NON morire per Maastricht

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

letta_merkel_euro_.jpg

"La vittoria di Angela Merkel in Germania non è mai stata in discussione. Capitalizza buoni risultati con un’astuta politica moderatamente socialdemocratica all’interno – lo stato sociale è stato ristrutturato ma non distrutto – ed una neoliberista all’esterno basata su una stretta politica di austerity imposta a tutta l’Eurozona. La strategia europea non cambia. Anzi, dopo l’eccellente risultato elettorale – la cancelliera ha sfiorato la maggioranza assoluta - è destinata ad acuirsi. A nulla è valso il tentativo degli “euroscettici” che, pur sfiorando il 5% dei consensi, sono rimasti esclusi dal Bundestag. Quest’esclusione non deve sorprendere, perché l’Euro fino ad oggi è servito proprio alla Germania per far crescere la sua economia soprattutto con l’esportazione dei prodotti tedeschi in Europa ed il mantenimento di un livello salariale modesto. Cosi, mentre la Germania prospera grazie alla svalutazione del Marco avvenuta con l’introduzione dell’Euro, l’Italia, perdendo la sua Lira, continua a deperire. Non sarà tutta colpa dell’Euro se ci troviamo ormai in questa situazione comatosa, ma l’introduzione della moneta unica è stata certamente il fattore determinante. Alla Germania la crescita, a noi la “decrescita infelice” con milioni di disoccupati e una politica di austerity che a partire da adesso si farà sempre più rigida.
Dobbiamo attenderci dal nostro governo, guidato da Enrico Letta, una ferma posizione in Europa a difesa del nostro paese? No. Letta, come del resto Monti, sono al servizio della moneta unica. Uno degli ultimi libri di Enrico Letta era intitolato Morire per Maastricht. Oggi morire per Maastricht significa rispettare quella gabbia d’acciaio che ci è stata imposta con il meccanismo europeo di stabilità (il cosiddetto Fondo Salva-Stati) e il patto di bilancio europeo (il cosiddetto Fiscal Compact). Con il primo dalle nostre casse sono già usciti 40 miliardi di Euro, una somma che in fase di recessione e con chiare difficoltà a rilanciare l’economia equivale ad uno strangolamento; con il secondo ci impegniamo a riportare il rapporto debito/pil entro il 60% nell’arco di un ventennio. Tutto ciò implica, in una fase di crisi come l’attuale, l’impossibilità di rilanciare l’economia.
Ci vorrebbe un governo capace di sbattere in Europa i pugni sul tavolo e di minacciare l’uscita dall’Euro nel caso in cui venisse negata la possibilità di ridiscutere da cima a fondo questi trattati che ci sono stati imposti da poteri stranieri e che prima Monti e ora Letta si sono incaricati di eseguire.
Per questo però è necessario restituire al popolo, al più presto, la possibilità di esprimersi in libere elezioni. Se il MoVimento 5 Stelle dovesse vincerle, andremo in Europa per rinegoziare tutto e da una posizione di forza, dal momento che l’Italia avrà la Presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea . Il popolo italiano, come quello greco, spagnolo, portoghese, non può morire per l’Euro. Non vogliamo morire per l’Euro." Paolo Becchi

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Laprice dille 4 anni fa mostra
    Vecchia-brutta-grassa-gobba-cattolica, ma quanto me sta sui cogli 0ni sta vacca d'aborto.
    • POPULATION BOMB Utente certificato 4 anni fa mostra
      guardala bene, magari assomiglia a tua madre, e se qualcuno dicesse a tua madre vecchia brutta e grassa?? chissà magari glielo dici proprio tu!
  • federico 4 anni fa mostra
    indicare Euro o Germania come il problema, è un modo populista e demagogico di affrontare il problema. E' il solito modo... "stiamo male, ok troviamo un nemico esterno, un COLPEVOLE esterno" in modo da dire sempre NON E' COLPA MIA. E' il tipico atteggiamento "facile" , trovare una soluzione semplice a problemi complessi. Illudere la gente che uscendo dall'Euro miracolosamente tutto va a posto è CRIMINALE , siamo a livello de : "la crisi non esiste, ci sono i ristoranti pieni". Poi quando siamo fuori dall'Euro, con la lira svalutata, a chi li chiediamo i soldi per pagare la bolletta del gas (ehhh quella dipende dal prezzo del petrolio in Dollari...) e la benzina (idem) e la luce (come sopra) e qualsiasi altra materia prima o prodotto che arriva dall'estero ?? A Casaleggio ?????? E' come dire ad una persona di 90 anni che si rimette i vestiti di quando ne aveva 20 , si mette a correre...
    • Rita L. Utente certificato 4 anni fa mostra
      Perchè, ora pensi che siano in molti a riuscire a pagare le bollette del gas in euro? Se avessimo una moneta nostra potremmo svalutare e tirare un respiro così invece possiamo solo crepare asfissiati dai debiti. Leggiti un po' di cose in giro prima di dire cavolate.
  • Romualdo Cicero Utente certificato 4 anni fa mostra
    per la felicita' dei grulli e sinistri, prove tecniche di africanizzazione e islamizzazione TREVISO - «Vogliamo lanciare un ponte tra culture diverse per costruire momenti d'incontro e, speriamo, di pace». Zinoun Bouchra, insegnante di origine marocchina ma residente a Treviso, parla con una nota di allegria ed entusiasmo. Fa parte dell'associazione InterMed Cultura e sta per tagliare un traguardo clamoroso se si considerano gli ultimi vent'anni di storia trevigiana: un corso di lingua e cultura araba inserito tra le attività didattiche dell'Istituto comprensivo Coletti di Treviso. I bambini dalla terza alla quinta elementare avranno la possibilità di imparare l'alfabeto arabo, la storia e la cultura da cui provengono tanti loro compagni. E tutto durante l'orario scolastico. Treviso, insomma, batte un altro colpo nel campo dell'integrazione. L'iniziativa non costerà nulla alla scuola: è interamente pagata dal governo marocchino.
  • alnair gru Utente certificato 4 anni fa mostra
    Beppe, non sono una economista ma temo che continuare a stare nell'euro alle condizioni che ci sono state imposte, significherebbe accelerare i tempi e ridurre le distanze dalla Gracia. Credo, inoltre, che un eventuale referendum servirebbe a poco se prima non si riuscisse a fare una politica d'informazione capillare. Ritengo, però, fondamentale anche la lotta reale all'evasione. Come????? basterebbe procedere con tutti i movimenti tramite carta. niente più giro di chash....solo bancomat e carte di credito.... perchè quello che negli USA è stato adottato da decenni, in Italia è così complicato da attuare?
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus