Diretta:TTIP, se lo conosci lo eviti #StopTTIP

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
Diretta dal Senato: Cos'è il TTIP
LIVE tra poco
stopTTIP.jpg

"TTIP: Il trattato sconosciuto, questo è il titolo dell'incontro che si terrà presso la sala ISMA (Santa Maria in Aquiro) in Piazza Capranica a Roma martedì 2 dicembre alle 10. Promosso dalla senatrice Elena Fattori (vice presidente Commissione Politiche UE - M5S) vedrà la partecipazione del deputato Filippo Gallinella (Commissione Politiche agricole - M5S) l'europarlamentare Tiziana Beghin (M5S) la dott.sa Monica Di Sisto (vice presidente di Fairwatch/Stop TTIP) Stefano Lenzi (WWF) Fulvio Grimaldi (giornalista). Modera il dott. Emanuele Menicocci.

Nel corso del dibattito si entrerà nel merito dell'accordo TTIP in corso di negoziazione tra l'Unione Europea e gli Stati Uniti. Il Trattato Transatlantico per il Commercio e gli Investimenti (in inglese: Transatlantic Trade and Investment Partnership) è un accordo commerciale di libero scambio. Formalmente si tratta di approvare una deregolamentazione che abolirà i dazi doganali, uniformando i regolamenti dei due continenti e diminuendo il controllo dei singoli Stati. Sarà così possibile la libera circolazione di merci, investimenti, servizi ed appalti. Sono molti a ritenere invece che il TTIP diventerà l'ennesimo ostacolo alla sovranità politica, commerciale ed alimentare del nostro Paese.

L'evento organizzato al Senato ha come obiettivo anche quello di valutare e pianificare quali siano le migliori azioni politiche per poter incidere in un processo che sembra inesorabilmente diretto verso una conclusione in tempi brevi, nell'impotenza totale dei cittadini. Nel dettaglio, il TTIP è un trattato sconosciuto. Ad oggi sono secretati tutti i documenti scaturiti dalle riunioni già avvenute a partire dal 2013 e che ne vedranno un'altra nel febbraio 2015.

Secondo le molte voci critiche che si sono levate da associazioni, studiosi e movimenti che in diversi paesi d'Europa si sono schierati contro questo trattato, il TTIP porterebbe un abbassamento di tutti gli standard produttivi in diversi settori, compreso quello agricolo. Il rischio di debilitare il nostro Made in Italy in favore di una massificazione produttiva, tipica degli Stati Uniti è dietro l'angolo. Le aziende americane entrerebbero in diretta concorrenza nella gestione dei beni comuni, come l'acqua. Potrebbero proliferare le colture Ogm spinte dalle multinazionali. Il principio di precauzione sulla salute dei cittadini sarebbe in serio pericolo, il pericolo di un abbassamento del livello qualitativo delle produzioni una certezza.

Inoltre, a favorire ancora di più le multinazionali di ogni settore, interviene la clausola ISDS. Ovvero la possibilità da parte delle aziende di fare causa agli Stati che mettano in pericolo il loro investimento. Esattamente come accadde in alcuni Paesi che furono chiamati a giudizio dall'industria del tabacco per avere introdotto la scritta "il fumo nuoce alla salute" sui pacchetti di sigarette. Francia e Germania già hanno detto "no" all'ISDS.

Elemento ancor più sconcertante è che il procedimento giudiziario non avverrebbe in un tribunale ordinario dello Stato cui viene fatta causa, ma in una sede terza. Un tribunale di "arbitrato" dove presumibilmente i giudici e gli avvocati difensori saranno sempre gli stessi, creando una spaventosa girandola di conflitti di interessi.

In tutto questo gioco, che nulla ha di divertente, gli Stati membro sono tenuti fuori. La Commissione Europea non ha l'obbligo di confronto o ratifica con gli Stati per questo tipo di accordi, così come è previsto invece dal Trattato di funzionamento dell'UE.

Chiamiamo a raccolta tutta la politica, a prescindere dallo schieramento, Governo compreso, che sembra essere poco partecipante alla formazione del TTIP, per fare luce su quanto viene nascosto alla popolazione di tutta Europa. Chiamiamo i cittadini e le associazioni per informare e informarsi, chiamiamo ogni tipo di istituzione che possa essere di aiuto in un processo reale di partecipazione senza dover soggiacere alla nefasta politica di una Unione Europea che finora ha portato crisi e povertà e che apre la porta ad un sistema che, invece di dare la soluzione, peggiora lo stato sociale." M5S Parlamento

santilaici_prenotaora.png

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • guido ligazzolo Utente certificato 3 anni fa
    Non abbiamo scampo, siamo prigionieri di noi stessi, dei nostri limiti, della nostra mancanza di lungimiranza, della nostra incapacitá di riconoscere il filo d'unione tra causa ed effetto. la riprova di tutto ció lo vediamo nel nostro interesse per l'argomento: qui neanche 100 commenti, per non parlare dei mezzi d'informazione, mentre sul gruppo dei cinque, se sia un direttorio o meno, quali poteri abbia o meno, se sia rispettata la rappresentanza dei gruppi parlamentari, di genere, di provenienza, e magari anche d'etá piuttosto che di orientamento sessuale: fiumi d'inchiostro giornalistico, sul blog lotte all'ultimo sangue ecc. ecc. ecc. Le cose importanti si fanno e basta, sulle quisquiglie a scannarci perché cosí vogliono i poteri forti (per questo forti), e noi...? Noi dietro come pecoroni. Dateci il circo, che noi siamo contenti! Che tristezza!
  • omero 3 anni fa
    quest trattato ttip è un cavallo di troia delle lobby, e delle multinazionali per scardinare quel poco che ancora abbiamo di identità nazionale e alimentare, se passa questa nefandezza saremo solo paria di poteri forti a livello Internazionale..il M5S deve in ogni modo sensibilizzare l'opinione su questo tema..
    • Giuseppe S. Utente certificato 3 anni fa
      Il problema, visto che NESSUNO in giro sa che esista questo trattato in fase conclusiva, è come far arrivare, come divulgare questa notizia. NESSUNO NE PARLA, nessun giornale, solo Report qualche settimana fa.....
  • Amedeo De Francisci Utente certificato 3 anni fa
    Casaleggio2 Autarchia! Contro la globalizzazione selvaggia,contro la privatizzazione selvaggia ci vogliono estremi rimedi.
  • Luigi D'Ettorre 3 anni fa
    A parte che non capisco perché, in barba al regolamento d'uso, si scrivano commenti poco o per nulla pertinenti all'argomento in questione, ma comunque per me è fondamentale che il M5S entri stabilmente a far parte della rete dei movimenti, dei comitati, dei partiti, dei sindacati, delle associazioni e dei singoli cittadini che in questi mesi stanno facendo opera di informazione e opposizione a un partenariato sciagurato come il TTIP. Si sta cercando di riproporre in grande stile anche se con altre forme il "grande disegno atlantico" teorizzato da J. F. Kennedy durante la sua breve presidenza degli Usa. 50 anni fa fu bloccato grazie alla meritoria opposizione di Charles de Gaulle, ma ora chi potrà impedirlo se non la società civile europea, visto che a livello politico e istituzionale dell'UE sono tutti d'accordo nel concludere il negoziato e integrare ulteriormente il nostro mercato con quello statunitense? Quindi, ripeto, solo dai popoli può arrivare un definitivo STOP al TTIP, perché una volta concluso non penso sarà stoppato da Consiglio dell'UE e Parlamento europeo (come prevede la normativa che dà la possibilità a queste due istituzioni di pronunciarsi). Siete d'accordo anche voi, quindi, sul fatto che il M5S debba entrare a far parte stabilmente della rete italiana, europea e internazionale contro il TTIP? Grazie per gli eventuali contributi.
  • Rio Savè Utente certificato 3 anni fa
  • TORQUATO CARDILLI Utente certificato 3 anni fa
    Paola Taverna Sindaco di Roma!
  • silvio.r 3 anni fa
    Anch'io voglio il reddito di cittadinanza cosi' dopo 41 anni di lavoro non ci vado più. Ma vi siete bevuti il cervello!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Siete come la fornero!!!!!!!!!!!!!!!
    • guido ligazzolo Utente certificato 3 anni fa
      non capisco cosa vuoi dire!
  • Federico G. Utente certificato 3 anni fa
    Un consiglio spassionato? Sembrerò cinico ma mi sono letto gli accordi del parlamento UE con gli stati globali, per il libero scambio nell'area europea. Un mio consiglio è uscire al più presto dal sistema europa. Non è tanto un problema di Euro quanto di fine di sovranità dei singoli Stati nelle decisioni e rifiuto di questo ttip che sembra quasi un spray, tipo il ddt. Purtroppo la fine del nostro Made in Italy, del nostro mangiar bene. Insomma facciamola corta troviamo il sistema di mandare al diavolo la Merkel e Company. Solo il movimento se seguirà le strade giuste ci porterà fuori, perché gli stolti dei nostri politici sono presi dalla loro beatitudine Europea, e pensano solo a far soldi. Fuori alla svelta, troviamo un sistema. Perché se no siamo fregati sul serio. In 13 anni di Euro ed Europa il bello a da venì. Questa situazione ci sta portando fuori dalle nostre idee di vita ideale. Per favore siamo più svegli, non facciamoci fregare ancora da questa specie di uomini in cravatta.
  • michele dragone Utente certificato 3 anni fa
    e anche questa volta GRILLO aveva ragione! hai tutta la mia stima!
  • Pavel Tamm Utente certificato 3 anni fa
    CONTESTO: Iniziativa auto-organizzata dei cittadini europei Contro TTIP e CETA L'UE si appresta a firmare due accordi commerciali di vasta portata: una con Canada (accordo CETA = globale economico e commerciale) e uno con gli Stati Uniti (TTIP = Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti). La linea ufficiale è che questo creerà posti di lavoro e aumenterà la crescita economica. Tuttavia, i beneficiari di questi accordi saranno le grandi aziende, non i cittadini: il regolamento che disciplina i rapporti tra stato e investitori (ISDS) delle aziende canadesi e statunitensi darebbe loro il diritto di citare in giudizio le aziende europee per danni, se ritengono di avere perdite subite a causa di decisioni governative (ad esempio, nuove leggi per la tutela dell'ambiente o dei diritti dei consumatori). Migliorare o anche mantenere i nostri standard per i prodotti alimentari, i diritti dei lavoratori, la tutela dell'ambiente e dei diritti dei consumatori diventerà molto più difficile. La liberalizzazione e la privatizzazione diventerebbero di fatto irreversibili. L'UE ei suoi Stati membri subirebbero pressioni per consentire tecnologie a rischio, come l’uso della fratturazione idraulica per le attività estrattive nel sottosuolo o l’uso degli organismi geneticamente modificati. Il CETA e il TTIP aumenterebbero il potere delle multinazionali a scapito della democrazia e di tutte le persone. Non dobbiamo permettere che questo accada! Sottoscrivi l' “Iniziativa dei Cittadini Europei”! Servo Vostro, Pavel TAMM
  • Pavel Tamm Utente certificato 3 anni fa
    Ci potrebbe essere una soluzione, tanto vale tentare! IMPORTANTE!!! Firmate e fate firmare l'iniziativa popolare europea Contro TTIP e CETA Oggetto: Invitiamo le istituzioni dell'Unione europea e dei suoi stati membri ad interrompere le negoziazioni con gli Stati Uniti sul Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti (Transatlantic Trade and Investment Partnership - TTIP) e a non stipulare l'accordo economico e commerciale globale (Comprehensive Economic and Trade Agreement - CETA) con il Canada. Obiettivi principali: Desideriamo non vengano stipulati il TTIP e il CETA perché comportano diversi problemi fondamentali, quali la composizione delle controversie tra stato e investitori privati nonché le regole inerenti la cooperazione in campo normativo, che costituiscono una minaccia per la democrazia e lo stato di diritto. Vogliamo evitare una riduzione degli standard sociali, ambientali e inerenti il lavoro, la protezione dei dati personali e dei diritti dei consumatori, e una deregolamentazione delle risorse culturali e dei servizi pubblici (come l'acqua) in trattative non trasparenti. L'ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) promuove una politica alternativa di commercio e investimento nell'UE. Per firmare la petizione vai su questo sito: http://stop-ttip.org/firma/ Grazie a tutti voi!
  • Andrea Zanella Utente certificato 3 anni fa
    Che maledetta sciagura!
  • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
    D - Grillo ha fatto un passo indietro e nominato un comitato di direzione. Si aspetta novità dai grillini anche sul fronte anti euro? R - «Che Grillo abbia dato la “reggenza” a un direttivo è un fatto positivo perché siamo in una democrazia. Il fatto che possa esserci un’azione più incisiva nella battaglia anti-euro dipende dalle proposte tecniche che formuleranno. Il Movimento 5 Stelle dovrà avere il supporto di persone credibili in questo settore, così come ha fatto la Lega, se invece continueranno a parlare solo per slogan e proclami, senza alcun fondamento scientifico, credo che non andranno da nessuna parte». http://www.intelligonews.it/rinaldi-economista-proposta-berlusconi-no-a-monete-part-time-il-mio-consiglio-al-direttorio-5-stelle/
  • Pavel Tamm Utente certificato 3 anni fa
    Quando, in tempi non sospetti, alla vigilia delle politiche del 2013 dicevo nei gazebo, nelle agorà nel forum ufficiale ed in questo stesso blog che il cambiamento in positivo per l'Italia doveva necessariamente passare per le politiche attuate dell'Europa, venivo deriso e vilipeso! Mi si rispondeva che non avevo capito nulla e che solo in Italia si potevano ottenere quei cambiamenti agognati per un benessere popolare comune. Ebbene, siamo alla resa dei conti! Ora, coloro che mi denigravano si sono finalmente accorti che la privazione dell'autonomia e della sovranità politico/economico/finanziaria ci ha resi schiavi di un'élite sovranazionale, impedendoci, con l'accettazione dei vari trattati, di dar spazio ai governi, qualunque essi siano. Questi sono diventati degli inutili passacarte e non contano più nulla. Seguono i diktat che giungono dall'élite per renderci sempre meno autonomi, per cedere sezioni sempre più ampie della nostra sovranità. Neanche il M5S al governo potrebbe cambiare questo stato di cose! Benvenuti alla fine dello Stato italiano!!!
  • marco 3 anni fa
    da leggere http://www.keinpfusch.net/2014/12/ttip-ttip.html
  • alvise fossa 3 anni fa
    FUORI DAL TTIP,AL PIU' PRESTO POSSIBILE
  • Franco Mas 3 anni fa
    E l'Europa ci punisce pure per le discariche, anche se il ministro dell'Ambiente Galletti dice che l'Italia è in regola e non pagherà alcuna multa. Vederemo come andrà a finire. La verità è che non siamo più padroni di un cazzo. Cacciamo i nuovi barbari della finanza, ci stanno riducendo in miseria e schiavitù. E il pluridecorato Carlo De Benedetti, figliol prodigo di un banchiere ebreo, elogia Renzi...
  • Alessandro P. Utente certificato 3 anni fa
    La circolazione di merci esiste già quindi il ttip sembrerebbe inutile. La vera libera circolazione che si vuole è quella finanziaria (servizi e investimenti): l'americano vende un prodotto finanziario spazzatura e poi se lo stato non paga un valangone di soldi arriva un misterioso tribunale internazionale statunitense e dichiara che il truffato deve pagare miliardi di euro; l'americano fa un investimento sballato e poi dà la colpa allo stato se le cose vanno male e di nuovo arriva il tribunale a dargli ragione e alla fine noi paghiamo sia gli investitori che guadagnano sia gli investitori che ci rimettono. La sovranità giudiziaria non l'avevamo ancora regalata a nessuno. Fanculo l'europa e le sue trattative segrete fra delinquenti finanziari e delinquenti economici.
  • LUCIANO A. Utente certificato 3 anni fa
    Non immaginavo che nel 5 stelle ci fossero tutti sti piddini.
  • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
    BRUXELLES (WSI) – La Bce vuole abbassare le remunerazioni degli europei pur mantenendo l’obiettivo di una inflazione vicina alla soglia del 2% prestabilita. Draghi ha lanciato un appello nemmeno troppo velato in cui chiede di poter aggiustare gli stipendi per aiutare l’euro. Si tratta in pratica di una svalutazione non monetaria bensì salariale nel blocco a 18. Abbandonare così come salvare la moneta unica ha un prezzo. “Il prezzo da pagare per voler mantenere a tutti i costi l’euro comporta dei costi economici, ma anche dei costi in termina di perdita di crescita e dei costi sociali”, dice Charles Sannat, giornalista e analista ‘contrarian’, professore di economia in diverse università di business parigine. ... Ma senza aggiustamenti monetari, non restano che aggiustamenti dei salari. La sola maniera relativamente rapida per ritrovare la competitività è abbassare gli stipendi, come è successo in Grecia e in Spagna. In media gli spagnoli sono pagati 675 euro al mese e un greco 480 euro. Ma il vero problema è che la riduzione delle buste paga non è accompagnata da un calo dei prezzi necessari per poter veramente ritrovare la crescita economica o piuttosto dell’attività economica. (…) Parlando di “aberrazione economica” di proporzioni “storiche”, Sannat scrive che se la Bce ci chiede di abbassare i salari, lo stesso Draghi vuole mantenere l’inflazione vicina al 2%, ovvero un rincaro dei prezzi al consumo rispetto ai valori bassi attuali. Non credo serva aggiungere altro l’obiettivo è chiaro! http://www.economiematin.fr/news-draghi-baisse-salaire-sauvetage-euro-sannat http://icebergfinanza.finanza.com/2014/12/02/per-salvare-leuro-siete-pronti-a-sacrificare-i-vostri-salari/
    • gianluigi s. Utente certificato 3 anni fa
      Noto con piacere che cominciano a circolare riferimenti a bloggers molto interesanti eticamente e scientificamente parlando; bene così!... l'oscurità si combatte diffondendo conoscenza e consapevolezza; invito tutti a leggere i blog del prof. Alberto Bagnai e di Andrea Mazzalai...
  • vincenzodigiorgio digiorgio Utente certificato 3 anni fa
    E ci mancava pure questa ! Ormai è chiaro a quasi tutti che siamo in guerra , non con i cannoni ma con i soldoni . La corsa alla grana a qualsiasi costo aumenta giorno dopo giorno grazie all'ignoranza diffusa e grazie ai traditori che lavorano per il nemico . Il nucleo produttivo , classe operaia , artigiani , piccole imprese , lavorano fino ad agosto per lo stato poi , nei restanti 4 mesi per se stessi e le loro famiglie ! Negli Stati uniti accade il contrario ! Dove vanno a finire tutti sti soldi ? Mille miliardi di euro ! Dovremmo avere un welfare di prim'ordine , autostrade gratis , reddito di cittadinanza superiore a quello austriaco ( 1500 ) euro al mese , tutti i servizi funzionanti e ottime scuole ! Invece è il contrario ! Il Paese è sotto saccheggio dei milioni di parassiti che contornano le classi dirigenti e politiche . Un nuovo assetto si sta determinando nella nostra società : pochi che derubano i molti ! Non solo ! Per giunta c'è l'azione distruttiva dei comandanti plutocrati americani che vogliono un'Europa debole e ci impongono governi di traditori che massacrano il Paese senza pietà : " State sereni italiani !" e giù botte da orbi ! Ma non è finita ! Si deve far vivere la gente nella paura e nel disagio , e allora si fanno entrare clandestini a milioni , si coccolano zingari e ubriachi al volante trattandoli con estrema indulgenza . Hai aperto un negozietto ? Bene , paga questo paga quello , questa vite è gialla invece che bianca : 800 euro di multa da pagare entro domani a mezzogiorno ! Non c'è persona che non si lamenti , a ragione della situazione in cui si vive oggi ! Eppure il PD sta sempre li , appollaiato comodamente sull'ignoranza dei buoi che , asinamente , si lamentano ma li votano . Sembra impossibile che un italiano su due voti Renzi , ma siamo sicuri che sia veramente così , o gli imbrogli elettorali sono diventati giganteschi ? ! Sono stati fatti severi controlli ?
  • Marco Balossardi 3 anni fa
    TRASPARENZA Con riferimento ad atti, comportamenti, situazioni, modi di procedere, soprattutto nella vita pubblica e nei rapporti con la collettività, significa chiarezza, pubblicità, assenza di ogni volontà di occultamento e di segretezza. In economia, trasparenza del mercato, la possibilità teorica, in regime di libera concorrenza assoluta, per gli operatori di conoscere i termini di tutte le contrattazioni che vi avvengono. Per l’uso del termine nel linguaggio politico, come traduzione inesatta del russo 'glasnost′ ... glàsnost : 'comunicazione, informazione' Termine adottato nella politica interna sovietica negli anni Ottanta del sec. 20° e poi accolto dal giornalismo internazionale per indicare la pubblicizzazione delle notizie politiche, economiche, culturali tramite i mezzi d’informazione. La comune, ma non esatta, traduzione con trasparenza è dovuta all’assonanza con l’ingl. glass, ted. Glas, fr. glace, che significano 'vetro' (da enciclopedia Treccani) senza trasparenza non v'è libertà senza trasparenza non v'è uguaglianza senza trasparenza non v'è giustizia senza trasparenza non v'è futuro
  • Rio Savè Utente certificato 3 anni fa
    O.T. bruno p., napoli scrive: "Visto cosa accade quando si va in tv?" ----------------------------------------------------------------------------- Se ti riferisci alla puntata di ieri sera di "piazzapulita", non lo so perchè io non la guardo la tv. Comunque leggendo i commenti di quelli che dichiaravano di aver buttato la tv dalla finestra (?), mi pare di capire che un gruppo di ex o quasi ex 5 stelle hanno detto tutto il male possibile del Mov. , senza che NESSUNO sia andato a ribattere alle loro accuse. Quindi, se è così, non vedo cosa dovrebbe dimostrare, se non che è assolutamente indispensabile che qualcuno dei nosti (NON EX O QUASI) vada a confutare le accuse che si fanno al Mov.
  • Marco Balossardi 3 anni fa
    FREQUENTAZIONI CHE GIOVANO Nell'aria della sera umida e molle Era l'acuto odor de' campi arati E noi salimmo insieme su questo colle Mentre il grillo stridea laggiù nei prati. L'occhio tuo di colomba era levato. Quasi muta preghiera al ciel stellato; Ed io che intesi quel che non dicevi M'innamorai di te perché TACEVI. * 'Ei balza in piedi e sovra i capi appare dei seduti d'un dito appena appena.'
  • Alessandro L. 3 anni fa
    Se non avessi letto questo post, non avrei saputo nulla di tutto ciò. I giornali e la televisione non fanno altro che parlare della crisi ???? del M5S. Disinformano invece di informare su cose essenziali come questa. Dobbiamo assolutamente trovare un modo per mettere al corrente TUTTO il popolo di quello che sta succedendo. Come fare ?
    • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
      dimentichi la responsabilita' maggiore del dimezzamento..aver regalato alla lega la lotta per il ritorno alla sovranita' monetaria e costituzionale..la maggior parte e' (era) antieuro, come da sondaggio interno, e come prova la proposta piu' votata nel forum
    • vincenzodigiorgio digiorgio Utente certificato 3 anni fa
      Abbiamo dato la netta impressione di dilettanti allo sbaraglio ! Forti del successo del 2013 no abbiamo controllato ferocemente le elezioni europee e ci siamo fatti fregare come polli ! Depenalizzando il reato di immigrazione ci siamo alienati un 20 - 25 di voti . L'imprudente dichiarazione di Di Battista sul terrorismo un'altro 10 per cento . Non andare in tv ha completato l'opera , ringraziamo la sorte se ci siamo solo dimezzati !
  • Luca M. Utente certificato 3 anni fa
    piove...ancora governo pd...uff...
  • altro che mutande verdi 3 anni fa
    Di Battista ad Artini: 'Fieri di essere altro' Ma Di Battista , Artini chi lo ha votato? Gli utenti certificati del M5S, no? E per cosa lo hanno votato? Per la sua bella faccia? Non sembra...Ha una faccia da stronzo. Eppure nei meetup Artini continua a mietere proseliti quindi “Fieri di essere altro” de che, Di Battista de che?... Chiedi a Civati, il capo stazione con i suoi ultimi treni che passano per il M5S , di far cadere il governo del massone e senti cosa ti dice.
  • Ariùna 3 anni fa mostra
    Come ha detto benissimo DavidLak ieri sera: Beppe, molla tu il Movimento e fanne un altro: sarò il primo a seguirti. Io aggiungo: anche ciecamente se tornano le parole guerriere e le tematiche e lo spirito originale! Ma stavolta niente Parlamento...fuori!!
  • Roberto Caterisano 3 anni fa
    L'UE ammette l'adesione di nuovi Stati a patto che questi adeguino la legislazione e il mercato interno ai trattati e regolamenti europei. Ritengo che sia necessario che anche gli accordi internazionali come il TTIP possano essere sottoscritti a patto che siano rispettate tutte le norme EU, senza deroghe, e previo parere dei singoli Paesi. In Italia urge investire nell'economia reale e non in finanza creativa e strani accordi che impoveriscono il tessuto economico-sociale.
  • luciano passalacqua Utente certificato 3 anni fa
    l'europa ci ha multato di circa 40 milioni di euro per le immondizie nelle strade,e ogni sei mesi che non ci daremo da fare altri 40 milioni di multa...???..ma che stato abbiamo? questi milioni di multa non sarebbe stato meglio spenderli per pulire le strade?nooo...cosi ne spendiamo 43 di multa piu rimane da pagare le spese della pulizia..ma in che mani siamo,e quello che fa rabbia è che continuano a far le pulci al m5s, ma quando vedremo i media attaccare questi politici,e quando vedremo la popolazione reagire?
  • se si candidava l'uomo qualunque col cavolo che finiva a roma 3 anni fa
    Praticamente quasi tutti i meetup M5S in Italia sono in mano al PD. Che presa per il culo... E gli ecumenici ovviamente non ne sapevano nulla, no? Bello vedere quelli "fantastici" che dicevano di volere cambiare il “sistema” (votati da coloro che li conoscevano bene) ora inciuciare con i lobbisti, i massoni, gli alfaniani, i cellini e altra porcheria varia. E avevano anche la faccia da culo di prendere in giro Scillipoti. Razzi in confronto a loro è un gigante, uno statista.
  • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
    ... «Il trattato T-Tip – scrive Monica De Sisto, economista e vice presidente di Fairwatch – punta ad abbattere non tanto le tasse doganali tra Ue e Usa, già basse, ma le cosiddette barriere non tariffarie, cioè i divieti di importazione e di tasse specifiche che, anche grazie alle grandi battaglie contro la carne agli ormoni, il pollo lavato con il cloro, gli ftalati (sostanze chimiche plastificanti) nei giocattoli, i residui dei pesticidi nel cibo, gli Ogm e così via, tengono lontane dal nostro mercato i prodotti non sicuri, tossici». Infatti con il T-Tip cadranno le tasse e le tariffe che hanno tenuto lontano questi prodotti. Il T-Tip avrà pesanti conseguenze su ambiente, lavoro e la stessa nostra democrazia. A livello ambientale, il trattato incrementerà l’esportazione di combustibili fossili e gas estratti con il fracking (tecnica di fratturazione idraulica del terreno) e permetterà alle multinazionali del petrolio di portare in tribunale i governi nazionali che introducessero regolamentazioni restrittive al riguardo, e di fare anche ricorso contro legislazioni ambientali nazionali. Con la crisi ecologica in atto, tutto questo avrà conseguenze devastanti. Il trattato avrà pesanti ricadute anche sul mondo del lavoro, aggirando le norme del diritto al lavoro e svuotando le normative per la protezione dei lavoratori. Ma sarà soprattutto la nostra stessa democrazia, già così debole, ad uscirne azzoppata. Il T-Tip è infatti un negoziato stipulato in totale segretezza senza la partecipazione attiva dei cittadini. ... «È un progetto politico - ha scritto Stefano Rodotà - per asservire ancor più i lavoratori ai piani delle corporation, privatizzare il sistema sanitario e sopraffare qualsiasi autorità nazionale che volesse ostacolare il loro modo di agire». ... http://www.nigrizia.it/notizia/usa-ue-quel-libero-scambio-che-uccide
  • viviana vivarelli Utente certificato 3 anni fa
    Per Rita che continua a pungolarmi sul concetto di appartenenza,contro cui mi sono dichiarata un cane sciolto preciso che: Gli analisti dicono che il male dei nostri tempi è LA SINDROME DELL’ABBANDONO,per questo c’è tanto desiderio di appartenere a gruppi o sette o fazioni o di seguire un capo:per non sentirsi soli o privi di una identità La paura dell’abbandono è forse la prima cosa che impariamo nella vita L'appartenenza è un archetipo primario ma se ne guarisce con l'emancipazione e il senso di responsabilità L’emancipazione è un allargamento del sé,un rafforzamento del principio di identità Siamo cercatori inquieti,incerti,insoddisfatti nei nostri bisogni fondamentali e dobbiamo ingegnarci da soli a procurarci quel che ci serve, perché nessuno ci aiuta veramente e per questo ci sentiamo abbandonati. Siamo tutti dipendenti da altri o da qualcosa che sta fuori di noi: fortuna, amore, vita… Ma evoluzione significa proprio fare da sé, non aspettare che qualcuno o qualcosa ti salvi, devi arrangiarti, devi impegnare tutte le tue forze.Si comincia a crescere quando si diventa responsabili, e la difficoltà è una condizione necessaria, non è un ostacolo ma un'occasione. La vita va vissuta e la libertà va guadagnata; la soddisfazione non si eredita ma si conquista. La vita costringe a una ricerca generata dall’insoddisfazione, dal bisogno, dalla mancanza o dalla solitudine. La relazione d’APPARTENENZA si allarga alla sfera del sociale, della politica, dell’economia. La nostra casa può essere un partito, una classe economica, una corporazione, l’esercito, la patria, un uomo della Provvidenza... Contro la sindrome abbandonica l’uomo cerca l’appartenenza e rischia di cadere nella dipendenza o nel plagio, cioè nella perdita della libertà,può diventare succube o fanatico Qualunque appartenenza sembra preferibile allo stare soli: peccato che il compito esistenziale dell’uomo sia invece la responsabilità. L'uomo deve appartenere solo a se stesso ma non è cosa facile.
    • Antonio B. Utente certificato 3 anni fa
      D'accordo su tutto Grazie Viviana ottimo approfondimento ed ottima conclusione: "ma non è cosa facile" è un piacere leggere ciò che scrivi. Di mio ci metto solo la mia età sono nato poco prima dello scoppio della seconda Guerra Mondiale. Ciao complimenti!
    • viviana vivarelli Utente certificato 3 anni fa
      tu sei una col burka?
    • Ariùna 3 anni fa mostra
      per una col Burka poi, è impossibile!
  • Ariùna 3 anni fa mostra
    Penso che CHIUNQUE avesse fatto e detto le stesse identiche cose di Beppe, con la stessa verve, con lo stesso stile...ma senza ESSERE CONOSCIUTO, FAMOSO, VISTO IN TV: sarebbe rimasto solo come un cane. Bene andando come Barnard e Flores D'Arcais
    • Rio Savè Utente certificato 3 anni fa mostra
      Concordo. :) Inoltre non è vero che prima del 25% il Mov. non era in tv; i comizi di Beppe e le frasi tipo "butteremo fuori a calci nel culo la vecchia politica" erano ben note a chi si informava solo con la tv. Certo, ci saranno stati i commentatori in studio che schernivano o davano dei fascisti, ma il messaggio di Beppe era comunque arrivato.
  • carla gobbi 3 anni fa
    bravi, questo e' il vostro compito in televisione e nelle piazze!!! quello di stimolare i cittadini ormai addormentati ad informarsi ed a capire di più. In questo momento in cui tutti hanno paura di noi, per primo renzi, dobbiamo rimanere uniti, dare poca importanza ai dissidenti, e concentrarci sui reali problemi del paese, collaborando e non alleandoci con chi legifera bene, per costruire e non solo demolire. questo è quello di cui hanno paura tutti i partiti .coraggio
  • luci da Alcyone () Utente certificato 3 anni fa
    https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=J-uq63iSiL0 Sono tornati i prepotenti Cla'
  • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
    Visto che la maggior parte dei cittadini non ne conosce ne' implicazioni ne' conseguenze facciamoci un referendum..
  • GIUSEPPE C. Utente certificato 3 anni fa
    Altro esempio di politica per i cittadini. Il M5S è l'unica speranza politica che abbiamo. In alto i cuori.
  • Luca 3 anni fa
    Il TTIP, secondo lo studio eseguito per conto della Commissione Europea, non porterà alcun beneficio rilevante in termini di PIL. Al contrario, i rischi dell'implementazione di questo trattato sono altissimi. http://goofynomics.blogspot.it/2014/11/ttip-la-storia-si-ripete.html
  • luci da Alcyone () Utente certificato 3 anni fa
    TTIP come tutto ciò che ha a che fare con la globalizzazione anche questa è una iniziativa che va contrastata e con ogni mezzo aumenta (a dismisura) i diritti (o meglio i privilegi) delle multinazionali riduce, al limite della soppressione, i diritti all'esistenza di cittadini, piccoli commercianti, agricoltori, piccole aziende ... la fittizia economia finanziaria che uccide l'economia reale il profitto che prevale sulla vita Cla'
  • Giovanni P. Utente certificato 3 anni fa
    Volevo solo ricordarvi che nelle azioni del movimento c'è sempre stato un particolare che non è mai stato preso in considerazione in maniera seria nonostante abbia un'importanza vitale sulla sua crescita ,ed è quello dell'informazione, anche se vi sembrerà un paradosso qui nel Blog. Purtroppo non ho mai visto nessuno oltre a qualcuno nel Blog che si sia interessato alle probabili reazioni degli italiani prima di ogni mossa invece di comportarsi solo è unicamente da Boy scout sui regolamenti .Mi sembra che non abbiate ancora capito che nel nostro modo odierno una gran parte degli italiani ricevono le notizie del Movimento dalla tv e se ci mettono sopra dello zucchero la sentiamo dolce, salata se ci mettono il sale dato che l'informazione visiva è molto,molto più potente di quella informatica a modellare i nostri pareri sul M5S L'assurdità della storia è che le notizie e i pareri del movimento non giungono mai dal M5S , ma sempre dai partiti che la manipolano a piacere...su varie trasmissioni e noi dobbiamo sempre subire queste bastonate a seguito della regola di evitare le Tv. ? Vi faccio solo stupida una domanda: perchè Beppe è sempre stato preso più in considerazione di uno sconosciuto?...anche se vi sembrerà assurdo ma il nostro modo di ragionare è legato alla sicurezza dell'immagine ripetitiva e alla paura di sbagliare.
  • Jan Niedzielski Utente certificato 3 anni fa
    Ottima iniziativa! Scusatemi ma quest'ultimo "delirio" di Muti al Quirinale? Questa nazione ha bisogno di UN'ARCHELOGO AL QUIRINALE, non di un musicante, altezzoso, snob e viscido come la sua carnagione di un Muti, bravissimo per carità, ma SE LA PRIMA RICCHEZZA ITALIOTA SONO I PAESAGGI, CHE SMTTANO UN GIORNO SI ED UNO NO, E I RUDERI ANTICHI DELLA SUA LUNGA STORIA, IL BIMBOMINCHIA DEMENTE "PENSA" DI METTERE A CAPO DELL'ORCHESTRA MUTI? PER DIRIGERE UN CONCERTO MENTRE TUTTO FRANA E CROLLA? SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT SALVATORE SETTIS FOR PRESIDENT ORA O MAI PIU
  • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
    ... le norme del trattato risultano, come poche altre, piuttosto complicate (secondo la logica intrinseca del "non far capire")... In estrema sintesi, una volta che l'euro, - coi suoi enormi effetti di deindustrializzazione e di correzione di tipo "gold standard", cioè tesa a parificare i tassi di inflazione e gli squilibri commerciali agendo sul solo costo del lavoro-, ci ha posto nella condizione di "paese periferico" e strutturalmente indebolito, producendo gran parte dell'effetto Grecia di nostra rispettiva spettanza (a ognuno il suo, ma sempre con uno spettacolare rimodellamento verso il basso della forza economica e della coesione sociale), ci attende un quadro TTIP che, attuato in via di connesso accordo sui cambi, ci porrà in un peg col dollaro, ma sempre senza prevedere i famosi trasferimenti fiscali "federali" a correzione degli squilibri commerciali. Il tutto, evidentemente, e dovremmo averlo ormai imparato, significa prosecuzione del mercato del lavoro deflazionista interno e precarizzato o, in alternativa...l'Argentina. http://orizzonte48.blogspot.it/2014/11/la-sorpresina-di-angela-ttip-e-accordi.html
  • Ariùna l'Indjano 3 anni fa mostra
    Oye como va?? :)) Adoro i piaceri semplici. Sono l'ultimo rifugio per uno spirito complesso. --- O.W.
  • antonella g. Utente certificato 3 anni fa
    Questo, invece, non è O.T. http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-9ed45d77-878a-4e7b-a531-df8fa39695bc.html E' una puntata di Report sul Ttip Per me, Gabanelli (e il suo staff, se si potesse) for President!!
  • antonella g. Utente certificato 3 anni fa
    O.T.: Per me Beppe è e resterà sempre il garante del Movimento, CHE SENZA DI LUI NON ESISTEREBBE. Purtoppo il cambio di casacca non comporta la decadenza da parlamentare e la perdita dei relativi privilegi. Sono sicurissima che i voltagabbana sarebbero pochissimi. Capisco la decisione dei Costituenti, ma allo stato attuale è una cosa profondamente ingiusta, che penalizza soltanto gli elettori del Movimento, che , contrariamente a quelli degli altri partiti, sapevano per cosa stavano votando.
  • Diego Cappuccini Utente certificato 3 anni fa
    Questo è l'ennesimo trattato che distruggera la produzione del nostro paese. L'importazione libera dagli Stati Uniti è qualcosa di impensabile e la qualità dei prodotti che consumiamo scenderà notevolmente. Insomma il solito trattato per favorire le multinazionali a discapito della qualità di vita dei cittadini!
  • antonella g. Utente certificato 3 anni fa
    La lungimiranza, o la malafede, di certi blogghisti del Fatto, come Andrea Scanzi specializzato nel gettare fango sul M5S, è veramente sconcertante. Scrive il suddetto, il 30/11: "davvero Sibilia era meglio di un Cecconi, di un Toninelli e di un Villarosa?" Beh, direi che sull'ultimo nominativo, adesso,dovrebbe avere qualche perplessità ;-)
  • High Lander 3 anni fa
    ESPULSIONE DOPO ESPULSIONE...... ...alla fine ne rimarrà solo uno....anzi due: GRILLO sul Blog e Luca (Rho) nel Blog lollll :-D
    • elisabetta d. Utente certificato 3 anni fa
      + 1 , in alto i cuori
    • Federico G. Utente certificato 3 anni fa
      E tu che sarai sempre a controllore per infangare.
  • RENZO D. Utente certificato 3 anni fa
    Questo è il risultato in cui ci portano questi nostri governi fantozziani... Da quel delinquente di monti, letta e ora quel buffone di renzie. Ci stanno svendendo la nostra bella Italia Fermiamoli. FERMIAMOLI PRIMA DELL'IRREPARABILE. FORZA M5S MANDIAMO A CASA STI PAGLIACCI
  • Luciano Vitalezzo (virtuoso) Utente certificato 3 anni fa
    Artini si e' palesato per quello che era/e' , un amico di Renzi... E non c'e' spazio per questa gente nel MS5... Ho visto ora che Renzi si riempie la bocca di frasi in cui sembra aprire al movimento 5S, be meglio restare al 5 % che scendere a patti con questa gente!!!! Avanti cosi!!!! Ed c.v.d. HA sempre ragione Beppe!!!
  • rituzza talebbana 3 anni fa
    Finalmente si parla d'altro e non di Artini.
  • e oggi voglio parlare 3 anni fa
    http://www.beppegrillo.it/ cgi-bin//mt-confirm- comment.cgi?__ mode=confirm&id=6627565& email=porcavacca% 40gmx.com&check= xAyMSMRW4agaU&_ redirect=http%3A%2F% 2Fwww.beppegrillo.it% 2F2014%2F12% 2Fpassaparola_non_e_un_ paese_per_sordi_-_laura_ brogelli.html Il tuo commento: "fa-rage dice che gli omosessuali sono anche pedofili, io invece dico che ci si potrebbe riempire una enciclopedia con i credenti che sono dei potenziali pedofili. Perché sono come bambini. comunque le alleanze si possono fare anche con i pedo come fa-rage, non è un problema, l'importante è non conservare il vino con l'acqua dentro la stessa bottiglia perché si rovinano entrambi. per riempire il bicchiere vanno benissimo insieme ma dentro la stessa bottiglia no perché vanno a male tutti e due."
  • mauro lancioni Utente certificato 3 anni fa
    Artini ricompatta e dà credibilità al M5S confermando la giustezza della sua espulsione per completa inaffidabilità. Ieri sera la 7 su Artini ha fatto informazione utile finalmente.
  • Massimiliano Princigalli Utente certificato 3 anni fa
    L'ennesimo esempio di quanto in nostri rappresenti fanno ogni giorno per "difendere" sul serio cittadini ed italiani. Dobbiamo strillarlo in qualche modo, al più presto. Altrimenti non siamo nemmeno "utili" per questi ragazzi che si fanno il mazzo con onestà ed abnegazione. Maledetti partiti, la differenza è enorme. Strilliamo...prima che sia troppo tardi
  • Davide R 3 anni fa
    Primo?
  • rosanna scarpa 3 anni fa
    mi auguro che questa cosa non avvenga e vi invito ad opporvi con tutte le vostre forze. pensate a noi ed all'italia. lasciate stare le vostre cose interne ed andate a spiega controbattere in tv i soliti che denigrano il movimento. deve esserci un contraddittorio altrimenti quelli ci sotterrano tutti. colgo l'occasione per ringraziare grillo per il suo passo indietro ed ora forza a tutti gli alri. avanti tutta!
  • Luana Canova 3 anni fa
    Buongiorno, questo post e il precedente sulla sordità sono i post che vorrei vedere sempre in questo sito. Temi, informazione, confronti sinceri e intelligenti che offrano punti di vista rispettosi pur nella diversità, non polemiche sterili. Ho apprezzato questo blog per questo e continuo ad apprezzarlo quando e se si ragiona in questa prospettiva. Grazie. Luana Canova
    • Rio Savè Utente certificato 3 anni fa
    • Rio Savè Utente certificato 3 anni fa
      http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4601.html
    • Rio Savè Utente certificato 3 anni fa
      [li][a href="#"]http://www.luogocomune.net
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus