Il #ProgrammaTelecomunicazioni del MoVimento 5 Stelle

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle

Le telecomunicazioni sono un punto fondamentale per la crescita del nostro Paese, soprattutto in relazione alla Quarta rivoluzione industriale basata su internet delle cose, big data, intelligenza artificiale e robotica. Oggi tutto è digitale e connesso, l’azione del prossimo governo dovrà essere quella di mettere internet e la rete al centro di tutto, permettendo ai cittadini, alle imprese e alla Pubblica amministrazione di usare le nuove tecnologie.

Abbiamo deciso di sottoporre agli iscritti i punti principali: banda larga, frequenze e accesso a internet. In particolare per quanto riguarda la banda larga fissa, vi chiederemo come investire per superare nel modo migliore il digital divide.
Rispetto invece allo sviluppo della banda larga mobile, vi chiederemo come comportarci per arrivare alla riassegnazione delle frequenze, necessaria per risolvere la sovrapposizione con le televisioni e consentire lo sviluppo della rete mobile di quinta generazione. Infine, valuteremo insieme come fare affinché tutti possano avere libero accesso al web. Solo così potremo far diventare l’Italia un Paese moderno, connesso e daremo uno spunto importantissimo alla nostra economia e ai nostri giovani.
Un altro punto chiave del programma riguarda il servizio pubblico radiotelevisivo, che per noi deve continuare a esistere come bene collettivo e a determinate condizioni: un servizio pubblico indipendente dalla politica.

I quesiti sono due.

Il primo riguarda le modalità di finanziamento della nostra tv pubblica. Siete chiamati a esprimervi su tre modelli. Quello attuale, cioè finanziamento con canone e pubblicità, che è presente in molti Paesi europei ma che in Italia occorrerebbe modificare introducendo limiti più rigidi. Per esempio: l’eliminazione degli spot in certe fasce orarie o il divieto di pubblicità di determinati prodotti. Poi quello che prevede il finanziamento con il solo canone: la soluzione più coerente con la visione pura del servizio pubblico, ma che bisogna armonizzare con l’alto numero di canali oggi esistenti. Infine il modello di finanziamento attraverso il canone con l’eccezione di un solo canale finanziato dalla pubblicità, ma con precisi obblighi di servizio pubblico sia per la programmazione sia per gli investimenti.

L’altro quesito riguarda la governance, ovvero come devono essere scelti gli organi chiamati a dirigere la principale fabbrica culturale del Paese, salvaguardandone l’indipendenza dalla politica. Anche qui, tre modelli. Il modello dell’elezione parlamentare del cda, ma con forti correttivi rispetto a oggi: dall’introduzione di maggioranze qualificate per l’elezione in Aula alla previsione di specifici requisiti di competenza; dall’introduzione di serie cause di ineleggibilità a una procedura di massima trasparenza nella raccolta dei curricula. Il modello della Fondazione che prevede la cessione delle azioni della Rai dallo Stato a un organismo terzo, che a sua volta avrebbe la funzione di nominare i vertici aziendali. In alcune esperienze all’estero questo modello è stato garanzia di indipendenza, ma calato in un altro Paese con una cultura politica diversa rischia di non realizzare l’obiettivo. Infine il modello presentato dal MoVimento 5 Stelle in questa legislatura. Prevede un avviso pubblico dell’Agcom (a sua volta riformata), precisi requisiti di competenza e cause di ineleggibilità per gli aspiranti consiglieri di amministrazione (non aver ricoperto cariche politiche), un sorteggio e audizione in Parlamento per il definitivo parere.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Cristian G. Utente certificato 6 mesi fa mostra
    GLI ONESTI RAPINANO GLI AUTOMOBILISTI ROMANI A Roma è stata attivata la corsia preferenziale di via Portonaccio ma lo sapevano solo i Grillini. Multe a gogo per centomila Romani. L'assessore Enrico Stefano ideatore della trappola li prende per il culo dicendo che è tutto regolare la Raggi prevede un introito extra di 10 milioni di euro in multe e gongola. Arriva il M5S ,occhio al portafoglio
  • innavoiG ossuR Utente certificato 6 mesi fa mostra
    Fico non controlla neanche in fico
    • innavoiG ossuR Utente certificato 6 mesi fa mostra
      Un
    • innavoiG ossuR Utente certificato 6 mesi fa mostra
      In
  • Clesippo Geganio Utente certificato 6 mesi fa
    la RAI è uno strumento tecnologico potente e complesso per l'informazione di massa e va utilizzato come tale, non venduto, non sminuzzato, nemmeno lasciato nelle mani delle lobby politiche, ma UTILIZZATA PER IL BENE PUBBLICO AI SOLI FINI DI ERUDIRE IL CITTADINO ELETTORE CON LA VERA LIBERTA' D'INFORMAZIONE. L'informazione giornalistica e culturale forma opinioni e coscienze dei cittadini, se non si comprende questa assoluta certezza è inutile pensare di risollevarci come nazione libera, sovrana e democratica.
    • harry haller Utente certificato 6 mesi fa
      (...dicevo a quello che è sparito, R.I.P., ...)
    • harry haller Utente certificato 6 mesi fa
      "Erudisci".. (t'o dice er Maestro Manzo, muuuu...)
    • chiserisente 6 mesi fa mostra
      erudi il cittadino elettore...Maestro Manzi!!
  • raicrikcrok 6 mesi fa
    ..Bene, bene, bene...Si nota che i ''portavoce & C'' amano mantenere il carrozzone Rai Tribù....La ''terza'' via ,quella che prevede di vendere tutto il magna-magna statale non lo avete neanche preso nella dovuta considerazione!! Paura di perdita voti e poi mancanza di ''sistemazione'' parenti? Auguri..
    • Clesippo Geganio Utente certificato 6 mesi fa
      ahahha!!!!!!! simpaticone!!!!!
    • Bauuuuraaaa 6 mesi fa mostra
      siiiiiiii! Ho paura dei lupi-mannari, dei marziani, delle streghe e....dei fessi & idioti!
    • Clesippo Geganio Utente certificato 6 mesi fa
      tu hai una fottuta paura che la RAI diventi effettivamente pluralista e informi realmente i cittadini delle nefandezze compiute dai partiti politici.
  • pasqualino io Utente certificato 6 mesi fa
    Sono un "vecchio" iscritto, ci state bombardando di quesiti estremamente generici che in un domani potranno essere usati per giustificare qualunque operazione di qualunque tipo con un bel "lo avete votato voi". Non mi convince, non mi piace. Non ne avrò votato quasi nessuno. La rapidità del sistema internet potrebbe consentire una richiesta di parere immediata all'occorrenza quando il problema si propone. Queste cose ovviamente non le sto dicendo a Voi che scrivete, voi , senza nome , già lo sapete benissimo. Mi rivolgo semmai a tutti coloro che si stanno affannando a votare il nulla. Batterò ancora sulla questione dei vaccini. M5S a favore della copertura totale? Chi l'ha scritta quella porcata? Perchè i commenti x la quasi totalità contrari non hanno ricevuto risposta? dov'è la democrazia liquida? Perchè in realtà non riusciamo a comunicare più con voi? Grazie
    • Aldo Masotti Utente certificato 6 mesi fa
      per me Pasqualino ha ragione .
    • scusidoveè 6 mesi fa mostra
      ''dove è la democrazia liquida..''. in fondo a sinistra porta seconda a destra..WC.
    • Franc A Utente certificato 6 mesi fa
      Spariamo meno falsità e cerchiamo di informarci e non credere alle bufale signor pasqualino.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus