incentivi sono parte di uno spostamento di attenzione del governo dalla questione della riduzione delle emissioni nocive di anidride carbonica prodotte a livello nazionale al freno delle emissioni legate, in questo caso, ai beni prodotti altrove, soprattutto beni d’importazione quindi provenienti dall’estero. E ciò potrebbe determinare la levata di scudi di altri Paesi membri dell’Unione europea, critici nei riguardi d’una linea fiscale giudicata come un freno all’export, ai consumi e ai trend commerciali tradizionali. D’altra parte, la Svezia è difficilmente criticabile visto che ha provveduto al taglia delle sue emissioni annue di anidride carbonica del 23%, dal 1990 ad oggi, e già genera più della metà della sua energia elettrica da fonti rinnovabili.

La tempistica - Le proposte saranno presentate in Parlamento come parte della legge di bilancio predisposta dal Governo. A questo punto, qualora raccogliessero voti sufficienti nel corso delle sedute di dicembre, saranno legge a partire dall'1 gennaio 2017.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • aliciazara aliciazara Utente certificato 1 anno fa
    di fondi prestiti offrono 1500 € 10.000.000 € a chiunque in grado di rimborsare me con un tasso di interesse del 2% - il finanziamento di prestiti - Real Prestito Estate - Prestito Auto - Consolidamento del debito - Rifinanziare - prestito personale - prestito commerciale - Gli studenti di prestito si sono bloccati o vietare banca. Se siete veramente nel bisogno, vi prego di contattarmi per ulteriori informazioni. Vi prego di contattarmi via e-mail: alicia.zara@mailfence.com.   Cordiali saluti. No astenersi serio.
  • banderas rodrigue Utente certificato 1 anno fa
    Buongiorno Ho trovato il sorriso è grazie a questo signor PASCAL DURAND, è grazie ad essa che ho ricevuto un prestito di 100.000€ nel mio conto il sabato a 16:30 cronometri e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di questa signora senza alcuna difficoltà. Li consiglio più voi non fuorviate persone se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro o per iniziare le vostre attività. Pubblico questo messaggio perché questo signore il mio fatto del bene con questo prestito. È tramite un amico che ho incontrato questo signore onesto e generoso che mi ha permesso di ottenere questo prestito. Allora vi consiglio di contattarla e li soddisfarà per tutti i servizi che gli chiederete, che quello sia in Italia o in Spagna, la Francia anche. Ecco il suo indirizzo elettronico: creditmutuelbanquetransfertrap@gmail.com
  • Italo Pelizzola Utente certificato 1 anno fa
    L'attuale sistema mondiale punta sulla crescita continua ed e` una pretesa demenziale in un sistema chiuso come la vita su un pianeta. Sono tante le cose demenziali su questa Terra, come il far denaro col denaro o addirittura con la carta o i soli numeri su uno schermo pc. Il continuare a riprodurci nonostante l'elevato numero di abitanti sulla Terra. Il continuare a costruire e vendere armi, da usare contro i nostri simili. Il continuare a inquinare l'aria, le acque e i suoli dove dovremmo vivere tutti quanti. E allora, anche se e` un micro passo incominciamo a ridurre l'iva sulle riparazioni, anche se la mossa fa un po' ridere di fronte alla mole di problemi da noi creati.
  • cherif roberto karl-Heinz Utente certificato 1 anno fa
    Ascoltate cari amici, vengo ad avere il mio prestitone signora ANISSA KHERALLAH questa dopomezzogiorno e preferisco condividere questa gioiacon tutti voi. Il mio nomeè Cherif Roberto Karlheinz. Dopo gli avvisi ed alleprove che ho visto su beppegrillo.it, ho tentato lamia possibilità con questa donna meravigliosa eciò è stata una realtà per me. Non è come gli altriche li volano e che non ci concedono mai ilprestito che si chiede. Voi fatta più non fuorviareda questi prestatori che non sono seri. Per tutta lavostra necessità volete contattarla sul suoindirizzo che è developpement.aide@gmail.com Signora ANISSA KHERALLAH è un po'rigorosa,ma avrete il vostro prestito. Ora posso benecostruire la mia casa, che dio vi benedica signorae che la sua bontà sia sempre su voi
  • Pietro Brogi 1 anno fa
    Facciamo un passo più avanti: aboliamo l'IVA su tutta la porzione lavoro dei costi del prodotto in ogni settore, questo darebbe una spinta all'attività artigianale, professionale, alle industrie che retribuiscono giustamente il lavoro senza sfruttarlo.... applicando cioè le prime parole della nostra Costituzione: L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro.....
  • Luca B 1 anno fa
    Qualcuno può spiegarmi che senso ha l'IVA applicata su prestazioni professionali ? Quale è il valore aggiunto ? Su che cosa ? A dire la verità non la capisco neanche applicata alle merci. Quando ho comprato un tagliaerba nuovo, lo stato si è preso il 22%. Sicuramente ne il venditore, ne il produttore hanno guadagnato così tanto nella operazione. L'IVA va abbassata o eliminata, altro che aumentarla!!
  • Saiani 1 anno fa
    Ottimo! Ma non viene preso in considerazione il rovescio della medaglia: la riduzione della produzione di beni nuovi non porterà di conseguenza alla perdita di posti di lavoro nell'industria?
    • GREGOIRE ROGER WILFRIED Utente certificato 1 anno fa
      Ciao a tutti Per chi cerca un supporto finanziario, serio e veloce per l'acquisto della vostra auto, casa, avviare una piccola impresa, o esigenze personali, ma sono incapaci di ricevere assistenza nella sua banca. Più nessuna preoccupazione; non perdere altro tempo. Mettiamo a vostra disposizione le offerte finanziarie ad un tasso di interesse a prezzi accessibili. Se siete interessati, vi preghiamo di contattarci a questo indirizzo: developpement.aide@gmail.com
  • Fasog Gi 1 anno fa
    Bene rottamiamo il Rottamatore sperando però non ci riciclino ancora Napolitano
  • GREGOIRE ROGER WILFRIED Utente certificato 1 anno fa
    Nuovo per tutti voi! Non perdete l'occasione più Per chi cerca un supporto finanziario, serio e veloce per l'acquisto della vostra auto, casa, avviare una piccola impresa, o esigenze personali, ma sono incapaci di ricevere assistenza nella sua banca. Più nessuna preoccupazione; non perdere altro tempo. Mettiamo a vostra disposizione le offerte finanziarie ad un tasso di interesse a prezzi accessibili. Se siete interessati, vi preghiamo di contattarci a questo indirizzo: developpement.aide@gmail.com Non ingannare più persone, me signora Anissa Kherallah sono per aiutarvi in tutta sincerità
  • claudio m keller sarmiento 1 anno fa
    io ho buttato una lavatrice funzionante per che era più caro il cuscinetto e la riparazione che una lavatrice nuova. Mmmmm. ho riparato una fotocamera euro 200+40 di iva sara possibile.Mmmmm
  • Max Friedrich 1 anno fa
    Buon giorno! Vivo in Svezia, solo questa settimana ho comprato 1. uno schiacciapatate ( € 0.30), 2. ho sostituito il vecchio iPhone con un altro (€ 250.--) e sostituito il vecchio iMac con uno più nuovo (€ 240), tutto perfettamente funzionante e quasi nuovo. Basta solo cercare...ed è facile! Giusto per curiosità fatevi un giro su Blocket.se! Qui nessuno comprerebbe una bici nuova al figlio di 8 anni... saluti!
  • Michele Mazzella 1 anno fa
    Certo che sarebbe un modo corretto di valorizzare professionale che si stanno perdendo, il riuso di strumenti ancora utilizzabili fermerebbero lo spreco a favore della ambiente.
  • antonio 1 anno fa
    loro sono molto più avanti di noi.Purtroppo.
    • aliciazara aliciazara Utente certificato 1 anno fa
      Ciao   Ho messo a disposizione di ogni individuo serio, onesto in grado di rimborsare i prestiti di denaro che vanno da € 5.000 a € 50 milioni a un tasso eccezionale del 2% all'anno per un periodo di rimborso di 1 a 30 anni .   Per maggiori informazioni:   Contatto mail: alicia.zara@mailfence.com
  • albino c. Utente certificato 1 anno fa
    Sono cose intelligenti ma lontane anni luce dalla nostra cultura.
    • antonio giusti 1 anno fa
      non sono distanti anni luce serve un popolo cosciente un governo capace per la richiesta di consumismo in italia hanno favorito sempre le imprese che fuggite all'estero costruivano e vendevano in italia mai favorito il popolo persino eliminarono il commercio dei libri scolastici di seconda mano grazie hai governi complici di imprese della stampa della carta e io pago diceva toto
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    Un Paese che sa adeguarsi ai tempi con l'incoraggiamento alla riparazione e al riuso, la Svezia. Ha anche il coraggio di violare uno dei principi fondamentali del capitalismo che si riassume nel trittico produrre-consumare-distruggere.
  • Amalia Francesca riso 1 anno fa
    La Svezia è un Paese che veramente mette al centro le persone, le famiglie , l'ambiente , basterebbe prendere il buon esempio .
  • antonio giusti 1 anno fa
    TUTTI CAPISCONO COME FARE PER AUMENTARE I CONSUMI PER FAR AUMENTARE IL LAVORO LA PRODUTTIVITA' E NON FAR AUMENTARE I COSTI DI PRODUZIONE E DI VIVERE UNICO MODO IN ITALIA INFLUISCE IL DEBITO PUBBLICO E NON INTERESSA A CERTI GOVERNI VOGLIONO TENERE PREZZI SEMPRE ALTI CAUSA PERDITA VALORE PER LE BANCHE NOI STIAMO TRA L'INCUDINE E MARTELLO BATTUTI TARTASSATI QUELLO CHE PAGA IL POPOLO NON IMPORTA MA FAR PERDERE IL VALORE GLI ENTROITI ALLE BANCHE HAI RICCHI NON SI PUO' LORO NEANCHE UN CENTESIMO DEVONO PERDERE NOI I PIU' CRETINI STUPIDI FESSI DEL PIANETA NESSUNO VEDE CHE VANNO SEMPRE DI CORSA PER MANTENERE IL RITMO DI VITA CHIESTO E DATO INVECE RIDURRE LA VELOCITA' DI UNA ORA DA DARE ALLA FAMIGLIA SAREBBE LA VINCITA' DELLE PERSONE
  • Teresa 1 anno fa
    Scagli la prima pietra chi non ha mai rimpianto la lavatrice buttata via dopo svariati anni di uso, sostituita da una tecnologica che si rompe dopo appena tre anni dall'acquisto (giusto in tempo per essere fuori garanzia)!
  • sebastiano b. Utente certificato 1 anno fa
    Buongiorno Questo è buonsenso, mentre noi seguendo la scia americana ci siamo buttati a capofitto sull'usa e getta, al consumismo, ricordo di una pubblicità del settore elettrodomestici che induceva a buttare il vecchio anche funzionante per il nuovo con rate piccole e senza interessi. Dimenticavo... loro sono SVEDESI,noi NO...
  • Vito Montano 1 anno fa
    Dobbiamo credere nel cambiamento e dargli forza. Viva il movimento!
  • stefano c. Utente certificato 1 anno fa
    ottima iniziativa la prima lavatrice acquistata è durata 25 anni due riparazione nella sua vita. meno discariche piene (siamo sommersi dalla spazzatura) meno tasse sulla spazzatura meno camion che inquinano per prendere le cose rotte e per consegnare quelle nuove meno volantini nella cassetta della posta per le promozioni sul nuovo maggiori vantaggi fiscali a quando in Italia??
  • Raffaele Casetti 1 anno fa
    Ma l'Europa non doveva emettere delle norme per contrastare l'obsolescenza dei prodotti elettronici? Cosa aspettano? Ah già, sono troppo impegnati a far entrare olio tunisino, arance marocchine ed i prodotti americani al cloro...
  • mario 1 anno fa
    alla Svezia non servono, evidentemente, miliardi di gettito per "mantenere" i propri politici. Loro possono anche farlo.
  • stefano porru 1 anno fa
    salve come mai noi del settore usato lo stato ci impone l iva al 22 senza sconti,visto che è gia stata pagata a sua volta quando fu comperata? grazie Stefano Porru Boutique dell usato Cagliari
  • rosanna scarpa 1 anno fa
    perche' gli altri sono sempre piu' svegli di noi? ma noi siamo furbi, o cosi' pensiamo, e prendiamo sempre gli esempi peggiori e mai quelli virtuosi.
  • guido ligazzolo Utente certificato 1 anno fa
    decisione assolutamente positiva e da imitare.
  • Nello R. Utente certificato 1 anno fa
    occupazione lungimiranza civiltà benessere
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus