In Molise salta l’election day: i vecchi partiti hanno paura. E i cittadini pagano

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Molise

Mentre Lazio e Lombardia andranno al voto in concomitanza con le elezioni Politiche, il Molise invece dovrà attendere i comodi delle coalizioni.

Il teatrino messo in piedi dal governatore Paolo di Laura Frattura in questi giorni è stucchevole e comincia con il varo della nuova legge elettorale regionale. Una legge votata sul finire della legislatura appositamente per gettare fumo negli occhi dei molisani. Frattura ha prima portato il testo in Consiglio regionale per il voto, poi ha tentato di ritardarne la discussione, ora ha annunciato che va modificato.

A dargli una mano è arrivato il governo nazionale che ha chiesto di portare la soglia di sbarramento per le coalizioni dal 10 all’8 per cento, pena impugnazione della norma, e solo dopo valutare se esistono le condizioni per votare il 4 marzo. Ma, in caso di election day, i Comuni dovranno affiggere i manifesti per la convocazione dei comizi elettorali entro i prossimi 9 giorni. Quindi di tempo ce n’è poco.

Per questo, in conferenza capigruppo, il MoVimento 5 Stelle Molise ha chiesto esplicitamente al Presidente del Consiglio di convocare l’assise regionale per questo venerdì. Vincenzo Cotugno ha risposto NO senza fornire spiegazioni, ma anteponendo tornaconti politici al bene dei cittadini.

La volontà di Frattura di rinviare le elezioni per calcoli politici è ormai chiara. Il Pd è spaccato, il centrosinistra pure: gli ex amici di Frattura, i parlamentari uscenti Roberto Ruta e Danilo Leva sono in conflitto quotidiano con il governatore, quindi c’è bisogno di tempo per trovare altre alleanze e aspettare i risultati delle Politiche magari per organizzare meglio le Regionali. Ma il rinvio del voto fa bene anche al centrodestra che come sempre attende le decisioni del burattinaio eurodeputato Aldo Patriciello, per presentare ai cittadini l’ennesimo minestrone pregno di partiti e partitini e pensato solo per l’appuntamento elettorale. Ecco perché Centrosinistra e Centrodestra prendono tempo e prendono in giro i molisani.

Mesi fa ci si interrogava sull’opportunità di approvare una legge regionale a fine legislatura, su cosa sarebbe potuto accadere in caso fossero stati sollevati profili di incostituzionalità. Nonostante tutto, la maggioranza è andata avanti e il 27 novembre, a pochi mesi dal voto, ha dettato le regole per l’elezione del Presidente della Regione e del nuovo Consiglio regionale. Il MoVimento 5 Stelle Molise aveva proposto il rinvio della legge alla nuova legislatura, ma Frattura e company sono andati avanti. Oggi si vedono i risultati: senza election day i cittadini saranno costretti a pagare due milioni di euro in più.

Questa legislatura si chiude nel peggiore dei modi, anche grazie all’irresponsabilità politica di parte della maggioranza che ha approvato una legge elettorale tardivamente e a vecchie coalizioni in cerca di posti al sole. Non hanno capito che si stanno scavando la fossa da soli.

È la degna conclusione di un fallimento durato 5 anni. Qualsiasi sia la data del voto, è arrivato il momento di mandarli a casa. Tanti, tantissimi molisani lo attendono da tempo.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • loreto guerra Utente certificato 3 giorni fa
    Per evitare queste sveltine occorre stabilire con legge (di rango costituzionale perché tolga al legislatore comune ed alle regioni la possibilità di aggiustamenti secondo i propri interessi) che ogni qualvolta sono previste votazioni si ricorre all’election day. Le comunali si fanno assieme alle regionali; le regionali si fanno assieme alle politiche.
  • Chiara Mente Utente certificato 4 giorni fa
    La buffonata è che il Molise, che conta tanti abitanti quanti ne sbarcano di africani nel giro di 18 mesi, sia una Regione con tutti i costi che questo esserlo implica. E buffoni sono gli italiani che queste cose accettano e pagano caro assai. Ma non c'è nessuno che dica queste cose nè in Parlamento nè tantomeno negli altri organi istituzionali.
  • undefined 5 giorni fa
    Solo i 5 stelle hanno detto che la legge elettorale fa schifo e in effetti il parlamento non lo decidono più gli elettori ma i partiti😱😱leggete bene: Ecco i collegi del Rosatellum, dove i candidati si sfideranno all’uninominale: chi arriva primo, anche per un solo voto, la spunta ed entra in Parlamento. La legge prevede che il territorio nazionale sia suddiviso in 232 collegi uninominali per la Camera e 116 per il Senato. Il resto dei deputati e senatori è eletto con sistema proporzionale in collegi plurinominali, cioè dove sono elette più persone in listini bloccati e senza preferenze . Noi votiamo solo circa la metà l’altra la scelgono i partiti..😱😱 Facciamoci una domanda siamo ancora in democrazia? Art 1 della Costituzione ... non esiste piu!!!
  • undefined 5 giorni fa
    Confermo ciò detto qui sopra. Sono molisana e me ne vergogno! Qui si il voto se ti danno il posto! Ma quale posto! Ora siamo alla frutta. È uno schifo totale! Io sostegno il M5s e faccio propaganda ovunque perché credo al cambiamento! Almeno spero! Grazie di cuore ai mostri portavoce! Tsnti auguri
  • Dani Cap 5 giorni fa
    commento comprensibile ma non condivisibile così come per la Sicilia... IO NON HO Mai votato Berlusconi ma me lo sono tenuta per oltre 20 anni.. e mi sono dovuta subire i danni di chi lo ha votato ma cosa potevo fare oltre a non votarlo.?? cerchiamo di non chiuderci in discorsi senza via di uscita bisogna fare come fa il M5S non arrendersi davanti alla situazione di degrado mentale e di disinteresse a cui molto abilmente i ns politicanti ci hanno portato ma lottare per aumentare la conoscenza e aprire gli occhi!!
  • gianluigi f. Utente certificato 5 giorni fa
    Per questo degrado bisogna ringraziare i cittadini molisani che hanno votato questi cialtroni . Chi è vittima del proprio male pianga se stesso.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus