Asti 5 Stelle con Massimo Cerruti sindaco

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Massimo Cerruti, candidato sindaco MoVimento 5 Stelle di Asti

I problemi di Asti, dopo decenni di mala-amministrazione, sono innumerevoli, ma uno dei più gravi è senza dubbio la mancanza ormai cronica di lavoro. Il MoVimento 5 Stelle di Asti fa del Lavoro una della sue principali battaglie, dalla quale non si può in alcun modo prescindere se si vuole dare una svolta definitiva al degrado della città.

I dati sull’occupazione relativi ad Asti sono scoraggianti soprattutto a livello giovanile. Le politiche per l’occupazione devono pertanto assumere un ruolo assolutamente prioritario nell’azione amministrativa a tutti i livelli. Il lavoro però non si crea, come invece ha sostenuto l’attuale amministrazione, mediante la realizzazione di opere inutili e dannose per la collettività quali il teleriscaldamento all’Ospedale, la creazione di carrozzoni vuoti e deleteri come AEC, la realizzazione di finti e fallimentari villaggi agricoli.

Una quantità di lavoro stabile e con valore aggiunto sul territorio si crea solamente grazie a piccole/medie opere veramente utili per i cittadini da realizzarsi in tutte le zone della città. Se la città è pulita, sicura, ben servita e qualificata, acquista di valore nel suo insieme e nel contempo aumenta l’attrattiva turistica e immobiliare. In questo caso il lavoro è veramente finalizzato a creare ricchezza a beneficio di tutti i cittadini.

Grande attenzione, in particolare, deve essere riposta sull’efficientamento energetico incentivandolo anche a livello comunale grazie alla creazione di un fondo di garanzia con istituti di credito ed all’istituzione di uno specifico Albo Fornitori. Tale efficientamento energetico applicato soprattutto ai condomini antecedenti il 1976, si ripagherà da sé, ed al contempo darà lavoro ad una grossa fetta di artigianato locale ed operatori edili (installatori, idraulici, muratori, tecnici, ecc.) che ora versano in uno stato di sofferenza lavorativa.

Il lavoro passa anche inevitabilmente dalla rivitalizzazione del centro storico ormai agonizzante e dei quartieri, in cui si assiste ad una costante e progressiva chiusura di esercizi commerciali – con il triste risultato di una conseguente desertificazione di quella che una volta era la parte più viva della città - si deve innescare una decisa opposizione alla realizzazione di nuovi centri commerciali ai margini della città e ai finti villaggi agresti che hanno già dimostrato di fallire laddove realizzati e valorizzare invece i “Centri Commerciali Naturali” ed i mercati rionali, anima del tessuto commerciale cittadino.

Particolare attenzione quindi all’interno del centro urbano, inteso come rinnovata organizzazione delle attività commerciali e dell’artigianato aventi come obiettivo distintivo, in contrapposizione alla grande distribuzione, la “qualità” ed il “territorio”, coordinati e integrati fra loro da una politica comune di sviluppo e di promozione del territorio uniti al miglioramento dei servizi e la promozione della cultura. Riqualificare le aree in cui sono inseriti gli esercizi e, indirettamente, anche le aree limitrofe porterà ad una rivitalizzazione delle vie e dei quartieri, alla rinascita della nostra città.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • nathia bonucie Utente certificato 7 mesi fa mostra
    È il tuo giorno fortunato Per i vostri progetti di viaggio e di tasse scolastiche per business costruzione d'oltremare e fondo di investimento in diversi settori del commercio internazionale e costruzione e un altro acquisto e acquisto auto noleggio casa e pronti per la salute e l'educazione dei vostri figli la soluzione la signora Josina gomez contattare il nostro servizio prestitobancario2017@gmail.com
  • nathia bonucie Utente certificato 7 mesi fa mostra
    acheCiao signore/signora, Sto cercando il prestito di denaro per diversi mesi che ho avuto debiti e bollette da pagare. Pensavo che fosse finita per me. Ma per fortuna ho visto la testimonianza fatta da molte persone su Mm Josina gomez, che è come ho contattato mio mutuante per pagare i miei debiti e il mio progetto. e signora Josina mio concesse un prestito di 60,000 euro sul mio conto, posso assicurarvi che tutti questi carta suo governarlo mio aiuto per pagare fuori il mio contatto di debito la e sarebbe la verità Se avete bisogno di finanziamenti; prendere in prestito denaro o qualsiasi progetto ti rendi cont questo vi aiuterà a raggiungere e sostenere finanziariamente sua e-mail prestitobancario2017@gmail.com
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus