Capitan Rottame

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
renzie_rottame.jpg

"Son qui che penso alla faccia tosta (per esser gentile) di tale Matteo Renzi. Non so se gioca sulla memoria corta della gente o se è lui che dimentica tutto troppo in fretta, ma io ricordo bene gli attacchi verso Beppe Grillo, quando andò alle acciaierie in aiuto dei lavoratori. Matteino e la sua cricca non persero l'occasione per accusarlo di protagonismo e di speculare sulla gente per i propri fini propagandistici. Peccato che questo "metodo" non appartenga ai 5stelle. Credo piuttosto sia una prerogativa del PD, e sopratutto del suo "paladino". Ora tale Renzi, che non perde occasione per presenziare a destra e a manca, sarà a Genova per l'arrivo della Concordia Non so. Forse vuole un inchino? Se fosse andato Beppe (tra l'altro nella sua città natale) sia la classe politica che i media avrebbero fatto a gara per inveire con titoloni del tipo "Grillo specula sulle vittime della Concordia" ecc... ;a ci va il lupo tanto buonino, quindi tutti tranquilli e vi raccomando, non dimenticate l'applauso".
Paola L., Verona

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Il grande comandante 3 anni fa mostra
    Il grullo non è andato perchè alle navi da demolire preferisce gli yacht naviganti. I milionari non si smentiscono. P.S. per non farsi mancare nulla, anche lui una volta, in Costa Smeralda, è andato a scogli, ed ha affondato la barca...
    • raoul romano Utente certificato 3 anni fa mostra
      nel paese dei matti il saggio diventa matto. un esempio di grande oratore.
    • Antonio B. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Ei tu, grande comandante...sei parente di Schettino?
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus