24 luglio, Reggio Calabria: La notte che spazza il sistema

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.


di MoVimento 5 Stelle Parlamento

Le recenti inchieste della Procura di Reggio Calabria confermano che nell'amministrazione pubblica calabrese comanda la ndrangheta, che con i suoi uomini occupa i palazzi del potere. E' una ndrangheta che raccoglie voti, che condiziona gli uffici, e con certi gruppi massonici gestisce funzionari e postazioni chiave. Avevamo già denunciato nell'ottobre del 2013, quando abbiamo impedito l'ingresso del senatore Caridi dentro la Commissione Antimafia, abbiamo dimostrato quindi di avere conoscenza dei fatti promuovendo la controinformazione e la convergenza dei cittadini onesti. Centrodestra e centrosinistra sono nomi di un sistema identico, che affama il popolo, distrugge il bene pubblico e crea emigrazione. Per voltare pagina ci troveremo tutti quanti a Reggio Calabria, saremo ancora in piazza, questa volta per la notte che spazza il sistema. L'appuntamento è domenica 24 luglio alle ore 21, a Reggio Calabria, in piazzale Stazione Lido, insieme a Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista, Giulia Sarti, Salvatore Borsellino e tutti i consiglieri comunali e parlamentari calabresi. Vi aspettiamo.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Tex A. Utente certificato 1 anno fa
    Un appello ai Calabresi onesti.. Abbiate il coraggio di cambiare per il bene dei vostri figli e nipoti. Cambiate il vostro voto, smettetela di venderlo alla malavita organizzata. Votate M5Stelle dando così il via ad una svolta epocale nella vostra Regione. Abbiate il coraggio di alzare la testa e dire basta ad un sistema corrotto e delinquenziale.☺
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    Forse Reggio Calabria e' la testa della piovra, ma i suoi tentacoli arrivano fino alle Alpi. Non bastano le forze dell'ordine e la magistratura, che pure si impegnano al massimo, per sradicare la ndrangheta se il potere politico non collabora o e' addirittura colluso con il nemico.
  • Dal Col Claudio 1 anno fa
    Le mani della ndrangheta si devono e possono tagliare e' la politica che le fa prolificare.
  • Giovanni F. 1 anno fa
    Ma se gli ndranghetusi hanno le mani impastate in tutt'itaglia, figuriamoci nel loro territorio.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus