Il metodo Renzi

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Luigi Di Maio

Scopriamo dalle parole di un deputato del partito di Alfano che da diversi mesi Matteo Renzi chiede di far cadere il governo Gentiloni. Sono queste le parole del parlamentare in questione (il deputato Pizzolante): "E' da febbraio che Renzi ci chiede di far cadere il governo Gentiloni, in cambio ci ha detto: la legge elettorale scrivetela voi".
Esiste quindi un individuo, non eletto da nessuno, che da febbraio chiede al partito di Alfano (anch'esso mai votato da nessuno) di far cadere il governo Gentiloni per avere la possibilità di scriversi la legge elettorale su misura. Questo significa sputare in faccia ai 60 milioni di cittadini italiani che sono governati dal ricatto di questi politicanti senza scrupoli che pensano solo alle poltrone.

Siamo davanti ad un rischio enorme per la democrazia, quel rischio si chiama Matteo Renzi. Questo è un governo basato sul ricatto, il ricatto di Renzi al suo successore a Palazzo Chigi, un ricatto inaccettabile che usa il Parlamento come il tabellone del risiko. Questi personaggi vogliono un'oligarchia, vogliono essere loro a decidere le sorti del Paese per mandarlo definitivamente sotto terra. Se l'Italia è a un passo dal baratro è colpa di questi imbarazzanti figuri: da Alfano che combina disastri in qualunque ministero si trovi, fino a Renzi che dopo aver promesso di abbandonare la politica in caso di sconfitta al referendum adesso gioca a fare il piccolo dittatore. E ci sono anche le schermaglie pubbliche fra i due, con Renzi che prima attacca Alfano e poi sottobanco chiede altro.

Se tutto ciò fosse vero sarebbe peggio dell'affaire Berlusconi-De Gregorio. Renzi infatti avrebbe usato come merce di scambio una delle leggi fondamentali dello Stato, quella che stabilisce le regole del gioco. Vogliamo tutta la verità, subito. Non teatrali smentite a uso e consumo dei media.

Gli italiani devono sapere da quali personaggi sono governati.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Antonio C. Utente certificato 7 mesi fa
    Nel 1993 il 77% degli elettori italiani si recò alle urne per votare l’abrogazione di alcune parti della legge elettorale proporzionale allora in vigore. L’82,74% degli elettori votò “Si” e con ciò dava avvio al sistema elettorale maggioritario. Pochi mesi dopo veniva approvata la nuova legge elettorale denominata “Mattarellum” che sanciva un sistema elettorale dove il 75% degli eletti risultava da un sistema maggioritario e il 25& da un sistema proporzionale. La legge venne criticata dai presentatori dei quesiti referendari (partito radicale e movimento Mario Segni) per la parte proporzionale che non rispettava la volontà degli elettori. Un nuovo referendum venne proposto dagli stessi presentatori nel 1999 al fine di eliminare la parte proporzionale del 25%. Alla consultazione parteciparono il 49,6% degli elettori che si espressero per il "sì" al cambiamento (91,5%): erano circa 150 000 i voti mancanti per superare il quorum del 50%. La eliminazione della quota proporzionale non passò, ma la volontà degli italiani fu netta e chiara. L’ultimo referendum di modifica della legge elettorale è quello Renzi/Boschi del 4 Dicembre 2016. Risultato: votanti 65% degli elettori residenti in Italia e all'estero – e una netta preponderanza dei pareri contrari alla riforma, che superarono il 59% delle preferenze espresse. Gli italiani si sono espressi, quando chiamati, per un sistema elettorale di tipo maggioritario. Non comprendo perché si voglia ora votare un sistema proporzionale, se non pensando che la democrazia diretta è soltanto fumo negli occhi e una finzione inutile e costosa.
    • Flat Line Utente certificato 7 mesi fa mostra
      "L’ultimo referendum di modifica della legge elettorale è quello Renzi/Boschi del 4 Dicembre 2016." No, direi proprio di no. Il referendum del 4 Dicembre 2016 non aveva nulla a che vedere con la "modifica della legge elettorale": si trattava invece di un referendum confermativo di una modifica della Costituzione.
  • Manuela Terri 7 mesi fa mostra
    “Questi personaggi vogliono un'oligarchia” Il M5S leaderless - orizzontale vuole invece una e-democracy uno vale uno. @ Di Maio Nello spiegare in TV che uno vale uno non significa uno vale l’altro, Lei ha detto che bisogna ascoltare gli esperti. Come in effetti abbiamo fatto ieri sul tema Giustizia o nel meeting del 2014 sul tema e-democracy e Trasparenza, rimasto però lettera morta. Immaginando ora che Lei non auspichi la riedizione di un governo tipo Monti, sta di fatto che per ogni materia ci sono molti esperti e con opinioni spesso diverse. Le domanderei allora, nel caso Lei fosse il prossimo premier, chi ritiene debba decidere quali esperti ascoltare e quali no? Li sceglierà Lei e gli altri Portavoce, lo Staff di Grillo, oppure la Rete? E chi deciderà poi come procedere dopo averli ascoltati? Dando per scontata l’ovvia risposta che la Democrazia dal basso non si può Testimoniare con decisioni calate dall’alto e che un sistema operativo opaco non può Testimoniare un metodo decisionale Trasparente, vado oltre l’ovvio e, ricordando che Lei ha affermato di riconoscersi nel Non Statuto, (il cui art. 4 attribuisce alla Rete il ruolo di governo e di indirizzo) vorrei chiederle se Lei ritiene che l’attuale modello operativo per la scelta sia degli esperti che delle successive proposte da sottoporre a votazione, sia un Trasparente metodo orizzontale, Coerente con quel rivoluzionario Metodo decisionale che il M5S aveva la Finalità di Testimoniare. Per quanto da me sperimentato sul S.O., direi proprio di NO: non lo è. Suggerirei quindi di dare un effetivo seguito alle proposte emerse nel meeting del 2014 per una Trasparente Piattaforma che non riduca l’uno vale uno a qualche sondaggio su quanto già deciso dall’alto da chi pare valga più di uno. Buonanotte
  • ALEX SCANTALMASSI 7 mesi fa mostra
    sai di essere perdente contro renzi, per questo lo attacchi anche quando ti dà ragione sarebbe una bella fatica togliere gli 80 euro agli operai e rimettere l'imu sulla prima casa perchè devi fare la guerra agli immigrati la vorrò vedere questa guerra...
  • grillononsalta 7 mesi fa mostra
    Secondo programma! Se ci dice bene non arriviamo neanche al 5%!! http://www.termometropolitico.it/1253653_sondaggi-elettorali-emg-4.html
  • ALEX SCANTALMASSI 7 mesi fa mostra
    poi non ho capito bene perchè dovremmo preoccuparci di Gentiloni, leggetevi meglio la manovra correttiva del 24 aprile 2017
  • ALEX SCANTALMASSI 7 mesi fa mostra
    no raga davvero allora ditelo e passiamo ad altro Renzi molla Alfano, accetta lo sbarramento al 5% e tu dai addosso a Renzi che ha sposato il tuo voto on line ? :)
  • Aldo Vergamini 7 mesi fa mostra
    Sono stupito non mi importa molto de 5 stelle e tanto meno del PD ma il signor Di Maio probabilmente un futuro ministro scrivendo su questi così detti Blog cose come dittatura ricatto baratro ecc ecc sta facendo un grande errore e fa solo piacere a i seguaci del Blog
  • grillononsalta 7 mesi fa mostra
    --Bene così! Secondo programma! Manca poco per non riuscire a vincere!! http://www.termometropolitico.it/1253653_sondaggi-elettorali-emg-4.html
  • grillononsalta 7 mesi fa mostra
    Bene così! Secondo programma!! Manca poco per non riuscire a vincere!! http://www.termometropolitico.it/1253653_sondaggi-elettorali-emg-4.html
  • Marco Diniro Utente certificato 7 mesi fa mostra
    IL METODO GRILLO....SI DICE Si dice che Beppe Grillo si incula Di Maio, se tutto ciò fosse vero sarebbe un grave rischio per la Democrazia perchè DiMaio accetterebbe lo stupro sotto il ricatto di non essere ricandidato. Se invece come dice qualcun altro è lui che ricatta Beppe con la minaccia di non essere più il il suo amante,IL rischio per la democrazia sarebbe ancora più forte perchè sotto ricatto ci sarebbe il Garante del prossimo partito di Governo Se tutto ciò fosse vero sarebbe peggio dell'affaire Berlusconi-De Gregorio Gli italiani devono sapere da quali personaggi saranno governati.
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 7 mesi fa mostra
      Ti sei pulito il culo? Ecco bravo, adesso tira lo sciacquone!
    • Patty Ghera Utente certificato 7 mesi fa mostra
      Queste cose le leggi sul cesso?
  • Manuela Terri 7 mesi fa mostra
    “Questi personaggi vogliono un'oligarchia” Il M5S leaderless – orizzontale vuole invece una e-democracy uno vale uno? @ Di Maio Nello spiegare in TV che uno vale uno non significa uno vale l’altro, Lei ha detto che bisogna ascoltare gli esperti. Come in effetti abbiamo fatto ieri sul tema Giustizia o nel meeting del 2014 sul tema e-democracy e Trasparenza, rimasto però lettera morta. Immaginando ora che Lei non auspichi la riedizione di un governo tipo Monti, sta di fatto che per ogni materia ci sono molti esperti e con opinioni spesso diverse, come si è visto ad es. sul tema vaccini. Le domanderei allora, nel caso Lei fosse il prossimo premier, chi ritiene debba decidere quali esperti ascoltare e quali no? Li sceglierà Lei e gli altri Portavoce, lo Staff di Grillo, oppure la Rete? E chi deciderà poi come procedere dopo averli ascoltati? Dando per scontata l’ovvia risposta che la Democrazia dal basso non si può Testimoniare con decisioni calate dall’ alto e che un sistema operativo opaco non può Testimoniare un metodo decisionale Trasparente, vado oltre l’ovvio e, ricordando che Lei ha affermato di riconoscersi nel Non Statuto, (il cui art. 4 attribuisce alla Rete il ruolo di governo e di indirizzo) vorrei chiederle se, in base al Non Statuto, Lei ritiene che l’attuale modello operativo per la scelta sia degli esperti che delle successive proposte da sottoporre a votazione, sia un Trasparente metodo orizzontale, Coerente con quel rivoluzionario Metodo decisionale che il M5S aveva la Finalità di Testimoniare. Per quanto da me sperimentato sul S.O., direi proprio di NO, non lo è. Suggerirei quindi di dare un effettivo seguito alle proposte emerse nel meeting del 2014 per una Piattaforma che non riduca l’uno vale uno a meri sondaggi su quanto già deciso dall’ alto da qualcuno che pare valga più di uno. Grazie
  • Aldo B. 7 mesi fa
    Mi han detto Che questa mia generazione ormai al PD non crede In ciò che spesso ha mascherato alla plebe Nei miti eterni della patria o dell'eroe Perchè è venuto ormai il momento di votare a causa delle falsità e delle ruberie piddine fatte di abitudine e paura Una politica che è solo far carriera Il partitismo interessato, le leggi fatte su misura L'ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto E' un PD che è morto Nel Parlamento, il PD è morto Con Alfano o Berlusconi, il PD è morto Con gli idioti di partito, il PD è morto
    • Gaetano S. Utente certificato 7 mesi fa
      Sottoscrivo in pieno Aldo e Oreste: i più morti di tutti sono i ridicoli trollini come quello qui sotto. Per loro e i loro padroni, rimanendo nella metafora canora, non resta che citare quel verso bellissimo che l'indimenticabile Lucio riferiva ai violenti: "Se capissero... di esser morti da sempre anche se possono respirare"...
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 7 mesi fa
      veramente è un'ecatombe...son tutti morti ...da tempo ma non lo sapevano...grandi funerali alla Partitocrazia! Disposto a donare qualcosa per i funerali! Finalmente!
    • resuscitaaaa 7 mesi fa mostra
      non ti preoccupare!! Ci pensa San Beppe Cinquestelle a farlo resuscitare!!
  • Patty Ghera Utente certificato 7 mesi fa
    Nasconde la droga nella vagina, incastrata dalla tac “Scoperti” grazie all’esame 143 grammi di eroina in 13 ovuli, denunciato l’uomo che era arrivato con lei a Empoli in treno EMPOLI. Prima li pedinano per giorni. Poi, al primo movimento sospetto, li portano entrambi in commissariato, dove scatta la perquisizione. Sono puliti, ma qualcosa non quadra. E allora i poliziotti decidono di portarli in ospedale, dove i loro sospetti trovano piena conferma. I due vengono sottoposti a una radiografia, poi alla tac. Ed ecco svelato il mistero: lui non ha droga. Ma lei sì: ha degli ovuli termosaldati nella vagina. Vengono estratti. Sono tredici, per un totale di 143 grammi di eroina pura, che dopo il “taglio” con altre sostanze può arrivare a 500 grammi, in grado di garantire un giro d’affari da 40. 000 euro. Entrambi sono nigeriani, senza fissa dimora. Arrivavano a Empoli in treno, per rifornire i pusher che controllano le varie “piazze di spaccio” in città e non solo. Ma stavolta sono finiti nella trappola della polizia: lei, classe 1991, incensurata, è stata arrestata; lui, del 1990, con precedenti penali, se l’è cavata con una denuncia. Tuttavia le indagini proseguono senza sosta, per cercare di far luce su un meccanismo ramificato. ********** Tempo e risorse pubbliche per questi richiedenti asilo (nigeriani) senza fissa dimora.... cosa aspettiamo a rispedirli al mittente?
    • errarumano perseverardiabol 7 mesi fa mostra
      VFCTCCSA
    • Patty Ghera Utente certificato 7 mesi fa
      VFC
    • errarumano perseverardiabol 7 mesi fa mostra
      ma insisti a dire questo in codesto blogghe?? Qui si danno diritti ai ''migranti''clandestini!! Li si coccola come ROM !! Tutti diritti e tutte le ''porte'' aperte. Prossima è la ius soli.. I '''portavoce''portaborse del PD-Sboldrini non vedono l'ora di votarla!!!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus