Passaparola: Cooperativa Sociale A.la.t.ha. ONLUS

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
Guarda il Passaparola
10:00
alatha.jpg

A.la.t.Ha. è una Cooperativa Sociale Onlus che da quasi un ventennio si occupa di rendere più semplice la vita della persona con disabilità fisica e motoria. A.la.t.ha. nasce dal sogno di un uomo che ha deciso di trasformarsi da imprenditore puro a imprenditore del sociale… quest’uomo è Donato Troiano, fondatore di A.la.t.Ha e oggi pubblichiamo il suo Passaparola

"Ciao, benvenuti in Alatha. Qui ci occupiamo della creazione di tanti posti di lavoro sia per persone disabili sia di persone normali, quindi una integrazione totale, generale, la semplicità, la normalità di quello che dovrebbe essere per tutti.
Tutto quello che abbiamo come i box per la fisioterapia o i mezzi per il trasporto dei disabili è stato fatto tutto con il sostegno dei sostenitori: non abbiamo avuto finanziamenti da nessuno, tutto privatamente con i cittadini che da venti anni sostengono Alatha e le sue attività.
Abbiamo una palestra dove ci sono anziani, disabili e persone normali che vengono da noi.
Abbiamo dato vita a un centro di odontoiatria sociale. Qui abbiamo l’ambulatorio medico, dove il dottore fa le visite, che viene una volta alla settimana. Lo abbiamo fatto in collaborazione con l’accademia dentale, una associazione di dentisti. La abbiamo chiamata odontoiatria sociale perché deve mettere in condizione le persone che non possono, le persone svantaggiate, quelle meno abbienti di poter avere una cura dentistica. Stiamo parlando anche con il comune peri avere un servizio di qualità. Hanno fatto tutto loro a spese loro, noi non abbiamo speso una lira, cioè, abbiamo messo una poltrona, tutto questo è nato anche perché uno dei dentisti, il Dott. Acciarini, è sempre stato un nostro grande sostenitore, molto vicino a Alatha e al sociale, una persona molto sensibile.
La comunità di Via Amoretti, in questa anni ha ospitato persone che hanno un livello di performance cognitiva nella norma, però hanno grossi problemi di disabilità fisica. Noi cerchiamo di impostare il nostro lavoro nel modo più vicino all’ambiente famigliare possibile, per cui pure essendo una comunità dove c'è personale turnante (quindi non è una vera e propria famiglia) si cerca di offrire a tutti gli ospiti un loro spazio più indipendente possibile. Di fattp ospitiamo soltanto 5 persone, quindi una comunità molto piccola. Abbiamo tre camere singole e ogni ospite ha la possibilità di arredare la camera con oggetti di suo gusto, di potersi mettere una linea telefonica e quindi di condurre una vita il più vicino possibile alla vita indipendente. I nostri ospiti, poi, hanno tante attività extracomunitarie molto importanti, abbiamo due ragazze che fanno i campionati italiani di atletica leggera per disabili, abbiamo ospiti che fanno teatro, che frequentano associazioni al di fuori di Alatha, al di fuori della comunità, e la comunità in qualche maniera vuole essere anche un pochino un trampolino verso quella che è la vita indipendente, là dove questo sia possibile. Tanto è vero che abbiamo un ospite, che è con noi da 10 anni, è anche stato l’ospite che per certi aspetti ha aperto la comunità, in quanto è stato il primo a entrare, il primissimo, e adesso a brevissimo ci lascerà per andare a vivere in maniera indipendente, cioè da solo, in una casa sua e questo è un successo sia suo che della Comunità Montana del nostro progetto, noi siamo molto contenti!
Alatha è nata per mia volontà, non so se sia una vocazione o ero destinato a occuparmi di persone svantaggiate, che hanno bisogno di stare bene. Ho dismesso, quasi venti anni fa, tutte le mie attività e ho creato Alatha per dare un servizio, per migliorare la qualità della vita delle persone svantaggiate.
Può sembrare una frase fatta, però un Paese lo vai a valutare delle condizioni delle fasce deboli. Credo che continueremo, sempre di più, a fare quello che abbiamo fatto, cioè a continuare su questa strada che abbiamo intrapreso, perché aiuta e si occupa veramente di tante persone che hanno bisogno.
Lo facciamo in modo naturale, forse come dicevo prima non ci accorgiamo, ma credo che sul successo, non so, chiamatelo come volete, ma la riuscita di tutto questo è la semplicità di quello che facciamo. Il rispetto della persona nella sua essenza, punto e basta, questo è quello che ogni giorno ci fa alzare e ci fa lavorare e continuare su questa strada. Ringraziando il blog di Beppe Grillo e Grillo volevo fare una chiusura appunto su Alatha. Alatha è un bene comune, del territorio, un bene non solo delle persone disabili, non solo delle persone svantaggiate, ma un bene che va a beneficio di tutta la comunità." Donato Troiano, fondatore Alatha

Sostieni Alatha con una donazione

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Lucio P. Utente certificato 3 anni fa mostra
    Ultime da TZE TZE “LA LEZIONE DI GERRY CALA' A RENZI Il comico e attore compie un gesto davvero pregevole… si salva solo Gerry Calà…” Eh si, fortuna che abbiamo Gerry Calà: craxiano di ferro prima, Berlusconiano a 24 carati poi… Insieme a Christian De Sica, Massimo Boldi e via cafoneggiando, in un paio di decenni ha raso al suolo culturalmente una intera nazione…
  • Lucio P. Utente certificato 3 anni fa mostra
    - L’incredibile post qui a fianco a sostegno del giornalista Fabio Scacciavillani dimostra che il blog di Grillo è ormai nelle mani di personaggi inquietanti che non hanno nulla a che fare con il M5S. Fortuna che, in mezzo ad una gregge di pecore belanti, c’è ancora qualcuno che ha il coraggio di dire la verità: “Fabio Scacciavillani è Chief Economist per il fondo d’investimento del sultanato dell’Oman, paradiso della penisola arabica dove ,“notoriamente”, abbondano democrazia, welfare e diritti” (Francesco Maria Toscano)" “Neoliberista allo stato puro, fautore della globalizzazione estrema e della distruzione dello stato sociale....cioè, non è che perchè uno da contro a Renzi diventa bravo e va sposata la sua linea in toto!!! Che poi, al punto 14 praticamente dice che il reddito di cittadinanza è inutile e dannoso…" (Saverio B., L'Aquila) “E con questo endorsement a quel buffone venduto lobbista protettore degli interessi del grande capitale qual'è Scacciavillani, il M5S ha definitivamente perso quel briciolo di speranza che ancora riponevo in esso". (Massimiliano Monopoli) “E’ la dimostrazione chiara e lampante che il M5S sotto il suo apparato di comunicazione non ha NULLA di concreto: una settimana fa pubblica un post di Ambrose Evans-Prichard in cui si chiede il ritorno alla Lira, oggi canta le lodi del giornalista economico (che?) più perculato del web." (Giamboniere ) “Un non-giornalista giornalista del giorno... per un articolo che promuove a tutto spiano il privato e demonizza il pubblico. che magnifica addirittura la figura di Draghi". (mario michele d'onofrio) -
  • luna piena 3 anni fa mostra
    A proposito di progettare un futuro migliore, le prime parola che mi viene in mente è: dignità. Mi domando quale spessore dimostra il m5s quando “piagniucola” sulla disinformazione di tv e giornali senza prendersi gli spazi mediatici che gli spettano per legge, oppure quando “piagniucola” di essere diffamato senza procede con una effettiva denuncia per diffamazione. gne gne gne mi pare abbia poco a che vedere con Cervo Zoppo, Sioux e con “un silenzio che parla, con una voce forte come il tuono” https://www.youtube.com/watch?v=Xg_1tIx2Il0 Buonanotte.
  • nonpercaso -- Utente certificato 3 anni fa mostra
    ONLUS? Brrrrr!
  • gino l. Utente certificato 3 anni fa mostra
    A TUTTI GLI ATTIVISTI : Che cosa e´diventato il movimento se non un agglomerato di lagne e lamentele online - Nessun risultato concreto dai nostri portavoce malgrado si sia la prima forza del paese e nessuna capacita´ad imporsi - Personalmente non condivido piu´questo andazzo e l allineamento al sistema , per questo ho interrotto la mia attivita´per il movimento - Sono profondamente deluso perche´avevo creduto in un sogno ma vedo che qua di rivoluziojne non c e nemmeno l ´ombra - I vertici del movimento non sono all ´altezza ed e´ora che si tirino le conseguenze altrimenti io come molti altri abbandoneremo -
    • nonpercaso -- Utente certificato 3 anni fa mostra
      La tua ingenuità fa tenerezza.Ma credi davvero che questi sono i tuoi portavoce?Credi davvero che staranno ad ascoltarti?Se avessero voluto lo avrebbero già fatto da un pezzo no?Ormai loro sono loro e tu non sei un c.... Rassegnati non è con questa gente che cambieranno le cose
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus