Lasciar fare, lasciar morire

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
Poche verità sulle morti bianche - di Marco Bazzoni
(02:10)
lasciar_morire.jpg

di Marco Bazzoni

"La quasi totalità delle modifiche peggiorative per la sicurezza sul lavoro che erano presenti nel Ddl semplificazioni, sono state spostate nel decreto del Fare. Tali modifiche sono presenti agli articoli 32 (Semplificazione di adempimenti formali in materia di lavoro) e 35 (Misure di semplificazione per le prestazioni lavorative di breve durata).
Viene eliminato l'obbligo del DUVRI (Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze) da parte del lavoratore committente per le attività in appalto nel "caso di settori di attività a basso rischio infortunistico". Al posto del documento, ci sarà un preposto (un operaio), che dovrà intervenire per impedire i rischi da interferenze. Basterà un preposto a tamponare eventuali errori di progettazione delle sequenze lavorative? No! Mica è finita qui, per le attività appaltate "la cui durata non sia superiore ai dieci uomini-giorno" non verrà più redatto il DUVRI. Per i "settori a basso rischio infortunistico", i datori di lavoro possono attestare di avere effettuato il Documento di Valutazione dei Rischi con l'autocertificazione. Per i lavoratori che non superano le 50 giornate lavorative nell'arco dell'anno solare è prevista la riduzione degli adempimenti relativi alla informazione, formazione e sorveglianza sanitaria: se un lavoratore che esegue lavorazioni di breve durata ha già svolto preso un altro datore di lavoro (nel corso dell'anno) formazione e sorveglianza sanitaria, sarà esonerato da rifarla nuovamente. Quello che forse il Governo non capisce o forse non vuole capire è che non tutti i settori lavorativi hanno gli stessi rischi lavorativi. Vi sono dei settori lavorativi molto rischiosi (ad esempio edilizia). Ad esempio, un lavoratore che ha lavorato in un settore in cui l'unico fattore di rischio è l'uso di videoterminali, sarà formato e visitato in funzione di tale rischio, ma se andasse a lavorare nell'edilizia con che criterio si può prendere come buona la formazione e sorveglianza sanitaria fatta prima? Questo porterà un sacco di lavoratori precari a lavorare senza aver fatto un minimo di formazione e sorveglianza sanitaria per i rischi che stanno affrontando, con evidente scaricabarile delle aziende, cui nessuna si vorrà assumere l'onere della formazione e sorveglianza sanitaria: "ma io pensavo che la formazione e la sorveglianza sanitaria l'avesse fatta il tuo datore di lavoro precedente".
L'articolo 54 del TU 1124/65 viene abrogato. In pratica i datori di lavoro non saranno più obbligati a denunciare all'autorità di pubblica sicurezza, le morti sul lavoro e gli infortuni sul lavoro superiori a 3 giorni lavorativi. Togliendo in pratica alle autorità preposte (ad esempio alle Asl) ogni informazione e controllo su eventi infortunistici (anche mortali) che hanno invece evidente rilevanza penale. L'Asl per essere informata dovrà accedere ai database dell'Inail, dove avrà acceso ai dati per gli infortuni mortali e per gli infortuni superiori a 30 giorni. E per quelli sotto 30 giorni che sono la maggioranza? Inoltre viene modificato anche l'articolo 56 del TU 1124/65. In pratica le indagini sulle responsabilità dei datori di lavoro per gli infortuni si faranno solo se ci sono i soldi per farle: "agli adempimenti di cui al presente articolo si provvede con le risorse umane, strumentali e finanziare disponibili a legislazione vigente, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica"." Marco Bazzoni-Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza-Firenze

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • fulvio randazzo Utente certificato 4 anni fa mostra
    La furbata del video di Bersani a Cremona, fa fare una pessima figura a chi ne ha pubblicato solo 10 secondi. Chi lo ascolta per intero si fa un'opinione molto diversa da quei miseri 10 secondi. Perché è stato fatto? Perché non farlo ascoltare tutto? L'onestà intellettuale di Bersani spaventa il 5S ? Se la battaglia politica del 5S continua così credo che la credibilità scenderà di molto, almeno tra coloro che conservano un po' di memoria. Un peccato un vero peccato. Ciao
    • Luca M. Utente certificato 4 anni fa mostra
      ridicolo!sei ridicolo!!ahahahah neppure di fronte alla verità riesci ad essere seerio,che vergogna che sei!!ahahah abbiamo pure pubblicato 2 video comparativi.mi fai schifo e voti pd.mi fai schifo!!
    • Simone N. Utente certificato 4 anni fa mostra
      Visto che i dieci secondi sono stati demonizzati da tante persone come te, Grillo ha postato in un secondo momento il link al video completo per fare capire alle persone la differenza. Io non ne vedo molta ma se credi ancora a Bersani e ai suoi polli... http://www.beppegrillo.it/2013/07/bersani_smentisce_se_stesso.html
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus