Chi vuole svendere l'Italia non ha nessuna idea per il suo futuro

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle

Vogliono trasformarci in una seconda Grecia, preda del grande capitale estero e addirittura degli altri Stati. E vogliono farlo nel silenzio di una domenica pre-natalizia in cui la Camera sta votando in fretta e in furia la manovra di fine anno.

Nella Legge di Bilancio, infatti, il governo ha predisposto un pacchetto di modifiche dell’ultimo momento, tra cui una prevede la possibilità di vendere agli stati esteri gli immobili del demanio italiano, anche culturale, con riassegnazione dei proventi al ministero da cui arriva il via libera per la dismissione del bene.

Cosa non si fa per fare cassa. A questi governi non è bastato svendere la nostra sovranità monetaria e il nostro sistema del credito, sacrificato sull’altare della grande concentrazione bancaria, adesso vogliono cedere persino i cespiti immobiliari.

Il Demanio, guidato dal solito renziano che risponde al nome di Roberto Reggi, china la testa ed esegue. Eppure parliamo di un patrimonio di 43mila fabbricati e terreni per un valore di 60 miliardi di euro, di cui l’84% (quasi 22mila beni e 51 miliardi di valore) in uso governativo, il 12% (quasi 6mila beni per un valore di 7 miliardi) di demanio storico e artistico e il 4% (2,1 miliardi) di patrimonio disponibile alla concessione.

Di fronte a un debito pubblico che sfiora i 2.300 miliardi
, si tratta di cifre che rappresentano una goccia nel mare. Ma governi che non hanno una visione, non sanno usare in modo virtuoso le risorse pubbliche e sono proni ai voleri dei grandi poteri internazionali, non possono che concepire svendite dal ridottissimo beneficio, pensate solo per racimolare qualche briciola con cui compensare bonus e mancette elettorali.

Questi governi che non sono in grado di tenere i giovani che scappano all'estero, intanto vendono pure la terra che quegli stessi giovani hanno sotto i piedi. Il 4 marzo abbiamo l'opportunità di portare l'Italia nel futuro. Non perdiamo questa occasione!

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • ANNA TUZZOLINO Utente certificato 25 giorni fa
    Dobbiamo buttarli in galera
  • GIUSTO BONANNO () Utente certificato 26 giorni fa
    LA VENDITA DEI BENI DEMANIALI è UN AFFRONTO AL POPOLO ITALIANO ,DIFRONTE ALLA VORAGINE DEL DEBITO PUBBLICO ,NON SERVIREBBE A NIENTE , SOLO AD IMPOVERIRE ANCORA LO STATO E TUTTE LE FUTURE GENERAZIONI ; MERITANO LA FUCILAZIONE !!!!
  • Angela Iacovetti Utente certificato 27 giorni fa
    E' tutto conseguenziale. Nel momento in cui si è adottata una moneta unica e si sono implementate politiche economiche di tagli alla spesa pubblica, con ovvia riduzione del reddito disponibile e, quindi, impoverimento generale,tra i tanti effetti, si verificano anche questi: svendita del patrimonio e, dunque, passaggio dei beni dai più poveri ai più ricchi: Robin Hood all'incontrario!
  • andrea a44 Utente certificato 27 giorni fa
    e lo dico ancora .fuori da questo casso di europa da questo casso di euro da questo casso di nato traditrice insieme a tutti sti pecoroni di capi di stao di tutta leuropa che cia' gia tanto affamati.un bel va.........a tutti. eccheccasso
    • Zampano . Utente certificato 27 giorni fa
      esatto, confermo e sottoscrivo...
  • gennaro a. Utente certificato 27 giorni fa
    Quando si parla di uscita dall'euro il M5S si fa autogol con l'aiuto della stampa che mette terrore nelle case degli italiani. Gli unici che dovrebbero uscire dall'euro è la Germania che stà impoverendo gli stati con governi traditori del proprio popolo, infine sta creando nazionalismi e nazifascismo in giro per l'europa, per questo la germania dovrebbe uscire dall'europa solidale pensata dai padri fondatori.
    • Zampano . Utente certificato 27 giorni fa
      Caro Gennaro l'euro e l'UE li vogliono solo i massoni, i burocrati, le lobby e le multinazionali. Il terrore è rimanere con questa moneta tedesca e in questa associazione a delinquere chiamata unione europea (il minuscolo è d'obbligo). Di scappare ce l'hanno suggerito economisti italiani, europei e mondiali, ed è ora che ci si dia da fare per non finire come la Grecia, che per debiti ha ceduto pure i porti, con la svendita dei nostri beni (siamo al 1° posto lista Unesco, ma rischiamo di diventare ultimi).
  • Francesco piu 27 giorni fa
    Manca la Sardegna nella cartina evidenziata ,forse perché ormai è stata già venduta per le servitù militari o perché la stanno usando come discarica pubblica di ogni tipo dalla scoria nucleare alla melma umana è così
    • Zampano . Utente certificato 27 giorni fa
      Mancano Sardegna e Sicilia perchè il disegnatore, ignorante come una capra, crede che l'Italia sia costituita "solo" dalla Penisola...
  • Alberto O. 28 giorni fa
    E d’altro canto cosa ci si può aspettare da un Governo la cui maggioranza in Parlamento ha approvato a suon di colpi di fiducia e all’ultimo momento una legge elettorale incostituzionale e di stampo golpistico, con il solo scopo di nuocere al primo movimento politico del Paese? Ci si può aspettare che questa gente operi nell’interesse della nazione? E quel famoso capo dello stato che ha promulgato tale immondo obbrobrio legislativo, cosa fa a parte dormire? Perché non se ne domanda la rimozione tramite la messa in stato di accusa per tradimento dei principi costituzionali? Ah santo cielo come siamo messi male. Al 4 Marzo, e che gli italiani si mettano un mano sulla coscienza. Il Movimento Cinque Stelle in questi anni ha fatto i miracoli, più dei miracoli è impossibile. Ora tocca agli Italiani.
  • ROSSANA I. Utente certificato 28 giorni fa
    ESATTAMENTE "non hanno idee non hanno intelligenza sono dei POVERACCI" hanno solo i soldi che ci rubano e ne vogliono sempre di più PERCHE' I VIZI COSTANO e di vizi ne hanno tanti!!! Ho sentito un demente in televisione che ha detto che votiamo il Movimento 5 Stelle perchè odiamo tutti gli altri!!! CERTO!! Ti credo che li odiamo ci hanno ridotto alla fame senza lavoro figli che scappano sanità ridotta a macelleria (li manderei in pronto soccorso 2 giorni ad aspettare una visita come noi, gente che muore prima di essere visitato. Ma che ne sanno loro!!!! L'elenco sarebbe troppo lungo, LA CORDA SI E' SPEZZATA!!! BASTA !!! Gli ultimi 100 giorni e poi BASTA!!!! Torniamo a VIVERE NON A SOPRAVVIVERE!!!
  • FABIO B. Utente certificato 28 giorni fa
    l'avevo ascoltato per radio_ l'hanno infilato dentro un'emendamento che lo mascherava _ come al solito, una truffa .
  • Giuliano Castaldo Utente certificato 28 giorni fa
    Mentre voi eroicamente vi impegnate a difendere gli interessi della nazione ed ad utilizzare il vostro tempo per trasformare questo paese altri che pero' sono ancora al governo ed il potere decidono la svendita del nostro paese. Io sono pessimista, ma sara' l'eta', comunque dalla mia esperienza vedo che erediterete macerie e sara' veramente dura! Io continuerò' pero' ad appoggiarvi sempre perche' per me siete veramente una solida difesa della nostra amata terra! Ricordo quello che e' successo recentemente in Sicilia, la meravigliosa terra di Sicilia! Ma come si fa mi sono detto, e lo dico a chi non e' andato a votare, a non capire che questa terra non meritava un Micciche' presidente ma soprattutto una classe politica che l'ha divorata di nuovo al potere ma che ci voleva proprio in questo momento quel pizzico di lucida follia di andare a vedere cosa sarebbe successo se gli amici dei 5 stelle fossero riusciti ad andare alla guida della lora sol!Quando vedo queste cose penso, non so perche' forse per l'educazione ricevuta, alla scelta che il popolo fu chiamato a fare se liberare Gesu', che parlava di amore, o Barabba, astuto ladro senza scrupoli, e già' in quel tempo sapete bene come ando' a finire. Io qui ringrazio il M5S, anche se non mi impegno attivamente e sono quello che Grillo definirebbe un voto inutile, perche' siete riusciti a ridare speranza al nostro paese e questo credo sia il regalo più' bello che ci avete donato!grazie
  • Giuseppe C. Budetta 28 giorni fa
    BOZEN E GL’INDIPENDENTISTI VENETI (attratti da un fisco austriaco benevolo). La microscopica-insignificante Austria vuole l’Italia del Nord-ovest, forse la parte più produttiva della nazione. A Bolzano, si scrive solo in tedesco. Si aggiunga la persuasione occulta: in media, la tivù di Stato e quelle di Mediaset trasmettono tre quattro volte all’anno i film sulla principessa asburgica SISSI. Cosa dovremmo chiedere noi alla Francia, alla Grecia, alla Croazia, Slovenia e Svizzera? Dovremmo forse chiedere la restituzione dell’Alta e Bassa Savoia, di Nizza, del Moncenisio, dell’Istria, Dalmazia, isola di Rodi, il Dodecaneso ed il Canton Ticino? Dobbiamo minacciare l’Austria? Disse il ministro Pella nel 1954, quando cercarono di strapparci Trieste: prenderemo le ultime armi che ci restano. Dobbiamo fare così?
    • Nadia R. Utente certificato 26 giorni fa
      Caro Zampano, la maggior parte della popolazione altoatesina è felice di essere in Italia e di avere superato il periodo buio delle bombe e delle divisioni. Certo, troverai anche degli irriducibili, soprattutto nei paesini, ma credimi la gente qui è consapevole che l'Italia ha portato una visione molto più aperta del mondo e della cultura. Quel che conta è il parere dei cittadini. Parlando con amici e colleghi (di lingua tedesca) negli ultimi due giorni nessuno è interessato al doppio passaporto e dell'Austria non sanno cosa farsene. Stamattina leggevo in prima pagina nel quotidiano L'Alto Adige Carolina Kostner che dichiarava: " Sono italiana e onorata di gareggiare per il mio Paese". E tutti gli atleti altoatesini di lingua tedesca si tirano fuori da un dibattito sterile, messo in circolazione dai soliti politici alla ricerca disperata di distrarre il dibattito pubblico da ben altre questioni. Anche l'Austria, che è partita in quarta con questa cavolata, sa benissimo di dover ricorrere ad armi di distrazione di massa per i suoi cittadini moltissimi dei quali protestano incessantemente contro le destre al potere davanti al Parlamento da giorni e sicuramente ha offerto una sponda al governo italiano in difficoltà, una mano lava l'altra, no? E dato che son tutti complici e tra loro basta una telefonatina per scambiarsi favori, qualcuno (in cambio di ulteriori future cessioni di sovranità) avrà chiesto agli "amici" austriaci di distrarre un po' l'opinione pubblica italiana da certi "fastidiosi" e "pericolosi" dibattiti interni. Così ufficialmente si scandalizzano e protestano, ma nelle segrete stanze se la ridono tutti insieme allegramente. Risate che dureranno poco, si spera. E peccato che noi non ci caschiamo. Buona giornata a te.
    • Zampano . Utente certificato 26 giorni fa
      Cara Nadia gli italiani non devono imparare il tedesco, mica siamo in Austria! Senza rifarmi alla Storia di quella regione, che era romana prima ancora di essere asburgica, la concessione del tedesco come lingua di pari importanza alla nostra è avvenuta dopo la seconda guerra e questo grazie ai politici nostrani, sempre pronti a inchinarsi davanti alle richieste di Stati esteri, o sempre pronti a svilire il Paese e regalare privilegi a chi ne fa richiesta (si pensi a ciò che è accaduto oltre Adriatico, nelle zone per secoli veneziane portate via con accordi criminali da quella che ora è considerata ex Iugoslavia). Oggi il punto da tenere in considerazione è che la lingua/cultura italiana è volutamente osteggiata un po ovunque in quelle zone e questo grazie anche a partiti che l'Italia ha riconosciuto validi come il südtiroler Freiheit, notoriamente razzista. Con la scusa della minoranza (oggi la vera minoranza sono i ladini e i parlanti la lingua italiana) i tedeschi continuano a pubblicizzare l'indipendenza e l'Austria (è da oltre mezzo secolo che ci tenta) fa di tutto per trainarli verso di sè, non ultima la proposta del passaporto. Credo che si debba alzare i toni con certa gente, proprio come ha fatto la Spagna con la Catalogna o la Francia con i parlanti il fiammingo. In caso contrario rischiamo di vedere l'Italia cadere a pezzi per via di pretese storiche stravaganti e di politici incapaci. Saluti cordiali.
    • Nadia R. Utente certificato 27 giorni fa
      Caro Zampano, ho solo fatto osservare che in Alto Adige si parlano tre lingue ufficiali e, a dire il vero, sono più i tedeschi che imparano bene l'italiano che non gli italiani il tedesco (quando scrivo "tedeschi" e "italiani" mi riferisco ai gruppi etnolinguistici).
    • Zampano . Utente certificato 27 giorni fa
      Cara Nadia R. si, nord-est ITALIA. Sei al corrente che da anni, prima con gli attentati e poi con la politica, stanno cercando di portare via all'Italia parte del suo territorio per cederlo all'Austria? Con la scusa della "minoranza" hanno avanzato pretese sino a ricattare (o comprare) diversi nostri politici. In un altro Paese (es. Spagna) chi cerca di fare accordi con altri Stati contro l'interesse nazionale viene processato per Alto Tradimento. I politici di questi ultimi decenni hanno modificato le leggi sino a rendere meno grave reati come quello. Dobbiamo fingere che non sia così o che tutto vada bene? L'alto Adige è Italia e deve restare tale.
    • Nadia R. Utente certificato 27 giorni fa
      E quindi sono bilingui: tedesco e italiano e viceversa. Amen.
    • ROSSANA I. Utente certificato 28 giorni fa
      I carteeli stradali SONO SCRITTI PRIMA IN TEDESCO E sotto NOTA BENE SOTTO in ITALIANO io li ho visti bene Dobbiaco, Brennero , Bolzano ecc. sempre prima in tedesco e sotto in Italiano PER ME QUESTO HA UN SIGNIFICATO ben chiaro!!!
    • Nadia R. Utente certificato 28 giorni fa
      Ma che cavolate! Innanzitutto Bolzano è nel Nord-Est e poi si parla e si scrive in italiano, tedesco e ladino che sono le tre lingue ufficiali.
  • Lorenzo Accornero 28 giorni fa
    Io credo che la maggioranza degli italiani siano per uno stato nazione sovrano. Gentiloni da addosso ai c.d. "sovranisti" e tra di essi vi sono chi non vuole la cessione di sovranità. Anche lui andrebbe processato per Alto Tradimento.
  • Beppe A. Utente certificato 28 giorni fa
    "Noi prendiamo una decisione in una stanza, poi la mettiamo sul tavolo e aspettiamo di vedere cosa succede. Se non provoca proteste o rivolte, è perché la maggior parte delle persone non ha idea di ciò che è stato deciso; allora noi andiamo avanti passo dopo passo fino al punto di non ritorno" Jean claude juncker Stavolta non e' riuscito
  • Veronica2 28 giorni fa
    Uno stato è formato dai suoi cittadini, dalla sua sovranità, dal territorio e dai suoi confini. Come si fa a svendere il territorio di uno stato?
    • Nuovo che avanza 28 giorni fa
      In Grecia si sono venduti il Pireo, andato ai tedeschi, sono stati costretti, sotto ricatto; come lo vedremo anche noi, prossimamente su questi schermi, dopo le elezioni, vedrete, siamo già una colonia ... ma non basterà ....perché non esiste un piano di rientro praticabile, sia nel medio che nel lungo periodo, del debito pubblico italiano.
  • Beppe A. Utente certificato 28 giorni fa
    https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/pinotti-prova-a-svendere-palazzi-al-sospetto-qatar/ http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13291423/roberta-pinotti-svendita-palazzo-di-stato-qatar.html gente che ha giurato sulla costituzione
  • Elia .. Utente certificato 28 giorni fa
    Mandate una mail a ROBERTO, rinfrescategli la memoria, fate girare
  • Antonio Bandelli 28 giorni fa
    Sono molto di piu di 60 miliardi! Il mediterrano e' la piscina bella del mondo: la stanno riempiendo di morti, i valori connessi si abbassano, si comprano tutto e rilanciano. Valutare responsabilita assolute di tutta la filiera. Attenzione ai segnali che arrivano dal partito della restaurazione. Io sono gia stato ucciso e gli altri di noi come si difenderanno? Un abbraccio e buon lavoro.
  • Luigi De Socio 28 giorni fa
    Il signor (si fa per dire) Roberto Reggi va immediatamente denunziato ai sensi degli artt. 241 e 243 del codice penale (reati contro la personalità dello Stato). Rendere beni e proprietà dello Stato "alienabili" (e quindi permettere la possibilità che Stati Esteri si impossessino di beni demaniali) rende di fatto possibile una privazione di sovranità dello Stato Italiano ad opera di Stati o soggetti terzi, con la conseguente DIMINUTIO (diminuzione) della sovranità nazionale.
    • Elia .. Utente certificato 28 giorni fa
      Mandagli una mail per rinfrescargli la memoria, lo gia' fatto.
  • Nadia R. Utente certificato 28 giorni fa
    Ovviamente non trascuriamo il reddito di cittadinanza, ed in contemporanea dobbiamo ridurre sensibilmente la disoccupazione sia tramite l'applicazione del reddito di cittadinanza collegato ad un sistema di riqualificazione e sia praticando politiche del lavoro molto attive con investimenti poderosi che non tengano conto di minacce provenienti dall'UE o del pareggio di bilancio (togliere immediatamente dalla costituzione) al quale solo l'Italia pedissequamente si attiene mentre il resto d'Europa se ne sbatte allegramente visto che i singoli Stati fanno gli interessi propri e/o dei propri cittadini. Basta con minacce, lettere minatorie, rating negativi e spread: freghiamocene altamente e andiamo avanti come un treno. Basta con la favoletta del 2011 e con i governi tecnici imposti dall'esterno, basta con la paura!!! Hanno terrorizzato il popolo italiano.
  • Vanno processati x tradimento 28 giorni fa
    I TRADITIRI DEL POPOLI SOVRANO VANNO PROCESSATI PER ALTO TRADIMENTO. PUNTO! Chi non punisce chi tradisce il proprio popolo è complici! Vanno messi in galera e confiscati i loro beni fino alla terza generazione.
  • Nadia R. Utente certificato 28 giorni fa
    Facciamo deficit, come del resto hanno fatto/stanno facendo tranquillamente Francia e Spagna, (spesso viene confuso il deficit con il debito pubblico ma è pura ignoranza o malafede), facciamo deficit pubblico e privato e investiamo nel lavoro: solo riducendo sensibilmente la disoccupazione ci rialzeremo. Sforiamo tranquillamente quell'arbitrario 3% e facciamo anche un 5% o 7% di deficit altrimenti il Paese non riparte.
  • Canzio R. Utente certificato 28 giorni fa
    Con il silenzio dell'informazione di regime,si è assistito in questi anni,a un fuggi fuggi, delle principali industrie italiane,dei marchi più prestigiosi, che hanno fatto la storia del lavoro, dell'inventiva e laboriosità italica, finendo in mano straniere.Con quest' ultimo "tradimento" non ci rimane, quasi più nulla ...oltre la "cuccia per il cane".Questi maledetti, hanno depredato,scialacquato,svenduto un patrimonio enorme, con la complicità ,di ...c'e lo chiede l'Europa ed i loro interessi e portafogli. Questi sono i veri,delinquenti professionisti, che ci hanno portato al disastro .
  • Nadia R. Utente certificato 28 giorni fa
    Per favore smarchiamoci dal mito del debito pubblico. Almeno noi cerchiamo di recepire i risultati di studi e ricerche svolti da economisti internazionali che da anni ci dicono chiaramente come il debito pubblico sia un'arma di ricatto politico, una minaccia e basta e ci indicano come venirne fuori (e queste cose, a proposito di sovranità, avere una vera banca centrale appartenente allo Stato che batta moneta ecc. ce le raccontava già Beppe Grillo qualche decennio fa)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus