Il M5S Lombardia taglia i vitalizi ai politici

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
taglio_vitalizi_lombardi.jpg

Il M5S ha portato i cittadini dentro le Istituzioni. Oggi sono circa 1.500 gli eletti nei consigli comunali, regionali e nel Parlamento Italiano ed Europeo. Lavorano sodo e ottengono i risultati che hanno promesso. Sono le Buone Notizie del M5S che fanno intravedere l'Italia5Stelle del futuro.

"Al Pirellone ci sono otto ex consiglieri regionali che non potranno più beneficiare del vitalizio regionale perché nominati in aziende pubbliche e come tali beneficiati di doppia “remunerazione”. Sempre che non rinuncino alla poltrona che occupano.
Il divieto di cumulo di vitalizi e stipendi pubblici è stato ottenuto grazie a un emendamento firmato dal gruppo Cinque Stelle approvato in coda alla nuova legge di riforma delle pensioni del Pirellone.
Tra gli ex consiglieri regionali individuati: Benito Benedini, presidente di Fondazione Fiera, Giovanni Bordoni (Confservizi Cispel), Emidio Isacchini (Aler Brescia), Riccardo Marchioro (Consiglio di sorveglianza di Infrastrutture Lombarde), Alessandro Moneta (Fondazione San Matteo di Pavia), Alessandro Folli (Consorzio Villoresi), Alberto Guglielmo (Fondazione Besta) e Agostino Agostinelli (Parco Adda Nord).
Nell’elenco c’era anche Mario Capanna, ma l’ex leader del Movimento studentesco che rassegnato le dimissioni da presidente del Corecom Umbria e continuerà a percepire il vitalizio regionale.
Stefano Buffagni è il consigliere del M5S che ha presentato l’emendamento ha dichiarato a “Il Corriere della Sera Milano: “Eravamo stufi di subire oltre al danno anche la beffa. Dovevano pagare a questi signori sia il vitalizio che emolumenti di carica e abbiamo voluto impedire che si verificassero casi di cumuli. Ci sono lombardi che non arrivano a fine mese ed era intollerabile, invece, la situazione di questi privilegiati.” I portavoce M5S in Regione Lombardia
Altre buone notizie:
Civitavecchia 5 Stelle tutela la salute dei cittadini
500.000 euro per le PMI dai portavoce M5S in Regione Lombardia
600.000 euro per il microcredito dai portavoce M5S in Regione Lazio
Vittoria M5S per le PMI: compensazione tra cartelle Equitalia e crediti PA!

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus