Il terrorista

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

terrorista_premio_nobel.jpg

"Alessandro Di Battista è stato coperto di insulti per il suo post a proposito dell’Isis: l’accusa corrente è quella di “sdoganare terrorismo ed Isis” aprendo la strada ad un riconoscimento del “Califfato”.
Avendo letto due volte il pezzo di Di Battista mi sono reso conto che ci sono molte forzature in queste reazioni basate spesso su estrapolazioni di frasi dal loro contesto. A proposito del terrorismo, Di Battista dice chiaramente che non lo “giustifica“ e manifesta apertamente la propria preferenza per le forme di lotta non violente. Si limita a dire che si può “capire” chi, avendo visto il suo villaggio e la sua famiglia sterminate dai droni americani, poi reagisce facendosi saltare in una metropolitana e facendo così una strage. Quel “capire” non sta per “approvare”(e lui dice chiaramente di non condividere questa scelta), ma è un modo per dire che certe reazioni sono il risultato di una logica di guerra come quella condotta dagli Usa. Si può discutere questo punto di vista, ma, nel suo lungo (forse troppo lungo) pezzo, questo è un aspetto marginale, un inciso, mentre il sugo politico è altro ed è così sintetizzabile :
a - occorre riconsiderare le ragioni della tempesta che investe il Medio Oriente a cominciare dal modo in cui venne spartito l’Impero Ottomano
b - la strategia antiterrorista americana è fallita
c - bisogna arrivare ad una conferenza di pace che metta al tavolo delle trattative Usa, Urss, Alba, Lega Islamica ed i principali paesi dell’area.
d - occorre aprire un confronto con “i terroristi” (l’Isis) capendone la logica politica ed aprendo un confronto con essi.
Sul primo punto bisogna riconoscere che storicamente c’è molto di vero nelle sue affermazioni: in effetti l’Iraq fu una invenzione di Churchill. il disegno dei nuovi stati venne fatto usando matita e squadra (noi diremmo “squadra e compasso”) modellandoli sulla base dell’esperienza dello stato-nazione europeo ecc. E questo ha prodotto buona parte degli esiti che abbiamo davanti, anche se questa è una spiegazione parziale e poi c’è anche molto altro, compresi gli errori delle leadership dei paesi arabi.
Sul secondo punto è difficile non riconoscere che abbia pienamente ragione: dopo 11 anni di guerra con cataste di morti e un diluvio di dollari spesi, gli americani si trovano con un paese in preda al caos, con un regime fantoccio che, per di più, sembra sull’orlo del colpo di stato e con un esercito che si è squagliato come un ghiacciolo, lasciando le proprie armi ai “terroristi”. Ma, soprattutto, dopo 13 anni di “crociata” contro Al Qaeda, dopo l’uccisione di Bin Laden e di molti altri leader dell’organizzazione, si ritrovano con una Al Qaeda più forte di prima che è sul punto di ingoiarsi l’intero Iraq. Bel risultato! E su questo, nessuno dei suoi critici fiata, fosse anche per contestare questa affermazione.
Sul terzo punto è ovvio che una conferenza di pace che risistemi tutta l’area è un punto di passaggio obbligato, perché le varie crisi dell’area (dal conflitto israelo-palestinese al problema curdo, dalla guerra civile siriana alla dittatura militare in Egitto, dal conflitto fra sunniti e sciiti alla situazione iraquena ed alla rivalità fra sauditi ed iraniani ecc.) sono tutte maledettamente collegate fra loro, per cui la soluzione di ogni conflitto presuppone quella dell’altro. Dunque una sistemazione complessiva dell’area è la strada maestra per una pacificazione non precaria di ciascun punto di crisi. Il che, però, non vuol dire che questo sia un risultato facile da perseguire: occorre precisare molto bene quali debbano essere i soggetti da invitare al tavolo delle trattative, come vincere le eventuali resistenze di alcuni di essi, quale debba essere lo spazio delle grandi potenze esterne all’area (come Usa e Russia) e molte altre cose. Ma mi pare che sia una proposta che meriti attenzione ed alla quale l’Italia potrebbe dare un suo contributo.
Perplessità mi suscita l’ultimo punto, il cosiddetto dialogo con i “terroristi”. Non perché io escluda in via di principio dei negoziati politici con “i terroristi”: al contrario, credendo nel realismo politico, sono convinto che in molte situazioni la strada per uscire dal conflitto sia proprio questa. Ed a riprova di questa mia antica convinzione, ripropongo, ai piedi di questo pezzo, la riduzione di un articolo che mi venne richiesto dalla rivista del Sisde “Gnosis” nel 2006 (n° 2), chi poi ne abbia la curiosità, potrà leggere il pezzo per intero sul mio blog.
E spero che la sede in cui il pezzo ebbe accoglienza valga a tacitare il cretino di turno che pensasse ad uno “sdoganamento” del terrorismo. Dunque, non è questo il motivo delle mie perplessità, ma due questioni fra loro intrecciate e di squisito carattere politico.
In primo luogo, non sono affatto convinto che l’Isis sia minimamente interessato ad accettare una qualsiasi forma di dialogo. L’Isis, ed occorrerà approfondire seriamente la questione, ha come suo obiettivo la costituzione della “grande potenza” di ispirazione islamica ed, a questo scopo, punta alla leadership dell’intero mondo islamico sunnita o, quantomeno, della più vasta area possibile nel mondo arabo. Sedersi ad un qualsivoglia tavolo di confronto (qualunque esso sia) non fa parte della sua strategia politica, almeno per ora, ma, al contrario è funzionale ad essa il conflitto più radicale con l’Occidente e chiunque sia assimilabile ad esso (come i cristiani caldei). E qui si inserisce il secondo ostacolo ad un dialogo nelle condizioni presenti: i massacri di curdi, sciiti e cristiani. I numeri non sono –ancora- quelli di un genocidio, ma i massacri ci sono e le “dichiarazioni di intenti” sono tutt’altro che rassicuranti. Con un soggetto genocidiario non ci si può sedere a discutere in ogni caso, perché il confronto possa avviarsi, prima di tutto, devono cessare i massacri. E questo comporta anche una decisione sul da farsi in presenza di stragi che continuano: un intervento militare americano (dopo quello che è accaduto) servirebbe solo a peggiorare le cose. Un intervento Onu? Ci si può pensare, a condizione che non diventi un intervento americano mascherato. Un intervento iraniano? Possibile ma bisognerebbe vedere le reazioni saudite e turche. Armare i curdi: certo una soluzione che comporta dei rischi, come quelli di rappresaglie dei curdi sui civili sunniti, ma è anche vero che non possiamo assistere inerti ad un massacro reale ed in atto, per evitarne uno possibile futuro. Di Battista sottolinea come l’Iraq sia uno stato inventato che mette insieme tre diverse popolazioni ed auspica che ciascuna, sunniti, curdi e sciiti, si dia un proprio stato. Ma perché questo sia possibile occorre che i curdi ci arrivino vivi e le loro terre non siano occupate.
Insomma se ne può discutere, ma entrando nel merito. Qui invece nessuno delle altre forze politiche si è sentito in obbligo di entrare nel merito delle questioni, ritenendo del tutto sufficiente il solito linciaggio del grillino per una frase o una parola. Il che fa capire come la politica estera sia una cosa troppo seria per farla trattare a questa classe politica." Aldo Giannuli

Scarica e leggi il saggio di Aldo Giannuli sul terrorismo e l'ideologia antiterrorista

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Fabio Iacopino 3 anni fa mostra
    Mah...ora Giannulli cerca di raddrizzare la barca. Non è tanto quanto sostenuto da Di Battista il problema, è che quando si occupano certe posizioni, occorre misurare le parole e, piuttosto, evitare di pronunciarle! Altrimenti si da solo motivo a chi non ha altri agromenti convincenti di dare addosso a chi le pronuncia. Pertanto, se anche tutto il discorso potrebbe avere un senso, ne viene estrapolata una frase sulla quale montare un caso, fino a far perdere il senso a tutto il contesto!! Sono peccati di ingenuità e di inesperienza, che denotano come il M5S abbia bisogno di più teste "pensanti" attorno, e non solo il duo Grillo/Casaleggio (fino a quando pensate di riuscire a gestire il tutto? Quando capirete che serve un insieme di persone che lavorino secondo criteri democratici nell'impostare una linea decisa al Movimento? Quando capirete che voi, che lo avete fatto volare, ora lo state facendo implodere?). Personalmente ritengo che un Becchi (dal quale avete preso le distanze voi, capi, senza chiedere alla base...evviva la democrazia diretta!) sarebbe stato utile al Movimento. Senza personaggi cosi, siete destinati a far fa bocconi prelibati al gossip politico, ed a rovinare il lavoro, pur buono, che in parlamento viene fatto! Sono disponibile ad un confronto face to face con Grillo e Casaleggio, assieme ad un gruppo di validi amici, per spiegare quanto ho scritto...
  • Max Stirner Utente certificato 3 anni fa
    IO SONO UN TERRORISTA! NON IMòPORTA SE SOLO NEL PENSIERO Il commento di DIBA è perfetto, perché se non lo fosse stato non avrebbe fatto uscire il "branco di cani" rabbiosi a latrare e digrignare i denti. Io possedevo una femmina di doberman che si comportava così, ma mi accorsi che mentre ringhiava per nulla, contemporaneamente perdeva gocce di pipì: era il suo terrore. Per quanto mi riguarda, quante volte sogno di vedere centinaia di individui, che tutti noi conosciamo, con il terrore negli occhi, accapigliarsi tra loro per "rubare" un posto sull'elicottero e pigiarsi al suo interno. Quante volte sogno di vedere le loro facce stravolte appoggiate all'oblò dell'elicottero pieno come un uovo, che dallo stravolgimento passano al terrore "semplicemente" perché il rotore di coda si è spezzato... e con qualche giro di "walzer" l'elicottero si schianta al suolo. CHE CATARSI! Chissà quale piacere avranno provato i vari Presidenti del Consiglio che, senza che nulla di male fosse fatto all'Italia, hanno dichiarato guerra alla Serbia, all'Iraq, all'Afganistan, alla Libia!? SCUSATE L'ERRORE, QUELLE ERANO MISSIONI DI PACE DI UN ESERCITO "REGOLARE" CON TUTTI GLI ARMAMENTI ADEGUATI. ECCO L'ERRORE DEI TERRORISTI: NON DEFINIRE LE LORO AZIONI COME "PERSUASIONE OCCULTA" ALCUNI ESEMPI COMPARATIVI DI ATTENTATI PER I PIU' TONTI: ATTENTATO DI VIA RASELLA: http://it.wikipedia.org/wiki/Attentato_di_via_Rasella ATTENTATO DI NASSIRIYA http://it.wikipedia.org/wiki/Attentati_di_N%C4%81%E1%B9%A3iriya CHI TROVA LA DIFFERENZA VINCE UN PESCE ROSSO! ALCUNI ESEMPI COMPARATIVI DI "AZIONI DI GUERRA" PER I PIU' TONTI: ETIOPIA STRAGE FASCISTA (Italiani brava gente) http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2006/05/22/etiopia-quella-strage-fascista.html FOSSE ARDEATINE http://it.wikipedia.org/wiki/Eccidio_delle_Fosse_Ardeatine FOIBE http://it.wikipedia.org/wiki/Massacri_delle_foibe QUESTA VOLTA IL CONFRONTO E' A 3 E QUINDI CHE COGLIE LA DIFFERENZA VINCE UNA BAMBOLINA.
    • cicurino p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      In realtà ti comporti come un fascistello, ma anche se per nick avessi Adolf Hitler le tue idee sono e restano di estrema sinistra.Si anche se non ti piace sei un Sinistroide amico dei Terroristi,e oltretutto anche maleducato. P.S.Non sono io che capisco tutto . Sei tu che non capisci un cazz
    • Max Stirner Utente certificato 3 anni fa mostra
      @ cicurino p Ecco, tu sì che hai capito tutto! deficiente! Solo un analfabeta come te, poteve definire sinistroide uno che si è scelto il nick Max Stirner; sei proprio un cretino! Carlo Marx, che non è Carletto, quello che incontri al bar, in "L'ideologia tedesca" ha dedicato un tomo intero per attaccare Max Stirner, proprio per il contrario di quello che affermi tu, senza sapere nulla, come in genere fanno gli analfabeti. Suicidati che la tua perdita probabilmente gioverà anche ai tuoi familiari, ammesso che qualche disgraziato abbia legami con te.
    • cicurino p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Sicuramente il post di Di Battista farà scappare una bella fetta di elettori del M5S che sono in larga parte moderati.Però almeno ha avuto il merito di far uscire allo scoperto tutti i sinistroidi come te. Quattro gatti residui del passato che si sono accampati nel blog per darsi man forte a vicenda sparando le loro menate quotidiane
    • Max Stirner Utente certificato 3 anni fa
      "come di Battista, fai confusione: tra Nassiria e Via Rasella non c'è in effetti nessuna differenza, solo che non si tratta di atti di terrorismo, ma di guerrgli eserciti "regolari" vengono definite " Tutti gli atti terroristici sono atti di guerra! Per quanto riguarda le morti civili, quelle procurate da eserciti "regolari" vengono definite "danni collaterali", mentre le morti provocate dai guerriglieri/terroristi vengono definite "vittime innocenti di vili attentati"; tutto qui. Per quanto riguarda Nassiriya, da tutta la stampa occidentale fu definitto "atto terroristico" Altro che confusione.. Ciao
    • Graziano Frigeri Utente certificato 3 anni fa
      Nessuna differenza tra Nassiria e Via Rasella, ma in entrambi i casi non si tratta di terrorismo, ma di azioni di guerra contro un esercito occupante. Nessuna differenza tra gli altri tre: sono tutti e tre crimini di guerra compiuti ai danni di civili indifesi e disarmati, esattamente come fanno i terroristi. Il post è molto spiritoso, ma non coglie (come non ha colto Di Battista) la fondamentale differenza tra combattenti e terroristi.
    • Graziano Frigeri Utente certificato 3 anni fa
      Molto spiritoso, ma anche tu, come di Battista, fai confusione: tra Nassiria e Via Rasella non c'è in effetti nessuna differenza, solo che non si tratta di atti di terrorismo, ma di guerra: in entrambi i casi chi ha attaccato ha attaccato un nemico armato e occupante (Battaglione Tedesco Bozen a Roma, Avamposto di Carabinieri a Nassiria). Per tornare ancora indietro con la storia pensa a Pietro Micca. Anche nel secondo gruppo non c'è differenza, ma sono tutti e tre crimini di guerra, assimilabili in tutto e per tutto ad atti terroristici: si sono uccisi civili disarmati.
  • Lucio P. Utente certificato 3 anni fa mostra
    "Armare i curdi: certo una soluzione che comporta dei rischi, come quelli di rappresaglie dei curdi sui civili sunniti, ma è anche vero che NON POSSIAMO ASSISTERE INERTI AD UN MASSACRO REALE ed in atto, per evitarne uno possibile futuro." Ma cosa dice sig. Giannuli? E’ la stessa SCUSA CHE USANO I PAESI IMPERIALISTI per fare i propri interessi e che ha procurato, a partire dalla Guerra del Golfo, micro guerre a catena di ogni tipo, stragi immani, distruzioni devastanti, terrorismo di stato e terrorismo individuale! E chi lo decide quando è giusto intervenire militarmente dentro i confini di un'altra nazione? Se avessimo dovuto BOMBARDARE GLI STATI UNITI tutte le volte che invadeva paesi sovrani, faceva colpi di stato, commissionava assassini politici, massacrava popolazioni inermi, ecc. ecc., a quest'ora sarebbe un paese raso al suolo...
  • Arjuna Utente certificato 3 anni fa
    E se grezzo-grezzo...avesse ragione il vecchio Mao? "Il potere sta sulla canna del fucile"
    • cicurino p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Brava, scommetto che alla fine grezza grezza tiri fuori anche il libretto rosso dei compagnucci tuoi
  • Arjuna Utente certificato 3 anni fa
    Giannuli: ".....ma è anche vero che non possiamo assistere inerti ad un massacro reale ed in atto, per evitarne uno possibile futuro." - Ma si che possiamo! Possiamo, avremmo dovuto farlo molto prima invece di assecondare come pappagalli le mire imperialiste camuffate da interventi "umanitari" imprescindibili. Il fatto che da qualche tempo sappiamo tutto del Mondo non significa che possiamo/dobbiamo INTERVENIRE a rompere i coglioni ad altra gente: gli esseri umani si uccidono l'un l'altro e si sopraffanno??? Bella scoperta. Ma pensiamo a noi vicini, "prossimi". E dissotterriamo l'ascia solo per legittima difesa.
    • Arjuna Utente certificato 3 anni fa
      S'intende! :))
    • Lucio P. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Infatti... Se avessimo dovuto bombardare gli Stati Unite tutte le volte che invadeva paesi sovrani, faceva colpi di stato, commissionava assassini politici, massacrava popolazioni inermi, ecc. ecc., a quest'ora sarebbe un Paese raso al suolo...
  • domitilla cremonensis Utente certificato 3 anni fa
    Chi è brutto sporco e cattivo e di solito anche povero, non ha il diritto di difendersi! Se hanno deciso che deve sparire guai a lui se si ribellerà! I potenti mandano i droni che li sterminano e loro non possono nemmeno ribellarsi! Figurarsi a farsi saltare in aria! Sono terroristi! Un buon pomeriggio piovoso al blog ed un caro saluto a tutti gli amici! Anto b
  • rorato arrio 3 anni fa
    La polonia ha venduto all'ucraina un sacco di tanks e armi vecchie ex sovietiche, praticamente ferrivecchi. Saranno usati SICURAMENTE per dimostrare l'invasione russa
  • Stefano C. Utente certificato 3 anni fa
    Questi pennivendoli ormai sono prevedibili, se un 5 stelle parla di tutto il corpo umano loro faranno un titolo sul buco del culo.
  • Rosa Anna 3 anni fa
    Bene per fargli fare la pace inviamo ai Curdi un pugno di vecchie armi Di bene in meglio I turchi ci ringrazieranno Certo che abbiamo degli strateghi al governo Tanto per usare un eufemismo: Pusillanimi ? Un tavolo di pace no Una tavola di ""paccia"" si Oddio dacci la nostra quota di deficienza quotidiana
    • cicurinodue p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Non essere ingorda,la tua razione è sempre la più abbondanrte
    • Giuseppe V. Utente certificato 3 anni fa
      Siamo al servizio degli USA: sono i nostri padroni.
  • maria s. Utente certificato 3 anni fa
    SONO IN DUBBIO. C'è differenza tra un kamikaze che si fa saltare in aria trascinando con se civili inermi e un giornalista che consapevolmente prende bene la mira e bombarda con notizie false e tendenziose i cervelli di migliaia/milioni di civili? Sicuro, mi dico. La MANCANZA DI SANGUE. Oltre naturalmente al fatto che il primo scende in campo con la sua morte attaccata al detonatore, il secondo con il portafoglio da riempire. Beh, la differenza è enorme!
    • maria s. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Grazie cicurinodue (uno evidentemente non basta). E' un onore essere offesa da un povero sciocco senza alcun dubbio (nelle tre interpretazioni possibili di "senza alcun dubbio").
    • cicurinodue p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      io invece sul fatto che sei un'idiota non nutro alcun dubbio
  • Andrea B. Utente certificato 3 anni fa
    l'america va combattuta economicamente,BASTA NON COMPRARE PIU MERCI STATUNITENSI. è semplice.
    • cicurinodue p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Perché? bisognerebbe combattere l'America? Se diamo retta a tutti gli imbecilli Rossi come te stiamo freschi.Vai va! Va a leccare il culo a Putin frocetto
  • cane cane 3 anni fa mostra
    wow...che meraviglia...sono totalmente rapito dalla conoscenza della storia, dall'eleganza della scrittura e dalla profondità di quanto scritto da tutti voi fino ad ora...ed intanto...cosa succede...popolazioni trucidate...ritorno al medioevo...oscuri personaggetti da tre soldi che si divertono a fare dio...e, orribile solo a dirsi, infibulazione ed escissione di parte dei genitali per le donne!!!!!!!!! ma figuriamoci...voi fini analisti politici e storici state a disquisire su inesistenti conflitti fra civiltà passati presenti e futuri!!!! dobbiamo fermarli...per salvare le vite e la salute di coloro che stanno soffrendo...basta! sono solo assetati di potere e di conquista...come molti altri del resto! quindi mettetevi in tasca i vostri scritti attinti storicamente dal Bignami e stilisticamente dai foglietti dei baci perugina, ed andate a cagare primo... fra tutti quella faccia da carbonaio dello sparacazzate! by-by uno puttosto preoccupato
    • Ben Monaco 3 anni fa mostra
      refusi "nic" "Hai"
    • Ben Monaco 3 anni fa mostra
      Si, piuttosto preoccupato! Bel riassunto del c...o. Tu preoccupato? con quel nico a cui ai omesso qualcosa. Cane (mangia) cane. Bell'analisi... "preoccupato".
  • uno che gli piace dire le cose come stanno 3 anni fa mostra
    altra domanda... Perché se i parlamentari a 5 stelle devono fare i dipendenti-portavoce questo di baattista vuol fare sempre la PRIMADONNA e lo staff lo asseconda?
  • jean paul marat 3 anni fa mostra
    tutto questo che ho menzionato, l'apoteosi della cittadina e del cittadino, vale in caso di vittoria sulla modifica del non statuto per un solo mandato solo e soltanto allora, in caso di sconfitta sul nostro campo e di conferma dei due mandati, dovremo amaramente ammettere che hanno ragione loro ammettere che in grandissima maggioranza, la nostra civiltà è perdente perchè abbiamo perduto ogni residua energia rivoluzionaria
  • jean paul marat 3 anni fa mostra
    auspico la soluzione finale di uno scontro di civiltà contro i califfi dove siamo destinati a vincere se sapremo fare Tesoro della nostra Storia allo stato attuale, non c'è alcuno scontro di civiltà, ma solo dei fanatici religiosi contro un'associazione a delinquere aspetto una decisione che non potrà che essere quella di farci esprimere sul doppio mandato vedremo finalmente cittadine e cittadini, in gran numero, consci dei propri limiti e dei propri privilegi veri e propri testimoni, che dico non testimoni MA PROFETI di civiltà. da qui il passo per le riforme che veramente ci servono sarà davvero brevissimo
  • sergio vezzoni 3 anni fa
    In un paese di pecoroni cattolici bisogna essere abbastanza ipocriti da dire il mezzo cero e il mezzo falso. Il vero e il falso in un paese di pecorono risultano troppo dignitosamente reali per non essere seguiti da pagliacciate mediattiche come quella occorsa in seguito a questo post. Dibba occhio, noi ti vogliamo bene, ma con gli uomini di fede non si scherza... ti vogliamo, oltre che bene, vivo.
    • jean paul marat 3 anni fa mostra
      ok, va bene, fissiamo una data per il voto e andiamo incontro al nostro destino
  • Eriberto Genovese () Utente certificato 3 anni fa
    Siete soltanto dei terroristi. Non capite che le ns industrie hanno bisogno di smaltire un po' di armi vicine alla data di scadenza. Domani, dopo serrato dibattito in un'aula affollata all'inverosimile, decideremo di inviarle ai peshmerga che con scusa ufficiale, devono difendere a tutti i costi il cristianesimo.... (o era il buddismo o il valdese... boh, poi decideremo). Comunque, ormai è deciso. Anzi, domani è deciso, guerra senza fine al califfo Omar.... O non è lui?
    • jean paul marat 3 anni fa mostra
      si il terrore tra gli eletti, tu lavora pure che tanto non hai nulla da fare
  • jean paul marat 3 anni fa mostra
    quando si vota ?
  • jean paul marat 3 anni fa mostra
    se non mi sosterrà, Prof. Giannuli, dovrò pensare che in ultima istanza lei porti all'ipotetico tavolo del dialogo con l'isis l'uso della forza, come temo anche dei nostri eletti che si fanno forti nel dialogo degli f35 sempre pronti ma non delle loro idee e proposte negli Usa, che sono 200 anni avanti a noi, si sparano reciprocamente in strada non creda di fare una fine migliore se non avrà la forza morale di sostenere la nostra Rivoluzione al di là dei tecnicismi..
  • jean paul marat 3 anni fa mostra
    p.s. voi parlate di portare i califfi dell'isis al tavolo delle trattative, mi pare che lei avalli questa ipotesi di dialogo scusi Prof. Gannuli ma Lei, quale autorevolezza etica, politica e morale pensa di poter accampare davanti all'isis allo stato attuale delle cose ? noi siamo la culla della democrazia e l'ambiente in cui si sviluppa, non altri
  • jean paul marat 3 anni fa mostra
    Buongiorno Prof. Giannuli mi vedo costretto a seminare il terrore tra i nostri eletti con la speranza che si propaghi anche agli eletti degli schieramenti di governo. LE CHIEDO DI SOSTENERE LA MIA PROPOSTA PER IL VOTO ON LINE RELATIVAMENTE ALLA MODIFICA DEL NON STATUTO PER LA RIDUZIONE DA DUE A UN MANDATO PER I NOSTRI ELETTI CON EFFETTO RETROATTIVO ANCHE PER IL PASSATO SARO' CHIARO: ANCHE GLI ATTUALI ELETTI A TUTTI I LIVELLI, COMUNALE, REGIONALE, NAZIONALE, EUROPEO NON POTRANNO RICANDIDARSI E' NECESSARIO UN RICAMBIO CONTINUO ritengo un bene per il nostro paese che il maggior numero di cittadini possa accedere al governo della pubblica amministrazione e che non si calcifichino posizioni già oggi consolidate che rappresentano un tumore maligno per il nostro paese e per il nostro movimento al di là dei meriti dei singoli DOMANDO FORMALMENTE QUALE REGOLARE ISCRITTO E AVENTE DIRITTO AL VOTO CHE SU QUESTA MIA PROPOSTA SI VOTI ON LINE COME GIA' FATTO IN PASSATO
  • Monica C. Utente certificato 3 anni fa
    "nessuno delle altre forze politiche si è sentito in obbligo di entrare nel merito delle questioni, ritenendo del tutto sufficiente il solito linciaggio del grillino per una frase o una parola. Il che fa capire come la politica estera sia una cosa troppo seria per farla trattare a questa classe politica." Aldo Giannuli Ho evidenziato la frase che "centra" il punto Professor Gianulli. La classe politica italiana continua a perseverare nell'ipocrisia, nel finto perbenismo senza trovare mai il coraggio di entrare nel merito degli argomenti, sono sempre e solo occupati a fare o dire tutto ciò che vogliono quanti gli stanno garantendo i loro interessi. Ci si aspetta che la classe politica si occupi di politica estera ?? E come è possibile se sono un totale fallimento nella gestione delle questioni nazionali ??? E giusto per essere chiara: vorrei che avessimo Alessandro Di Battista nostro Ministro degli Esteri.
    • Monica C. Utente certificato 3 anni fa mostra
      cicurinodue p., roma scusa ma non ho capito il tuo commento ! cos'è che ti ha disturbato del mio commento ? il fatto che sono convinta che questo Governo e questa maggioranza sono ipocriti ? oppure il fatto che sono convinta che avere Di Battista Ministro degli esteri sarebbe una scelta saggia e responsabile ? se la vedi diversamente non c'è problema ma evita di insultare che ci guadagna la tua persona.
    • cicurinodue p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Forse dovresti andare a starnazzare dalle parti di quei vermi rossi dei tuoi amici
  • cicurinodue p. Utente certificato 3 anni fa mostra
    Un Grande Di Battista gioca d'anticipo.Ha capito che dopo l'abolizione del reato di clandestinità votato all'unanimità da tutto il M5S insieme ai porci del PD,l'esodo biblico di mussulmani verso il nostro paese è ormai inarrestabile.Fra non molto i seguaci di Maometto conteranno sempre di più,e non chiederanno solo casa e lavoro ma vorranno che nelle istituzioni ci sia gente come loro, qualcuno che condivide i loro principi. Essere dalla parte di questi fanatici tagliagole non vuol dire necessariamente giustificarli,però se vogliamo eliminare la corruzione in questo paese è necessario che li portiamo dalla nostra parte. Di Battista sei un Grande!! Forza M5S Vinciamo noi!!
  • mariuccia rollo Utente certificato 3 anni fa
    Prof , c'è una frase di una gravità estrema nel pezzo di dibattista.Questa: "chi, avendo visto il suo villaggio e la sua famiglia sterminate dai droni anmericani, poi reagisce facendosi saltare in una metropolitana e facendo così una strage". Come? Fa una strage in una metropolitana dove viaggiano civili incolpevoli e ,in genere, gente comune?Non certo quelli che lanciano droni, o qualche potente o qualcuno che siede nel Parlamento. Questo passaggio è di una inaudita gravità
    • mariuccia rollo Utente certificato 3 anni fa
      Sei tu che non capisci quello che sta scritto. Hai fatto la scoperta dell'acqua calda a dire che"Dibattista voleva dire che non si devono creare queste situazioni, dove l'odio acceca e giustifica qualsiasi ritorsione." Ci mancherebbe altro dicesse il contrario Pero ha detto che "CAPISCE" chi si fa esplodere in una metro. Poteva almeno dire in un "PALAZZO", visto che "capiva"Nei Palazzi ci sono gli assassini, nella metro, innocenti cittadini E' inutile continuare, sei testa di rapa
    • adriano 3 anni fa
      O non capisci o fai finta di non capire!! Se fossi nato a Gaza e dintorni, e da quando sono bambino, ho sempre visto distruzione e morte, specialmente tra i miei parenti, non avrei nessuna difficoltà, se fossi uno votato al martirio, a farmi saltere in mezzo alla gente, del popolo nemico. Le fini discussioni che fai tu, non valgono quando centra l'odio. Dibattista voleva dire che non si devono creare queste situazioni, dove l'odio acceca e giustifica qualsiasi ritorsione.
    • mariuccia rollo Utente certificato 3 anni fa
      E io, intelligentone , cosa ho detto? Che Diba ha sbagliato a "capire" una esplosione in una metropolitana. NON LA DOVEVA CAPIRE.Punto. Piu "capibile" ,semmai, sarebbe stata una esplosione in uno dei centri strategi del Potere. E' più "capibile" uccidere innocenti cittadini in una metro o delinquenti conclamati nei loro PALAZZI? Tu non hai mai detto o pensato:andiamo a Montecitorio e facciamoli saltare? Oppure Non lo hai mai sentito dire?
    • cicurinodue p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Certo che la capisco "Somaro" ma la cosa non cambia. Anche se dovesse farsi esplodere a Palazzo Grazioli. Resti sempre un'oca che non sa quello che dice
    • manuel Bozzolan 3 anni fa
      Con questo commento stai assumendo indirettamente che nel villaggio bombardato dai droni fossero tutti delinquenti. Come il terrorista uccide persone innocenti, così fa il drone o la bomba sganciata in un villaggio. La logica di di Battista non è errata, perchè in entrambi i casi muoiono persone innocenti.
    • mariuccia rollo Utente certificato 3 anni fa
      stupido! Ho scritto Palazzo col maiuscolo.La capisci la differenza, asino?
    • cicurinodue p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Beh visto in un palazzo lo giustifichi allora speriamo che si faccia esplodere ne tuo. Comunista mussulmana del cazz.
    • mariuccia rollo Utente certificato 3 anni fa
      So che Diba non giustifica il gesto, ci manchetrebbe altro, ma dice "capisco".No, non si deve capire un gesto simile.Si capirebbe solo, e si giustificherebbe anche,se invece che nella metro si facesse esplodere in qualche Palazzo. Ma lì nessuno tenta mai, a portata di mano sono sempre i poveri disgraziati
    • adrian wolf 3 anni fa
      non è un'affermazione.... ma una descrizione di quel che succede...... gli eserciti occidentali distruggono interi villaggi di civili inermi donne e bambini, e loro poi si fanno saltare vicino ad altri civili..... chi non muore sono i presidenti e i governi o i capi ribelli.... non vi è altra soluzione che il dialogo..... ricordiamoci sempre che sono gli occidentali gli invasori di territori stranieri.... forse questi governi dovrebbero ritirare le forze armate di occupazione..... ricordiamoci che il motivo per il quale saddam è stato rovesciato è perchè voleva usare l'euro come moneta di scambio .....ecc eccc
  • Massimo C. Utente certificato 3 anni fa
    Daje al grillino....daje. Sentire con che violenza e ferocia si stanno scatenando contro il M5S i cosiddetti "difensori della pace e della democrazia" nei salotti televisivi mi rende sempre più convinto che questo Paese sta prendendo una brutta piega. Mi è capitato di ascoltare Agorà su Rai3 questa mattina e a parte una sempre bravissima Barbara Alberti, il resto della ciurma è stato tutto uno schiumare di rabbia contro il MoVimento. Noi siamo il Male Assoluto, questo è quello che sostengono, siamo inutili e dannosi...insomma un peso da eliminare. Speriamo bene che non passino dalle parole ai fatti.
    • cicurinodue p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Il M5S è stato votato da gente onesta non può essere il male assoluto. Sono i suoi rappresentanti che giorno dopo giorno si rivelano sempre più degli imbecilli assoluti!
    • MICHELANGELO MICELI Utente certificato 3 anni fa
      Non è il Movimento a fare paura ma gli ignoranti come Di Battista... Mandiamolo a trattare con i terroristi! Facciamo un referendum online e mandiamolo in Iraq...che ne dite? http://www.jewsnews.co.il/2014/08/18/women-being-sold-as-sex-slaves-in-mosul-iraq-youre-not-seeing-this-on-the-news-no-worldwide-outrage-and-not-a-protest-in-sight/
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus